Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/07/20
AGONY FACE
IV Time Totems

14/07/20
INISANS/SEPULCHRAL FROST
Death Fire Darkness

15/07/20
EISENKULT
...gedenken wir der Finsternis

15/07/20
THE FUNERAL ORCHESTRA
Negative Evocation Rites

16/07/20
NOCTEM AETERNUS
Landscape of Discord

17/07/20
DARK SARAH
Grim

17/07/20
KANSAS
The Absence of Presence (Nuova data)

17/07/20
LONELY ROBOT
Feelings Are Good

17/07/20
MEAN STREAK
Eye of the Storm

17/07/20
JET JAGUAR
Endless Nights

CONCERTI

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

17/07/20
GIACOMO VOLI + EMPATHICA
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Demiricous - One (Hellbound)
( 2417 letture )
Un disco epocale, una sfrenata furia assassina che demolisce tutto ciò che incontra, un concentrato di pura rabbia destinato a lasciare un segno indelebile nella storia del metal. Questo era Reign In Blood nel 1986 e i Demiricous sembrano saperlo bene, perchè questo One (Hellbound) è un puro e semplice tributo (per non dire di peggio) agli Slayer. Dai riff al drumming, dai testi alla produzione, tutto richiama la band di Arraya & co., e il quartetto non sembra preoccuparsene troppo, perchè il disco scorre tutto così, tra stop & go ed assoli atoni, parti di chitarra al limite del plagio e rallentamenti che sembrano davvero usciti dalle mani di Hanneman e King.

I componenti sono bravi strumentisti e infondo alcune canzoni sono anche divertenti, ma onestamente non trovo un solo motivo che possa spingere qualcuno ad acquistare un disco del genere quando certamente nella sua collezione di dischi non mancano Reign In Blood e South Of Heaven. La personalità della band è infatti completamente azzerata e i quattro si limitano a suonare thrash metal ad alta velocità riuscendo ogni tanto a piazzare nella memoria un riff azzeccato. Le vocals inoltre non giovano, dato che il growl del cantante risulta del tutto anonimo, così come la sezione ritmica, studiata a tavolino per assomigliare il più possibile a quella di Dave Lombardo. Insomma, questo è un altro dei tanti, tantissimi dischi thrash che ultimamente riempiono il mercato: statene alla larga, prima di tutto perchè non vale la pena spendere venti euro per un prodotto simile, ed in secondo luogo perchè davvero siamo stufi di queste band-clone che riempiono il mercato tentando ridicolmente di resuscitare un genere musicale che (tranne rare eccezioni) si è spento irrimediabilmente quindici anni fa.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
27.07 su 28 voti [ VOTA]
marcio
Sabato 9 Febbraio 2008, 10.43.16
2
questo cd spacca i' culo!!!e nel secondo album della band si nota ua musicalita tutta loro e spacca pure quello 50 icche'
anvil
Domenica 30 Luglio 2006, 22.01.54
1
CD da sogno.
INFORMAZIONI
2006
Metal Blade
Thrash
Tracklist
1. Repentagram
2. Withdrawal Divine
3. Vagrant Idol
4. Beyond Obscene
5. Perfection And The Infection
6. Heaten Up (Out For Blood)
7. Cheat The Leader
8. Matador
9. To Serve Is To Destroy
10. Ironsides
11. I Am Weapon
12. Hellraisers
Line Up
Nate Olp (Voce, basso)
Chris Cruz: (Batteria)
Ben Parrish (Chitarra)
Scott Wilson (Chitarra)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]