Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

At the Gates
To Drink from the Night Itself
Demo

Below a Silent Sky
A View from Afar
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/05/18
NONOZU WAKAI`S DESTINIA
Metal Souls

25/05/18
SKYBORNE REVERIES
Winter Lights

25/05/18
MICAWBER
Beyond The Reach Of Flame

25/05/18
SPACE ELEVATOR
Space Elevator II

25/05/18
BLEEDING THROUGH
Love Will Kill All

25/05/18
FORGED IN BLOOD
Forged in Blood

25/05/18
LIV SIN
Inverted - EP

25/05/18
ABHOR
Occulta ReligiO

25/05/18
NATTFOG
Yön Varjoista...

25/05/18
DJEVELKULT
Når Avgrunnen Åpnes

CONCERTI

24/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS
EVOL - ROMA

24/05/18
ALKYMENIA
CLUB HOUSE 22 - AULLA (MC)

25/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR + NEW HORIZONS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

25/05/18
MORTIIS + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

25/05/18
ALKYMENIA
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 1)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

25/05/18
CORAM LETHE + SYMBIOTIC + CELEPHAIS
EXENZIA - PRATO

25/05/18
THE CRUEL INTENTIONS + SPEED STROKE + LETHAL IDOLS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

26/05/18
CIRCUS MAXIMUS + ANGEL MARTYR
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

26/05/18
MILADY METAL FEST
ARCI TOM - MANTOVA

FaithXtractor - The Great Shadow Infiltrator
( 1635 letture )
Tante tracce, ben poche idee. Molta ripetitività. A un primo, a un secondo e anche a un terzo ascolto complessivo del recente The Great Shadow Infiltrator, la musica degli americani FaithXtractor appare piatta come il petto di Keira Knightley e monotona come la filmografia di Fantozzi.
I due fratelli hanno anche un’altra band, i Vladimirs, horror-punk. E lì fanno davvero un lavoro encomiabile. Perché fare nascere i FaithXtractor (dove tra l’altro l’influenza punk si sente fin troppe volte)? Non lo so ma sono già alla loro seconda uscita, dopo cinque anni dal primo Razing the World of Myth, un lavoro non proprio perfetto, non proprio apprezzabile, non proprio originale e tanto altro ancora.
Ammetto che ci si deve divertire nella musica, questa deve essere la regola numero uno per tutti i musicisti. Mi ci metto anche io nel mezzo. Oltre a due gruppi seri, mi diletto anche in altro. Ma lo faccio per puro divertimento. I FaithXtractor sono sotto contratto con la Deathgasm Records. E’ proprio vero che certe cose della vita non si capiscono.

A un certo punto, non ci si accorge nemmeno che ci sono undici tracce. The Great Shadow Infiltrator sembra un’unica suite di 41 minuti che inizia con la prima parte The Beast Holographic e termina con Shackling the Long Usurped. Sul serio, sono pochissimi gli spunti che differenziano una canzone dal resto dell’insieme uniforme. La title-track, ad esempio. Anzi no, l’unica. Il resto è un impasto confusionario di roba già sentita, tratta un po’ da Altars of Madness dei Morbid Angel e un po’ da Legion dei Deicide, senza tuttavia mettersi al livello irraggiungibile dei due gruppi in questione. Una scopiazzata venuta nemmeno così bene.
E come non ricordare che siamo nel 2013 e che ci sono tecniche di registrazione all’avanguardia che catturano anche la minima esalazione di una flatulenza trattenuta per troppo tempo e alla fine lasciata andare in quello che si reputava silenzio assoluto? Beh, noi lo ricordiamo. Probabilmente i FaithXtractor no. Il loro sound troppo grezzo, troppo vecchio, con la batteria che sembra essere registrata senza nemmeno una punta di riverbero, il basso inesistente, la chitarra così metallica che più metallica non si può (e non è un complimento, sia chiaro). La voce si mantiene uguale per tutta la durata dell’album (lo hanno capito anche loro, ecco perché Marquis Thomas fa anche da voce corale praticamente sempre, senza migliorare comunque il risultato), eccetto qualche sporadica variazione sul tema.
La copertina? Boh, un illustratore di trent’anni fa alle prese con Battletoads del primo Nintendo avrebbe saputo fare di meglio, dico solo questo. Se la loro intenzione era quella di farci rivivere gli anni perduti, beh, non ci sono riusciti.
Per quelli che ogni tanto vogliono leggere una recensione negativa.



VOTO RECENSORE
39
VOTO LETTORI
61.5 su 2 voti [ VOTA]
Radamanthis
Mercoledì 19 Giugno 2013, 20.25.36
11
Superfantozzi è il migliore...la sfiga che corre a spasso nel tempo e ha sempre e solo un unico tragico protagonista: UGO!!!
Sambalzalzal
Martedì 18 Giugno 2013, 12.23.05
10
Jek@ quindi parliamo della leggendaria CORAZZATA POTEMKIN!?!?!?!?
il vichingo
Martedì 18 Giugno 2013, 12.03.32
9
@Jek: per quanto mi riguarda anche Superfantozzi è culto... "Excazabar... Exfilidis... Exchizzibur.......... EXCALIBUR IMBECILLE!" .... Quella è una delle scene più epiche che la storia del film ricordi .
jek
Lunedì 17 Giugno 2013, 20.31.50
8
I primi tre Fantozzi sono la storia. Tanto il disco sembra una ciofeca, meglio parlare di cinema
Djkelino
Domenica 16 Giugno 2013, 21.34.47
7
I primi film di Fantozzi erano belli, ma arrivati al decimo episodio, sinceramente, non avevano più nulla da dire D:
il vichingo
Domenica 16 Giugno 2013, 13.42.26
6
Quoto i commenti qui sotto... ma come si può anche solo mettere in discussione i primi film di Fantozzi? A non gò paroe...
xXx
Domenica 16 Giugno 2013, 13.01.13
5
Non toccatemi Fantozzi!!!!
Radamanthis
Domenica 16 Giugno 2013, 10.03.24
4
Eh no Black face...non osare più infangare il nome del rag. Ugo Fantocci, uno dei miti ed eroi della nazione italiana! Fantozzi rules!!!
brainfucker
Sabato 15 Giugno 2013, 21.39.52
3
come vi permettete di paragonare il mitico fantozzi a sta merdata?
Taste Of Chaos
Sabato 15 Giugno 2013, 20.40.58
2
mi piacciono le recensioni negative (cit. Trucebaldazzi)
LAMBRUSCORE
Sabato 15 Giugno 2013, 17.01.03
1
Oh, ma se sono "piatti" come almeno i primi 5 Fantozzi, allora devo sentirli, potrebbero aver composto un capolavoro.
INFORMAZIONI
2013
Deathgasm Records
Death
Tracklist
1. The Beast Holographic
2. The Six Knives of Redshield
3. Earth to Anvil
4. In All Forms Reptilian
5. Third and Final
6. The Great Shadow Infiltrator
7. The Eye at the Divide
8. Freedom Conditional
9. With Cold Calculation
10. Coffle
11. Shackling the Long Usurped
Line Up
Ash Thomas (Voce, chitarra, basso, batteria)
Marquis Thomas (Chitarra, backing vocals)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]