Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Magnum
The Serpent Rings
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
EXTREMA + DEVIL CRUSADE + DISBOSKATOR
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

07/02/20
ABBATH + 1349 + VLTIMAS
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

The Orange Man Theory - Giants, Demons And Flocks Of Sheep
( 2065 letture )
È inutile girarci intorno, la musica estrema di qualità passa per l'italica penisola. E ancora da Roma proviene un'altra band pronta a fornire sbudellanti ascolti metallici, tali The Orange Man Theory.

Per chi non li conoscesse, i romani giungono alla terza pubblicazione sotto l'egida di Steve Austin (Today Is The Day), proponendo un flusso sonoro contenente una base metalcore, che dagli esordi però si fa sempre più fatica a distinguere, introducendo elementi dai più svariati generi, con i quali difficilmente si potrà trovare una collocazione precisa negli schemi attualmente disponibili.
Sicuramente non si parla di musica leggera ed, a proposito, in questo Giants, Demons And Flocks Of Sheep la componente death trova più spazio, grazie a chitarre ancora più pesanti, voci che ora si alternano tra infernali growl ed uno scream dannatamente graffiante, dovuto anche al nuovo ingresso al microfono di Giorgio Cifuni.
Il risultato è una somma di elementi che presentati uno ad uno, difficilmente si riuscirebbero ad accostare: una batteria claustrofobica tipo Bal Sagoth, uno scream che farebbe la gioia di molte black metal band, chitarre death 'n' roll, un basso degno di stare tra i Killswitch Engage ed i Behemoth, ed un'attitudine punk, senza contare tutte le sfaccettature disseminate qua e là.

Se solo a leggere ed immaginare tutto ciò ci si possa lievemente disorientare, all'ascolto tutto diviene diabolicamente massacrante, sprigionando sinusoidi impazzite che si catapultano frenetiche sui nostri freni inibitori, portandoci ad headbanging esagitati.

Giants, Demons And Flocks Of Sheep è un'orda continua e compatta, che mira semplicemente a ridurre a brandelli la resistenza del mal trovato ascoltatore; conseguentemente diventa inutile passare in disamina le varie tracce, dato il continuum creato, in bilico tra i ritmi tirati di Blood Will Out, If It Could Speak, A Glass Of Wine, Point Of No Arrival e quelli tiratissimi delle canzoni rimanenti.

In definitiva, il quartetto italiano migliora ulteriormente dopo le due buone prove iniziali, levigando gli spigoli e portando ulteriormente il livello medio delle compagini del Belpaese sempre più in alto.
Questo disco entra tranquillamente nella lista dei papabili per la miglior uscita dell'anno: da avere.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
76.76 su 13 voti [ VOTA]
EdoCFH
Sabato 13 Luglio 2013, 14.26.14
4
Unico appunto, sentendo il loro video per Blood Will Out NON sono per niente Deathcore quanto più Mathcore, per chi sta dentro il genere c'è una grossa differenza xD
tino84
Martedì 9 Luglio 2013, 12.43.28
3
@undercover: concordo, il cambio al microfono, nonostante la bontà dell ex-cantante, ha dato una marcia in più, e tutto il gruppo si è perfezionato alla grande, questo è proprio un discone
Undercover
Domenica 7 Luglio 2013, 22.10.17
2
Già mio, preso appena uscito , gran disco, a mio avviso il migliore fra quelli sinora pubblicati.
brainfucker
Domenica 7 Luglio 2013, 21.55.35
1
non vedo l'ora di comprarlo
INFORMAZIONI
2013
Subsound Records
Death Core
Tracklist
1. Kill Me
2. Blood Will Out
3. Vital Drug
4. My Heritage
5. If It Could Speak
6. A Glass Of Wine
7. Point Of No Arrival
8. Contrary Effect
9. Knock At Your Door
10. Help Me
Line Up
Giorgio Cifuni (Voce)
Gabriele Giaccari (Chitarra, Cori)
Marco "Cinghio" Mastrobuono (Basso, Cori)
Tommaso Moretti (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]