Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
STEVE LUKATHER
I Found the Sun Again

26/02/21
INFERNALIZER
The Ugly Truth

26/02/21
MOS GENERATOR
The Lanter (EP)

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
WALK THE WALK
Walk the Walk

26/02/21
MELVINS
Working with God

26/02/21
SISTER
Vengeance Ignited

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Lunarsea - Hundred Light Years
( 3413 letture )
Un investimento sicuro.

Per coloro i quali non conoscessero la band di cui si parla, i Lunarsea sono una realtà romana attiva da dieci anni e con Hundred Light Years giungono al terzo full length. Il disco è uscito già da un paio di mesi ma è doveroso segnalare la qualità di un album che, se fosse stato realizzato dai nomi tutelari -o presunti tali- del death melodico, sarebbe stato considerato con maggiore attenzione, non tanto dai critici che ne hanno segnalato giustamente le grandi qualità, ma dal pubblico, ormai sempre più eterodiretto verso i soliti noti.

I nostri non godono dei favori di un’etichetta internazionale, come invece accade ad altre formazioni che, dopo ottimi esordi, hanno continuato a campare di rendita e conseguente battage pubblicitario, ma incidono per la Punishment18, piccola ma ricca di attenzione per il panorama circostante. Nello stesso tempo, i Lunarsea, dimostrano di essere in grado di gestire due delle caratteristiche precipue per la realizzazione di prodotti di fascia alta: preparazione tecnica e cultura musicale. Tralasciando ogni discorso sulla prima dote, la quale dovrebbe costituire un approdo naturale per chiunque voglia confrontarsi con generi oggettivamente complessi da riprodurre, circa la seconda qualità c’è da dire che troppi aspiranti musicisti o critici sembrano sottovalutarne la portata, quando invece è proprio la quantità e la varietà di ascolti ad essere fondamentale per l’accrescimento di un bagaglio di idee sufficiente ad emergere tra i troppi concorrenti

Da quando si schiaccia play, i nostri mostrano di possedere entrambe le caratteristiche, senza però spiattellarle quali trofei in bella mostra, ma cercando di fonderle ad un cammino di ricerca del proprio sound, il quale spazia dalla tradizione di un certo stile nel death metal (ovvero quello intrapreso dai primissimi Dark Tranquillity e Gardenian), fino ad arrivare alle sfaccettature più moderne (con i richiami agli Insominum) ed alle aperture atmosferiche che identificano, seppure in maniera più lieve, margini avantgarde entro i quali allargare i contenuti. A seconda delle canzoni, le componenti presenti possono essere rappresentate in misura maggiore o minore, ma ciò che non manca mai è l’abilità di amalgama di una storia iniziata a metà anni ’90 con quanto tuttora può raccontare il metal dagli ambiti più estremi. I dettagli sono curati nei minimi particolari, senza tralasciare refrain e ridurli perciò a meri riempitivi più o meno particolareggiati, così come i riff e le accelerazioni, sempre efficaci e ponderati nel loro incedere, in modo che il tutto acquisti una forma ben precisa.
Nulla viene lasciato al caso, insomma, ma si cerca comunque di rendere agevole l’ascolto di idee complesse e sofisticate, senza farle pesare all’ascoltatore, ma trasmettendole in modo lineare. Ne sono un esempio le parti di violino in Aphelion Point, gli stacchi marziali di As Seaweed, i passaggi dal growl tipicamente swedish alla voce pulita, presenti in tutte le tracce o quasi. A ciò vanno aggiunte parti di chitarra mai banali, ma al contrario varie ed efficaci.

Se proprio si volessero trovare margini di perfezionamento, a mio avviso, sarebbe opportuno donare in futuro un quid di personalità in più alle ritmiche, peraltro riuscite, e curare maggiormente la resa di alcuni refrain in voce pulita. Sono solo dettagli, ma comunque perfettibili.
Ciò nonostante, Hundred Light Years rappresenta un album davvero riuscito, realizzato da persone che non hanno fatto altro che trasfondere in note la gran cultura musicale appresa negli anni. Un insieme di conoscenze che va oltre il banale nozionismo, perché identifica la fase successiva all’apprendimento, ovvero il saper derivare un qualcosa di proprio attraverso ciò che è stato già fatto in passato. Un’operazione ed un esame semplici solo a parole, che i nostri hanno superato assai bene e che meriterebbe -a questo punto- l’interesse di un’etichetta dotata del potenziale adeguato per una band di spessore evidentemente superiore alla media, non solo italiana.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
93.4 su 5 voti [ VOTA]
Astarte
Mercoledì 7 Agosto 2013, 14.52.42
8
Route code selector e' il secondo. Il primo e' hydrodynamic wave. E' un grande disco, forse la produzione poteva essere migliore, ma per essere un debutto e' accettabilissima.
Le Marquis de Fremont
Mercoledì 7 Agosto 2013, 13.02.37
7
Mi area piaciuto molto anche il primo, Route Code Selector. Disco di ottima musica, con un songwriting eccellente e sopratutto molte idee sotto. Gruppo veramente interessantissimo che spero abbiano buoni riscontri. Questi musicisti meritano.
andreastark
Lunedì 5 Agosto 2013, 18.05.29
6
Comprate i Lunarsea, comprate i Progenie Terrestre Pura, comprate i Nero di Marte, comprate i Golem e supportate tutte le band italiane che meritano e queste 4 meritano sul serio! Grandissimo disco questo dei Lunarsea ed un piacere per le orecchie per chi come me ha amato il grande melodic death svedese....unico difetto veniale peraltro la produzione della voce ma per il resto bravi e autorevoli.
The philosopher
Giovedì 1 Agosto 2013, 15.32.40
5
C'è qualche traccia su youtube che sto ascoltando! Beh acquisto obbligato!
Metal3K
Giovedì 1 Agosto 2013, 14.15.09
4
Certo! Ho appena aggiunto i musicisti ospiti per completezza, grazie.
Ne obliviscaris
Giovedì 1 Agosto 2013, 13.12.55
3
Il violino in aphelion point e' stato suonato dal violinista dei NE OBLIVISCARIS
wonderghio41
Giovedì 1 Agosto 2013, 11.10.52
2
album STUPENDO 3 pieces of mosaic, aphelion point e soprattutto la conclusia ephemeris1679 sono pezzi eccezzionali. ma tutto l'album viagga a dei livelli di qualità assolutamente straordinari. per me il voto può essere anche maggiore.
Macca
Giovedì 1 Agosto 2013, 10.16.45
1
"Ianus", in anteprima su queste pagine qualche mese fa, mi era piaciuto come pezzo. I ragazzi sembra ci sappiano fare davvero, penso che lo ascolterò.
INFORMAZIONI
2013
Punishment18 Records
Melodic Death
Tracklist
1. Phostumous
2. 3 Pieces of Mosaic
3. Next and Future
4. Ianus
5. Sonic Depth Finder
6. As Seaweed
7. Pro Nebula Nova
8. Aphelion Point
9. Palindrome Orbit
10. Ephemeris 1679
Line Up
Filippo Palma (Voce)
Fabiano Romagnoli (Chitarra, Synth)
Emiliano Pacioni (Chitarra)
Cristian Antolini (Basso, Voce)
Alfonso Corace (Batteria)

Musicisti Ospiti:
Emanuele Casali (Tastiere)
Martin Minor (Piano)
Michael Shulmann (Violino)
Tim Charles (Voce, Violino)
 
RECENSIONI
79
ARTICOLI
12/09/2016
Live Report
NOVEMBRE + LUNARSEA + UNALEI + SEVENTH GENOCIDE
Traffic Live Club, Roma, 08/09/2016
11/11/2015
Live Report
SHINING + DARKEND + SELVANS + LUNARSEA
Traffic Club, Roma, 05/11/2015
26/02/2014
Live Report
PRIMORDIAL + CADAVERIA + LUNARSEA + SHORES OF NULL
Rock'n'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO),21/02/2014
10/12/2010
Live Report
IMPALED NAZARENE + ADIMIRON + LUNARSEA + BLIND HORIZON
Init Club, Roma, 05/12/2010
09/05/2009
Intervista
LUNARSEA
Giovani rancori
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]