Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Five Finger Death Punch
F8
Demo

Conception
State Of Deception
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

03/04/20
BLAZE BAYLEY
Live in Czech

03/04/20
AUGUST BURNS RED
Guardians

03/04/20
THORN IN SIDE
Tales Of The Croupier

03/04/20
AARA
En Ergô Einai

03/04/20
TESTAMENT
Titans of Creation

03/04/20
AD INFINITUM
Chapter I: Monarchy

03/04/20
LOVIATAR
Lightless

03/04/20
WITCHES OF DOOM
Funeral Radio

03/04/20
P.O.E. (PHILOSOPHY OF EVIL)
Of Humanity And Other Odd Things

03/04/20
MANAM
Ouroboros

CONCERTI

02/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA (ANNULLATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

02/04/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
EXCALIBUR PUB - CHIAVARI (GE)

03/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA (ANNULLATO)
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

03/04/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

04/04/20
GUTALAX + GUESTS TBA
CIRCOLO EKIDNA - CARPI (MO)

04/04/20
FULL OF HELL + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

04/04/20
ANCIENT + NECRODEATH + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

04/04/20
TYGERS OF PAN TANG + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/04/20
DEATHLESS LEGACY
GRINDHOUSE CLUB - PADOVA

04/04/20
IMAGO MORTIS + GUESTS
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

The Black Dahlia Murder - Everblack
( 4001 letture )
Puoi chiamarlo ketchup, eppure alla fin fine si tratta sempre di pomodoro.

Prima di scrivere questa recensione, ho dato un’occhiata ad alcune riviste online statunitensi che avevano già trattato questa uscita. Di tanto in tanto ciò mi è utile per farmi un’idea sul come vengano interpretate al di là dell’Oceano certe sonorità e del conseguente riflesso che ricade sugli ascoltatori a stelle e strisce. Il primo dato a colpirmi è stato il giudizio medio attribuito ad Everblack: in una scala da 1 a 10, il voto oscilla tra l’8.5 ed il 10 (avete letto bene, proprio dieci).
Il secondo dato, per me ancora più interessante, è da ricercarsi nel giudizio critico entro il quale si descrive tale album come prodotto originale, fresco, moderno. Eppure, al sottoscritto, Everblack non sembra che una copia buona ma rivista di quanto, una ventina di anni orsono, nel Nord Europa si iniziava a produrre.

Tutto ciò mi porta ad una riflessione, che si sostanzia pressappoco nelle seguenti parole: negli Stati Uniti hanno mai ascoltato i primi dischi dei Naglfar, dei Dissection, dei Soilwork del debutto, dei Terror 2000, o semmai, hanno provato ad immaginare determinate partiture black senza tastiera? Evidentemente no, o comunque in maniera poco approfondita, dato che, anche se si volesse assegnare un voto altissimo a questo lavoro, non lo si potrebbe fare sulla base di un’originalità conclamata, perché è proprio nell’essere derivativo che il disco risulta più che discreto.

Ad onor del vero, è bene segnalare come nel nuovo album si noti un impeto maggiore trasmesso dalla sezione ritmica, ed infatti non è un caso che bassista e batterista siano cambiati. Probabilmente da questo deriva l’aspetto migliore, perché se è giusto affermare che la band di cui si parla non abbia mai inventato niente, lo è altrettanto il rassicurare le teste metalliche che Everblack non strizza l’occhio né al core-qualcosa, né al melodic death, almeno per come viene erroneamente inteso da una decina di anni.
Per capirci meglio, i The Black Dahlia Murder non hanno niente in comune con gli ultimi "sforzi" creativi di Arch Enemy, Children Of Bodom o In Flames, e nemmeno con paccottiglia come Caliban o Carnifex più recenti. I cinque del Michigan ripropongono bene quel che è già stato presentato mille mila volte in Europa, rielaborando qualche elemento della tradizione death made in USA e concentrando il tutto in una registrazione al passo coi tempi.

Dopo aver letto lo sproposito di cui sopra, e quindi arrivando alla conclusione che lo stile, eccetto qualche spunto black, è sempre il medesimo, verrebbe spontaneo chiedersi come mai per il sottoscritto questo album risulti migliore di quelli che lo hanno preceduto nella discografia della band. La risposta è così semplice da trasbordare quasi nella banalità acritica: il motivo è che il songwriting risulta superiore, tutto qui.
In più bisogna aggiungere che i The Black Dahlia Murder sono sempre stati musicisti ben preparati tecnicamente e l’oggettività di tale aspetto è riscontrabile da chiunque abbia mai approcciato uno degli strumenti presenti sui loro album. Le tracce, poi, si susseguono alternando gli accenti, a volte più spiccati verso il black, altre volte verso il death metal; ciò dona parvenze di varietà prima di oggi alquanto scarne. Il tutto è corroborato da una registrazione riuscita, che se da una parte omaggia la tradizione dei suoni e dall’altra non dimentica i passi in avanti che la tecnologia ha fatto negli ultimi quindici anni.

Tirando le somme, si può affermare che i cinque stelle-strisciati, almeno per quanto mi riguarda, contrassegnino il proprio percorso come una crescita costante, che se non fa gridare al miracolo per i motivi sopra indicati, riesce comunque a far sperare in miglioramenti progressivi.
Tali perfezionamenti, pur non essendo ancora sufficienti ad elevare la band tra i mostri sacri, quantomeno cominciano a giustificare l’esagerata popolarità di cui i The Black Dahlia Murder godono in patria.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
71.76 su 13 voti [ VOTA]
duke
Lunedì 11 Settembre 2017, 21.38.07
46
gran bel gruppo!
ObeYM86
Venerdì 21 Agosto 2015, 13.45.49
45
La smettiamo oppure no di sottovalutare questa band!!???Abysmal è probabilmente il loro capolavoro,mi aspetto una recensione obiettiva
Lu
Domenica 20 Luglio 2014, 18.08.35
44
L'autore delle recensioni degli album dei tbdm mi sa che è maturato discretamente negli anni, ultimo album spettacolare a mio riguardo, recensione discreta e superflua come al solito
d.r.i.
Domenica 25 Maggio 2014, 22.21.16
43
Disco che apprezzo ascolto dopo ascolto. Voto 80!
Alex Ve
Sabato 15 Giugno 2013, 13.24.50
42
Sì, ti crediamo tutti, non preoccuparti
ASuuuka
Sabato 15 Giugno 2013, 13.17.04
41
In verità è il primo commento che scrivo su questo sito e probabilmente anche l'ultimo se le recensioni sono tutte così. ciao, mi raccomando continua a scrivere recensioni senza ascoltare i dischi
Alex Ve
Sabato 15 Giugno 2013, 13.08.53
40
Sarà anche inutile, ma non quanto quelli che scrivono lo stesso "commento" più volte con nickname diversi
ASuuuka
Sabato 15 Giugno 2013, 13.06.48
39
Scusa ma che recensione di merda. Si vede proprio che è stata scritta giusto per avere visualizzazioni perchè il disco è appena uscito. Scommetto che l'avrai ascoltato al massimo 3 volte e distrattamente. Assolutamente inutie
Alex Ve
Venerdì 14 Giugno 2013, 19.31.27
38
E' arrivato il rinforzo massiccio
Andy 71
Venerdì 14 Giugno 2013, 19.03.51
37
Ok Trucido, l'ho letto, probabilmente abbiamo due concetti di "maleducazione" diversi...ha solo detto che la rece fa schifo...cmq no problem, mi tengo la mia idea sul "personaggio" Alex Ve...scherzerà sempre, ma se fa cosi il brillante anche quando butta il naso fuori di casa, e non solo protetto davanti alla tastiera del pc, chissà quante pizze in faccia che ha preso in vita sua
Er Trucido
Venerdì 14 Giugno 2013, 18.49.37
36
In realtà uno che spara un commento come il numero 10 di educazione non ne ha dimostrata molta, come non ne ha dimostrata in altri casi. Alex scherza sempre, è il suo modo di fare.
Andy 71
Venerdì 14 Giugno 2013, 18.45.11
35
EdoCFH: cavolo, edo, ti devo fare i complimenti....hai una pazienza eterna e un educazione pazzesca. Continuano a deriderti e pigliarti per il culo, e tu non perdi la calma e rispondi sempre cortesemente. Ti do un consiglio, anche se l'hanno gia fatto notare altri utenti: non perdere il tuo tempo a disquisire qui. Non perchè sia inutile disquisire, ma perchè è inutile farlo QUI, soprattutto sotto una rece di un pallone gonfiato borioso come Alex Ve...già al commento 4 si capisce, come in altre sue mille recensioni, che tipo di persona sia...quindi Edo, veramente, non perdere il tuo tempo, ascoltati i tuoi BDM...qui non puoi avere confronto. Qui non puoi fare critica. Alex Ve sa già tutto. Alex Ve è Dio. Alex Ve non può sbagliare, fa sempre tutto giusto. Povera italia....che tristezza
EdoCFH
Mercoledì 12 Giugno 2013, 13.32.41
34
Personalità non significa originalità. Come dicevo se metti in un lettore 300 band e i Black Dahlia Murder, provate a non riconoscere il sound tra quelle 300 band. Non sono originali (per originali si intendono i Pantera, i Metallica degli anni 80, i Korn ecc) poichè non mi pare abbiamo inventato nulla come il 99% dei gruppi metal...Se questa è una colpa...
Il Pacificatore
Martedì 11 Giugno 2013, 11.36.17
33
PS.siccome voglio capire il motivo di tanta bagarre me li andrò ad ascoltare e poi mi esprimerò
Il Pacificatore
Martedì 11 Giugno 2013, 11.35.13
32
@alex: ah beh oddio i denigratori ne avrebbero avuto da ridire! comunque io non conosco il gruppo, ho letto la rece e espresso solamente un'opinione sul tuo scritto, che per quanto ottimo credo avresti potuto svilupparlo meglio tutto qui (: e quoto anche @Lizard, però tipo non mi ha invitato a approfondire o altro, capito? Comunque il discorso che fai a inizio rece potresti farlo per un 60% dei gruppi moderni, e non so se questo basta a abbassare il voto. Cioè, se ora tipo un gruppo facesse uscire un Pleasure to Kill Again (per dirne uno), ni do 90 se è fatto bene e 50 se fatto male, a prescindere dal fatto che sia una copia o già sentito. Spero di essermi spiegato, alla prossima (:
Seba
Martedì 11 Giugno 2013, 8.45.16
31
Mentre al Bel Paese sarà assegnato il Premio Nobel per la critica, il metallaro tedesco si accontenta di veramente poco: un mare di gruppi che ha fatto la storia e di gruppi emergenti, un'infinità di festival e concerti a prezzi abbordabili, audience da paura anche per gruppi minori, locali a volontà dove ascoltare .... anche tbdm. Metallari di tutto il mondo unitevi a ... prendervi un pò meno sul serio e a rilassarvi.
Deviz
Lunedì 10 Giugno 2013, 19.18.38
30
Sinceramente io di fanboy in questi commenti non ne ho visti!!Anzi ho solo visto gente che ha criticato il recensore in maniera educata e civile..Io personalmente non mi esprimo sulla recensione.Detto questo a me piace un sacco sto disco,ha un tiro pazzesco.I Black Dahlia Murder credo che siano dove si meritano di stare..Per me il successo se lo sono guadagnati e non hanno rubato niente a nessuno!!Ho avuto anche la fortuna di vederli dal vivo a Febbraio e dal vivo sono molto meglio che su disco. Finisco col dire che i TBDM non hanno inventato nulla di nuovo (io personalmente sono stra felice di quello che stanno facendo) ma sono comunque riconoscibili al primo ascolto,alla prima nota si capisce subito che si ha a che fare con loro..Se voglio ascoltare roba nuova e stramba (nel senso buono del termine) mi metto ad ascoltare quel capolavoro di Autotheism dei The Faceless. Ai Black Dahlia Murder chiedo dischi come questo,come ritual etc...Io li adoro!!Amo tutta la loro discografia,amo questa band e non mi fa rabbia se un recensore gli da 70 (che poi non è un brutto voto!!!) o se in Italia (e in Europa) non se li fila nessuno.Ognuno ha i suoi gusti.
Undercover
Lunedì 10 Giugno 2013, 15.26.24
29
Gli Shaded Enmity sono americani, non italiani, nella fretta ho scritto male.
Undercover
Lunedì 10 Giugno 2013, 15.25.45
28
Mo' i The Black Dahlia Murder hanno una personalità straripante? Cos'è l'angolo della cazzata? C'è gente che suona death di stampo svedese in maniera semplicissima che non è stata cagata perché A) non ha un contratto con Metal Blade, B) la gente parla di underground e poi si fila le grandi solo le grandi etichette, quelli che hanno commentato qui sotto in quanti conoscono gente come Murderplan, i nostrani Desecrate e Shaded Enmity? Tutte band che avranno lo stesso tasso di derivazione di questi signori qui, ma che onestamente han fatto anche meglio, peccato non abbiano gli stessi sponsor dietro e che i voti nei siti americani e ripeto tedeschi siano come quelli che potrebbe dare Luca Giurato correggendo dei compiti d'italiano è risaputo.
il vichingo
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.48.29
27
Non entro nel merito, visto che il gruppo qui recensito e le polemiche sviluppatesi attorno alla disamina mi interessano nella stessa misura in cui un elefante indiano può giovarsi di un dizionario, ma per come la vedo io la prima parte della recensione è verità assoluta ed inopinabile. Detto questo non per polemizzare, ma giusto per riportare una mia personalissima riflessione, se band come la qui recensita hanno una "personalità straripante" (cit. testualmente) allora per i Ved Buens Ende (i primi che mi son passati per la testa) come di deve agire? Contattiamo l'Accademia della crusca chiedendo gentilmente la creazione di nuovi vocaboli?
Alex Ve
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.44.00
26
@Obeym86: ah, ecco, nel tempo che intercorre tra i tuoi commenti, ti sei imbattuto in questo disco. Daje che vai forte
ObeYM86
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.37.43
25
@Alex Ve I BDM li ho sempre ignorati...poi mi sono imbattuto in questo disco e mi è piaciuto ed ho criticato la recensione perchè mi sembra superficiale,scritta con pregiudizi e che parte da presupposti sbagliati...è tanto strano??è una logica incomprensibile???bisogna essere fan di una band per esprimere un opinione???
Alex Ve
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.24.46
24
EdoCFH: scusa, mi sono fermato a "personalità straripante". Il quasi soffocamento a causa delle risate non mi ha permesso di andare avanti nel discorso
Alex Ve
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.22.48
23
Oberym86: te la copio, è tua "io ad esempio i BDM non li ho mai cacati neanche di striscio,ma che la recensione sia superficiale mi sembra oggettivo...". Ora ripeto, non c'è logica nel discorso di uno che, prima affemra di non aver mai cacato(cit.) una band, e poi viene a criticare una recensione di un disco di una band che non ha mai cacato. Uè, non è essere permalosi, è che a questo ragionamento ci arriva anche una medusa
ObeYM86
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.11.48
22
@alex Ve La logica del disco che mi è piaciuto a prescindere,potevano chiamarsi pure i Motherfuckers sarebbe stato lo stesso...vabbè ho capito,sei permaloso... @Lizard non è una questione di voto,trovami un altra recensione che nei primi due paragrafi si sofferma sui giudizi degli altri e bolla subito il disco come "copia di..."
EdoCFH
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.10.12
21
Alex effettivamente ho scritto da cani data l'ira che mi portava a scrivere quello che ho scritto... ma il concetto ho visto che è stato recepito bene da molti. Ora, scrivo anche io, e so che spesso trovare le parole per descrivere un cd bello è difficile, senza ripetersi, senza diventare retorico, ma nella critica, sopratutto nella critica, sviscerare gli aspetti del cd è essenziale e qui non viene fatto. Per esempio io ho notato che Control e Blood Mine sono scritte a tavolino, per riempire, a cazzo insomma. Nessuno ha notato il range di armonizzazioni che si è ampliato, per dire già nella prima traccia ne trovi di alcune che non avevano mai fatto in precedenza. La perdita di super ritornelli alla Moonlight Equilibrium per generare strutture molto più complesse. Questo tutto a favore di una personalità straripante che li differenzia da chiunque (metti nel lettore tutte le band che hai detto e prova a confondere una di quelle coi TBDM) Nella recensione non ci sono argomentazioni...Solo inutili confronti e prese di posizione soggettive. Il cd va PRIMA interpretato e POI giudicato. Te lo hai solo giudicato e non ci hai capito niente di quello che "vuole dire". Poi puoi avere ascoltato il cd mille volte ma dalla recensione pare che hai sentito giusto i singoli e dato una passata random alla playlist...
EdoCFH
Lunedì 10 Giugno 2013, 14.10.12
20
Alex effettivamente ho scritto da cani data l'ira che mi portava a scrivere quello che ho scritto... ma il concetto ho visto che è stato recepito bene da molti. Ora, scrivo anche io, e so che spesso trovare le parole per descrivere un cd bello è difficile, senza ripetersi, senza diventare retorico, ma nella critica, sopratutto nella critica, sviscerare gli aspetti del cd è essenziale e qui non viene fatto. Per esempio io ho notato che Control e Blood Mine sono scritte a tavolino, per riempire, a cazzo insomma. Nessuno ha notato il range di armonizzazioni che si è ampliato, per dire già nella prima traccia ne trovi di alcune che non avevano mai fatto in precedenza. La perdita di super ritornelli alla Moonlight Equilibrium per generare strutture molto più complesse. Questo tutto a favore di una personalità straripante che li differenzia da chiunque (metti nel lettore tutte le band che hai detto e prova a confondere una di quelle coi TBDM) Nella recensione non ci sono argomentazioni...Solo inutili confronti e prese di posizione soggettive. Il cd va PRIMA interpretato e POI giudicato. Te lo hai solo giudicato e non ci hai capito niente di quello che "vuole dire". Poi puoi avere ascoltato il cd mille volte ma dalla recensione pare che hai sentito giusto i singoli e dato una passata random alla playlist...
Lizard
Lunedì 10 Giugno 2013, 13.48.28
19
Oggetivo rispetto a cosa? Al tuo concetto personale di recensione? Io non conosco affatto il gruppo in questione, ma dalla recensione ho capito che genere suonano, che sono tecnicamente dotati, che questo disco è migliore dei precedenti, che restano un gruppo ancorato alla tradizione, ma riescono ad evolverla quel minimo necessario ad emergere tra i tanti, che sono sopravvalutati in generale, ma restano comunque un gruppo interessante, che il songwriting è in miglioramento costante, che la sezione ritmica innestata è migliore della precedente e questo miglioramento si fa sentire e pesa nell'equilibrio complessivo, quanto sul giudizio finale, che tutto sommato però il gruppo rimane fedele a se stesso e al proprio sound senza apportare chissà quali novità.... E potrei aggiungere altro. Quindi, la superficialità in cosa consiste e sulla base di cosa si dice che è una brutta recensione? Sul fatto che manca un track by track o sul fatto che il voto è più basso di quello che avresti dato tu o qualcun altro? Poi boh... A ognuno la sua opinione, ma il dato "oggettivo" non stiamo a scomodarlo, che non mi sembra il caso.
Alex Ve
Lunedì 10 Giugno 2013, 13.47.27
18
Obery86: bene, non li hai mai cacati (cit.) ma vieni qui a criticare la recensione di un loro disco. Una logica assai strana
ObeYM86
Lunedì 10 Giugno 2013, 13.37.20
17
@Alex Ve ahahah ma quali fanboy,io ad esempio i BDM non li ho mai cacati neanche di striscio,ma che la recensione sia superficiale mi sembra oggettivo...
Alex Ve
Lunedì 10 Giugno 2013, 13.10.57
16
@il pacificatore: ho specificato, in merito alla prestazione dei musicisti, che anche questa volta si tratta di gente tecnicamente preparata, ho dato la mia definizione del loro sound, che è quello che avevano anche in precedenza, e ho specificato che le differenze (per me) rispetto ai due dischi precedenti sono in un songwriting migliore, più riuscito. Quanto alla descrizione delle canzone, se hai letto altre mie recensioni, è cosa assai rara. La faccio quando rimango molto stupido di qualcosa, e in questo caso non è successo. Tranquillo, se avessi messo 80 a questo disco non ci sarebbe stata alcuna polemica, ma i fanboy in fondo sono divertenti, quindi ridiamo
Il Pacificatore
Lunedì 10 Giugno 2013, 12.27.43
15
Scusami per gli errori e le ripetizioni ma scrivo da un dispositivo mobile e non posso tornare indietro e modificare...
Il Pacificatore
Lunedì 10 Giugno 2013, 12.27.00
14
Beh alex, sei un recensore eccellente e i tuoi scritti mi piacciono...ma in effetti hanno ragione, hai detto di tutto ma del disco nulla, solo chr hanno "venature black" e "non strizzano l'occhio" al core. Non una parola su una canzone, sulle prestazioni dei componenti, nulla. Sembra quasi una recensione fatta per farla, senza nemmeno aver ascoltato il disco. Io sono sicuro che l'hai fatto e anche numerose volte, però questa recensione non da nessuna idea su cosa potrebbe ascoltare un potenziale ascoltatore. Mi dispiace dirlo, ma è una delle peggiori recensioni che tu abbia mai fatto.
guglio2k
Lunedì 10 Giugno 2013, 12.19.21
13
In effetti è vero, hai parlato di tutto fuorchè del disco in questione. Molto bene.
Alex Ve
Domenica 9 Giugno 2013, 17.57.58
12
EdoCFH: se parli come scrivi devi camminare con l'interprete di fianco
ObeYM86
Domenica 9 Giugno 2013, 17.11.37
11
Più l'ascolto e più aumenta il voto....85 ci sta tutto..ne uscissero di dischi così ogni mese...madre de dios...
EdoCFH
Domenica 9 Giugno 2013, 16.42.26
10
recensione TERRIBILE, manco mezzo giudizio sul cd, tutto incentrato sul pregiudizio. Mio dio come avete fatto ad averla pubblicata? Si poteva scrivere queste cose senza nemmeno aver sentito la prima nota del cd, quasi vergognoso. Poi non dico che sia brutto o bello ma non ha trovato difetti al di fuori di "eh ma ste cose già esistono" come se ogni band metal che esce inventa un nuovo genere. Lo stile dei TBDM è unico ora nel panorama estremo, quindi chiappa e riporta a casa trovami altre band attive ora che sfornano le stesse cose e di questa qualità. No maaaaaa l'avrai ascoltato il ritornello devastante di Every Rope A noose o la citazione necolassica di Behetoven sull'ultima traccia. Ciao.
MorphineChild
Domenica 9 Giugno 2013, 15.52.45
9
concordo con la valutazione fatta dal recensore nei primi due paragrafi, i votoni dati oltreoceano od oltralpe a dischi "solo" carini quando non scolastici o mediocri mi causa antipatia gratuita. dei TBDM ho sentito solo il precedente, e non nascondo di averlo molto apprezzato, specie per merito del lavoro colossale del virtuoso Ryan Knight. spero che anche questo Everblack si mantenga su quella falsariga, senza inventare niente ma assestando una buona dose di mazzate sulle ali di un guitarwork ispirato. pretendere altro dalla band sarebbe ingeneroso, sopravvalutare quello che si ottiene stupido
Deviz
Domenica 9 Giugno 2013, 14.05.51
8
Album STRATOSFERICO...Non so se sia migliore del bellissimo Ritual...Ancora non riesco a fare un paragone,ma questo è veramente un discone. A me non interessa nulla se non inventano cose nuove..I Black Dahlia Murder sono riconoscibili alla prima nota,hanno il loro sound,il loro stampo questo mi basta e mi avanza!! Voto 85
Alex Ve
Domenica 9 Giugno 2013, 13.16.28
7
ObeyM86: la tua critica ci può stare, è argomentata quindi legittima, però se fai caso, andando oltre al voto, io ne specifico sempre le motivazioni, in modo da non essere frainteso circa la dicotomia gruppo simpatico/gruppo antipatico. A me nessun gruppo sta antipatico o simpatico per quel che propone in note, mi limito (con presunzione) ad analizzare (per quel che conosco) certi fenomeni che vengono troppo spesso presentati quali nuovi, ed invece tali a me non risultano. Detto ciò, c'è meno differenza tra il mio 70 e l'eventuale 80 di altre riviste italiane, che tra l'80 di queste ultime ed il 100 (????) di tante altre statunitensi
Undercover
Domenica 9 Giugno 2013, 13.09.43
6
Io credo che ad Alex invece si debba riconoscere un'obbiettività che in molti non è presente, la premessa fatta è veritiera accade infatti sia negli Stati Uniti che sui siti Tedeschi di trovare voti assurdi e ingiustificati ad album piacevoli, ma rientranti nell'ambito di uscite nella norma com'è quest'ultimo The Black Dahlia Murder, album nella norma, per una band normalissima, questi non hanno nulla di fresco, moderno e compagnia bella, vivono di impostazioni stranote, le ripropongono discretamente, tuttavia non è che ci si possa esaltare più di tanto.
ObeYM86
Domenica 9 Giugno 2013, 13.01.25
5
@Alex Ve Ed io non ho certo la presunzione di criticare il tuo lavoro,dico solo che preferisco recensioni con un analisi maggiormente dettagliata..comunque i 10/10 fanno rabbia,te ne do atto,ma anche per le testate italiane è un album da 8+...per inciso ho scoperto questa band solo quest'anno,fuorviato dai (pre)giudizi negativi che li associavano al deathcore o al metalcore addirittura...
Alex Ve
Domenica 9 Giugno 2013, 12.42.57
4
Non è velata presunzione, io sono presuntuoso e non velo niente
ObeYM86
Domenica 9 Giugno 2013, 12.40.53
3
I primi due paragrafi in realtà non si possono leggere!!Cominciare la recensione parlando dei giudizi dei critici d'oltreoceano e con la velata presunzione di conoscere il metal meglio di loro...Il loro sound è assai derivativo,come negarlo,ma per originalità si può intendere il fatto che ormai hanno un trademark definito e riconoscibile(ebbene si)fatto si di alcuni elementi che si rifanno alla tradizione death europea,ma con elementi che li contraddistinguono,su tutti una "catchiness" che rende i pezzi memorizzabili già al secondo ascolto,alcuni chorus davvero riusciti,dei solo sempre melodici che sembrano quasi stonare con la brutalità del pezzo...ok niente di mai ascoltato,ma non mi pare che questi elementi emergano nella recensione,dove si fa solo un elenco dei gruppi ai quali somigliano e quelli a cui non attingono...a prescindere dal voto e dal giudizio,per me davvero è una recensione brutta da leggere.voto 80 per me
ad astra
Domenica 9 Giugno 2013, 12.10.56
2
come vorrei alex che tutti gli statunitensi potessero leggere i primi due paragrafi, quanta verità, purtroppo. il disco attendo l'originale. ma messa giù così chissà....
guglio2k
Domenica 9 Giugno 2013, 11.24.11
1
Li seguo da poco dopo l'uscita di Nocturnal, che reputo assolutamente il loro album migliore. Darò un'ascoltata anche a questo dopo le mezze delusioni precedenti, ma sono fiducioso
INFORMAZIONI
2013
Metal Blade Records
Death
Tracklist
1. In Hell Is Where She Waits For Me
2. Goat Of Departure
3. Into The Everblack
4. Raped In Hatred By Vines Of Thorn
5. Phantom Limb Masturbation
6. Control
7. Blood Mine
8. Every Rope A Noose
9. Their Beloved Absentee
10. Map Of Scars
Line Up
Trevor Strnad (Voce)
Brian Eschbach (Chitarra, Voce)
Ryan Knight (Chitarra)
Max Lavelle (Basso)
Alan Cassidy (Batteria)
 
RECENSIONI
66
s.v.
70
60
50
50
85
ARTICOLI
25/08/2018
Live Report
THE BLACK DAHLIA MURDER
Circolo Magnolia, Segrate (MI), 20/08/2018
02/03/2013
Live Report
CANNIBAL CORPSE + DEVILDRIVER + THE BLACK DAHLIA MURDER + HOUR OF PENANCE
Alcatraz, Milano, 26/02/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]