Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Grave - Into the Grave
( 3903 letture )
Nell'anno di grazia 1991 viene pubblicato dalla Century Media l’album Into The Grave, esordio discografico dei debuttanti Grave.
La band svedese, chiusa la parentesi Corpse, fa proprie le sonorità che arrivano copiose da oltreoceano, infondendovi un'ulteriore dose di morbosità e violenza, badando solo all'impatto ed alla devastazione sonora, tralasciando qualsiasi concessione alla melodia.

L'album, nello svolgimento delle undici malatissime composizioni, si rivela praticamente un unico grande mid tempo ed al suo interno fanno alternativamente comparsa cavalcate improvvise e veloci, rallentamenti fulminei ed assoli mastodontici; il tutto costantemente permeato da un'aura sinistra e malvagia, che aleggia pesante e minacciosa come un macigno sull'ascoltatore durante l'intera riproduzione.
La band sa il fatto suo in quanto a tecnica, il growl putrescente e cavernoso di Sandstrom è perfetto nell'economia delle canzoni assieme a quello di Lindgren (anche alla chitarra), le mitragliate annichilenti di Paulsson irradiano pesantezza all'incedere del disco, mentre il lavoro chitarristico dello stesso Sandstrom e di Torndal al basso ricreano incessantemente l'atmosfera angosciante e mefistofelica che contribuisce alla magnificenza di Into The Grave.
La registrazione dei Sunlight Studios risulta sufficientemente pulita e professionale, mettendo i musicisti in condizioni perfette per dimostrare tutto il loro spessore.

Deformed è ripugnante e malforme e tenta subito di abbattere qualsiasi resistenza; poi In Love lascia appena il tempo di capire cosa stia succedendo che subito For Your God riparte improvvisa e letale, mettendo bene in mostra anche la preparazione tecnica dell'act.
Obscure Infinity ed Hating Life ammutoliscono ogni pensiero, introducendoci nella cripta della title track, punto di arrivo della nostra discesa nei lugubri anfratti dei Grave; con Haunted ed Inhuman la nostra iniziazione alla sofferenza eterna è appena cominciata, mentre Banished To Live è una palese dichiarazione -se ancora fosse necessario ribadire il concetto- del nostro triste destino.

È innegabile l'influenza di questo disco e dei Grave su tutto il death metal. Basti pensare che poi tre dei quattro componenti (solo l'ugola di Lindgren rimarrà in pianta stabile a guidare il progetto) faranno parte di band del calibro di Entombed, Comecon ed Unleashed.

Insomma, una pietra miliare ed un classico intramontabile da avere assolutamente nella propria collezione discografica.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
93.6 su 10 voti [ VOTA]
nonchalance
Giovedì 2 Marzo 2017, 3.33.31
18
1. "Deformed" - 2. "In Love" - 3. "For Your God" - 4. "Obscure Infinity" - 5. "Hating Life" - 6. "Into the Grave" - 7. "Extremely Rotten Flesh" - 8. "Haunted" - 9. "Day of Mourning" - 10. "Inhuman" - 11. "Banished to Live"
nonchalance
Giovedì 2 Marzo 2017, 3.28.02
17
La track-list sarebbe da rimpolpare: difatti, alcuni pezzi citati nella recensione non figurano! Comunque, il lead vocalist - finché c'era - era Jorgen...così come Ola si occupava di tutte le parti solistiche in musica!
Doomale
Domenica 27 Novembre 2016, 18.51.17
16
Ripreso in ristampa con i demo e l'ep "tremendous pain"...Marcio fino al midollo. Effettivamente come scrive pure Galilee il loro sound e' sempre stato leggermente diverso da quello degli altri giganti dello swedish Death...Entombed, Dismember, Unleashed e Grave il mio poker e' servito. Poi ovviamente c'è un altra carrellata di validi gruppi dalla Scania. Album storico.
TiTus GrOan
Domenica 20 Dicembre 2015, 4.34.38
15
Acquistato nel '93 all'età di 14 anni, dopo l'ascolto di etombend,unleashed, dismember. Scoprire ed ascoltare in malvagio silenzio.
lisablack
Lunedì 28 Settembre 2015, 18.58.50
14
Album sinistro, malvagio, malato ..puro death metal. Giusto il voto 90, manca davvero poco al capolavoro!
Galilee
Giovedì 3 Ottobre 2013, 17.32.18
13
il bello dei Grave è che avevano e hanno tutt'ora un suono leggermente differente dagli altri gruppi Swedish Death. Nel loro sound si riscontrano più riferimenti al Death americano e agli Slayer che in altre band Death Scandinave. Dopo left hand path, viene lui, Into the grave, anche se per questioni di Affetto, you will never see.. mi piace di più
piggod
Martedì 9 Aprile 2013, 12.24.53
12
Fra i capolavori dello swedish death.
Fabio II
Domenica 7 Aprile 2013, 17.14.47
11
Quoto lo Zebrone convinto
Mattia Jonne klaatu
Domenica 7 Aprile 2013, 17.10.30
10
Quest'album fa veramente paura, ormai lo conosco a memoria.
il vichingo (juventino convinto)
Sabato 6 Aprile 2013, 16.33.39
9
QUESTO è Swedish death. Grandissimo disco, ma a mio parere nessuno raggiunge la classe e la potenza del sublime Like an everflowing stream citato dal Trucido.
LAMBRUSCORE
Sabato 6 Aprile 2013, 15.46.20
8
Da paura come il successivo......
Undercover
Sabato 6 Aprile 2013, 14.00.45
7
Per me uno dei tre dischi fondamentali di quel periodo... la voce di Ola è sempre stata "discutibile", ma a me piace anche per quello
doomale
Sabato 6 Aprile 2013, 13.56.51
6
storia dello swedish death..!d'accordo con l'ultimo commentò del trucido e in più aggiungerei anche uno tra i primi 3 degli Unleashed e un paio di esordì di formazioni seminali svedesi più o meno sconosciute! 80/100
Er Trucido
Sabato 6 Aprile 2013, 13.11.03
5
Dimenticavo, disco seminale per il death svedese, anche se personalmente lo metto dietro a Dark Recollections, Left Hand Path e Like An Ever Flowing
Er Trucido
Sabato 6 Aprile 2013, 13.02.51
4
Dunque, in realtà cantano entrambi come da libretto del cd. Non è errato parlare della voce di Ola quindi perché c'è e riferirsi a lui vuol dire stabilire anche un filo conduttore con il presente. Oltretutto alcune fonti lo definiscono come unico cantante, quindi un involontario refuso può capitare. Refuso che correggeremo, ovviamente
Greatest_Tiz
Sabato 6 Aprile 2013, 12.59.39
3
Bellissimo!
Flag Of Hate
Sabato 6 Aprile 2013, 12.26.12
2
Bene, finalmente s'è recensito questo capolavoro del death Old School, il vero Swedish trova in questo disco uno dei capostipiti. 92/100
Anders
Sabato 6 Aprile 2013, 12.12.49
1
Mamma mia... Scrivere di un classico come questo e dire che il growl è di Ola non si può vedere... Sul disco canta Jörgen Sandstrom e si sente!
INFORMAZIONI
1991
Century Media Records
Death
Tracklist
1. Deformed
2. In Love
3. For Your God
4. Obscure Infinity
5. Hating Life
6. Into the Grave
7. Extremely Rotten Flesh
8. Haunted
9. Day of Mourning
10. Inhuman
11. Banished to Live
Line Up
Ola Lindgren (Voce, Chitarra)
Jörgen Sandstrom (Voce, Chitarra)
Jonas Torndal (Basso)
Jensa Paulsson (Batteria)
 
RECENSIONI
s.v.
78
77
84
70
90
90
ARTICOLI
13/10/2017
Live Report
GRAVEYARD + TROUBLED HORSE + ELECTRIC BALLROOM
Bloom, Mezzago (MB), 08/10/2017
11/10/2017
Live Report
GRAVE DIGGER
Circolo Colony, Brescia, 07/10/2017
07/12/2015
Live Report
MALEVOLENT CREATION + GRAVE + PENTAGRAM (CHILE)
CIRCOLO COLONY, Brescia( BS ) 03/12/15
05/07/2015
Live Report
GRAVEYARD (SPA) + BLACK OATH + DECAPITATED CHRIST
Circolo Colony, Brescia, 30/06/2015
13/10/2014
Live Report
ENTOMBED A.D. + GRAVE + IMPLODE
Circolo Colony, Brescia - 05/10/2014
19/12/2013
Live Report
MARDUK + GRAVE
Circolo Colony, Brescia, 14/12/2013
18/12/2009
Live Report
NILE + KRISIUN + GRAVE ed altri
Those Whom The Gods Detest Tour 2009
19/02/2009
Intervista
ETRUSGRAVE
Parla Fulberto Serena
17/03/2008
Live Report
ROTTING CHRIST + DISGUISED + INGRAVED
Il concerto di Bari
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]