Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Destrage
The Chosen One
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/06/19
BLOODY HAMMERS
The Summoning

26/06/19
H.E.A.T
Live at Sweden Rock Festival

26/06/19
ROB MORATTI
Renaissance

27/06/19
ORDER OF THE EBON HAND
VII: The Chariot

28/06/19
HOLY TIDE
Aquila

28/06/19
TURILLI/LIONE RHAPSODY
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)

28/06/19
HE IS LEGEND
White Bat

28/06/19
DREAMS IN FRAGMENTS
Reflections Of A Nightmare

28/06/19
DENIAL OF GOD
The Shapeless Mass

28/06/19
VICTIMS
The Horse And Sparrow Theory

CONCERTI

25/06/19
LACUNA COIL + DAWN OF MEMORIES
PARK NORD STADIO EUGANEO - PADOVA

25/06/19
FLOGGING MOLLY + DESCENDENTS
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

25/06/19
CANNIBAL CORPSE + SADIST
Parma Music Park c/o Villa del Fulcino - Parma

27/06/19
SLIPKNOT + AMON AMARTH + TESTAMENT + TRIVIUM + LACUNA COIL + ELUVEITIE + GUESTS TBA
ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

27/06/19
ELUVEITIE
SONIC PARK - BOLOGNA

27/06/19
KADAVAR (GER) + THE OBSESSED + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

29/06/19
GODS OF MEL
LOCALITA' PIAN DEL TORO - MEL (BL)

02/07/19
KISS
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

04/07/19
CROWBAR + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

05/07/19
ROCK THE CASTLE (day 1)
CASTELLO SCALIGERO - VILLAFRANCA (VR)

Uriah Heep - The Magician`s Birthday
( 5182 letture )
Era il 1972 e gli Uriah Heep stupivano ancora una volta il mondo intero col quinto album in soli tre anni di attività, che dava inizio ad un decennio glorioso che avrebbe portato a grandi successi e gradite conferme. La band originaria del Regno Unito contribuì a definire un periodo storico fatto di grandi cambiamenti dal punto di vista degli stili musicali: gli anni Settanta, su un piano generale, hanno segnato il passaggio dalle sonorità blues rock di fine anni Sessanta alle varie forme di rock più duro nate in seguito, dal prog tipico di quegli anni dei vari Genesis, King Crimson o Jethro Tull (gruppi molto diversi tra loro ma raggruppabili nello stesso filone) all’heavy metal di Iron Maiden e Judas Priest emerso principalmente nel decennio successivo. In tutto questo, gli Uriah Heep riuscirono a stare sempre al passo coi tempi, dando vita ora ad album di puro hard rock, ora ad altri con più evidenti influenze prog, altri ancora, più tardi, a stretto contatto con l’heavy metal. The Magician’s Birthday può essere definito senza troppe esitazioni come la prova in studio più vicina alle sonorità prog di quel decennio. Pur mantenendo la sua essenza hard rock, l’album mostra infatti ben più di una leggera volontà di muoversi attraverso percorsi fino a quel momento esplorati solo in parte. Forti di una formazione tra le più conosciute della loro carriera, composta per tre quinti dai membri fondatori, ovvero il vocalist David Byron, il chitarrista Mick Box (l’unico ad essere sempre presente dal 1969 ad oggi) ed il tastierista Ken Hensley, e completata da Gary Thain al basso e Lee Kerslake alla batteria, i cinque inglesi immettono sul mercato mondiale quello che per molti è considerato il masterpiece di un’intera carriera, a volte comparato al precedente Demons & Wizards, altre volte superato proprio da quest’ultimo in un’ipotetica classifica di gradimento. Sia chiaro: il paragone è legato solo alla scala di valori, non ai contenuti effettivi dei due album in questione, in quanto differenti tra loro sotto svariati aspetti. Maggiori sono infatti, nel nostro caso, le componenti prog, mentre meno marcata è la vena hard rock tipica del gruppo inglese.

Tastiere e batteria dai toni appena accennati ci introducono Sunrise, la prima gemma dell’album. È la voce di Byron, soave ed armoniosa come sempre, a trasportarci lungo tutta la sua durata, con un insieme di suoni maestosi e un crescendo che si conclude solamente negli ultimissimi secondi del brano. Più diretta e vivace la successiva Spider Woman, canzone fortemente legata al sound tipico della band inglese, a cui segue Blind Eye, episodio dal ritmo curioso e frizzante, che si lascia ascoltare assai piacevolmente pur senza eccedere particolarmente all’interno della tracklist. Il meglio deve ancora arrivare ed è rappresentato dalle fenomenali Echoes in the Dark, che tanto ricorda i Pink Floyd per il suo essere psichedelica e struggente allo stesso tempo, canzone dall’incedere accattivante grazie ad un’ottima prova di Thain e Kerslake, e Rain, ballata strappalacrime che evidenzia il lato più dolce della già meravigliosa voce di David Byron. Di notevole fattura anche Sweet Lorraine, brano che nel vinile apriva il lato B, un hard rock dai toni vivaci costruito attorno alle tastiere di Hensley, tra l’altro autore e compositore principale della maggior parte delle canzoni qui presenti. Torna la componente psichedelica in Tales, canzone dai toni bassi e magistralmente narrata dalla voce di Byron, preludio a quella lunga ed articolata composizione che è la titletrack. Lunga ed articolata, ma anche travolgente ed arrembante, visionaria e spassionata, con all’interno un breve intermezzo in cui il batterista Lee Kerslake si cimenta in un’improvvisazione col kazoo intonando la melodia di Happy Birthday to You e, poco dopo, sempre Kerslake si prodiga in un prolungato assolo dietro le pelli, sorretto dalla chitarra impazzita di Mick Box, che collega la prima parte di canzone a quella conclusiva. Come in un gioco di luci, dove è difficile cogliere le sfumature di ognuna di esse, The Magician’s Birthday ci trasporta in un viaggio di colori ed atmosfere mai uguali tra loro, ora ben presenti dinnanzi ai nostri occhi, ora sfuggevoli e remote.

Prodotto da Gerry Bron, fondatore dell’etichetta inglese Bronze Recods, sorta soltanto l’anno prima, registrato tra il settembre e l’ottobre del 1972 e pubblicato il mese successivo, The Magician’s Birthday rappresenta una tappa fondamentale per gli Uriah Heep. La scia fortunata di grandi dischi continuerà ancora per alcuni anni, con una band capace di mostrare una prolificità non da poco, fino al calo di fine decennio, con alcuni rimaneggiamenti in line-up ed alcuni sfortunati eventi che hanno fatto seguito. Ma la magia di quest’album resta inossidabile tutt’oggi, a distanza di oltre quarant’anni, segno del fatto che la musica riesce ancora nel suo intento primordiale di suscitare emozioni ed accrescere la nostra passione. Un capolavoro è per sempre.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
93.22 su 27 voti [ VOTA]
Aceshigh
Mercoledì 7 Novembre 2018, 15.24.58
14
Anno magico il 1972 per gli Uriah Heep, che pubblicano i loro due capolavori più famosi a distanza di 6 mesi l'uno dall'altro. Difficile trovare l'apice in un album come questo... La spettacolare title-track con le sue tante sfaccettature, mischiando hard rock, prog e psichedelia, probabilmente riassume un po' l'intera opera; ma come non ricordare la delicata Rain, la più hard Sweet Lorraine, o la celeberrima opener Sunrise, con un magistrale David Byron, singer che faceva venire i brividi ogni volta che apriva bocca! Voto 92
Rob Fleming
Domenica 21 Febbraio 2016, 16.08.45
13
In effetti pura magia traspare da questi solchi. Ogni canzone è un capolavoro. Quindi mi limiterò a citare la ballata Rain, la pinkfloydiana Echoes in the dark e la TT in cui pop, hard rock acido e psichedelia convivono in caleidoscopio di emozioni. Per me il loro vertice assoluto. 100
macigno
Venerdì 15 Novembre 2013, 14.47.56
12
ottimo album voto 95
Fly 74
Martedì 28 Maggio 2013, 22.04.05
11
Possiedo The magician's birthday in musicassetta, acquistata al mercato del mio paese tanti anni fa. Provoca sensazioni di libertà, magia, tranquillità, distacco dalla materialità, benessere, purezza e visionarietà. Indimenticabile.Voto 90.
Sudparadiso
Martedì 28 Maggio 2013, 20.54.29
10
Quoto The Nightcomer e Lorin.Dischi come questi dovrebbero essere imparati a memoria come l'alfabeto.. Tra i miei preferiti degli Uriah Heep Voto 90.
The Nightcomer
Martedì 28 Maggio 2013, 15.41.08
9
Mi aggiungo al novero di estimatori di questo gruppo e dell'album in oggetto. LORIN, sono spiacente quanto te che molti dischi storici qualitativamente rilevanti vengano spesso ignorati da diversi frequentatori della webzine (suppongo di giovane età), ma l'importante è che se ne parli e ne rimanga traccia; chi vorrà approfondire avrà sempre tempo per farlo.
Le Marquis de Fremont
Lunedì 27 Maggio 2013, 11.17.29
8
Beh, non per spocchia ne perché "chiamato" da Monsieur LORIN, ma perché a quel tempo, album come questo, venivano letteralmente consumati, a forza di ascolti. Grande musica, anche per le contaminazioni prog, che nel 1972 erano quasi un obbligo. Questa comunque per me, è la formazione migliore degli Uriah Heep. Come copertina, preferisco Demons & Wizards, a mio avviso, molto più nello stile classico di Roger Dean. Allora si facevano grandi album e grandi copertine. Peccato che i vinili si sfasciavano presto... Au revoir.
Masterburner
Lunedì 27 Maggio 2013, 10.41.46
7
Surnise è il capolavoro di questo album, o almeno il pezzo che amo di più. Poi lo dirò sempre, Byron è stato uno dei più grandi cantanti di sempre, uno che ha oltre alla voce anche quella magia che appartiene solo a pochi.
LORIN
Domenica 26 Maggio 2013, 19.48.13
6
Non riesco a credere che un disco come questo, in un sito come questo, abbia solamente 5 commenti. Sta cosa mi rattrista veramente e da ragione al Vichingo di quando nel forum parla di cultura musicale..........chiedo scusa ma non riuscivo a non scriverlo, lo dovevo dire.
LAMBRUSCORE
Domenica 26 Maggio 2013, 9.39.49
5
Gruppo che per me ha scritto grandi pezzi , ma alcuni mi fanno venire sonno, gli do la sufficienza, non scenderei mai sotto il 65 con loro, questo non è tra i miei preferiti.
Lizard
Sabato 25 Maggio 2013, 22.16.24
4
Disco stupendo, commovente nella sua bellezza. Un plauso allo strepitoso artwork dell'album, uno dei più belli a mio avviso.
Death Fox
Sabato 25 Maggio 2013, 17.09.43
3
Eh bè altri tempi..altra musica e che musica! voto 90 ci sta tutto!
LORIN
Sabato 25 Maggio 2013, 12.39.18
2
Mamma mia che bran bel disco che è questo. Un vero capolavoro degli anni 70, una fiaba musicale meravigliosa. Mi fa venire i brividi ad ogni ascolto. Un album da paura (quindi 90 ahahah). Complimenti per averlo "rispolverato"
N.I.B.
Sabato 25 Maggio 2013, 10.15.32
1
Grande Album...!!!
INFORMAZIONI
1972
Bronze Records
Prog Rock
Tracklist
1. Sunrise
2. Spider Woman
3. Blind Eye
4. Echoes in the Dark
5. Rain
6. Sweet Lorraine
7. Tales
8. The Magician’s Birthday
Line Up
David Byron (Voce)
Mick Box (Chitarra)
Ken Hensley (Tastiere, Chitarra, Moog)
Gary Thain (Basso)
Lee Kerslake (Batteria, Percussioni, Kazoo)
Musicisti Ospiti: Brian Cole (Pedal steel guitar su traccia 7)
 
RECENSIONI
s.v.
75
73
78
80
84
90
89
85
84
88
ARTICOLI
28/05/2015
Intervista
URIAH HEEP
Più forti del tempo
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]