Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Tremonti
Marching in Time
Demo

Teramaze
Sorella Minore
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/10/21
VADER
Blitzkrieg in Texas: Live 2005

22/10/21
DAN LUCAS
The Long Road

22/10/21
PHANTOM FIRE
The Bust of Beelzebub

22/10/21
CATALYST CRIME
Catalyst Crime

22/10/21
LIVLOS
And Then There Were None

22/10/21
ARMORED SAINT
Symbol of Salvation Live

22/10/21
CRADLE OF FILTH
Existence is Futile

22/10/21
NECROFIER
Prophecies of Eternal Darkness

22/10/21
MASSACRE
Resurgence

22/10/21
COGNOS
Cognos

CONCERTI

16/10/21
GIÖBIA + RAWPOWER
ZIGGY CLUB - TORINO

19/10/21
DEEP PURPLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

21/10/21
H.E.A.T
LEGEND CLUB - MILANO

22/10/21
FULCI + HELSLAVE
DEFRAG - ROMA

23/10/21
HYPERION (ITA) + GENGIS KHAN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/10/21
FULCI + CRAWLING CHAOS
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

24/10/21
TOTAL RECALL + FULCI + RISE ABOVE DEAD
LEGEND CLUB - MILANO

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

Master - The Witchhunt
( 2364 letture )
Poche parole di presentazione per i Master, storico gruppo death attivo dal 1985 e presente sul mercato dal ’90 con il primo full length omonimo. Da allora ci sono stati ben dieci album che non hanno mai deluso le aspettative dei fan, e diversi EP, compilation e DVD. Nonostante ciò, i Master sono sempre vissuti nell’ombra e sono conosciuti soltanto dai veri cultori del genere, quelli che non si fermano ai soliti tre nomi che portano la bandiera.

Dopo l’uscita di The New Elite dell’anno scorso, i Master hanno ancora idee da proporre al loro pubblico, mai sazi di far ascoltare il loro death crudo vecchio stampo, divulgandolo con i loro testi le loro idee malsane, spaziando da argomenti fantastici a critiche alla società. La copertina di The Witchhunt è un connubio ammirevole dei lavori grafici che si facevano una volta e delle tecniche di realizzazione più moderne. Oscura e malefica proprio come il sound del gruppo.
Parlando della musica, i Master non si smentiscono ancora una volta. The Witchhunt si presenta come un disco sfrontato, arrogante, che non ha alcuna paura di essere giudicato. Ciò che i tre musicisti avevano in mente di suonare lo hanno suonato ed inciso, senza preoccuparsi delle recensioni e delle vendite. E’ musica che i napoletani definirebbero “ro cori”, realizzata con lo scopo di arricchire una discografia piuttosto completa ma soprattutto per divertimento, il componente principale di un vero musicista.
Il loro death old-style non cambia molto rispetto alle uscite precedenti. Gli elementi thrash sono presenti in misura maggiore, rendendo talvolta il sound dei Master più leggero ed orecchiabile. La produzione è moderna, adatta ai nostri tempi, e gli strumenti appaiono tutti ben udibili, con la voce rigurgitante di Speckmann in primo piano a predominare. Le sonorità di questo The Witchhunt sono originali, per la maggior parte orecchiabili come già detto, ma a volte i riff tendono a ripetersi troppe volte e l’attenzione sull’ascolto cala parecchio.

L’album inizia meravigliosamente bene con la title-track, canzone che piace e stimola l’ascoltatore a procedere, voglioso di sentire cosa questa nuova produzione di casa Master ha intenzione di proporre. Purtroppo, per attendere qualcosa di diverso e meno scontato si deve aspettare la traccia numero quattro, Waiting to Die, in quanto le due precedenti presentano una metrica uguale a quella della numero uno e riff piuttosto simili. Waiting to Die è invece più articolata ed incalzante, proprio come The Parable, dove l’atmosfera thrash è più presente. Altre canzoni degne di nota sono la sperimentale Raise Your Sword, iniziata con un incipit lunghissimo e monotono, e conclusa come uno dei cavalli di battaglia dell’album; Manipulated to Exterminate, più personale, contenente mid-tempo di elevata prestazione tecnica e il solito stop&start con accordo libero per introdurre la seconda parte, decisamente accattivante; la conclusiva The American Dream, la canzone più varia e più legata all’etichetta old style death.

Se potessi ridurre l’album, manterrei solo le tracce citate. Il resto è roba già sentita centinaia di volte, riff simili fra di loro, parti di batteria e strofe e ritornelli alquanto scontati.
Con molti spunti interessanti e altri (molto) meno, questo The Witchhunt soddisfa ma non dà il 100% delle potenzialità della band ai propri fan. E’ un disco suonato per il solo gusto di farlo, innovando ciò che si poteva e ripetendo ciò che è stato fatto. Non brilla nella discografia dei Master ma non delude nemmeno. Quantomeno, possiamo affermare che nella discografia di questi capisaldi del death, fino ad ora non è presente nemmeno un neo.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
90 su 2 voti [ VOTA]
Blackout
Venerdì 13 Settembre 2013, 18.05.18
5
In linea con il commento di Undercover.
Almetallo
Venerdì 13 Settembre 2013, 16.07.04
4
recensite anche i vecchi classici
Undercover
Venerdì 13 Settembre 2013, 15.44.27
3
Oltre i primi due non è che mi abbiano mai detto molto, ne riconosco la storicità e adoro il personaggio Paul, ma musicalmente non sono mai stati questo granché.
tino84
Venerdì 13 Settembre 2013, 12.48.42
2
io vado praticamente ad occhi chiusi con i Master, garanzia! approfitto per fare a Daniele i complimenti per il lavoro svolto ottimamente ed in tempi record
alessio
Venerdì 13 Settembre 2013, 11.53.15
1
e io lo aspetto con ansia, se il recensore dice che la componente più thrash è in maggiore evidenza per me va benissimo ugualmente dopotutto apprezzo anche dischi come collection of souls o let's start a war dove la componente thrash punk era in bella evidenza. loro non deludono e spero in un tour europeo per promuover il disco.
INFORMAZIONI
2013
F.D.A. Rekotz
Death
Tracklist
1. The Witchhunt
2. Plans of Hate
3. Another Suicide
4. Waiting to Die
5. The Parable
6. God of Thunder
7. Remove the Clowns
8. Raise Your Sword
9. Wipe Out the Aggressor
10. Manipulated to Exterminate
11. The American Dream
Line Up
Paul Speckmann (Voce, Basso)
Alex "93" Nejezchleba (Chitarra)
Zdeněk Pradlovský (Batteria)
 
RECENSIONI
74
80
80
ARTICOLI
22/05/2014
Live Report
AT THE GATES + IMPALED NAZARENE + MASTER + ALTRI
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 17/05/14
17/10/2013
Live Report
FATES WARNING + DIVIDE MULTITUDE + MASTER EXPERIENCE
Colony, Brescia, 13/10/2013
16/06/2013
Intervista
MASTERCASTLE
La parola alla band
17/10/2012
Live Report
MASTER + DEHUMAN + WARHAMMER + SOUTHERN DRINKSTRUCTION
Traffic Club, Roma, 11/10/2012
05/01/2012
Live Report
WINTER MASTERS OF ROCK
Luďka Čajky Stadion, Zlin, 26/11/2011
28/11/2011
Intervista
MASTERCASTLE
Tre diamanti pericolosi
25/04/2011
Live Report
MASTER + SOUTHWICKED + DESTROY THE OPPOSITION + GARAGEDAYS
Traffic Live Club, Roma, 20/04/2011
02/06/2009
Intervista
MASTERCASTLE
Parliamo di fenici
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]