Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Immortal - Damned In Black
( 5482 letture )
In seguito all’enorme successo di At the Heart of Winter, a tutt’oggi una delle pietre miliari della discografia della band, gli esordi del terzo millennio sancirono l’inizio di una sfida notevole anche per un combo rodato come quello dei norvegesi Immortal: tornare sulle scene dopo un solo anno, con una produzione che, dopo un tale risultato, potesse confermare di essere all’altezza delle aspettative del pubblico e della critica. Tuttavia, le ansie e le speranze riposte nel trio scandinavo dai moltissimi fans sparsi in tutto il mondo si infransero parzialmente quel 5 aprile 2000, data di pubblicazione di Damned in Black. Sia chiaro, ancor’oggi ci sono probabilmente centinaia di band black, più o meno note, che svenderebbero qualsiasi cosa per poter avere la chance di pubblicare un album come questo: registrato agli Abyss Studios (il nome di Peter Tågtgren vi dice nulla?), in soli 36 minuti, questo full-length riesce a estrarre dal cilindro buoni brani come l’elegante opening track Triumph, ricca di spunti strumentali, soprattutto a livello di varietà di riffing e la fredda e convincente The Darkness That Embrace Me, un vero e proprio tributo di Abbath e soci all’inverno e al gelo, arricchito da passaggi di synth profondamente atmosferici.

Ciò considerato, rimane chiaro come Damned in Black sia ben lontano dagli apici raggiunti dai norvegesi, non solo se confrontato con il suo predecessore, ma anche all’interno della stessa discografia degli Immortal, che include produzioni a volte non con la stessa qualità di registrazione, ma decisamente più ricche di contenuti e originalità tecnica, come ad esempio Battles In The North. Le cause di questa performance sottotono non sono solo da imputare esclusivamente ai ben noti cambi di line-up succedutisi in quel periodo, che vide il ruolo del da molti compianto Demonaz -brillante mente alle spalle di molti precedenti successi-, diventare sempre più marginale, nonché l’entrata nella band come membro permanente del bassista Iscariah, chiamato ad essere supporto e sostegno al buon vecchio Abbath, bensì, più probabilmente, alla fretta -imposta o voluta che fosse- che la band ha avuto nel voler confezionare a tutti i costi una nuova produzione in soli 13 mesi, cercando di cavalcare l’onda del successo di At the Heart of Winter. Il gruppo si vide così costretto a tagliare su tutto il tagliabile artwork compreso, visto che una semplice foto della band appare come una scelta decisamente scialba rispetto alle sfavillanti copertine precedenti.

Volendo poi analizzare Damned in Black come disco a sé, esso si può dunque definire come uno dei dischi più accessibili degli Immortal, soprattutto per il drumming più lento, ma pressoché privo di sbavature, affidato all’ormai rodato Horgh e il riffing, sempre gelido, ma più ritmico, capace di non far fuggire a gambe levate chi si volesse avvicinare per la prima volta a un combo black di questo calibro.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
83.35 su 17 voti [ VOTA]
Christian death rivnusaS
Giovedì 31 Ottobre 2019, 21.29.15
21
Anche il successivo e’ bellissimo Quella triade per me sono i piu’ belli che hanno fatto , in ordine crescente da at the hearth of winter fino a sons of northern darknes.... Il live e’ fantastico c’e’ l’ho sia in dvd che in cd e non mi stanco mai di ascoltarlo e vederlo...
Ezio
Giovedì 31 Ottobre 2019, 19.29.13
20
rispolverato ieri, direi che è invecchiato davvero bene voto 86
Aceshigh
Martedì 15 Ottobre 2019, 19.21.53
19
Riascoltato stasera. Per me, pur non raggiungendo il livello del precedente, rimane anche questo un grandissimo album. Diverso da At the Heart Of Winter, meno atmosferico (men che meno epico) e con un riffing che spesso guarda a soluzioni quasi thrash-oriented. Comunque sia l’opener Triumph, Against the Tide, la title-track e The Darkness that Embrace Me sono pezzi veramente notevoli. Non ce la faccio a scendere sotto all’85.
paolo
Sabato 15 Giugno 2019, 9.55.13
18
My Dimension è una delle canzoni più belle di sempre, black o no, metal o no, Against The Tide anticipo il successivo capolavoro Sons Of Northern Darkness, la opener è maestosa, tutto l'abum lo è... Horgh è un batterista assoluto, la cui sola presenza giustifica l'acquisto di un album. insomma, è solo sette canzoni per 36 minuti, ma ce ne fosse... 90 alla grande, ragazzi, gli Immortal sono oro nero, teniamoceli stretti in tutte le loro incarnazioni
Morlock
Sabato 22 Agosto 2015, 11.59.23
17
73 a questo capolavoro????Voi siete pazzi.....minimo 85!
Christian Death Rivinusa
Mercoledì 19 Agosto 2015, 23.23.57
16
che ricordi… .erano i miei idoli del black metal… .i migliori assieme ai dissection… questo lo acquistai originale edizione limitata con cover artonata,mi uscì un poster gigante degli immortal che ho tenuto fissato al muro della mia stanza per una decade… .magnifici ricordi con questa magnifica band,ormai sciolta… peccato!Capolavoro… anche se il mio preferito resta at the heat of winter che con i miei vecchi amici metallari lo abbiamo scoperto quando ancora gli immortal erano sconosciuti… .e soprattutto lo abbiamo stra ascoltato… fantastici resteranno sempre unici nei miei ricordi
gianmarco
Mercoledì 19 Agosto 2015, 20.41.34
15
grande album.
Death Fox
Venerdì 26 Aprile 2013, 18.22.35
14
Che dire...bei ricordi di una scena musicale che non esiste più...non il loro migliore album ma quando ho visto la rece la memoria è tornata indietro, ero poco più che bambino quando mio cugino me li fece ascoltare per la prima volta era nel lontano ormai 95 ovviamente l'album non era questo e neanche era un cd bensì una musicassetta, ma il gelo delle rasoiate di chitarra e le atmosfere cupe mi hanno travolto...
Black Face
Martedì 23 Aprile 2013, 18.51.31
13
Ah, questo disco. Vero, nettamente, inferiore a At The Heart of Winter ma per me resta una delle uscite migliori della band. Gli avrei dato un voto più alto, in linea generale d'accordo con la recensione.
piggod
Lunedì 22 Aprile 2013, 11.55.33
12
Nettamente, e ripeto nettamente, inferiore al suo predecessore, At the heart of winter, che aveva ridisegnato gli Immortal orfani di Demonaz. Lavoro, tutto sommato positivo, però rimane fra gli opus meno riusciti di Abbath e soci. For fans only. Un unico appunto alla recensione: l'unica copertina sfavillante prima dell'uscita di Damned in black è quella di At the heart of winter, le precedenti sono tutte sulla falsariga di questa. Ricordo inoltre che il box della limited edition ha una copertina decisamente migliore, sebbene non sia nulla di speciale.
Silvanus
Lunedì 22 Aprile 2013, 0.23.10
11
concordo su tutta la linea con la rece,abbastanza un autogol
SNEITNAM
Domenica 21 Aprile 2013, 19.19.02
10
Personalmente è l'album che preferisco degli Immortal senza Demonaz. Comprato appena uscito in un negozio di Udine vicino alla caserma dov'ero. Me ne andavo a casa in licenza dopo un periodo folle e di certo non dei migliori della mia vita e mentre ero accompagnato alla stazione da un mio commilitone mi sono fermato al negozio e l'ho trovato sugli scaffali nella versione cofanetto che ha un disegno veramente molto valido
mariamaligno
Domenica 21 Aprile 2013, 2.06.51
9
Giusto per specificare, quelle di At The Heart Of Winter e All Shall Fall sono indiscutibilmente le peggiori copertine degli Immortal
mariamaligno
Domenica 21 Aprile 2013, 1.54.59
8
Concordo con la rece in tutto e per tutto tranne che per quel che riguarda la copertina...le VERE copertine degli Immortal DEVONO semplicemente ritrarre la band!
Alcibiade il Maialino
Sabato 20 Aprile 2013, 19.59.44
7
Se si fossero sciolti dopo Battles in the north non avrebbero prodotto aborti che non hanno fatto altro che macchiare la loro onorata carriera. Punto
Bloody Karma
Sabato 20 Aprile 2013, 16.32.30
6
at the heart of winter manteneva le atmosfere originarie della band pur modificando il genere...da qui in poi mi han sempre detto molto poco...
enry
Sabato 20 Aprile 2013, 16.28.08
5
Non male anche se nettamente inferiore a At The Heart of Winter, un 75 comunque ci sta, sono d'accordo con la rece e con le valutazioni di Undercover.
Undercover
Sabato 20 Aprile 2013, 14.20.26
4
Buon disco, rialzarono la testa con il successivo "Sons Of Northern Darkness" e li avrebbero potuto intelligentemente chiudere e continuare a vivere di live, invece ci è toccato subire quella porcata di "All Shall Fall", preferisco ricordare come fase finale degli Immortal i primi due citati.
il vichingo
Sabato 20 Aprile 2013, 11.17.31
3
Per me l'ultimo vero capolavoro della band è quel maestoso At the heart of winter, mio disco preferito della band assieme a Battles in the North. Questo mi ha sempre detto molto poco...
doomale
Sabato 20 Aprile 2013, 9.24.28
2
Il mio pensiero è in linea con la recensione...ormai i gli Immortal erano già cambiati...La pece nera di Pure Holocaust faceva già parte del passato...Eppure il riffing heavy e l'epicita' di At the heart of winter era passata di moda nella mente di Abbath. Rimane comunque un buon album con almeno 3 o 4 pezzi imponenti e fieri (penso alle prime 2) che ancora riescono a trasmettere un minimo di gielo nordico. Mio voto 75
Sorath
Sabato 20 Aprile 2013, 9.05.02
1
Damned In Black fu una delle prime canzoni degli Immortal che ascoltai quando ero giovine, comunque l'album è ok nulla di che penso che il voto sia giustissimo.
INFORMAZIONI
2000
Osmose Productions
Black
Tracklist
1. Triumph
2. Wrath from Above
3. Against the Tide (In the Arctic World)
4. My Dimension
5. The Darkness That Embrace Me
6. In Our Mystic Visions Blest
7. Damned in Black
Line Up
Abbath (Voce, Chitarra, Synth)
Iscariah (Basso)
Horgh (Batteria)
 
RECENSIONI
50
87
73
90
83
95
90
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]