Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Cannibal Corpse - Vile
( 4530 letture )
Julia Valet era (ed è) di una bellezza mozzafiato. La guardavo mentre parlava sensuale sdraiata a piedi nudi su un divano di fronte a una telecamera.
Per me quello era il momento televisivo migliore della settimana perché soltanto MTV - Superock trasmetteva (a rotazione) video metal.
Lo registravo sulle VHS perché finiva troppo tardi la sera, così poi me lo sarei potuto gustare con calma: mandavo avanti i video che non mi interessavano e mi fermavo - spesso a ripetizione ossessiva - sui gruppi che più mi esaltavano.
Un giorno passò il video di un gruppo che non conoscevo; FFWD sul telecomando, finché nel pentolone di immagini che scorrevano veloci pescai quella di un cantante che vomitava sangue davanti al microfono.
Stop. Mandai indietro. Play. Cannibal Corpse, Devoured By Vermin. Magnetico. Ne rimasi scioccata e affascinata.

All’epoca e in quel preciso momento non lo sapevo, stavo ascoltando l’opener di Vile, quinta unità degli statunitensi Cannibal Corpse.
Un album che segna un importante cambio all’interno della line-up: Chris Barnes, voce storica del quintetto, viene sostituito da George "Corpsegrinder" Fisher (e so che i miei colleghi se lo aspettano, ma no, non lo chiamerò "Giorgino", ho una dignità da rispettare).
Vile è un elaborato folle, violento, pesante e brutale. Un’overdose di potenza mostruosa che nulla toglie a tecnica e orecchiabilità.
Il suono è stretto, snello, aderente a una cattiveria ben espressa; ogni strumento è una scarica di energia martellata in faccia.
Il lavoro di chitarra è competente, esperto e preciso; i riff creano delle stratificazioni carnose e ben distinte, affilate come rasoi. Innegabile, la whammy bar è usata in modo massiccio ma la texture sonora cuce partizioni dai suoni ficcanti e famelici, annega definitivamente quei moduli pasticciati e confusi che sì, soddisfacevano la voglia di sporco e ferocia, ma rimanevano debitori di fronte a qualità, abilità esecutive e impatto.
Il talento di Alex Webster è tanto incontestabile quanto lampante. Nonostante il genere tenda un po’ a non dare la giusta luce al suono del basso, in quest’album le cinque corde di Alex sono assolutamente udibili, muscolose, autorevoli, manifestando un’abilità eccellente ed un impegno ragguardevole. Sfamano, completano una struttura altrimenti carente e manchevole e ti rimbalzano addosso con un appagamento inaspettato.
Anche Paul si difende dignitosamente. Grazie al nuovo suono dei Cannibal Corpse riesce a palesare tutta la sua creatività e la sua professionalità, il che fornisce una base solida per l’elaborazione di un sound più coinvolgente e deciso: nel periodo "pre-Vile" non ebbe molto spazio per lo sviluppo del suo drummin’ perché le canzoni erano molto semplici e poco orientate a un’interpretazione più personale. Ora, blastbeat duri e lucidi come marmo, ritmiche calzanti, tamburi che esplodono in un’aggressività che non si disperde superficialmente ma che ti colpisce spietatamente.
La batteria si calibra fedelmente al vocalism di George Fisher.
Qui il mondo dei Cannibalcorsper si divide a metà. C’è chi rimpiangerà per sempre Chris Barnes e la sua vocalità indecifrabile, magmatica, nera e puzzolente come bitume torrido. E chi, come me, trova ormai insostituibile George Fisher, dalla voce possente, paradossalmente pulita, chiara, netta.
Canta un growl che veste alla perfezione i testi, riesce in un unico respiro a esprimere sezioni gutturali-selvagge e urla acide-infette. Il timbro è più alto rispetto a quello di Barnes ma trovo che la resa sia più efficace e incisiva. La sua estensione vocale si esprimerà al meglio negli album successivi, ma le sue variazioni (strilli taglienti e acuti e growl cavernosi e spaventevoli) rendono l’intero lavoro dinamico e penetrante.
(Svestendo per un attimo i panni del redattore e rimanendo per un paio di righe in confidenza tra me e te, posso onestamente dirti che Chris non mi è mai piaciuto. Ma proprio nulla. Pur adorando i suoni marci e lerci, trovo che Barnes emettesse solo dei rutti senza spina dorsale e senza personalità, ridicoli e senza talento e siccome ormai ci stiamo dicendo tutto, secondo me il suo vocalism ha sempre strozzato un po’ il risultato dei Cannibal Corpse e se fosse rimasto lui ci saremmo trovati tra le mani un rilascio alla Six Feet Under maniera. No, grazie).

La produzione è discreta, piuttosto asciutta ma ragionevole. Come scrivevo prima, il basso è ben udibile, il suono delle chitarre è buono anche se si sarebbe potuto migliorare, rendendolo a mio gusto un po’ più pesante, i tamburi suonano abbastanza bene, la voce di George è impressionante. Solo alcuni passaggi li ho trovati un pelo impantanati, ma non voglio fare la sofistica di fronte a un rilascio brutal metal datato 1996.
Avrei voluto spendere qualche parola sulle liriche ma mi rendo conto di essere stata fin troppo prolissa. In tre parole, tutti i brani "sono tanta roba".
L’intera portata di Vile è monolitica, straordinaria, disumana.
Una release sorprendente, la chiave di volta nel percorso della band e una pietra miliare nella storia del brutal, in perfetta coesione con i capolavori americani death e brutal di quei lontani anni ’90.

E no, tutto questo quando vidi quel video per la prima volta non lo sapevo.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
88.18 su 11 voti [ VOTA]
Mulo
Mercoledì 13 Settembre 2017, 19.50.39
41
Preso appena uscito,piaciuto allora e mi piace tutt'ora! Devoured by vermin è un superclassico,ma tutto il disco è molto dinamico e si ascolta con piacere (oltretutto è suonato benissimo). Per me 80/100
Andrea \\\
Mercoledì 26 Aprile 2017, 17.16.17
40
Bel disco ma non mi fa impazzire il cantato, e non penso proprio barnes fosse il loro punto debole anzi, in butchered e tomb da il meglio di se, un growl totalmente inumano che resterà negli annali, a me piace così, de gustibus...
gianmetal
Sabato 18 Giugno 2016, 16.52.22
39
album con i controcoglioni,come del resto ogni lavoto trgato cannibal corpse.Io pur apprezzando i lavori sotto barnes,ho incominciato ad amarli con george alla voce.Questo è il primo ed è per me il migliore.Voto 90
VecchioThrasher
Martedì 15 Settembre 2015, 21.38.37
38
eheheheheheheh qui George fisher si fa sentire!! BRUTAL!
Marco 75
Martedì 2 Giugno 2015, 12.28.24
37
Condivido in pieno il giudizio di Ilaria su Barnes, per me era il punto debole dei Cannibal Corpse, eccessivamente monotono e statico, il suo cantato mi è sempre sembrato il latrato di un cane con la raucedine, e probabilmente lui lo prenderebbe come un complimento...comunque i C.C. hanno fatto la storia di questo genere musicale, su questo non ci piove.
Galilee
Mercoledì 18 Marzo 2015, 11.21.28
36
Andrò contro corrente ma a me questo disco non ha mai detto molto. L'ho sempre trovato noioso e a tratti poco ispirato, con song troppo facilone per il genere è nemmeno troppo coinvolgenti considerando gli standard di orecchiabilità. Forse è il disco che apprezzo meno dei Cannibal corpse. Preferisco l'era Barnes in tutto e per tutto, ma apprezzo abbastanza anche il secondo perio. I dischi preferiti però sono tutt'altri. Bloodthirst, Gallery of suicide( in parte..) e Kill in primis.
Steelminded
Sabato 18 Ottobre 2014, 21.10.30
35
ah per quanto riguarda l'album, non mi è piaciuto. Non dico altro.
Steelminded
Sabato 18 Ottobre 2014, 21.08.51
34
Troppo critica nei confronti di Barnes, ai limiti dell'accettabile... Bene elogiare Fisher, che lo merita... ma per il resto non condivido...
Metal (Porcellone) Maniac
Domenica 12 Maggio 2013, 1.36.53
33
wowowowowow!!! me la immagino già la cucciolona irastrana che scodinzola festante con la linguetta di fuori per gli apprezzamenti ricevuti!!!
Irastrana
Sabato 11 Maggio 2013, 13.03.02
32
wowowowowow!!! sono davvero felice che vi sia piaciuta la rece (scondinzolo tutta!!), vi ringrazio per gli apprezzamenti, ma la soddisfazione maggiore viene dal fatto che condividiamo insieme la stessa passione per questo album straordinario!!
brainfucker
Lunedì 6 Maggio 2013, 19.17.21
31
ilaria mi piacciono un sacco le tue rece..sono molto più confidenziali e della serie "chiacchere tra amici"..inoltre la rece rende giustizia alla qualità di questo grande album!
Death Fox
Lunedì 6 Maggio 2013, 10.47.47
30
Bè qua andiamo su pesi massimi..tecnica e brutalità cosa chiedere di più...non il migliore ma quando si parla dei cannibal dei primi 7-8 album sotto al 90 per me non si va...
Andy \\\'71
Lunedì 6 Maggio 2013, 7.45.53
29
Complimenti per l'ottima rece,ricordo anch'io Superock eheheheh.....Io preferisco il periodo Barnes,ma ciò non toglie che questo sia un disco pazzesco!Voto giustissimo!
Osvàldo
Domenica 5 Maggio 2013, 23.42.07
28
Statici i Cannibali Corpse pre Fisher?..ma se dopo Vile hanno fatto un album più piatto dell altro!!la prendo per una battuta ironica dai..nel senso che sono i Cannibali Corpse pre Fisher che non si discutono per niente!! Comunque questo è un gran bell album!
Numbered Days
Domenica 5 Maggio 2013, 21.23.40
27
mamma mia quando parte Devoured By Vermin!!!!! Per partenza quest'album è secondo solo a Tomb of the Mutilated con l'intoccabile Hammer Smasehd Face. Voto 88
Radamanthis
Domenica 5 Maggio 2013, 20.25.13
26
si redazione un cazzo...recensione...scusate!
Radamanthis
Domenica 5 Maggio 2013, 20.24.51
25
Si sa che i cannibal corpse non rientrano nei miei gruppi preferiti così come il brutal / extreme non rientra certo tra i miei generi preferiti essendo più orientato al metal con derivazioni classiche ma non posso fare altro che complimentarmi con la redattrice per la bella redazione.
Irastrana
Domenica 5 Maggio 2013, 20.05.38
24
dai Metal (Sexual) Maniac ci sta tutto! Denak anche tu le registravi sulle VHS da 120? così ci stavano più video io invece grazie alla Julia scoprii poi i satyricon
Metal (Sexual) Maniac
Domenica 5 Maggio 2013, 20.00.00
23
...invece io è proprio grazie a super rock che ho scoperto julia valet...
Denak
Domenica 5 Maggio 2013, 19.50.09
22
Cazzo Ilaria, mi sono rivisto totalmente nelle prime 12 righe della recensione!!!!! ricordo di avere scoperto anche i celtic frost grazie a julia valet, che ricordi...
Irastrana
Domenica 5 Maggio 2013, 19.47.57
21
DK: ti ricordi??!! purtroppo programmi del genere non ne fanno più, BUUUUUU!!!!!!
Irastrana
Domenica 5 Maggio 2013, 19.47.07
20
Anto, se sono arrivata fin qui musicalmente è grazie a te!
Irastrana
Domenica 5 Maggio 2013, 19.46.45
19
Davos, secondo te davvero Vile è statico a livello compositivo? cosa intendi? forse più statici erano i cannibal pre-fisher, no? fammi capire!
Davos Seaworth
Domenica 5 Maggio 2013, 16.17.25
18
Il mio lavoro preferito dei Cannibal dell'era Corpsegrinder, Perverse Suffering è probabilmente il loro pezzo che più mi garba...però,numericamente, lo ranko "solo" sul 7,5...sarà per la loro staticità compositiva ma per quanto mi riguarda di veri masterpiece i Cannibal non ne hanno mai composti a parte forse The Bleeding...piuttosto, come capolavori del death metal, non indugerei a indicare Millennium e Imperial Doom dei Monstrosity, gruppo in cui cantava Corpsegrinder prima di approdare nei CC
Er Trucido
Domenica 5 Maggio 2013, 15.34.11
17
Certo Lambru, era solo per sottolineare che siamo a conoscenza di certe mancanze e che provvederemo.
LAMBRUSCORE
Domenica 5 Maggio 2013, 15.29.28
16
Trucido, hai capito il mio senso ironico ma non offensivo, credevo che qualcuno se la prendesse....
freedom
Domenica 5 Maggio 2013, 11.52.47
15
Uno dei capolavori dei CC. Ne possiedo una copia in bella mostra nella mia collezione con tanto di autografo di Corpsegrinder...che ricordi! Un disco da 90 come minimo.
dK
Domenica 5 Maggio 2013, 11.49.32
14
ahaha meraviglioso! anch'io ricordo di aver visto/registrato/rivisto fino allo sfinimento quella puntata di Superock, se non sbaglio la stessa in cui conobbi anche i Meshuggah!
Sorath
Domenica 5 Maggio 2013, 11.09.41
13
E va bene Ilaria mi hai convinto ad acquistare il vinile di questo album.
Er Trucido
Domenica 5 Maggio 2013, 11.06.54
12
Beh dai Lambru quelli sono stati fatti in contemporanea con l'uscita, i rispolverati hanno le loro tempistiche. Tomb arriverà prima o poi, ti pare che possiamo dimenticarci un disco così?
LAMBRUSCORE
Domenica 5 Maggio 2013, 11.01.43
11
Buon disco, ma dico, ci sono le recensioni degli ultimi -per me- inutili 3 o 4 dischi....e non c'è ancora quella della tomba del mutilato???? Tiratina di orecchie....o di capezzoli se preferite, heheeee...
antotuofra
Sabato 4 Maggio 2013, 19.03.09
10
brava! una buona recensione!
Giasse
Sabato 4 Maggio 2013, 18.52.04
9
Sto con Undercover ed enry. L'album e' ottimo, sia in termini tecnici (ritmica su tutto) sia in termini creativi, ma da qui in poi non sono piu i Cannibal Corpse. Per me Tomb e' inarrivabile!
enry
Sabato 4 Maggio 2013, 17.48.15
8
Quoto Undercover, fin qui praticamente perfetti anche se a gusto personale The Bleeding e Tomb of the Mutilated stanno un pelo sopra. Dopo questo un po' altalenanti con anche un paio di album niente di che...Vile, Gallery e Kill per me i migliori dell'era Fisher.
doomale
Sabato 4 Maggio 2013, 14.23.06
7
Ottima recensione che dipinge abbastanza fedelmente l'album!!album comprato a scatola chiusa appena uscito e subito visti all'opera in quel di frontiera..mi piace abbastanza ma PERSONALMENTE penso che 90 sia un pò alto come voto..un 80 glielo do pieno..ma per ME i capolavori dei cannibali sono quelli con Chris Barnes assolutamente!
Undercover
Sabato 4 Maggio 2013, 14.14.30
6
Per me sino a quest'album i Cannibal sono stati pressoché perfetti anche se non c'è un solo disco che mi dispiaccia della loro discografia. Inossidabili, sono un'icona dal quale prendere esempio. In questo capitolo oltrettutto suona Barrett e io ho un debole per il suo modo di suonare, cosa che mi fa preferire anche nei Malevolent Creation l'accoppiata Fasciana/Barrett al di sopra di tutte quelle che si sono avvicendate negli anni.
Resurrection
Sabato 4 Maggio 2013, 12.45.59
5
Mai sopportato il periodo Barnes che, ad eccezione dell'ottimo The Bleeding, mi ha sempre annoiato parecchio. Questo Vile invece è il disco che preferisco in assoluto nella discografia dei CC.
il vichingo
Sabato 4 Maggio 2013, 11.44.51
4
Quoto Heavy metal is the law.
Er Trucido
Sabato 4 Maggio 2013, 11.08.37
3
Il primo dei cannibali che ascoltai (quindi possiamo dire che anche per me Devoured fu la prima ) magnifico, tanti ricordi legati ad esso.
MrFreddy
Sabato 4 Maggio 2013, 11.06.20
2
Ottima recensione per un album imperdibile, tra i migliori in casa Cannibal Corpse. E, anche se col tempo e l'esplorazione dei sempre più putridi meandri brutal death mi sono molto affezionato al cantato "più estremo" di Chris, la voce di Corpsegrinder è perfetta per i Cannibal, è lui la grande voce del gruppo!
hm is the law
Sabato 4 Maggio 2013, 10.51.40
1
Che disco! Per me uno dei migliori del gruppo!
INFORMAZIONI
1996
Metal Blade Records
Brutal
Tracklist
1. Devoured By Vermin
2. Mummified In Barbed Wire
3. Perverse Suffering
4. Disfigured
5. Bloodlands
6. Puncture Wound Massacre
7. Relentless Beating
8. Absolute Hatred
9. Eaten From Inside
10. Orgasm Through Torture
11. Monolith
Line Up
George "Corpsegrinder" Fisher (Voce)
Jack Owen (Chitarra)
Rob Barrett (Chitarra)
Alex Webster (Basso)
Paul Mazurkiewicz (Batteria)
 
RECENSIONI
80
82
79
87
80
79
80
90
90
91
93
s.v.
80
ARTICOLI
03/05/2016
Live Report
CANNIBAL CORPSE + KRISIUN + HIDEOUS DIVINITY
Alcatraz, Milano, 01/05/2016
02/12/2014
Live Report
CANNIBAL CORPSE + REVOCATION
New Age Club, Roncade (TV), 25/11/2014
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
25/02/2012
Live Report
CANNIBAL CORPSE + BEHEMOTH + LEGION OF THE DAMNED + MISERY INDEX
Estragon, Bologna, 21/02/2011
21/02/2012
Live Report
CANNIBAL CORPSE + BEHEMOTH + LEGION OF THE DAMNED + MISERY INDEX
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 16/02/2012
07/03/2007
Live Report
CANNIBAL CORPSE
Estragon, Bologna, 28/02/2007
23/03/2004
Articolo
CANNIBAL CORPSE
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]