Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/12/19
EDGE OF FOREVER
Native Soul

06/12/19
DEEP PURPLE
Live in Rome 2013

06/12/19
GHOSTREAPER
Straight Out Of Hell

06/12/19
PRAYING MANTIS
Keep It Alive

06/12/19
HELLEBORUS
Saprophytic Divinations

06/12/19
HUMAN FORTRESS
Reign Of Gold

06/12/19
NIGHTWISH
Decades: Live in Buenos Aires

06/12/19
LUCA SELLITTO
The Voice Within

06/12/19
THE MURDER OF MY SWEET
Brave Tin World

06/12/19
ICED EARTH
Alive in Athens - 20th anniversary edition

CONCERTI

06/12/19
AGENT STEEL + MESSERSCHMITT + KINETIK
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FIRENZE)

06/12/19
BLASPHEMY + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/12/19
KADINJA + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

06/12/19
SCALA MERCALLI
TNT CLUB - MILANO

06/12/19
EDGE OF FOREVER + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

06/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
ALIBI - PALERMO

06/12/19
ROCK BRIGADE + SCOLOPENDRA
L'OLANDESE VOLANTE - TODI (PG)

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

The Orange Man Theory - Giants, Demons And Flocks Of Sheep
( 2046 letture )
È inutile girarci intorno, la musica estrema di qualità passa per l'italica penisola. E ancora da Roma proviene un'altra band pronta a fornire sbudellanti ascolti metallici, tali The Orange Man Theory.

Per chi non li conoscesse, i romani giungono alla terza pubblicazione sotto l'egida di Steve Austin (Today Is The Day), proponendo un flusso sonoro contenente una base metalcore, che dagli esordi però si fa sempre più fatica a distinguere, introducendo elementi dai più svariati generi, con i quali difficilmente si potrà trovare una collocazione precisa negli schemi attualmente disponibili.
Sicuramente non si parla di musica leggera ed, a proposito, in questo Giants, Demons And Flocks Of Sheep la componente death trova più spazio, grazie a chitarre ancora più pesanti, voci che ora si alternano tra infernali growl ed uno scream dannatamente graffiante, dovuto anche al nuovo ingresso al microfono di Giorgio Cifuni.
Il risultato è una somma di elementi che presentati uno ad uno, difficilmente si riuscirebbero ad accostare: una batteria claustrofobica tipo Bal Sagoth, uno scream che farebbe la gioia di molte black metal band, chitarre death 'n' roll, un basso degno di stare tra i Killswitch Engage ed i Behemoth, ed un'attitudine punk, senza contare tutte le sfaccettature disseminate qua e là.

Se solo a leggere ed immaginare tutto ciò ci si possa lievemente disorientare, all'ascolto tutto diviene diabolicamente massacrante, sprigionando sinusoidi impazzite che si catapultano frenetiche sui nostri freni inibitori, portandoci ad headbanging esagitati.

Giants, Demons And Flocks Of Sheep è un'orda continua e compatta, che mira semplicemente a ridurre a brandelli la resistenza del mal trovato ascoltatore; conseguentemente diventa inutile passare in disamina le varie tracce, dato il continuum creato, in bilico tra i ritmi tirati di Blood Will Out, If It Could Speak, A Glass Of Wine, Point Of No Arrival e quelli tiratissimi delle canzoni rimanenti.

In definitiva, il quartetto italiano migliora ulteriormente dopo le due buone prove iniziali, levigando gli spigoli e portando ulteriormente il livello medio delle compagini del Belpaese sempre più in alto.
Questo disco entra tranquillamente nella lista dei papabili per la miglior uscita dell'anno: da avere.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
76.76 su 13 voti [ VOTA]
EdoCFH
Sabato 13 Luglio 2013, 14.26.14
4
Unico appunto, sentendo il loro video per Blood Will Out NON sono per niente Deathcore quanto più Mathcore, per chi sta dentro il genere c'è una grossa differenza xD
tino84
Martedì 9 Luglio 2013, 12.43.28
3
@undercover: concordo, il cambio al microfono, nonostante la bontà dell ex-cantante, ha dato una marcia in più, e tutto il gruppo si è perfezionato alla grande, questo è proprio un discone
Undercover
Domenica 7 Luglio 2013, 22.10.17
2
Già mio, preso appena uscito , gran disco, a mio avviso il migliore fra quelli sinora pubblicati.
brainfucker
Domenica 7 Luglio 2013, 21.55.35
1
non vedo l'ora di comprarlo
INFORMAZIONI
2013
Subsound Records
Death Core
Tracklist
1. Kill Me
2. Blood Will Out
3. Vital Drug
4. My Heritage
5. If It Could Speak
6. A Glass Of Wine
7. Point Of No Arrival
8. Contrary Effect
9. Knock At Your Door
10. Help Me
Line Up
Giorgio Cifuni (Voce)
Gabriele Giaccari (Chitarra, Cori)
Marco "Cinghio" Mastrobuono (Basso, Cori)
Tommaso Moretti (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]