Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/10/19
ARCANE TALES
Power of the Sky

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
SANTA CRUZ
Katharsis

18/10/19
COCHISE
Exit: A Good Day to Die

CONCERTI

15/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Estragon - Bologna

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

Hagl - In the Heart
( 1485 letture )
Dalla Russia arriva il terzo disco degli Hagl, band dell’ex-frontman e batterista dei M8L8TH. In The Heart, questo il titolo del disco rilasciato tramite la Casus Belli Musica, è composto da quaranta minuti abbondanti di puro e semplice pagan black metal arricchito da qualche richiamo elettronico e da alcuni fraseggi acustici. La produzione è molto buona e il prodotto si presenta ben confezionato sotto tutti i punti di vista. L’unica pecca potrebbe derivare da alcuni passaggi di sintetizzatore non sempre chiarissimi, ma in sostanza il risultato è nella norma e addirittura il basso (spesso completamente oscurato) vanta i suoi buoni momenti. Entrando più nel dettaglio la registrazione è avvenuta presso gli Z-Studio situati a Zelenograd e la cover è opera dell’artista Igor Bourlakov; infine è doveroso anche citare il lavoro di Sergey AR Pavlov in veste di traduttore delle liriche (finalmente abbiamo una band russa che si prende l’impegno di tradurre i propri testi).

Nel complesso questa nuova uscita conferma gli ottimi risultati raggiunti attraverso il precedente Irminsul, con l’ulteriore implementazione dei già citati sintetizzatori all’interno delle tre tracce conclusive: ovvero Above Death, The North e Wake Up!. Mentre la prima di queste tre canzoni presenta un approccio molto distaccato con la componente elettronica, le due successive permettono ad essa di esprimersi in tutto il proprio carattere atmosferico e sognante. In sostanza comunque non ho trovato questa aggiunta particolarmente decisiva, infatti, nel caso venissero tolti i synth, questi pezzi risulterebbero ugualmente efficaci e ben riusciti. Ritornando alle fase iniziali del disco ci imbattiamo in una visione più ampia della proposta portata dagli Hagl: innanzitutto bisogna contestualizzare l’ottimo cantato in scream di Swarn come una sorta di faro per l’intero album; detto questo non si deve fare altro se non rimanere intrappolati nella violenza sonora sprigionata dalle chitarre, le quali si mettono in evidenza grazie al proprio carattere prima rapido, poi melodico, poi più lento, riuscendo in sostanza a infondere una sensazione di varietà che valorizza la totalità delle tracce. Per quanto riguarda i singoli pezzi ho apprezzato particolarmente l’accoppiata Mors Triumphalis e Thunderstorm, entrambe infatti rappresentano due diversi modi di intendere i concetti di rabbia e aggressività in termini di musica: la prima si sviluppa molto bene tra le parti più veloci e quelle meno sostenute, le quali assomigliano quasi ad un “rito preparatorio” atto a caricare la veemenza dei minuti successivi; la seconda invece vanta un carattere più melodico e riflessivo, ma non per questo il suo impatto sull’ascoltatore risulta minore. Ad abbellire il tutto è presente quella particolare atmosfera che solo le band provenienti dall’est europeo sono in grado di sprigionare, ed è importante notare come tali sensazioni siano ricche di spontaneità ed escano allo scoperto con estrema naturalezza. Un piccolo difetto che ho riscontrato risiede nel riff iniziale di Howl as a Wolf, troppo articolato e un po’ estraneo al contesto generale di In The Heart; ma a parte questo, e una volta accantonata questa particolare trama chitarristica, il pezzo si lascia andare ad un black metal molto tirato verso il quale è impossibile opporre resistenza, dato che si rimane completamente avvolti dall’impeto dei blast beats e dall’imponente muro musicale espresso dall’insieme di tutti gli strumenti.

In conclusione la terza fatica dei russi Hagl è un ottimo prodotto, certamente non porta alcuna innovazione e non raggiunge picchi assoluti di eccellenza, ma il risultato finale è decisamente piacevole e ben fatto, e sono sicuro verrà apprezzato dai sostenitori del black metal più melodico e vario. Non a caso la caratteristica principale di questa band consiste nel fatto di non adagiarsi mai su soluzioni stantie, ma piuttosto di tendere verso la ricerca di qualcosa di diverso e di funzionale per l’economia generale del disco.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Frater
Sabato 21 Settembre 2013, 18.17.41
4
@Panzer, Alexey newer was in prison. He served his sentence in psychiatric clinic.
Arvssynd
Giovedì 5 Settembre 2013, 12.56.41
3
@Panzer, yes I know, but I used the term "frontman" as a synonymous of singer. I absolutely don't want to relate M8L8TH with Hagl, it's only a simple introduction.
Panzer
Giovedì 5 Settembre 2013, 3.18.47
2
Please, do not spread false info, Hagl never was a frontman in M8L8TH, he played drums and recorded some parts of the vocals while the original frontman - Alexei, served his sentence in prison for assulting immigrants. Now Alexei is back and Hagl is no longer a part of M8L8TH.
Electric Warrior
Martedì 3 Settembre 2013, 13.03.14
1
"pagan black" mi mancava...
INFORMAZIONI
2013
Casus Belli Musica
Pagan Black
Tracklist
1. Intro (In the Heart)
2. Heavy Gale
3. Mors Triumphalis
4. Thunderstorm
5. Howl as a Wolf
6. Europe
7. Above Death
8. The North
9. Wake Up!
10. Outro
Line Up
Swarm (voce, chitarra, basso)
Arian (tastiera)
Alarm (batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]