Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
KEN HENSLEY
My Book of Answers

05/03/21
NIGHTFALL
At Night We Prey

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Negacy - Promo 2013
( 1754 letture )
Nonostante il nome dei Negacy risulti essere ufficialmente nuovo per il nostro database, in realtà non è davvero così, dato che dietro questo moniker si nascondono i già tri-recensiti Red Warlock, qui alle prese con il quarto lavoro (o il primo dopo la carriera precedente, se preferite) e con un cambio di nome debitamente motivato nelle note che accompagnano questo promo. In sostanza si è trattato della necessità di adeguarlo alle tematiche ed alle musiche oscure della band -che ad onor del vero ha spesso trattato situazioni legate alla decadenza della cultura e della razza umana anche in precedenza- fondendo le parole “negation” e “legacy” al fine di trovare la giusta sintesi espressiva.

Rispetto ai due lavori ufficiali precedenti, i Negacy da un lato irrobustiscono effettivamente la componente più dark della loro musica, per confermare dall’altro tutte le loro qualità ed i pochi difetti messi in mostra fin qui. Quello che abbiamo di fronte è un robusto ed intricato heavy, prodotto con un suono massiccio, ma abbastanza rispettoso delle radici del genere, nobilitato da svariati cambi di tempo e di atmosfera. Su tutto ciò si staglia la voce di Marco Piu, il cui tono peculiare può forse risultare poco convincente per alcuni, ma che si sposa benissimo con le musiche dei Negacy. La sua prova è probabilmente il manifesto più evidente del nuovo corso, forzando maggiormente sulle tonalità più basse rispetto al passato, mentre grande spazio è lasciato come di consueto a quelle medio-alte. È nel passaggio da suoni ed arrangiamenti cupi ed aperture quasi ariose e convinte della propria capacità di affascinare che bisogna ricercare il marchio di fabbrica del gruppo. In questo senso un ottimo esempio è rappresentato da War Zone, un bel compendio di quanto i Negacy hanno da proporre, mentre alcuni degli altri momenti salienti del promo sono rappresentati da Mind Flyer, The Great Plague e Flames of Black Fire. Generalmente ottimi come al solito gli assoli e rocciosa la sezione ritmica. Qualche momento di involuzione si nota qua e là, quando i Negacy perdono leggermente di vista la fruibilità degli arrangiamenti, avvitandosi un po’ su sé stessi in alcuni passaggi. Probabilmente, nell’ottica propria di un promo, sarebbe stato maggiormente opportuno riservarsi due/quattro brani per l’eventuale stampa ufficiale del prodotto, sia per dare alle case discografiche qualcosa di più facilmente e rapidamente analizzabile (sessanta minuti abbondanti per un promo non sono pochi, tranne che la scelta non sia quella di escludere a priori le labels per puntare tutto sul DIY), sia per inserire qualcosa di inedito in questa eventuale uscita ufficiale futura, sia infine per bypassare quell’impressione di involuzione saltuaria che un lavoro dal minutaggio più contenuto avrebbe probabilmente evitato.

I Negacy sono una buona band e questo lavoro meriterebbe sicuramente una veste più importante rispetto a quella modesta che può fornire l’autoproduzione. Questi ragazzi ci sanno fare e sono in grado di irretire sia i cultori del metal più tradizionale irrobustito da una produzione moderna che i fans del modern metal (Eradicate) meno legati alla storia, ma devoti comunque ad un certo stile, non escludendo affatto gli amanti del thrash e del power (Eye of the Thunderstorm) fino al finale col botto di Epitaph. Francamente non possiamo sapere se il futuro dei Negacy sia svincolato dai canali tradizionali in favore della scelta di giocarsi tutto sulle vie della rete per diffondere la propria musica, ma la band vale, e questa è la cosa più importante.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
82.8 su 10 voti [ VOTA]
Raven
Martedì 6 Agosto 2013, 9.31.07
3
Quindi un full senza etichetta non svolge funzione di promo per la ricerca della stessa? Teoria interessante..... potrei aggiungere: "stai dando i numeri"? , ma non lo farò.
Francesco
Martedì 6 Agosto 2013, 6.20.16
2
Ragazzi, questo non e' un promo... MA UN FULL LENGHT!!! State dando i numeri?
LUPO NERO
Lunedì 8 Luglio 2013, 16.23.43
1
OTTIMO GRUPPO ......OTTIMI PEZZI......VERA ENERGIA ............. MITICIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
INFORMAZIONI
2013
Autoprodotto
Heavy
Tracklist
1. Mind Flyer
2. Refugees in Wastelands
3. The Great Plague
4. War Zone
5. Need No Guidance
6. Flames of Black Fire
7. Eradicate
8. Hero
9. Parasite
10. Nothing Changes
11. Eye of the Thunderstorm
12. Epitaph
Line Up
Marco Piu (Voce)
Andrea Giribaldi (Chitarra)
Gianni Corazza (Chitarra)
Tony Rassu (Basso)
Claudio Sechi (Batteria)
 
RECENSIONI
77
70
77
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]