Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Magnum
The Serpent Rings
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
EXTREMA + DEVIL CRUSADE + DISBOSKATOR
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

07/02/20
ABBATH + 1349 + VLTIMAS
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

Reign Of Vengeance - The Final Solution, The Final Rebellion
( 1344 letture )
Capita spesso che si creino progetti dove confluiscono grandi musicisti attivi in realtà ben affermate, ma accade anche di frequente che detti progetti alla fine tradiscano le aspettative dei fan, causa un'alchimia non sempre perfetta tra i vari artisti.

I Reign Of Vengeance integrano nomi del calibro di Marshall “fucking” Beck e Tim Gibbons (entrambi dai Rebirth), e Doug Williams (Cephalic Carnage), ai quali si aggiunge il session-man James Applegate.

Solo leggendo gli act di militanza viene spontaneo sperare che i quattro componenti non ricadano nel novero dei super-gruppi fallimentari, ma che producano un album in linea con la loro caratura tecnica ed artistica.

Il risultato, seppur di non facile assimilazione, fortunatamente appagherà la nostra brama di death metal di qualità.
I Reign Of Vengeance in circa venti minuti creano un sound oscuro e pressante, fatto di chitarre dal carattere inquietante e di un malato dualismo voce sporca/growl.
I testi compongono un concept, prendendo spunto dalla teoria del complotto del Nuovo Ordine Mondiale e degli Illuminati, dove una piccola elite di persone, grazie ai suoi potenti mezzi ed alle forti disponibilità economiche, controlla le sorti del pianeta, guidandone in pratica la storia e l'evoluzione a proprio uso e consumo.

A prescindere dalla veridicità di tali teorie, sicuramente l'idea di base (una sorta di eterno ed immenso Grande Fratello) aiuta ad immergersi nell'aura opprimente scaturita dalla band.

Si parte subito forte con Amassing Towards Truth, la voce stridula ed acida sale subito in primo piano, facilitando il senso di alienazione e recandoci un forte senso di distorsione della realtà. Fuck The Recession sale violenta ed inarrestabile, infondendoci sì angoscia, ma anche la giusta energia per riprenderci dal precedente shock, e capire chi trama contro la nostra libertà.
Ma le chitarre gravose di The Final Rebellion si uniscono all'incedere maligno delle ritmiche, prosciugando le nostre forze e lasciandoci con poche speranze di rivalsa.
The Grand Hecatomb ci recupera appena in tempo per deliziarci di una nuova, malefica vitalità, ponendoci nelle giuste condizioni per affrontare The Master's Summons, ultima deflagrazione sonora, che solo i più valorosi riusciranno a superare.
La Synister Empire Records è sicuramente molto efficace nel dare il giusto apporto al suono assillante dei nostri, rafforzando la carica oppressiva dei Reign Of Vengeance con una produzione di buon livello.

Il gruppo americano è quindi riuscito ad elaborare un'opera diversa dal classico death metal, seppur ne sfrutti forma e stile contaminandoli con un approccio quasi punk per tematiche e irruenza.
Se ciò rende il disco difficilmente catalogabile, originale e molto valido, la sua stessa natura impone svariati ascolti per metabolizzarlo in toto, cosa che potrebbe scoraggiare ben presto coloro che non riescano a porsi nei confronti di The Final Rebellion con il giusto approccio.
Chi invece alla fine varcherà la soglia della possibile diffidenza iniziale, avrà modo di vivere sensazioni che di rado riescono a trovare catalizzatori tali nell'attuale scena death.
Da assaporare con cautela.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
tino84
Sabato 6 Aprile 2013, 14.18.08
2
è un peccato su tutubo si trovi solo una preview di 3minuti e rotti, che però rende sufficientemente l'idea.. buon ascolto
doomale
Venerdì 5 Aprile 2013, 14.27.18
1
dalla recensione mi sembra un prodotto estremamente interessante..butterò giù un ascolto dal tubo prima di decidere se reperirlo è meno!
INFORMAZIONI
2013
Synister Empire Records
Death
Tracklist
1. Amassing Towards Truth
2. Fuck The Recession
3. The Final Rebellion
4. The Grande Hecatomb
5. The Master's Summons
Line Up
Marshall Beck (Voce)
Tim Gibbons (Chitarra)
Doug Williams (Basso)
James Applegate (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]