Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Caligula’s Horse
Rise Radiant
Demo

Black Pestilence
Hail the Flesh
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/06/20
HANGING GARDEN
Against the Dying of the Light

05/06/20
DEVIN TOWNSEND
Empath - The Ultimate Edition

05/06/20
MAKE THEM SUFFER
How To Survive A Funeral

05/06/20
GRUESOME/EXHUMED
Twisted Horror (split)

05/06/20
FROST*
Others

05/06/20
CURRENTS
The Way it Ends

05/06/20
HAKEN
Virus

05/06/20
NANOWAR OF STEEL
Sodali Do It Better

05/06/20
THE GHOST INSIDE
The Ghost Inside

05/06/20
BLIGHT
Temple Of Wounds

CONCERTI

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

21/06/20
INFECTED RAIN + ANKOR + TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Accept - Objection Overruled
( 4214 letture )
L'effetto reunion ha sempre il suo fascino. Anche nell'anno di grazia 1992, quando Udo Dirkschneider decide di tornare alla corte degli Accept, dalla quale era fuggito cinque anni prima in seguito a divergenze stilistiche iniziate addirittura nel 1985. Il singer non tollerava i flirt con l'AOR che i suoi volevano introdurre nella musica dell'act tedesco e fu dunque rimpiazzato da David Reece, col quale fu realizzato Eat the Heat, un disco sufficiente ma che deluse i fans di vecchia data. La scintilla che fece scoccare il nuovo amore con Udo si chiamava Staying a Life, un album dal vivo registrato anni prima e che fu pubblicato con scopi celebrativi nel 1990, ricevendo recensioni entusiastiche. C'era ancora voglia di Accept, tra i metallers più giovani e anche tra quelli di vecchia data: forse il tempo aveva levigato i dissapori, o forse no, ma sembrava davvero il momento giusto per rispolverare la line-up dei giorni d'oro, che mai erano stati dimenticati.

Pubblicato nel 1993, Objection Overruled è il classico disco che ci si potrebbe aspettare dagli Accept, un lavoro di buona qualità che pur non si spingeva alle vette artistiche dei grandi masterpieces ottantiani. Poggia sul classico riff teutonico, roccioso e secco, oltre che sul ritrovato vocalism al vetriolo di Udo, un trademark che di per sé tranquillizza i fans e permette ai vari pezzi di acquisire una marcia in più. Lo stile del quartetto è sempre sembrato una sorta di ibrido tra Judas Priest e AC/DC: ecco dunque pezzi essenziali e ruvidi, privi di orpelli, forse leggermente ripetitivi ma di certo veraci e sanguigni. Wolf Hoffmann è, assieme al singer, l'altro protagonista del platter: dalla sua ascia arrivano riff validi e taurini, ora più metallici ed ora tendenti al caro vecchio hard rock, ma anche assoli abrasivi che trovano il loro culmine melodico in brani come All or Nothing o This One's for You. Imperano i mid-time, corpulenti e rockegianti, mentre le alte velocità restano limitate soltanto a due episodi in tutta la scaletta: l'opener e titletrack Objection Overruled e la conclusiva This One's for You.

Questi due brani scorrono rapidi ed eccitanti, con le vocals corvine di Udo rigorosamente sugli scudi: probabilmente, si tratta dei passaggi migliori del lotto. I Don't Wanna Be Like You e Donation sono due hard rock classici, con cori ruffiani alla AC/DC, vocals graffianti e chitarra martellante; Protectors of Terror è invece un mid-tempo basato sulla ripetizione di un riff di peso e su un assolo abrasivo, un atto di accusa contro le istituzioni religiose che si scagliano contro chi non segue la dottrina della chiesa e finiscono esse stesse per creare divisioni e lacerazioni. Molto bella è Slaves to Metal, nella quale chitarra e batteria imbastiscono un groove molto coinvolgente, ottimizzato da cori dal pugno al cielo; a proposito di cori e refrain, non si può non menzionare quello -molto bello- di All or Nothing, una composizione felicemente ottantiana che incede con un profilo anthemico e statuario, prima di lasciare il campo al bel binomio di forza e melodia rappresentato da Bulletproof. Passaggio atipico del disco è Amamos la Vida, una traccia melanconica e sofferente piazzata a metà tracklist per spezzare l'andamento del full length: superato questo parziale rallentamento, si riparte con un inno virile come Sick, Dirty and Mean, dotato anche di apprezzati risvolti dinamici nel corpo centrale e con il lungo assolo rappresentato della strumentale Just by My Own, pregevole preludio al già citato brano conclusivo, This One's for You.

A conti fatti, il lavoro si lascia ascoltare piacevolmente ma non è una pietra miliare come lo era stato, per esempio, Metal Heart: il sound semplice e granitico della band è scolpito nella roccia per antonomasia, e non si presta certo a variazioni o evoluzioni di sorta, risultando peraltro definito e ormai standardizzato dopo una serie di releases seminali alle quali nulla si può aggiungere. Soltanto l'entusiasmo implicato dalla reunion garantì al platter molti riscontri positivi, ma esaminandolo a entusiasmi ormai sopiti sembra più equilibrato definirlo "soltanto" un buon disco.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
88 su 15 voti [ VOTA]
Maurizio
Martedì 6 Febbraio 2018, 19.05.21
14
Tra i più sottovalutati. Ovviamente non al livello dei classiconi del gruppo ma cd che merita l'acquisto se vi capita tra le mani. Nel tour in corso hanno inserito la title track.
venom
Domenica 5 Novembre 2017, 15.58.54
13
75 a quest album???, troppo basso almeno 85 x me grandissimo disco tra i migliori degli accept
Joey
Sabato 12 Marzo 2016, 21.30.57
12
Per me leggermente inferiore a Metal Heart. 75 è pochissimo, almeno un 88 se lo merita. Sick, Dirty and Mean è fantastica, il ritornello mi è rimasto in mente per non so quante settimane. La voce di Udo in questo album è semplicemente perfetta, rabbiosa e grintosa come mai, gli assoli stupendi. L'unica che mi piace meno delle altre? Protectors of Terror, ma alla fin fine questo è un ottimo album. Grandi Accept.
Philosopher3185
Domenica 8 Febbraio 2015, 17.21.26
11
Ottimo album...non un capolavoro come i dischi precedenti(eccetto,ovviamente Eat The Heat),però con qualche brano di notevole caratura,prima fra tutte la title track,che è propio quello che ci voleva,dopo la svolta Glam:un bel pezzo Heavy Metal teutonico,diretto come un pugno nel viso...buona I Don't Wanna Be Like You,e sopratutto la superba ballad Amamos la Vita,che è davvero un gioiello.
Philosopher3185
Domenica 8 Febbraio 2015, 16.27.16
10
Ancora non ho ascoltato questo disco.Sto ascoltando Eat The Heat..spero nessuno mi fucilera',ma è un grandissimo album,bello,ben prodotto,ottime canzoni..probabilmente uno dei migliori album Glam Metal;il problema è che...non sono gli Accep! sembra di ascoltare i Motley crue,e in altri tratti i Ratt! mi ha lasciato spiazzato,e credo che in molti(all'epoca della sua uscita),si saranno sentiti traditi e confusi,e credo sia normale...a parte Hellhammer e la conclusiva D-Train,che ricordano qualcosa dei vecchi Accept,per il resto sembra un altra band.Alla fine,tutti questi grandi gruppi,sono pochi quelli che sono sempre stati coerenti con il loro stile..dispiace dirlo,ma è la verita'...
LUCI DI FERRO
Venerdì 27 Settembre 2013, 21.51.26
9
OMBRE DI PAGLIA
Venerdì 27 Settembre 2013, 19.49.54
8
un must have questo objection
LUCI DI FERRO
Mercoledì 25 Settembre 2013, 18.53.20
7
must have 'Objection Overruled'
AndreA
Lunedì 23 Settembre 2013, 12.19.15
6
Della prima reunion è senza dubbio il lavoro migliore(il successivo "Death Row" per me è pessimo),ovviamente peggio di "Eat the Heat" non potevano fare.Comunque come per la maggior parte dei loro coetanei i capolavori degli anni '80 non sono mai stati nemmeno riavvicinati nei decenni a seguire.
Steelminded
Domenica 22 Settembre 2013, 10.49.19
5
Disco discreto, due passi sotto il trittico magico degli anni 80 - tra Metal Heart e Blood of the Nations sicuramente il migliore. Voto 69.
LORIN
Sabato 21 Settembre 2013, 21.41.20
4
Ottimo disco di una ottima band. L'heavy metal lo hanno scritto anche loro.
Sandro70
Sabato 21 Settembre 2013, 21.30.21
3
Disco bellissimo, un pelino sotto ai loro capolavori e a livelli che gli ( ottimi ) Accept odierni possono solo sognarsi. Voto 90.
Captain Wild
Sabato 21 Settembre 2013, 20.04.44
2
Molto bello, al pari dei classici x me
LUCI DI FERRO
Sabato 21 Settembre 2013, 13.57.40
1
secondo me questo è un grandissimo disco voto: 87/100.
INFORMAZIONI
1993
RCA Records
Heavy
Tracklist
1. Objection Overruled
2. I Don`t Wanna Be Like You
3. Protectors Of Terror
4. Slaves To Metal
5. All Or Nothing
6. Bulletproof
7. Amamos La Vida
8. Sick, Dirty And Mean
9. Donation
10. Just By My Own
11. This One`s For You
Line Up
Udo Dirkschneider (Voce)
Wolf Hoffmann (Chitarra)
Peter Baltes (Basso)
Stefan Kaufmann (Batteria)
 
RECENSIONI
80
73
79
88
72
75
79
84
90
83
88
79
72
70
ARTICOLI
31/01/2017
Live Report
SABATON + ACCEPT + TWILIGHT FORCE
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI) - 25/01/2017
21/08/2010
Intervista
ACCEPT
Il sangue delle nazioni
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]