Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
EMBR
1823

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
RUMAHOY
Time II: Party

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
ZOMBI
2020

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Subliminal Crusher - Antithesis
( 3397 letture )
L’Italia e’ un paese che ama il thrash. Non si spiegherebbe altrimenti la mole di demo\dischi di metal anni 80 che si presenta ogni mese sulle scrivanie specializzate. Tutto questo ovviamente e’ un bene, visto il proliferarsi di band nu-metal, crossover e quant’altro crea moda. E’ un bene anche per il destino del genere, abbandonato dai piu’ dopo essere stato sfruttato in ogni sua parte. La ripresa del thrash, per quanto riguarda i Subliminal Crasher, inizia dove era terminata. Da basi tipicamente anni 80, quindi Testament, Exodus, ma anche Slayer e i teutonici Destruction (autori quest’anno del devastante Inventor Of Evil). Riffing massicci e tesi si alternano su partiture serratissime dove trovano libero sfogo traccie del death piu’ tirato e serrato. Ecco quindi scheggie degli At The Gates di Slaughter Of The Soul intromettersi nelle visioni ottantiane dei Nostri, creando un sound a dir poco lacerante e soffocante. Sound che al suo interno colloca qua e la qualche contaminazione “new”, leggi The Haunted e Soilwork. Un thrash d’annata sporcato ogni tanto da crude alterazioni sonore death e new thrash. Il macigno Subliminal Crasher (un plauso al polipo di turno, Rodeath) prende vita con Fuck-simile, pezzo introduttivo di una potenza esasperata ed esasperante. Subito la voce di Tooz prende possesso del sound SB, brandendo con marciume vocale le devastanti basi. Potenza mista a growl, un Marco Aro e un Chuck Billy piu’ alterati, isterici e nervosi. Technocratic si apre con suoni di voce computerizzati che conferiscono al brano un certo senso di modernita’. Ma lo stacco Kraftwerk non e’ nient’altro che l’apertura di violentissime scheggie thrash\death che vi faranno sobbalzare dalla sedia. L’apertura death e’ visibile a occhio nudo, cosi come e’ d’apprezzare il tentativo di sperimentare elettronicamente anche all’interno della song. I.R.A.Q. segue la scia thrash delle precedenti song, una ritmica estesa e priva d’alcun senso morale si dipana lungo i quasi quattro minuti del pezzo. Slavery, Fearbox, Unfertile suggestion. Il rimando a vecchie idee del metal d’annata e’ palese, ma e’ palese anche il fatto che i nostri sanno giostrare bene con vecchie e sature partiture. Sporcarle qua e la con intuizioni alla Behemoth periodo Thelema 6 e’ certo un ottimo deterrente per i “soliti” innovatori (che poi sono quelli che riesumano puntalmente gli indimenticati dinosauri sonori…), ma quello che piu’ deve balzare all’attenzione e’ decisamente la tenacia mista a tecnica individuale che contraddistingue i cinque eredi della Bay Area… Poetry anticipa la cover Into The Pit, leggasi Testament, leggasi cioe’ Skolnik, Chuck Billy e Peterson periodo d’oro. Antithesis e’ il manifesto sonoro di questa violentissima band nostrana, a cavallo fra gli incubi metal meta’ anni 80 e il death piu’ irrazionale e diretto. Se questi sono gli inizi, allora c’e’ di che ben sperare. Insomma, Thrash will never die!


VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
22.8 su 30 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2005
LM Records/Masterpiece
Thrash
Tracklist
1. Fuck-simile
2. Affection
3. Technocratic
4. I.R.A.Q.
5. Slavery
6. Fearbox
7. Unfertile suggestion
8. Poetry
9. Into the pit
Line Up
Elvys (guitars)
Hatewerk (guitars)
Jerico (bass)
Rodeath (drums)
Tooz (vocals)
 
RECENSIONI
70
70
ARTICOLI
13/02/2006
Intervista
SUBLIMINAL CRUSHER
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]