Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

17/07/20
ZOMBI
2020

17/07/20
RUMAHOY
Time II: Party

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
THE DEAD DAISIES
The Lockdown Sessions (EP)

17/07/20
EMBR
1823

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

CONCERTI

17/07/20
SILENZIO PROFONDO + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Majesty - Thunder Rider
( 1909 letture )
Ripristinato l’originario moniker (con il quale erano già stati pubblicati quattro dischi tra il 2000 ed il 2006) ed accantonato quello successivo di Metalforce, i tedeschi Majesty danno alla luce un disco piacevole e affidabile come Thunder Rider, tradizionale e coriaceo manifesto di metal classico, glorioso e debitore in tutto e per tutto del Manowar-sound. Epico ed accorato, il nuovo lavoro presenta ancora una volta validi ed evocativi chorus melodici, dai tratti sognanti, ma effettivamente permeati del retrogusto di già sentito: il platter suona come il sequel di Metalforce, ne riprende le linee guida e presenta una serie di canzoni in tutto e per tutto omogenee con quelle pubblicate nel 2009 sotto differente nome, destinate ai più immarcescibili defender.

Tante sono le citazioni alla formazione di Joey DeMaio, al di là delle odi all’Acciaio presenti nelle liriche: passaggi narrati, riff ed assoli semplici ma potenti e azzeccati, prevalenza di mid-time evocativi e sparute intromissioni di alcuni episodi più speed e tambureggianti. Quando spingono a tavoletta sull’acceleratore con serrate ritmiche power-oriented alla Wheels of Fire, i cinque tedeschi ricordano anche i primissimi Hammerfall: ciò accade con pezzi come la potente galoppata in doppia cassa Warlords of the Sea (dotata di refrain molto pomposi), la bonus track Young and Free o l’eccellente Metalliator, il brano migliore del lotto col suo riffing affilato, le vocals catchy e l’esaltante ritmica rapida. Come è ovvio che sia, il disco è zeppo di momenti altamente evocativi, con le chitarre che staccano e lasciano spazio a soffusi passaggi eseguiti al piano; va detto che anche i pezzi più interessanti suonano lineari e prevedibili, ma del resto è il genere stesso a non prestarsi a sperimentalismi di sorta, quasi per antonomasia. Gli assoli di chitarra sono sempre piacevoli ed esaltanti anche se non certo epocali; Tristan Visser si pronuncia in solismi molto intensi ed emotivi senza necessità di ricorrere al virtuosismo ed il feeling che viene trasmesso è certamente elogiabile. Riff rocciosi e relativamente semplici vengono snocciolati pezzo dopo pezzo, con risultati tutto sommato appaganti; anche la prova del singer Tarek Maghary è appassionante e profonda, soprattutto lontana dagli eccessi o da pacchianate di sorta. Come si diceva in precedenza, la tracklist poggia prevalentemente su mid-tempo anthemici (Anthem of Glory), sacrali (Raise the Beast, marziale nel riffato e solenne nell’incedere), talvolta assai emozionanti (è il caso di New Era, tenebrosa e dotata di vibranti assalti di doppia cassa, nonché arricchita da un ritornello eroico) e, nel complesso, sempre discreti (Rebellion of Steel, Metal Union col suo trepidante refrain corale); i due pezzi d’apertura sono alcuni dei momenti migliori del full length, che si rivela dunque discreto e privo di sorprese, nel bene e nel male: la band possiede uno stile riconoscibile e definito, diretto ad un pubblico con le idee molto chiare, il quale sa benissimo in cosa andrà ad imbattersi esplorando i solchi più reconditi del platter.

Chi apprezza le sonorità più “tamarre” del true metal, quello solido ed orgoglioso, può acquistare il disco a scatola chiusa; questo nonostante la presenza di qualche episodio meno incisivo (la quasi rockeggiante Make Some Noise), che non intacca la resa di un dischetto senza troppe pretese ma destinato a fare la sua bella figura. Non manca nemmeno il lentone di turno (Asteria, alla lunga un po’ noiosa), che poco aggiunge ad un lavoro ascoltabile, gradevole, ma dal quale non bisogna certo pretendere freschezza o originalità; anzi, la certezza granitica trasudata da queste sviolinate metalliche è proprio il punto di forza di Thunder Rider: non c’è pericolo di sbagliarsi, chi non ama spade e destrieri girerà al largo, mentre i novelli adoratori di Odino potrebbero trovare pane per i loro denti.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
77 su 5 voti [ VOTA]
HyperX
Martedì 2 Luglio 2013, 19.47.49
7
Carino. Lo ascolti massimo due volte e poi te ne scordi.
thorondor
Sabato 29 Giugno 2013, 17.40.20
6
la rece è perfetta, io alzo il punteggio a 80 per la simpatia di Tarek e del gruppo!Hail to Majesty!
leonardo
Sabato 29 Giugno 2013, 17.36.14
5
orecchiabili e leggeri,un pò power un pò epic, molto tedeschi, nel complesso simpatici e dignitosi
il vichingo
Sabato 29 Giugno 2013, 16.34.16
4
È una mia impressione o il secondo ragazzo da sinistra nella foto in alto è la versione giovane di Demaio? Ad ogni modo visti i commenti devo assolutamente ascoltare.
marduk
Sabato 29 Giugno 2013, 15.48.30
3
sinceramente se un gruppo è originale o no non me ne frega assolutissimamente nulla (oltre al fatto che ci si lamenta e se sono originali e se son derivativi) cmq in ogni caso non saranno dei geni dell'heavy metal ma sono un gruppo più che dignitoso con una dignitosa carriera alle spalle...che ci mettono passione e svariate canzoni di discreto livello...
AlinoSky
Sabato 29 Giugno 2013, 14.42.44
2
non facevano prima a fare la cover band dei manowar???
sgrunf
Sabato 29 Giugno 2013, 13.26.48
1
Ho visto il video di Thunder Rider e devo dire che ci sono delle melodie mai udite al mondo...stò ancora ridendo ,però gli darei la sufficienza perchè ci credono.
INFORMAZIONI
2013
NoiseArt Records
Heavy
Tracklist
1. Thunder Rider
2. Warlords of the Sea
3. Anthem of Glory
4. Make Some Noise
5. Metalliator
6. Raise the Beast
7. New Era
8. Asteria
9. Young and Free
10. Rebellion of Steel
11. Metal Union
Line Up
Tarek “MS” Maghary (Voce)
Björn Daigger (Chitarra ritmica)
Tristan Visser (Chitarra solista)
Alex Palma (Basso)
Jan Raddatz (Batteria)
 
RECENSIONI
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]