Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Summoning
With Doom We Come
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/01/18
FACELESS BURIAL
Grotesque Miscreation

19/01/18
ARKONA
Khram

19/01/18
UNSHINE
Astrala

19/01/18
RISE OF AVERNUS
Eigengrau

19/01/18
VERHEERER
Maltrér

19/01/18
WALKING PAPERS
WP2

19/01/18
DEATHLESS LEGACY
Rituals of Black Magic

19/01/18
SONIC PROPHECY
Savage Gods

19/01/18
XENOSIS
Devour and Birth

19/01/18
PERFECT BEINGS
Vier

CONCERTI

17/01/18
ARCH ENEMY + WINTERSUN + TRIBULATION + JINJER
ALCATRAZ - MILANO

17/01/18
KREATOR + VADER + DAGOBA
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/01/18
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO + HAMNESIA + LA STANZA DI IRIS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

20/01/18
FATES WARNING + METHODICA
LEGEND CLUB - MILANO

20/01/18
VEXOVOID + EXPLORER + SHENANIGANS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

20/01/18
AMRAAM + A TASTE OF FEAR + TRACTORS
ALVARADO STREET - ROMA

20/01/18
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/01/18
RAW POWER + TRUTH STARTS IN LIES
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

20/01/18
ALEA JACTA + METHEDRAS + CRUENTATOR
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

Lecherous Nocturne - Beyond Almighty Doctrine
( 1104 letture )
Oggigiorno, suonare brutal è proprio una brutta gatta da pelare se si vuole risultare un minimo originali. Il mondo di questo particolare sottogenere di death è circoscritto a pochi gruppi che riescono a produrre qualcosa di originale mentre il resto delle band si limita a ricalcare quanto fatto aggiungendo un pizzico di novità.
Il discorso diventa più ampio quando si parla di technical brutal death metal, un genere che mischia sapiente virtuosismo a una tormenta di note dissonanti, scream, growl e pig squeal gettati quasi a casaccio e una batteria talmente incasinata che non si capisce mai cosa faccia. Perlomeno, questa è la mia personale interpretazione del genere quando ascolto band come Beneath the Massacre, Ion Dissonance o Lykathea Aflame. E mi piacciono, sia chiaro.
Però siamo sempre lì: mischi tempi composti, riff di chitarra allucinanti e impossibili da scrivere su una partitura, una voce bella potente e una batteria che non fa solo da sfondo ma da protagonista principale. Il technical brutal metal in sostanza è questo. O perlomeno, è quello che credevo io prima di ascoltare Beyond Almighty Doctrine, l’ultimo full length dei Lacherous Nocturne.

Le undici tracce di questo prezioso album (nove se togliamo i due intro e una traccia strumentale a pianoforte) sono tutte frenetiche e taglienti come la lama di una motosega. Veloci ma non confusionarie, adatte a una mente che di questo genere ne capisce ma spoglie di virtuosismi eccessivi, di sweep-picking inarrivabili o scale di basso che fanno gelare il sangue nelle vene. Assieme alla potenza distruttiva e lacerante, alla velocità, l’elemento portante di questo quintetto del Sud Carolina sta nella composizione complessa di ogni riff e nei tempi composti degni del miglior progressive che riescono a sfruttare saggiamente, alternandole a parti regolari. E poi la voce, che combo letale di scream e growl, un urlato ricolmo di rabbia viscerale che diventa il protagonista assoluto di ogni canzone, rendendo capolavori tracce come Ouroboros Chains, Archeopteryx, Judgements and Curses, Creation Continuum.

I Lacherous Nocturne. abbandonano le atmosfere meno eccitanti di Adoration of the Blade e migliorano quanto fatto nel successivo The Age of Miracle Has Passed, abbandonando l’eccessivo uso di tracce veloci e forsennate, fermandosi a riflettere sull’utilità di riff più lenti e cadenzati e sulla quantità di potenza che questi riescano ad infondere nell’ascoltatore. Quando un amante del brutal death metal tecnico si trova davanti un’esecuzione impeccabile che non trascura quasi ogni dettaglio non può fare a meno di ascoltare fino in fondo l’album e dichiarare “complimenti”.

Il suono è curato, hanno avuto una produzione coi fiocchi e non mi stupisce che abbiano alle spalle una casa discografica come la Unique Leader Records, affermata globalmente grazie alle ottime uscite degli ultimi tempi. Se c’è proprio da trovare qualche difetto, direi la copertina (quella di The Age of Miracles Has Passed è dieci volte migliore) e aggiungerei qualche parte cantata, in cui a causa dell’eccessivo numero di parole Chris Lollis sembra quasi fuori tempo. Ma mi riferisco solo a qualche sporadica parte.
Per il resto, un lavoro da gustare.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
MrFreddy
Giovedì 11 Aprile 2013, 18.25.46
1
Un appunto: il nome della band non è Lacherous Nocturne, bensì LEcherous Nocturne. Bella recensione, li dovrò proprio ascoltare!
INFORMAZIONI
2013
Unique Leader Records
Technical Brutal Death
Tracklist
1. Intro
2. Ouroboros Chains
3. Bring the Void
4. Archeopteryx
5. Those Having Been Hidden Away
6. Prelude #2
7. Judgments and Curses
8. Lesions from Vicious Plague
9. Caustic Vertigo
10. Creation Continuum
11. Outro
Line Up
Chris Lollis (Voce)
Kreishloff (Chitarra)
Ethan Lane (Chitarra)
James O’Neal (Basso)
Alex Lancia (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]