Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

22/11/19
AVATARIUM
The Fire I Long For

22/11/19
BLOOD EAGLE
To Ride In Blood & Bathe In Greed - Part III

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden History Of The Human Race

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
SKYBLOOD
Skyblood

CONCERTI

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR + RED RIOT
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

22/11/19
HADDAH + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

22/11/19
SAKEM + GUESTS
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

22/11/19
THE END AT THE BEGINNING + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

23/11/19
EARTH
TPO - BOLOGNA

23/11/19
HELLUCINATION + JUMPSCARE
PHOENIX FEST - FORMIA (LT)

23/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
REVOLVER - SAN DONÀ DI PIAVE (VE)

Fallen - A Tragedy’s Bitter End
( 4285 letture )
La colonna sonora del dolore di una processione funebre...una litania che canta del dolore di chi vive e piange chi non c'e' piu', e si crogiola nei ricordi felici di un tempo...i Fallen hanno composto il loro album di debutto, e raccontano "l'amara conclusione di una tragedia", la tragedia di chi e' caduto in battaglia, di chi e' abbandonato, di chi si e' suicidato... Aftermath Music definisce i Fallen come "atmospheric funeral doom metal", e mentre io preferisco il piu' generico "doom", devo ammettere che questo apparente contrasto di termini (il funeral doom metal e' ben lontano dall'essere "atmosferico") non e' stato scelto in modo erroneo, perche' nonostante il feeling imperante in questo disco sia davvero disperato e funesto, i Fallen sanno creare atmosfere piu' dolci, quasi delicate, che ti fanno comprendere che esiste ancora un po' di speranza e di toccante malinconia nel mondo, e che dopo il terribile dolore di una perdita, il tempo lenisce le ferite.
Prima di tutto, ci tengo a sottolineare che, contrariamente al classico concetto del doom che si ha ultimamente, la voce di Otteresen non e' in growling (scelta invece tipica delle doom/death band), bensi' sempre pulita, ed e' veramente notevole, perche' riesce a diventare davvero profonda e intensa, ai limiti delle possibilita' delle corde vocali, senza dover sfociare nel gutturale : nel contempo, i Fallen creano brani avvolgenti, ammalianti, che, se non ascoltati superficialmente (ma chi apprezza il doom metal NON ascolta i dischi superficialmente, perche' la musica del destino ha bisogno di concentrazione e completa disponibilita' interiore da parte dell'ascoltatore, per essere apprezzata), creeranno nella vostra mente immagini...immagini di un viso piangente e delle lacrime che scorrono lungo il viso e vengono poi asciugate da un fazzoletto, immagini di una persona che siede da sola, rannicchiata, a guardare il tramonto, e condividerete con lui i suoi pensieri dolorosi...
I Candlemass di "Nightfall", i Cathedral di "Forest of equilibrium", i St. Vitus (piu' in generale) sono la parte piu' oscura e disperata dei Fallen, quella del vero destino avverso, della morte come unico scopo della nostra misera esistenza, mentre i My Dying Bride di "The Angel and the dark river" e di "Turn loose the swans" sono la meta' piu' toccante, malinconica, e piangente, ma sempre con lo sguardo rivolto al futuro, per lasciare dietro di se', dopo aver pianto lacrime amare, il passato.
Queste due meta' vanno a braccetto, si compenetrano, si alternano, si parlano, si plasmano, e danno voce ai sentimenti dei Fallen, che sono sentimenti veri, sinceri, che toccano il cuore di ognuno di noi con grande delicatezza e intensita'. Chi non ha paura di provare emozioni vere, ricordare il passato, e magari versare lacrime di commozione, puo' avvicinarsi, con il cuore palpitante, a questo struggente disco...e ascoltando la conclusiva "The Funeral", vi tornera' alla mente il finale dell'Infinito di Leopardi, che e' il perfetto suggello per spiegare cioe' che proverete durante l'ascolto : "Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare".



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
38.17 su 35 voti [ VOTA]
Baltar71
Sabato 4 Ottobre 2014, 7.45.03
2
Sono da poco entrato nel mondo del funeral/doom/ metal, questo disco è tra i miei preferiti.
Giasse
Lunedì 20 Giugno 2011, 23.03.53
1
Uno dei pochi dischi che riesce a placare la mia continua sete di malinconia... La declinazione sconsolante dei Funeral. Un capolavoro da avere assolutamente!
INFORMAZIONI
2005
Aftermath Music
Doom
Tracklist
1. Gravdans
2. Weary And Wretched
3. To The Fallen
4. Morphia
5. Now That I Die
6. The Funeral
Line Up
Kjetil Ottersen - vocals, synth e piano
Christian Loos - guitars
Anders Eek - drums

www.funeral-doom.tk
www.aftermath-music.com
ruholm@online.no
 
RECENSIONI
ARTICOLI
15/04/2018
Live Report
NOVELISTS + LANDMVRKS + PROSPECTIVE + DEFALLEN PROPHECY + WHERE STARS COLLIDE
15/04/2018 - Arci Tunnel Reggio Emilia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]