Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
HYPNO5E
A Distant (Dark) Source

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

CONCERTI

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

Mercyful Fate - Mercyful Fate
( 5312 letture )
L’esordio discografico dei Mercyful Fate, contraddistinti dall'affascinante ed inquietante figura di King Diamond e dal suo modo di cantare basato su un demoniaco falsetto -non certo una novità assoluta nella storia del rock, ma sicuramente inusuale nel panorama di allora- segnò l'irrompere sulla scena di una band e di un cantante-performer destinati a diventare leggendari. Inoltre, la scelta di legare la musica a dei testi contrassegnati da tematiche decisamente poco canoniche per quel perido si sposava perfettamente al personaggio, rendendo i Mercyful Fate una delle band più riconoscibili di quel periodo.

Questo mini album targato RaveOn deflagrò letteralmente sul mercato, stregando fin da subito tutti gli appassionati e preparando la strada al vero boom del gruppo che si avrà col successivo Long Playing. Questo certamente a partire dalla famosa cover in b/n decisamente esplicita (impossibile non notarla), ma soprattutto a causa della musica in esso contenuta, un heavy ossessivo, con ascendenze d’atmosfera riconducibile ai Black Sabbath, ma con un approccio molto moderno per l’epoca e più vicino a gruppi decisamente più pesanti. Il tutto suonato in maniera molto tecnica da parte di tutti i musicisti, con la coppia d'asce Denner/Shermann ad intrecciare riff ed assoli come da un pezzo non si sentiva e malvagiamente cantato da King Diamond. Il marchio di fabbrica dei Mercyful Fate si imprime subito nella mente dell’ascoltatore a partire dall’opener Doomed by the Living Dead, con i cambi di tempo e le accelerazioni che si sprecano e la lezione della N.W.O.B.H.M. che viene sviluppata al parossismo. Si passa poi alla canzone/manifesto A Corpse Without Soul, un loop di grande immediatezza nobilitato da una quantità industriale di assoli, mutazioni di tempo ed acuti a profusione che non ammettono repliche; l’affabulazione è già completa e ci si trova nella malefica rete intessuta dai danesi senza nemmeno rendersene conto. Nuns Have No Fun fece avere al gruppo problemi con molte radio nord-europee a causa del testo non propriamente da educande, ma questa sarà una costante della carriera del Fato Misericordioso. Non doom in senso stretto, ma un vero mid-time di una volta quadrato e roccioso, di grandissimo impatto. Si chiude con Devil Eyes, un pezzo che mette più in evidenza la sezione ritmica, ma nel quale non mancano certo il lavoro delle due asce e la stridula voce del Re Diamante.

Con questo EP, ma specialmente col successivo leggendario full length Melissa, visti i testi ed il modo di cantarli da parte del frontman, i Mercyful Fate avranno problemi di censura un po’ ovunque, fatto probabilmente in parte voluto al fine di attirare l'attenzione di quanta più gente possibile. Da rimarcare certamente anche il modo di rappresentarsi di King Diamond, il quale riportava in auge una componente horror sempre esistita nel mondo del rock e del metal in particolare portandola al parossismo, puntando con decisione su atmosfere cupe e demoniache, con ciò attirando molti ragazzi giovani, ma anche qualche orfano del periodo dei primi anni Settanta che ritrovava un certo modo di fare spettacolo sicuramente più teatrale che altro, ma sempre avvincente. Ad ogni modo, questo incendiario prodotto fu il primo, incantevole mattone di una fortezza oscura che proteggerà sempre la loro fama all’interno del movimento heavy-dark, fama che praticamente non è mai venuta meno. Il seguente Melissa, cui abbiamo già accennato, è una pietra miliare per la storia degli anni 80 e non solo, ma è da qui che tutto ebbe inizio.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
74.02 su 74 voti [ VOTA]
No Fun
Mercoledì 16 Maggio 2018, 12.34.06
20
Adoro questo disco, lo preferisco ai due successivi proprio perché più corto e tirato a mille all'ora mentre negli altri qualche pezzo mi annoia. È un vero gioiello. Simpatica anche la copertina, i personaggi incappucciati non so perché ma mi ricordano Rat-Man.
Zess
Sabato 8 Aprile 2017, 22.31.45
19
Capolavoro.
Philosopher3185
Sabato 8 Aprile 2017, 21.37.01
18
Un buon Ep con alcune pezzi di notevole caratura.
Raven
Lunedì 15 Settembre 2014, 21.26.46
17
Finalmente qualcuno che capisce un certo sistema di votazione per la rece basta sostituire le cifre finali della recensione con quella che ti interessa.
jek
Lunedì 15 Settembre 2014, 21.01.52
16
Beh se il paragone è quello scolastico con l'8 in matematica si gridava al miracolo come con le lacrime di sangue della madonna di Civitavecchia. A proposito, per curiosità qual è la rece 666
Raven
Lunedì 15 Settembre 2014, 20.49.23
15
Recensione 868 del DB. In questo caso il voto appartiene al mio primo periodo, in cui ero ancora più contenuto di adesso, in linea con il liceo classico che frequentavo in cui i voti oltre l' 8,5 erano di esistenza incerta, avvolti da un'aura di leggenda tenuta in vita solo da alcuni matematici pazzi
jek
Lunedì 15 Settembre 2014, 20.44.08
14
Non avevo commentato sto disco? Beh ne approfitto grazie alla nuova recensione della Rave N production. Non l'avevo in vinile ma duplicato in cassetta, punto di partenza per i capolavori che seguiranno. Sotto il 90 non si va.
Raven
Giovedì 27 Settembre 2012, 8.00.05
13
Già, gran bella etichetta.
The Nightcomer
Giovedì 27 Settembre 2012, 0.01.27
12
Altro lavoro da avere assolutamente, per quanto concordi sulla superiorità dei due albums "Melissa" e "Dont' Break The Oath" (ma se quelli sono da 100 questo non è da meno di 90, almeno secondo il mio modesto parere). Comunque, da possessore di molti titoli originali in vinile usciti per la Rave On, ammetto di essere sempre rimasto piacevolmente sorpreso dall'elevata qualità media di tali releases. Questa piccola label Olandese ha fatto uscire pochi dischi, ma che dischi! Mercyful Fate, Sortilege, H-Bomb Coup de Metal e Attaque), Gilgamesj, i nostrani Astaroth (già ampiamente trattati dal nostro bravo Raven), gli Evil citati da Fabio ed altri ancora. C'è da inchinarsi, davvero.
Dave Insane
Giovedì 21 Luglio 2011, 16.49.23
11
non capisco perchè non lo chiamate col suo nome ovvero: "Mercyful Fate". Inoltre questo è un EP, mi sembra evidente
BILLOROCK fci.
Giovedì 21 Luglio 2011, 16.36.26
10
rimanendo in tema, ho sempre mal sopportato gli LP, sono mini album !! un pò inutili direi !! mai come i singoli però , sono una vergogna discografica !! ciao fabio 2 !!
fabio
Giovedì 21 Luglio 2011, 16.29.19
9
Billorock ciao, facciamo come nelle figurine panini degli anni '70 - mi chiamerò Fabio II - OK? Comunque sono d'accordo con l'altro Fabio - il mini lp in questione non vale i primi due lp, anche se rimane seminale
BILLOROCK fci.
Giovedì 21 Luglio 2011, 16.16.50
8
ehi mettetevi d accordo, non possono esistere 2 fabio contemporaneamente !! rischiate di sconquassare il continum spazio temporale !!
fabio
Giovedì 21 Luglio 2011, 15.26.07
7
Vedo che c'è un fabio che è arrivato prima di me; seguendo Riva su rockerilla comprai il mini appena uscito - ne esistono due versioni una con il bordo nero ( prima tiratura ) una con il bordo bianco. C'è un'altra band danese che esordì su Rave on con un mini-lp: gli Evil ( 'Evil's message' - se no ricordo male dell'84 ); poi si eclissarono ma non erano affatto male. Good times!
Fabio
Sabato 2 Aprile 2011, 15.26.41
6
Ho sborsato parecchi soldi per avere questo vinile, è uno di quelli a cui tengo di più, anche per l'indubbio fascino, pur non trattandosi del loro migliore lavoro.
Raven
Giovedì 25 Marzo 2010, 17.14.16
5
c'è del vero.....
Enzo
Giovedì 25 Marzo 2010, 10.18.13
4
nel finale della canzone A Corpse Without Soul si nota chiaramente dove i Metallica trovarono ispirazione per Kill Em All specialmente nella musica....in effetti il lunghissimo assolo mi ricorda molto quello di Hit The Lights....
Raven
Venerdì 27 Febbraio 2009, 13.43.16
3
Giudizi lapidari ed esenziali
karmakeddon
Venerdì 27 Febbraio 2009, 13.39.57
2
DEFINITIVO
Yossarian
Domenica 17 Agosto 2008, 18.14.12
1
Meraviglioso!!!!
INFORMAZIONI
1982
RaveOn
Heavy
Tracklist
1. Doomed by the Living Dead
2. A Corpse Without Soul
3. Nuns Have No Fun
4. Devil Eyes
Line Up
King Diamond (Voce)
Hank Shermann (Chitarra)
Michael Denner (Chitarra)
Timi Hansen (Basso)
Kim Ruzz (Batteria)
 
RECENSIONI
86
80
93
94
83
ARTICOLI
17/08/2019
Articolo
MERCYFUL FATE
Il giuramento di Melissa
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]