Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
MARATHON
Mark Kellys Marathon

27/11/20
FULL HOUSE BREW CREW
Bare Knuckle

27/11/20
DIAMOND HEAD
Lightning to the Nations 2020

27/11/20
ANTHENORA
Mirrors and Screens

27/11/20
FURIOUS TRAUMA
Decade at War

27/11/20
AMAHIRU
Amahiru

27/11/20
Volbeat
Rewind, Replay, Rebound - Live in Deutschland

27/11/20
ULTIMATIUM
Virtuality

27/11/20
DARKNESS
Over and Out

27/11/20
JADED HEART
Stand Your Ground

CONCERTI

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Anthrax - Spreading The Disease
( 17046 letture )
Questa seconda realizzazione degli Anthrax va ricordata per alcuni motivi fondamentali: intanto si trattava di un disco che forse è da considerare come uno dei manifesti principali dello speed/thrash, e presentava alcune caratteristiche per così dire 'geografiche' che lo rendevano diverso dalle proposte coeve che venivano dalla Bay Area. Intendo dire che probabilmente la provenienza della band dalla costa Est (NY) li rese più sensibili alle influenze della NWOBHM di provenienza albionica e, questo, consentì loro di proporre una miscela musicalmente esplosiva, ma densa di melodie precise, che ricordano in questo caso l’approccio priestiano al songwtriting, quest’ultimo valorizzato anche da un singer dotato di una voce potente ed a suo agio anche nei passaggi su timbri più acuti ed halfordiani, ma che possiede anche una vena melodica ben poco diffusa nel settore; sostanzialmente un ottimo singer power/epic in prestito allo speed: molti hanno sempre storto il naso, ma per me ce ne sarebbero dovuti essere ben di più come lui disseminati in molti gruppi, ne avrebbero tratto giovamento loro e tutto il movimento. C’è da aggiungere che pochi avrebbero scommesso su un secondo disco di questo livello dopo l'esordio di Fistful Of Metal (da ricordare solo per una discreta cover della mitica I’m Eighteen di Alice Cooper, peraltro proposta da innumerevoli altri gruppi), miglioramenti dovuti ai cambi di formazione imputabili soprattutto alla difficoltà del primo singer Neil Turbin a fare musica veramente dura, cosa che provocò la fuoriuscita del bassista Lilker (poi fondatore dei Nuclear Assault) e che diedero una personalità definita al gruppo, con la batteria di Benante sugli scudi.

Credo che tutti i pezzi possano essere citati con pari dignità, essendo questo un disco che non presenta cadute di tono significative: A.I.R. è un opener d’impatto, ma che contiene tutte le variazioni sul tema che diverranno marchio di fabbrica dell’area geografica intorno a New York; buono il mid di Lone Justice che ci porta poi a Madhouse, con Belladonna che fornisce un’ottima prova su un testo che tratta con umorismo un tema difficile -l’umorismo è presente un po’ ovunque nei testi e nel modo di fare degli Anthrax, cosa che li ha resi sempre molto simpatici- mentre S.S.C./Stand or Fall e The Enemy non rappresentano propriamente le vette del platter, ma filano via bene, e l’headbanging è assicurato. La b-side si apre con la graffiante Aftershock, per poi giungere forse all’episodio migliore, Armed And Dangerous, inizio quasi melodico e crescendo irresistibile. Più canonica, ma buona, Medusa; si chiude col pezzo più duro e meno elaborato, Gung-Ho, niente riflessioni, c’è solo da scuotere la testa.

Che altro dire? Discreta la produzione, specialmente per voce e batteria, meno alcune parti chitarristiche che avrebbero reso di più se mixate in maniera migliore, dato che Spitz e Ian, anche se ancora un po’ acerbi, si sono certamente fatti valere -più sulle ritmiche che sugli assoli. Una band che con gli anni ha perso di carica, anche se continua a lavorare e fare dischi di discreto livello, che probabilmente possono soddisfare pienamente l’ascoltatore contemporaneo, ma lasciano un retrogusto un po' amaro a chi ha qualche anno in più. Onore, comunque, a chi ha ancora voglia di suonare dopo così tanti anni.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
77.14 su 136 voti [ VOTA]
Rasta
Lunedì 28 Settembre 2020, 15.18.14
67
Vorrei aggiungere, al di là del cambio di cantante e dei gusti personali insindacabili, che rispetto al pur buono debutto, questi ragazzi hanno avuto un evoluzione nel songwriting e nelle melodie a dir poco stupefacente. AIR, Lone Justice, Enemy, Armed And Dangerous... X dire che il pezzo che mi è sempre piaciuto di meno e Medusa, tanti qui sotto la mettono tra le preferite di sempre. Accontentare molti palati mantenendo un filo logico e un'identità precisa non è cosa da tutti. Speed/Thrash Newyorkese in tutto e x tutto; ha resistito alla grande alla prova del tempo, e costituisce ancora oggi una valida alternativa alle Band luciferine + simboliche. Come diceva rik bay area thrash al 49: "Per la critica kolta il thrash era solo un fuoco di paglia che si sarebbe esaurito nel giro di breve tempo".
Mauri66
Venerdì 12 Aprile 2019, 16.20.18
66
Per me decisamente il loro migliore disco, più di Among e di tutti quelli venuti dopo messi assieme. Questo e Fistful i miei preferiti di una band che ho amato all'inizio ma poi non so perché non mi hanno più convinto. Anche se dal vivo, visti al monsters a Modena 88, erano una forza della natura!
Area
Martedì 10 Luglio 2018, 15.58.24
65
Qui iniziano gli Anthrax che tutti conoscono... ma nonostante sia un ottimo album, il capolavoro vero arriverà col disco successivo e con persistence of time.
Silvia
Martedì 10 Luglio 2018, 15.53.51
64
Ciao Fabio, si' e' vero c'erano dei misteriosi risvolti sonori nelle cassette, a volte alcuni apparecchi avevano anche velocita' diverse hehehe, orrore quando riproducevano piu' lentamente.../// Guarda sulla marcetta non saprei, me lo son sempre chiesto anch'io, ma i crediti sono Turbin, Ian, Lilker quindi probabilmente e' un pezzo loro (strano pero' no?)./// Anch'io conservo tutte le cassette duplicate (nonostante in seguito abbia comprato molti originali) anche perche' disegnavo i loghi e a volte facevo gli schizzi delle copertine
jaw
Martedì 10 Luglio 2018, 15.03.02
63
C'è sempre il gusto personale d accordo, ma io continuo a ritenere il primo un classico perche' ha comunque veicolato uno stile, poi che come songwriting non sia il massimo forse puo' essere , ma dovresti eliminare tanti di quei prodotti thrash da stufarti. Never mind the bollocks e' superiore? Per me no, però ha fatto la storia del punk con due tre accordi
Fabio Rasta
Martedì 10 Luglio 2018, 14.45.55
62
Gran disco. Indimenticabile. Anche x me un po' sotto Among The Living che nun se batte. Gli albori del Thrash Metal, quando si faceva ancora una gran confusione, "chi fa Speed, questo è Thrash e quelli sono Black.. ". Bei tempi e mitici ricordi. /// Qualcuno sa la provenienza originale della marcetta di Gung-ho, riproposta diversamente anche dagli AOD sul loro mitico e divertentissimo Humungousfungusamongus???. /// Silvia 61: stessa cosa, registravo x ascoltare di notte con un portatile grundig marcio, che riproduceva bene solo le cassette registrate da lui che xò si sentivano misteriosamente di merda su tutti gli altri sterei. Facevano parte di questa collezione il presente con Russian Roulette degli ACCEPT dietro, su C90 Maxell, che possiedo ancora adesso. Un salutone. Ciao a tutti! /// Raven, è vero. Dalla rece traspare che il primo ti faccia proprio cagare. E secondo me è così. In effetti non è il massimo.
Silvia
Martedì 10 Luglio 2018, 10.48.08
61
Si’ e’ vero i walkman, poi i CD portatili (che ingombro!) e infine i lettori mp3. Anch’io lo registravo in cassetta x portarlo in giro ma anche x ascoltarlo di notte con le cuffie . Comunque disco superbo, voce stellare, pezzi indimenticabili
jaw
Martedì 10 Luglio 2018, 10.17.50
60
Ma il primo e' un classico, questo storico ed è quello più heavy metal, basta sentire la classicita' di molti arrangiamenti vocali, bei tempi avevo comprato l lp e trasferito su cassetta, si puo' tranquillamente dire che oggi ci sono gli smatfone per ascoltare musica, ma l idea originale è quella dei walkman o no?
Area
Venerdì 1 Giugno 2018, 8.58.57
59
Gli Anthrax come tutti li conoscono inziano qui. Qui ci sono diversi loro classici che ancora oggi suonano durante i concerti (almeno quando li ho visti io). Con Among the Living faranno ancora meglio!
Hattori hanzo
Venerdì 1 Giugno 2018, 7.20.11
58
NO NAME LIKE A SHADOW ON MOONLESS NIGHT!!!! 🤘🤘🤘
Aceshigh
Mercoledì 14 Febbraio 2018, 20.06.21
57
È con questo album che ho conosciuto gli Anthrax. Rimane insieme al successivo Among the Living l'apice della band. Riff indimenticabili come quello di Madhouse, A.i.r. o Stand or Fall, la prestazione devastante di Benante sui pezzi più sparati, la magia dell'arpeggio di Armed and Dangerous.... che meraviglia! Pietra miliare!!! 95
Steelminded
Sabato 20 Maggio 2017, 17.01.43
56
Devo citare in toto l'ottimo galilee al commento 27, tra l'altro fistful of metal e un ottimo dannato lavoro. Raven spesso non lo capisco...
Silvia
Mercoledì 26 Aprile 2017, 12.48.44
55
Ciao lux, si' anche A.I.R.! Ripeto, qui sono di parte . Lisa, io invece dopo Persistence of Time non sono piu' riuscita ad apprezzarli, quindi forse sono proprio gusti. All'epoca mi piacevano molto anche i gruppi che citi e naturalmente Metallica, Megadeth, Slayer, Sacred Reich ma in cima alla mia playlist c'erano gli Anthrax appunto e poi a seguire Exodus, Testament, Nuclear Assault, Metal Church, Sepultura e lo speed tedesco che a quel tempo secondo me aveva molto in comune col thrash (poi vabbe' i primi 4 dei Maiden non ho mai smesso di ascoltarli neanche in quel periodo)
lux chaos
Mercoledì 26 Aprile 2017, 7.23.23
54
Ciao Silvia! Concordo con te al 100%,. questo è un vero capolavoro assoluto, per me superiore al più celebrato successore...madhouse, lone justice, armed, medusa, gung ho...una capolavoro dietro l'altro
lisablack
Mercoledì 26 Aprile 2017, 7.07.02
53
Anche per me questo è il migliore degli Anthrax..come dell'era Bush, Sound of white Noise era molto bello. Comunque, parere personale, ritengo Overkill, Death Angel, Testament, superiori a loro..probabilmente questione di gusti.
Silvia
Mercoledì 26 Aprile 2017, 2.22.48
52
@rik bay area thrash, sono d'accordo con te su tutto, questo album e' forse il mio preferito anche piu' di Among the Living, che considero immenso. Mi emoziona anche x il grande valore "sentimentale", erano il mio gruppo preferito dei 20 anni! Non trovo nessun neo in questo lavoro, forse il rullante non ha un suono eccelso, ma x il resto non vedo punti deboli, ma qui sono davvero di parte . Non sono d'accordo invece con Francesco su Fistful of Metal, solo x Metal Thrashing Mad quell'album e' un gioiello! Certo Joey era tutt'altra cosa, anche a me la sua voce e' sempre piaciuta molto
Burning Eye
Mercoledì 21 Settembre 2016, 17.04.40
51
Medusaaaa!!!!
hermann 60
Venerdì 10 Giugno 2016, 18.42.44
50
Bello tosto anche se Turbin lo preferisco decisamente a Belladonna
rik bay area thrash
Martedì 10 Maggio 2016, 17.56.14
49
Dopo un primo album discreto (imho), gli anthrax pubblicano uno dei loro migliori dischi di sempre (imho). Siamo nel 1985 e le pubblicazioni in ambito speed and thrash iniziano a farsi dannatamente importanti. Forse mi sbaglio ma in alcuni frangenti mi sembra di percepire alcune influenze hardcore a livello di riff. La tracklist mi sembra priva di filler e si può tranquillamente ascoltare tutto l' album d' un fiato. All ' epoca era difficile rendersi conto che avevamo tra le mani dischi di cui si sarebbe parlato la bellezza di 30 anni dopo. Per la critica kolta il thrash era solo un fuoco di paglia che si sarebbe esaurito nel giro di breve tempo. Così non è stato !!! Evviva il thrash ....
Mulo
Venerdì 8 Aprile 2016, 23.06.14
48
Strepitoso!!! Ian "grattuggia"la sua jackson come se non ci fosse un domani!! È un classico,un filo sotto Among. Voto 95
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 15.39.43
47
Stand or fall e Armed and Dangerous i pezzi simbolo con Belladonna che si inerpica su vette ai più nemmeno immaginabili. Se c'è un "difetto" è che a mio avviso le canzoni sono un pò troppo lunghe. Ma sono dettagli insignificanti
Andrew Lloyd
Mercoledì 18 Novembre 2015, 20.24.28
46
Disco strepitoso come il successivo Among the Living. Gli Anthrax al loro aprice creativo.
lisablack
Mercoledì 4 Novembre 2015, 17.43.56
45
Miglior album degli Anthrax, il loro capolavoro.
VecchioThrasher
Mercoledì 9 Settembre 2015, 14.45.22
44
Che dire...capolavoro!! A.I.R,Madhouse...ahhhhhh !!!
Psychosys
Giovedì 23 Luglio 2015, 23.50.23
43
Una fucilata, il miglior disco degli Anthrax. Madhouse la mia preferita dei 5 di New York, capolavori anche Armed And Dangerous, Medusa e Gung-Ho. Molto belle anche A.I.R., Lone Justice e Stand Of Fall. Poi The Enemy e Aftershock, belle anch'esse ma meno incisive. Uno dei migliori dischi thrash non solo degli anni 80 ma di tutti i tempi. 95\100.
Sandman
Martedì 25 Novembre 2014, 17.15.50
42
Anche io do un 92 Capolavoro di tecnica e capacità compositiva che si differenzia dal resto della produzione musicale di quegli anni del genere trash Viene spontaneo il paragone con i Metallica ed i Megadeth ( almeno per il sottoscritto ) e direi che l'Antrace si differenzia eccome. Brani quali Medusa, Madhouse ed Armed and Dangerous, svettano e sono qualcosa di mai senttito a livello di melodia, velocità ed esecuzione. Li ho sempre preferiti ai Metallica, forse anche ai Megadeth perchè si sono saputi imporre con un suono inconfondibile. Tecnicamete eccelsi sia la voce che la chitarra
uatu
Mercoledì 10 Settembre 2014, 22.47.17
41
il mio preferito degli Anthrax, anche meglio del successore. Lone Justice un inno, Medusa e Armed strabilianti ma non c'e' un pezzo debole. Voto 95
peppe
Sabato 7 Giugno 2014, 16.01.57
40
se nn era duro turbin nn so ...
Therocker77
Mercoledì 12 Marzo 2014, 15.25.32
39
Un lavoro che rappresenta un passaggio fondamentale per il genere, sicuramente è uno dei migliori album della band Newyorkese, inferiore al successivo Among The living ma sicuramente siamo di fronte ad "Capolavoro minore", pezzi come Armed and Dangerous, Gung ho; Stand Or Fall ma anche la bellissima Lone justice sono perle musicali di prima grandezza. In sintonia con il voto del recensore, in particolare all'osservazione geografica e sulle influenze NWOBHM, l'unica cosa che non condivido è l'infelice uscita su Fistful, ovviamente Raven sarà un Metallaro vecchia scuola come che sono nato nell'anno di grazia di Never Mind the Bollocks, Here's the Sex Pistols, magari lui è coetanoeo di The Piper at the Gates of Dawn, comunque si tratta solo di punti di vista che alla fine stimolano il confronto..e questo è un bene, personalmente considero Fistful Of Metal uno degli album più belli della mia discografia..cdteca...perchè suona grezzo, veloce ed è fortemente influenzato dalla NWOBHM, molto più di ogni altro loro album. 87/100
Vitadathrasher
Giovedì 2 Gennaio 2014, 21.04.37
38
Potri sapere dal recensore se la frase: "difficoltà del primo singer Neil Turbin a fare musica veramente dura" è citata da qualche fonte ufficiale?
Giovanni
Giovedì 2 Gennaio 2014, 20.18.49
37
Un disco imperdibile Gung Ho da sballo totale! Voto 100!!
HeavyLollo
Venerdì 20 Settembre 2013, 18.01.25
36
Se posso aggiungere il mio insignificante parere in quest'album mi sembra palese l'influenza della NWOBHM soprattutto nelle vocals... Per concludere comunque preferisco Among the Living che è una delle migliori produzioni del Thrash made in USA
Galilee
Venerdì 13 Settembre 2013, 17.19.13
35
Mi riferisco a quello che hai scritto in questa recensione. Se leggi il mio commento sotto, puoi capire a cosa mi riferisco. Nella recensione scrivi: C’è da aggiungere che pochi avrebbero scommesso su un secondo disco di questo livello dopo l'esordio di Fistful Of Metal (da ricordare solo per una discreta cover della mitica I’m Eighteen di Alice Cooper, per altro proposta da innumerevoli altri gruppi), E sinceramente non è vero dai. Canzoni come metal thrashing mad, deathrider, Death from above sono dei classici. Vero che non era all'altezza degli altri debutti thrash, ma da come l'hai descritto tu sembra una merda. Poi sinceramente, parlando di contenuti, fai molto riferimento al mondo NWOBHM, ma per me questo disco è decisamente influenzato dall' hardcore americano, lo si sente nei riff e nel suono. Non so tu cosa ne pensi, ma a me sembra la cosa più lampante.
Raven
Venerdì 13 Settembre 2013, 17.10.07
34
Non mi pare di averlo mai detto. La recensione di FOM non è mia, anche se effettivamente anche MTM è un gran pezzo.
Galilee
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.57.01
33
Nessuno ha detto che non si dovrebbero sottolineare le pecche se ce ne sono. Ma se la mettiamo cosi anche in FOM allora bisgnerebbe dire che non c'è solo la cover di alice Cooper da ricordare. In ogni caso, la tua recensione mi ha trasmesso ciò non posso farci nulla. Sembra sia un dischetto qualunque. Devo morire per questo?
Raven
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.46.07
32
Essere recensori significa spesso mettere da parte gli entusiasmi (sempre legittimi da lettori, meno da critici) e descrivere un disco non mancando di sottolinearne le pecche, ove esisitenti, Anche per un gruppo che si ama, come gli Anthrax di questo periodo.
Galilee
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.43.52
31
Freedom Il mio commento voto esagerato era riferito al 90 di 13 dei Black sabbath. Mi sembra che un voto top ad un capolavoro del metal anni 80 ci stia tutto invece. Tra l'altro questo è il mio disco thrash preferito e gli Anthrax sono la mia band thrash preferita. Lasciate i commenti alle recensioni e poi non li accettate? Non ho scritto che il recensore è un coglione eh.. Ho solo espresso una mia opinione senza offendere nessuno. Sicuramente leggendo questa recensione non mi viene voglia di comprare il disco in questione anche se il voto è 87.
Delirious Nomad
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.39.17
30
Di norma per capire una valutazione di Raven ci aggiungo circa cinque punti , ergo questo è un 92 canonico, a cui mi associo.
blackinmind
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.38.20
29
Direi un 95, per me il migliore degli Anthrax.
freedom
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.35.35
28
99? Se non sbaglio eri stato tu a parlare di "voti esagerati" stamattina...
Galilee
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.30.02
27
Questa recensione non l'ho capita. Sembra fatta senz'anima da qualcuno non particolarmente legato agli anthrax. Come dire, ma si dai scriviamo sta recensione. FOM non è un disco valido quanto un Kill em all, ma dire che che è un disco da ricordare solo per la cover di alice Cooper quando in esso sono racchiusi almeno 4/5 classici del thrash mi lascia basito. Anche perché non è cosi. Riguardo al disco STD è uno dei 10/20 dischi thrash migliori di sempre e più influenti, se diamo 87 a questo anche i Migliori album dei Metallica, Slayer o megadeth non dovrebebro superare il 90 in pagella. Anche nella desrizione dei riff e degli attacchi. Buono questo, no male quello, ammazza oh...ti fanno impazzire gli Anthrax. Per me il loro miglior disco assieme al succesivo. Una bibbia del metal. Voto 99/100
blackie
Giovedì 18 Aprile 2013, 12.57.52
26
capolvoro!basta ascoltare MEDUSA o MADHOUSE sound come un rasoio e belladonna in formissima!epocale!
Raven
Mercoledì 30 Gennaio 2013, 13.05.33
25
Per carità, non sta scritto da nessuna parte che si deva per forza essere d'accordo con il recensore. I commenti servono anche a questo, ad esprimere il proprio punto di vista e magari avviare delle discussioni costruttive
Celtic Warrior
Mercoledì 30 Gennaio 2013, 12.52.56
24
Un buon album di thrash metal , lo metto un gradino sotto a Fistful Of Metal in quato secondo me la voce di Neil Turbin era superiore e piu adatta agli anthrax ,questione di gusti (mi spiace Raven ) recensione sempre all" altezza .
lux chaos
Lunedì 30 Gennaio 2012, 19.10.00
23
capolavoro, il mio preferito degli anthrax, lo ritengo enormemente migliore di among.....@Luke_Skywalker: il gallo non canta più? che pettinata che gli hai dato raven!!
Dr Landau
Venerdì 16 Dicembre 2011, 21.49.09
22
Il miglior disco degli Anthrax per me, Madhouse e Medusa grandiose ed anche le altre su ottimi livelli.
Raven
Martedì 29 Novembre 2011, 11.31.13
21
Il consenso totale Bulgaro non è di questa terra
The Nightcomer
Martedì 29 Novembre 2011, 10.41.00
20
E' una delle rarissime volte in cui non sono completamente d'accordo con raven (mi riferisco al giudizio su Fistful of Metal), ma per quanto concerne l'analisi di questo album ha dimostrato ancora una volta di saper parlare con cognizione. Spreading the Disease è probabilmente il disco che ho ascoltato più degli Anthrax, forse proprio in virtù della sua spiccata attitudine melodica, che magicamente si amalgama con uno stile che andava facendosi ancora più duro. Qualitativamente è -secondo me- più continuo del predecessore e si ascolta dall'inizio alla fine senza che la tensione ed il coinvolgimento emotivo calino... Anche Among the Living fa questo effetto però (paradossalmente, visto che amo il thrash), l'approccio più melodico di Sprading ha esercitato un fascino particolare su di me.
Raven
Lunedì 18 Luglio 2011, 8.26.23
19
Sono lieto di poterti rispondere caro ragazzo, perchè hai fatto un'altra figura di m...barbina. L'unico punto sul quale hai ragione è che i pezzi sono nove, ma se guardi la recensione puoi notare che il pezzo mancante nella tracklist , è citato nel testo, quindi si tratta di un errore di trascrizione, SOLO NELLA SCHEDA TECNICA. ma il bello viene ora: si da al caso che il disco venne ristampato in eurpa dalla MFN su licenza MF, ed io acquistai il vinile direttamente con una telefonata alla segretaria della casa discografica, numero di catalogo MFN 62, vinile da 180 gr. Quanto al resto hai detto anche lì delle cazz...delle inesattezze, dato che il progetto SOD prese avvio dopo l'incisione delle tracce di chitarra di Ian -anzi, proprio per coprire il suo tempo livero- ed il resto venne quindi registrato indipendentemente. Che fossi poco educato era palese a tutti, ma così impreparato non ti ci facevo, anzi si. Per il futiro non farmi perfere tempo, va...
Luke_Skywalker_666
Domenica 17 Luglio 2011, 23.07.20
18
I pezzi sono 9 e (l'uscita è dicembre 1985) non è Music For Nations (cazzo c'entra la MFN???) bensi' MEGAFORCE/ISLAND il loro primo album su major. Il sound di questo disco è cosi' scarno e grezzo dato che usci poco dopo il devastante progetto SOD (settembre 1985) che fu registrato in solo 2 giorni con la rimanenza del budget appunto di sto disco degli Anthrax... PS: Non commento neanche cos'hai detto di "Fistful Of Metal", non farmi perdere tempo va...
Sorath
Mercoledì 29 Giugno 2011, 22.03.56
17
Questo cd è una meraviglia
Argo
Martedì 17 Maggio 2011, 18.39.00
16
Il mio preferito degli Anthrax, il successivo Among the living non arriverà a questi livelli nemmeno di striscio. Medusa è forse la mia canzone preferita degli Anthrax.
Maurizio
Martedì 17 Maggio 2011, 17.44.06
15
Io lo metto sullo stesso livello di Among the Living. Difficile trovare qualcosa che non va.
Metallo 00
Giovedì 5 Maggio 2011, 22.03.43
14
disco fantastico per me il loro migliore
Raven
Domenica 6 Febbraio 2011, 17.00.02
13
Si, anche Metal Thrashing Mad era un ottimo pezzo, ma per il resto...
Hook in mouth
Domenica 6 Febbraio 2011, 14.33.51
12
non sono daccordo che l'esordio sia da ricordare solo per "I'm eighteen", anzi credo che quello sia il pezzo più dimenticabile dell'album. Fistful può infatti vantare capolavori come Deathrider, Metal Thrashing Mad, Death from Above, Panic, e Anthrax, che secondo me è il pezzo migliore.
Painkiller
Mercoledì 12 Gennaio 2011, 14.41.39
11
primo di una trilogia spettacolare, è ancora oggi l'album che si discosta più di tutti dal Thrash bay area, grazie a riffs tipicamente NWOBHM abbinate ad una voce unica nel panorama thrash. Cambi di ritmo, un ottimo lavoro di chitarra ritmica, solo la produzione non è il massimo. E per coloro che hanno storto il naso sentendo la (non) voce di Belladonna nel dvd dei big four li avviso che il buon joey pare essere tornato in forma negli ultimi mesi...non vedo l'ora di rivederli dal vivo!!!
alessio
Lunedì 31 Maggio 2010, 1.01.26
10
c'è poco da di qua ,thrash, dico solo questo chi cazzo può provare a controbattere su un brano come gung-ho
space85
Domenica 30 Maggio 2010, 14.06.55
9
l'ho ripreso in mano ora dopo tanto tempo....cavolo che album....son sempre stato convinto che il loro miglior album fosse Among...ma devo dire che anche questo non gli va poi cosi lontano..anzi,canzoni come "medusa","gung-ho","air" e "mad house" lo rendono un'acquisto quasi obbligato per ogni thraser.....belladonna qui rulla da morire...bello bello bello.....
enzo il thrasher
Giovedì 6 Novembre 2008, 20.01.57
8
una bella risposta al thrash della bay area...quasi alla stessa altezza...in quanto al disco e meraviglioso!!!.....un disco suonato veramente con il cuore!!!!scott ian é il ritmico per eccellenza e joey belladonna lo canta veremente da dio!!!!99
Antonius
Martedì 8 Gennaio 2008, 14.25.32
7
Capolavoro indiscusso del thrash....l'unico gruppo valido dell'epoca che non apparteneva alla Bay area..........
james
Mercoledì 7 Febbraio 2007, 20.20.21
6
è senza dubbi l'album+trash degli anthrax assieme al successivo among the living
francesco gallina
Sabato 21 Gennaio 2006, 8.21.14
5
Il modo di scrivere il termine è conseguenza dell'età. Come dici tu tutti i giornalisti all'inizio lo associavano alla spazzatura e si trovava scritto così un pò ovunque, e quindi ormai per me è automatico.
Roby
Venerdì 20 Gennaio 2006, 16.34.49
4
"Spreading The Disease" è l'album che mi ha fatto conoscere gli Anthrax. Gran disco! Solo un appunto al recensore, ma che non se la prenda... per favore scrivi thrash con due h!!! Trash scritto così (con un h sola) vuol dire spazzatura e, al contrario di quanto alcuni giornalistia dicevano anni fa, questo non è "metallo spazzatura".
francesco gallina
Venerdì 13 Gennaio 2006, 16.31.06
3
Evidentemente il mio italiano è perfettibile, in ogni caso lo è certamente il tuo a giudicare da come si chiude il tuo intervento. Se posso essere d'accordo nel citare Metal Trashing mad da FOM, mi pare di avere evidenziato la matrice NY , (forse ti è sfuggito perchè non ho usato il termine "mosh", ma si deve tenere in conto che anche qualche neofita potrebbe leggere questi scritti), della musica in analisi, tuttavia confermo il mio giudizio relativo ad influenze nwobhm nel risultato finale. Quanto poi a umiliarmi credo che tu debba far passare ancora qualche anno prima di rivolgerti a me con questo tono. In ogni caso questo atteggiamento così saccente non sarebbe da usare neanche nei confronti del primo sbarbato che si accosta al genere, e ti assicuro che io non lo sono. Essere in disaccordo è un conto, mancare di rispetto è diverso, e nella vita io rispetto è la prima cosa.
Thrashista '73
Giovedì 12 Gennaio 2006, 20.06.31
2
Secondo me il recensore ha scritto un pò di inesattezze:non può dire che su Fistful of Metal c'è solo la cover di Alice Cooper come pezzo valido:e Soldier of Metal?e Death Rider?e Metal Thrashing Mad?Voglio fermarmi qua per non umiliarlo...e cmq il thrash degli Anthrax è diverso perchè è influenzato dal "mosh" newyorkese non dalla NWOBHM,altrimenti Kill'em All da cosa è influenzato?Si documenti in modo più accurato che deve recensire!
AlexSkolnick
Lunedì 9 Gennaio 2006, 21.16.20
1
Secondo me il loro miglior disco. Più cathy di Among The Living. Magari un pò acerbo in certe soluzioni, ma neanche troppo. Uno die più bei dischi thrash degli anni 80.
INFORMAZIONI
1985
Music For Nations
Thrash
Tracklist
1. A.I.R.
2. Lone Justice
3. Madhouse
4. S.S.C./Stand Or Fall
5. The Enemy
6. Aftershock
7. Armed And Dangerous
8. Medusa
9. Gung-Ho
Line Up
Joey Belladonna (vocals)
Scott Ian (guitar)
Dan Spitz (guitar)
Frank Bello (bass)
Charlie Benante (drums)
 
RECENSIONI
68
58
50
55
84
85
75
90
87
80
ARTICOLI
25/11/2018
Live Report
SLAYER + LAMB OF GOD + ANTHRAX + OBITUARY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 20/11/2018
12/11/2015
Live Report
SLAYER + ANTHRAX + KVELERTAK
Alcatraz, Milano (MI) , 05/11/2015
26/06/2014
Live Report
ANTHRAX
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/06/2014
18/06/2014
Live Report
SLAYER + ANTHRAX
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 15/06/2014
17/07/2011
Articolo
ANTHRAX
Scott Ian, la biografia
09/07/2011
Live Report
THE BIG 4 - METALLICA - SLAYER - MEGADETH - ANTHRAX
Arena Fiera, Rho (MI), 06/07/2011
29/06/2011
Articolo
ANTHRAX
Joey Belladonna, la biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]