Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Selvans
Faunalia
Demo

Bullet Ride
The Choice
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/11/18
DIVINE ASCENSION
The Uncovering

16/11/18
AFIRE
On The Road From Nowhere

16/11/18
THE SMASHING PUMPKINS
Shiny and Oh So Bright Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

16/11/18
OF GRACE AND HATRED
Toxic Vows

16/11/18
SLEGEST
Introvert

16/11/18
SACRIFICIUM CARMEN
Hermetica

16/11/18
ESBEN AND THE WITCH
Nowhere

16/11/18
AMON AMARTH
The Pursuit Of Vikings: 25 Years In The Eye Of The Storm

16/11/18
ARTILLERY
The Face Of Fear

16/11/18
SKULL PIT
Skull Pit

CONCERTI

15/11/18
BRANT BJORK
SPAZIO 211 - TORINO

15/11/18
LACUNA COIL + AMBERIAN DAWN
SANTERIA - MILANO (MI)

15/11/18
IGORRR
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

16/11/18
MYSTIFIER + CRAVEN IDOL
CENTRALE ROCK PUB - ERBA

16/11/18
SIRENIA + TRIOSPHERE + GUEST TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/11/18
SHINING (NOR) + ALITHIA
LEGEND CLUB - MILANO

16/11/18
SISKA
BIRRERIA TRENTI - POVE DEL GRAPPA (VI)

16/11/18
IGORRR
SPAZIO211. BUILT TO R-ESIST AREA - TORINO

16/11/18
ELECTRIC WIZARD + CARONTE
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

16/11/18
MADNESS OF SORROW
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

Revel in Flesh - Manifested Darkness
( 1355 letture )
Manifested Darkness è la seconda fatica dei tedeschi Revel In Flesh, duo death metal con forti influenze svedesi e classiche. Con il precedente Deathevokation, risalente all’anno scorso, il gruppo aveva mostrato idee più solide e concrete e il lavoro aveva riscosso pareri molto positivi dalla critica; nonostante il loro fosse un sound di smaccata ispirazione Entombed e Grave, erano riusciti a mantenere una certa originalità compositiva. Tutto ciò è andato perduto in Manifested Darkness.

Le nove tracce dell’album (dieci se consideriamo la bonus track) sono tutte realizzate con una tecnica basilare: (i soliti) accordi liberi e dissonanti, (le solite) plettrate veloci che compongono melodie che appaiono come roba già sentita, accompagnate da un basso inesistente e da una batteria monotona.
Le canzoni si mantengono tutte sotto le aspettative, dominate dalla buona prova del cantante che sfoggia un growl gutturale e uno scream graffiato degni di nota. Sotto questi però, gli strumenti non combinano nulla di esaltante.

L’iniziale Revel In Flesh ricalca alla perfezione quanto detto, diventando dopo due minuti molto noiosa e ripetitiva; le due seguenti tracce, molto simili fra di loro, non fanno che accentuare questo discorso, senza portare nulla di nuovo, nulla che suggerisca all’ascoltatore di andare avanti. Io stesso ho continuato solo per risultare professionale e dare un parere oggettivo sul lavoro completo. Ma se avessi acquistato l’album senza essere recensore, suppongo avrei già staccato alla terza traccia.

E’ anche inutile fare un discorso track-by-track, rischierei sinceramente di annoiarvi. Utilizzerei troppo spesso le parole "poca tecnica", "troppe parti cantate", "melodie già sentite", "metrica scontata", "ripetitivo". Ecco perché mi limito a spendere le ultime parole su questo controverso Manifested Darkness che non porta nulla di nuovo nel mondo della musica e, come se non bastasse, non fa che abbassare la media qualitativa di una band che col suo precedente lavoro aveva buone possibilità di sfondare.

Il songwriting non risulta vario, le canzoni sono talmente omogenee fra di loro da sembrare tutte simili l’una con l’altra (forse è questo l’espediente che dona all’album una connotazione piatta e invariata). La produzione supera appena la sufficienza, dai suoni (probabilmente mantenuti di proposito in old style) ai volumi (la voce, pur essendo l’elemento primario della band, non spicca, le chitarre sono impastate e le varie componenti della batteria si distinguono con difficoltà).

Urgono cambiamenti drastici per i Revel In Flesh, altrimenti rischiano di crollare nel baratro dei gruppi che non hanno mai dato niente al mondo del metal e verranno chiamati come gruppo di supporto a una garage band per suonare alla festa di compleanno di qualcuno che manco li pagherà.
Una nota positiva: bella copertina. Per il resto, sconsigliato.



VOTO RECENSORE
52
VOTO LETTORI
87 su 2 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Martedì 30 Maggio 2017, 11.59.32
1
Voto impietoso, per me è un onesto gruppo di Death metal svedese, altamente consigliati per chi ama l'old school, con produzioni un po' più moderne, un 70 lo merita alla grande.
INFORMAZIONI
2013
F.D.A. Rekotz
Death
Tracklist
1. Revel in Flesh
2. Dominate the Rotten
3. Deathmarch
4. Manifested Darkness
5. Torment in Fire
6. The Maggot Colony
7. Operation Citadel
8. Warmaster
9. Rotting in the Void
10. Twisted Mass of Burnt Decay (bonus track)
Line Up
Haubersson (Voce, chitarra, basso)
Maggesson (Chitarra, batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]