Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Beyond Description - An Elegy For Depletion
( 1345 letture )
A molti il moniker Beyond Description dirà ben poco: eppure la band giapponese è attiva fin dal remoto 1988, anche se ha dovuto attendere fino al 1992 per rilasciare il suo primo EP (More Power to Your Elbow) e addirittura fino al 2002 per il debutto vero e proprio (Acts of Sheer Madness); inizialmente fautori di un hardcore punk, questi metallers dagli occhi a mandorla hanno poi sterzato su un crossover tra metal e punk, giungendo col qui presente An Elegy for Depletion al quarto studio-album della loro carriera, benedetto dalla Punishment 18 Records.

L'ensemble nipponico propone un thrash dedito alla vecchia scuola e contraddistinto da una forte accentuazione hardcore, irruente e concitato; le strutture sono molto lineari e prive di orpelli, essenziali nella forma e dotate di un rifferrama discretamente adrenalinico ma alla lunga ripetitivo, dallo stile semplice e spartano come una poesia di Kobayashi Issa. Si cerca di tenere alta l'attenzione con continui stop'n'go, ma non sempre cogliendo nel segno: la velocità resta immutata ed elevata in ogni pezzo, tendendo ad omogeneizzarne il profilo e smussarne le differenze basilari. Ritmiche martellanti ma statiche e ripetute pedissequamente senza alcuna variazione si amalgamano al vocalism diHideyuki Okahara, che risulta altrettanto piatto e monocorde nonostante un vago tentativo di emulazione nei confronti del ringhio di James Hetfield; va detto, a favore del singer, che la sua timbrica e la pronuncia dell'inglese sono più che validi, considerando anche la cronica fatica riscontrata dai vocalist nippnici nel cimentarsi con gli idiomi occidentali. Foga e rabbia non vengono mai meno, ma non basta un tupa-tupa ripetuto fino alla nausea per fare un grande disco: i Nostri vanno subito al dunque, senza variazioni di sorta, ma esauriscono praticamente tutto il loro discorso musicale dopo un paio di brani appena, sfoderando una serie di serrate ritmiche sfibranti ma standardizzate sotto un canovaccio granitico, e peraltro prive di inflessioni particolareggianti in concomitanza dei refrain vocali (difficilmente elettrizzanti). Gli sbadigli iniziano a comparire già all'altezza di Bridge, quarta traccia del lotto: la testardaggine con cui ci viene propinato il medesimo sproloquio thrashy è addirittura irritante, nonchè privo di momenti significativi. Un peccato, se si pensa che l'opener Absurd era sembrata una bella sberla coinvolgente, diretta e veloce; il resto della tracklist si rivela incancrenito su se stesso, senza nessuna canzone che si eleva dalla media e con una varietà prossima allo zero. A fatica si riesce ad ascoltare il platter tutto d'un fiato senza subire il fascino dello skip, e ad aggravare il tutto c'è il fatto che -probabilmente- questo non è certo un difetto di inesperienza bensì una scelta voluta e ponderata, figlia proprio di quelle radici hardcore di cui sopra: un difetto di forma che è un dogma quasi necessario per il genere adottato.

Per carità, De gustibus non disputandum est, però c'è un limite a tutto: An Elegy for Depletion rischia di apparire claudicante anche alle orecchie di chi ritiene che il thrash debba essere scarno e monodimensionale, a sostegno di una presunta integrità ideologica. Di certo non bastano i ritmi leggermente più violenti di Individuality o la carica più energica della pur canonica Purpose a cambiare il giudizio sull full length, che pecca pure in fase solista (nessun assolo incisivo ad incendiare i padiglioni auricolari, purtroppo): con mestiere i Nostri si ritagliano una risicata sufficienza, sfoderando a sprazzi un groove discreto (Fossilize) e confezionando un prodotto comunque privo di sbavature nella produzione e nell'esecuzione. La portata, però, non è molto ghiotta: pertanto, meglio virare in altre direzioni.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
72.66 su 3 voti [ VOTA]
Hermann 60
Martedì 2 Agosto 2016, 15.59.22
3
A me il disco è piaciuto forse perché sono un amante sfegatato delle velocità folli in musica. Obiettivamente i difetti segnalati dalla recensione ci sono, ma l'ascolto è comunque gradevole , un 70 se lo meritano sti Giapu.
LAMBRUSCORE
Giovedì 11 Luglio 2013, 18.43.52
2
Avevo aperto un topic su di loro, per me erano un buon gruppo, ottimo "A road to a brilliant future", altri vecchi per me sono validi e spaccaculi, peccato però che il cantante continui con quegli "yeah" alla Hetfield che mi danno sui nervi, di sicuro non lo compro.....
alessio
Giovedì 11 Luglio 2013, 15.51.55
1
a loro li conosco però questo ancora lo devo sentire , sinceramente ultimamente mi ero dimenticato di loro. devo dire che l'essere variegati non è il loro forte effettivamente, vabè sento e poi commento il disco.
INFORMAZIONI
2013
Punishment 18
Thrash
Tracklist
01. Absurd
02. Fossilize
03. Potential
04. Bridge
05. Arbitrage
06. Provocation
07. Shut
08. Individuality
09. Purpose
10. Drip
11. Depletion
Line Up
Hideyuki Okahara (Voce)
Yasunari Honda (Chitarra)
Yusuke Adachi (Basso)
Hiroshi Yoshioka (Batteria)
 
RECENSIONI
60
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]