Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Rory Gallagher - Live! In Europe
( 2378 letture )
Dopo due soli album in studio (Rory Gallagher e Deuce entrambi usciti nel 1971) il bluesman Rory Gallagher sforna nel 1972 il suo primo live in carriera intitolato Live! In Europe. Si tratta di una scelta oculata tesa a valorizzare maggiormente le qualità del talentuoso musicista irlandese, che abbiamo già avuto modo di approfondire nell' articolo a lui dedicato; sul palco infatti Rory riusciva a sprigionare energia a profusione, una caratteristica che si riscontra molto meno non soltanto nei precedenti summenzionati platter, ma anche in quelli successivi. Non è un caso, infatti, che già nel 1974 verrà pubblicato un altro sontuoso live, lo splendido Irish Tour.
Registrato nei mesi di febbraio e marzo 1972 durante la tournée nel vecchio continente (la band comprendeva oltre a Gallagher anche Gerry McAvoy al basso e Wilgar Campbell alla batteria), Live! In Europe include soltanto un paio di tracce estrapolate dai precedenti lavori (Laundromat da Rory Gallagher e In Your Town da Deuce). Le restanti composizioni sono dei magistrali imperdibili inediti arrangiamenti di blues classici. Siamo al cospetto di un full length adrenalinico ed entusiasmante in cui tutto l’indefesso amore di Rory verso il rock’n’blues traspare dirompente avvolgendo l’ascoltatore nel fiume di note scaturite dalla sua inseparabile Fender Statocaster.

Si parte con Messin' With the Kid, uno dei pezzi forti del repertorio dell’irlandese dall’andamento a dir poco travolgente e contraddistinto da magnifici fraseggi di chitarra. L’hard blues graffiante di Laundromat pone ancora in risalto un’incendiaria sei corde. In I Could've Had Religion si raggiunge uno degli apici del long playing: si tratta di un affascinante blues talmente ben strutturato, con armonica e chitarra assoluti mattatori, da affascinare persino Bob Dylan. Pistol Slapper Blues è un’altra mirabile perla acustica e disincantata. Si rimane storditi dalla bellezza della successiva Going to My Hometown nella quale a primeggiare è il mandolino e la ruvida voce del singer accompagnati dai battiti dei piedi e dagli applausi ritmati degli scatenati spettatori. In Your Town è un acceso rock’n’blues che non può non indurti a ballare grazie alla sua ritmica trascinante. Chiude il disco la muscolare Bullfrog Blues, un’altra song mozzafiato in cui tutto il gruppo si esprime ai massimi livelli.
Nella versione in CD sono stati inclusi i pregevoli rifacimenti di What in the World e Hoodoo Man, due blues viscerali. Nel 1991 il live fu ripubblicato in un’unica confezione insieme a Stage Struck, altro ottimo disco dal vivo risalente al 1980.

Live! In Europe costituisce uno dei prodotti migliori dell’intera discografia di Rory Gallagher ed ogni amante del genere dovrebbe possederlo nella sua personale collezione. Acquistai il vinile tantissimi anni fa e rimasi strabiliato sia dalla strabordante vivacità delle musiche che dalla capacita dell’artista di coinvolgere il pubblico creando una straordinaria empatia con ogni singolo spettatore. Nonostante la sua indiscutibile bravura sia come cantante che come chitarrista Rory Gallagher è ancora troppo poco conosciuto e chi ha ancora questa pecca può iniziare ad entrare nel suo mondo proprio con Live! In Europe. Fidatevi!



VOTO RECENSORE
94
VOTO LETTORI
95 su 7 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Domenica 7 Febbraio 2016, 16.00.48
6
In studio era eccellente, ma dal vivo emanva classe da tutti i pori. Un tocco che in pochi avevamo all'epoca e pochi avranno in futuro. 85
deedeesonic
Martedì 11 Marzo 2014, 10.16.33
5
Sottoscrivo quanto detto in recensione: artista dall'enorme talento troppo sottovalutato o snobbato dal pubblico. Un peccato
Fly 74
Lunedì 10 Marzo 2014, 22.21.19
4
Come si fonde in un corpo unico la voce col suo strumento è di una sincerità commovente. Poi la registrazione di questo live è perfetta, come per tutti i suoi lavori. A livello emotivo di più non si può. Quando ascolto Going to my hometown mi bolle il sangue, che determinazione !
LORIN
Mercoledì 14 Agosto 2013, 18.28.53
3
Il grandissimo Rory on stage era "pazzesco". Sprigionava energia pura da tutte le note e questo live ne è una bellissima prova!
Leo
Mercoledì 14 Agosto 2013, 14.27.57
2
Straordinario album live di rock'n'blues!!
red
Mercoledì 14 Agosto 2013, 12.44.46
1
Giusto, fidatevi! Ce l'ho anch'io in vinile e non ricordo nemmeno come ne sono giunto in possesso (forse qualche bancarella dell'usato negli anni '70). Davvero godibile
INFORMAZIONI
1972
Buddah Records
Blues
Tracklist
Side one
1. Messin' With the Kid
2. Laundromat
3. I Could've Had Religion
4. Pistol Slapper Blues
Side two
5. Going to My Hometown
6. In Your Town
7. Bullfrog Blues
CD bonus track
8. What in the World
9. Hoodoo Man
Line Up
Rory Gallagher (Voce, Chitarra, Armonica, Mandolino)
Gerry McAvoy (Basso)
Wilgar Campbell (Batteria)
 
RECENSIONI
87
83
84
88
77
95
87
84
94
90
84
ARTICOLI
15/11/2017
Articolo
RORY GALLAGHER: IL BLUESMAN BIANCO CON LA CAMICIA A QUADRI
La recensione
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]