Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
SERENE DARK
Enantiodromia

17/07/20
THYRANT
Katabasis

17/07/20
U.D.O.
We Are One

17/07/20
GUARDIAN OF LIGHTNING
Cosmos Tree

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

CONCERTI

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Shadowcraft - Principles Of Chaos
( 847 letture )
Principles of Chaos è l’album con cui gli Shadowcraft, band ellenica di Tessalonica, si presentano ufficialmente sulle scene. Attivi già da diversi anni e con alle spalle un certo numero di demo pubblicati, questo esordio rappresenta sicuramente un buon biglietto da visita mostrando una band ancora alla ricerca di una propria personalità ben definita, ma già capace di mostrare numerose idee e diversi spunti interessanti.

Principles of Chaos è essenzialmente un album black metal sinfonico, dalle linee molto morbide, legato agli schemi tradizionali del genere. Facile intuire lungo le tracce numerosi riferimenti a band quali Emperor e primi Dimmu Borgir, senza però rimanere saldamente ancorati ad uno schema fisso. Gli Shadowcraft infatti esplorano diverse variazioni sul tema, con spiccata confidenza e sicurezza, vestendo l’album anche di sfumature gotiche, folk ed elementi che a tratti divengono anche epici. Anche se non tutte le diverse tinte che si possono evidenziare emergono omogeneamente, sembrano però amalgamarsi bene con il resto dell’album, dando vita ad un lavoro piuttosto eterogeneo e vario, mai monotono e mai noioso.
Ruolo decisamente di rilievo lo giocano le tastiere, ad opera di Q_Snc, che aprono l’album con una maestosa introduzione, molto evocativa, raffinata e classicheggiante, le cui note scivolano come una danza senza creare fratture fino alla traccia che dà il titolo all’album. Principles of Chaos, così come il successivo, A Brotherhood Betrayed, sono brani dallo stampo molto classico, ricchi di barocchismi e raffinati ricami gotici alle tastiere che ben si sposano con lo screaming rauco di Pyrphoros. Sono soluzioni già spesso sentite, ma i pezzi risultano molto scorrevoli e piacevoli.
The Light of Apollo, brano che incede con un mid-tempo estremamente accattivante, presenta anche un’interessante soluzione affidata alle note di un flauto che, inserendosi perfettamente nel contesto, conferiscono a tutto il brano un tono folk assai vivace.
Gli ultimi brani, di un black molto melodico ma meno incisivo, proseguono scorrevolmente senza catturare troppo l’attenzione. L’ultimo pezzo però, Wrath of Celestial Daemons, chiude l’album con un tocco di originalità molto particolare, grazie all’inserimento di una sequenza di moog molto riuscita.

Nel complesso l’album lascia un’impressione molto positiva e favorevole, i pezzi sono ben costruiti, mai troppo lunghi o prolissi, ed i numerosi componenti della band danno vita ad un intreccio di linee piuttosto articolate e ricche, con diversi decori che vestono i brani di una foggia ricca e sontuosa.
Niente da eccepire anche per quanto riguarda la produzione, molto pulita e limpida, dando il giusto valore a tutti gli strumenti, che non rimangono soffocati dalle tastiere che hanno un ruolo sempre fondamentale.

Gli Shadowcraft arricchiscono l’animata scena metal greca, sempre viva ed interessante, con un album che potrà risultare sicuramente assai gradito a chi cerca un black metal di stampo tradizionale, dai toni dinamici e sfarzosi.
Senza particolari innovazioni, ma fatto bene.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2013
Noisehead Records
Black
Tracklist
1. Aeons Passed On
2. Principles of Chaos
3. A Brotherhood Betrayed
4. The Light of Apollo
5. Burning Sun Pt. 1: Ascending...
6. Burning Sun Pt. 2: I Bringer of Plagues and Suffering
7. Red Moon Above The Enemy
8. The Chamber of Eyes
9. A Path
10. Trascending Into Infinite Aeons
11. Wrath of Celestial Daemons
Line Up
Pyrphoros (Voce)
MF (Chitarra)
Amethyst (Chitarra)
Q_Snc (Tastiere)
Dis_ (Basso)
Michael (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]