Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/05/20
OCTOBER FALLS
A Fall of an Epoch

30/05/20
CONCEIVED BY HATE
Putrid Realms of the Occult

30/05/20
KRYPTAMOK
Verisaarna

01/06/20
INSTIGATE
Echoes of a Dying World

05/06/20
THE GHOST INSIDE
The Ghost Inside

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

05/06/20
FROST*
Others

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

CONCERTI

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

Simone Fiorletta - Parallel Worlds
( 4068 letture )
Premetto cha la definizione Hard Rock è decisamente riduttiva per descrivere questa realizzazione di Simone Fiorletta. L’album in questione spazia infatti da atmosfere di base riconducibili a questo ambito ad atmosfere spesso rarefatte ed intimiste che poco invece hanno a che fare col genere, il tutto con una tecnica superlativa sicuramente redditizia in ambito heavy. Parallel Worlds è stato realizzato al 135 DB Studio, prodotto da Simone stesso, ed è distribuito dalla finlandese Lion. Dopo questi cenni tecnici veniamo al dunque, cioè alla musica: da questo punto di vista credo che se in testa avete soltanto speed, Black, ed in generale atmosfere ultra pesanti probabilmente questo CD non fa per voi, nonostante ciò io mi sento di consigliarlo a tutti. Innanzi tutto la tecnica è notevole, e quindi chiunque ami la chitarra ed i guitar-heroes troverà pane per i suoi denti, specialmente se a sua volta suona lo strumento, tuttavia questo aspetto è secondario, ciò che mi ha colpito di più è che Parallel Worlds è un CD composto di “canzoni”. Bella scoperta direte voi, perché di solito invece? Non sempre rispondo io, laddove per canzone si intenda un racconto (in questo caso solo musicale dato che l’album è strumentale) sviluppato seguendo una linea armonica precisa ed originale, che si sviluppa dall’idea iniziale, e poi appunto racconti lo stato d’animo che la ha generata, qui senza bisogno di parole, perché lo strumento è sufficiente a sé stesso, dato che a suonarlo non c’è uno che ad ogni nota sembra voglia dirti: “Dio quanto sono bravo. Ed è inutile che ci provi, solo io posso suonare così”. Ed è proprio questo il pregio migliore di Parallel Worlds, il fatto che la tecnica superiore sia palese, ma che sia sempre al servizio dei brani, che spesso raccontano storie intime e delicate, e l’ascoltatore ha chiara la sensazione del “potrei, ma non mi interessa”, la sensazione cioè che se solo Simone volesse la velocità di esecuzione dei brani, le cascate di note sparate dalle casse, potrebbero aumentare fino a fare deragliare le linee melodiche, ma a che pro? Solo per far vedere quanto è bravo? Quello è palese a chiunque se ne intenda in maniera minimale, ma non è il fine del CD, che invece mira a trasmettere stati d’animo e sensazioni, anche insicurezze forse, e ci riesce benissimo, una qualità questa sempre più rara, sacrificata spesso sull’altare di una velocità non sempre necessaria e buona per coprire pecche tecniche e di idee. In questa avventura il nostro è supportato da un gruppo di musicisti di alto livello e da lui personalmente scelti che assecondano perfettamente sia la tecnica che il mood di Simone, portando il prodotto su livelli di assoluta eccellenza. Segnalo tra gli altri pezzi la title-track, For You, Blue Eyes, Again With You e anche se un po’ avulsa dal contesto del CD, la bonus track Lullaby For Laura, estremamente delicata, e che vede l’unico intervento di ugola umana da parte di Emiliano Germani impegnato in vocalizzi utilizzando le vocali di Laura, compagna del nostro. Mi raccomando dunque, shredders probabilmente alla larga, ma amanti della musica emozionale e scritta bene a fare la fila per acquistare Parallel Worlds, perché se la musica italiana è questa bisogna sostenerla.


VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
24.57 su 26 voti [ VOTA]
six
Venerdì 24 Novembre 2006, 11.19.14
1
Sicuramente un bel CD l'ho comprato,ma sinceramente preferisco Gianfranco fichera Cogliandro che ha autoprodotto il suo gioiello BAD,non basta saper suonare la chitarra andare veloci fare scale difficile e veloci,bisogna che la canzone sia bella e melodica e soto questo punto di vista Fiorletta non ci siamo ,impara da Gianfranco Fichera Cogliandro,lui suona bene la chitarra,ma ogni suo pezzo è orecchiabilie è bellissimo,non c'e' un pezzo che non sia bello ,melodico,stupendo ,GFC mette e fa venire i brividi sulla pelle,Fiorletta non lo trovo abbastanza freddo,comunque è un ottimo chitarrista,ma ce ne sono tanti cosi',GFC è UNICO
INFORMAZIONI
2005
Lion Music
Hard Rock
Tracklist
1. Parallel Worlds
2. For You
3. The 1st Day Of Life
4. Blue Eyes
5. That's My Truth
6. Alone In The Rain
7. Again With You
8. Your Rest
9. A Strange Evolution
10. Lullaby For Laura (Bonus Track)
Line Up
Simone Fiorletta - Guitar, Bass on tracks 3,5,7
Mario Mazzenga - Bass
Andrea Scala - Drums
Valerio D'Anna - Additional Keyboards and Keyboards solos
Emiliano Germani - Guest Vocals on track 10
 
RECENSIONI
77
83
81
ARTICOLI
26/07/2013
Intervista
SIMONE FIORLETTA
Le personalità dello shredder
02/07/07
Intervista
SIMONE FIORLETTA
Presenta il nuovo disco
08/05/2006
Intervista
ANDREA DE PAOLI E SIMONE FIORLETTA
Parlano i due artisti
13/02/2006
Intervista
SIMONE FIORLETTA
Si racconta a Metallized
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]