Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
LAETITIA IN HOLOCAUST
Heritage

10/07/20
ROAD SYNDICATE
Smoke

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

CONCERTI

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

Crowbar - Odd Fellows Rest
( 5740 letture )
“Deepest darkest thoughts you dream
Curing's harder than it seems
Slave to no one but your misery
Broken man lies where you used to be”


Ci sono gruppi che mettono la pelle d'oca fin dal primo ascolto, che fanno venire voglia di sbattere la testa dalla prima nota, che avvincono con il loro groove fin dal primo riff. In questa schiera di entità baciate dall'ispirazione i Crowbar occupano una posizione di assoluto rilievo.

Prime movers della promiscua scena metal di New Orleans insieme a Eyehategod ed Acid Bath (con i quali condivideranno componenti a più riprese), riveriti e citati come influenza da miriadi di gruppi, amati trasversalmente dal pubblico come pochi altri gruppi, i Crowbar hanno sempre tenuto il profilo e l'attitudine tipici della band underground con i piedi ben saldi a terra ed in mente solo di suonare il più pesante possibile. Un obbiettivo che Kirk Windstein, mente attorno alla quale hanno ruotato le diverse incarnazioni del gruppo, ha perseguito con costanza in dall'esordio e che ha raggiunto vette insperate proprio con questo Odd Fellows Rest.

Dopo quattro album votati all'eccesso sonoro nella sua forma più pura, Odd Fellows Rest propone una versione più meditata del mastodontico “wall of sound” caratteristico della band: le tipiche melodie sofferte si fanno più curate e le sfuriate hardcore che spezzavano il passo nei precedenti lavori lasciano il posto a mid-tempos costanti ed implacabili. Nel processo di evoluzione del proprio sound la band non perde un briciolo della propria potenza e pesantezza senza eguali: le chitarre ribassate intessono impenetrabili trame fatte di riff apocalittici ed ossessivi mescolati ad armonizzazioni raffinate figlie dell'amore di Windstein per Thin Lizzy ed Iron Maiden (omaggiati in chiusura con la cover di Remember Tomorrow), il tutto sostenuto dalla sempre solidissima batteria di Jimmy Bower.
In un lavoro così coeso e denso, tanto da sembrare un unicum che fluisce senza soluzione di continuità da una traccia nell'altra, non è facile estrapolare dei pezzi che emergano sugli altri anche se Planets Collide è diventata immediatamente un classico assoluto nel repertorio dei Crowbar e la liquida title track spiazza l'ascoltatore con il suo richiamo ai Black Sabbath più onirici.

Odd Fellows Rest è probabilmente l'espressione di massima profondità e complessità di una band che, in anni in cui l'unica via per lasciare un segno nella scena heavy metal sembrava essere quella di essere i più veloci di tutti, scelse di tirare il freno a mano e ridefinire radicalmente il significato della parola HEAVY.



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
87.41 su 17 voti [ VOTA]
Freccia
Martedì 10 Marzo 2020, 19.28.37
17
Un album che a me piace molto! Giusto il voto della recensione. I Crowbar comunque hanno sempre fatto buoni album!
Replica Van Pelt
Martedì 10 Marzo 2020, 18.42.22
16
Musica di rara bellezza e umana solitudine e tristezza,per me resta ancora un mistero,ci sento influenze grunge a tratti mi sembra di ascoltare echi lontani di Kurt Cobain o compositivamente dei nirvana,ma sopratutto qualcosa che affonda le proprie radici nell'anima del blues,o meglio nello stesso inferno nero o bianco che sia (il colore non fa davvero alcuna differenza) ,comunque qualcosa che ti lascia senza fiato.
InvictuSteele
Lunedì 3 Luglio 2017, 21.55.09
15
Che razza di capolavoro. Un monolite magico e misterioso. Probabilmente il miglior album della band. Voto 90.
Doom
Sabato 6 Maggio 2017, 14.04.06
14
Questo è un grande album. Uno dei loro migliori..e non sono pochi. Qui il suono è se possibile più soffocante e lento...melodie sofferte..umide..Non sono un grande amante dello Sludge ( l'ultimi che mi avevano colpito erano i Cultura tres). Ma quando i gruppi sanno lasciare il segno come loro è un altro discorso. Il suono della grigia sofferenza urbana.Grandiosi, devo recuperare tutto di loro. Voto giusto...passo al prox.
Germano Mosconi
Sabato 17 Dicembre 2016, 17.01.25
13
Capolavoro
VomitSelf
Lunedì 20 Giugno 2016, 15.05.13
12
Grandissimo album, grandissima band. 90. Non il mio preferito in assoluto dei Crowbar, che resta "Lifesblood For The Downtrodden" del 2005.
Zeraus
Domenica 28 Giugno 2015, 19.18.37
11
Un giorno questo disco sarà mio.
Giaxomo
Lunedì 29 Luglio 2013, 20.07.49
10
@brainfucker: anche sul primo dici? Mi sembrano più marcate soprattutto in quest 'album. Ti credo in ogni caso, sarà una questione di produzione quindi
brainfucker
Lunedì 29 Luglio 2013, 19.13.06
9
i crowbar hanno sempre usato le chitarre in SI, quindi due toni e mezzo sotto questo disco è meraviglioso, un mattone sull'anima dell'ascoltatore. kirk è uno dei songwriter più sottovalutati della storia
Giaxomo
Lunedì 29 Luglio 2013, 15.28.41
8
A Kirk e ai batteristi che sono passati nella sua band non serve suonare a 250 bpm per essere heavy: loro sono monolitici solo con un accordo. Leggevo da qualche parte che le chitarre, specialmente in questo album, sono state abbassate anche di 2 toni e mezzo mantendo tempi tutto sommato medio-lenti. Esageratamente massicci.
Galilee
Lunedì 29 Luglio 2013, 10.08.43
7
disco da recuperare, mi manca.
LUCI DI FERRO
Domenica 28 Luglio 2013, 12.25.51
6
@ Giaxomino no non sbagli, anzi. Per il sottoscritto vale anche di più di 90/100
Sambalzalzal
Domenica 28 Luglio 2013, 11.43.03
5
Questo disco è veramente bello! 90! No Giaxomo, non penso che sbagli!
kristian Burton
Domenica 28 Luglio 2013, 11.07.26
4
IMMENSO.....
Giaxomo
Sabato 27 Luglio 2013, 20.36.31
3
Li amo. Disco immenso, monolitico, trascinante...and suffer as one:"following your head , may be a long , long road to nowhere" . La droga rappresentata in parole. Correggetemi se sbaglio. 90.
Undercover
Sabato 27 Luglio 2013, 11.19.20
2
I Crowbar sono una di quelle band che si amano o si odiano, a me piacciono tanto anche se Kirk ultimamente mi sembra si sia un po' perso.
LUCI DI FERRO
Sabato 27 Luglio 2013, 10.36.07
1
C-A-P-O-L-A-V-O-R-O ''non ha bisogno del mio commento sto album'' punto e basta!!!! la title track Odd Fellows Rest è un monumento all'arte della musica (TUTTA metal e non metal).
INFORMAZIONI
1998
Mayhem Records
Sludge
Tracklist
1. Intro
2. Planets Collide
3. ... And Suffer as One
4. 1,000 Year Internal War
5. To Carry the Load
6. December's Spawn
7. It's All in the Gravity
8. Behind the Black Horizon
9. New Man Born
10. Scattered Pieces Lay
11. Odd Fellows Rest
12. On Frozen Ground
13. Remember Tomorrow ( Bonus Track)
Line Up
Kirk Windstein (Chitarra, Voce)
Sammy Pierre Duet (Chitarra)
Todd Strange (Basso)
Jimmy Bower (aka "Wicked Cricket) (Batteria)
 
RECENSIONI
62
78
91
89
88
75
89
ARTICOLI
20/10/2016
Intervista
CROWBAR
Parla Kirk Windstein
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]