Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
KONKHRA
Alpha and the Omega

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
NEGATOR
Vnitas Pvritas Existentia

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

CONCERTI

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

19/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
RIVOLTA - VENEZIA

19/10/19
NODE
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

19/10/19
SKELETOON + GUESTS
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Stormlord - Hesperia
( 3551 letture )
Sulle scene da ormai vent'anni, a fine 2013 i capitolini Stormlord danno alla luce il quinto full-length, intitolato Hesperia e totalmente incentrato sull'Eneide di Virgilio. Gli anni che separano questa uscita dal predecessore Mare Nostrum, album che ha segnato una svolta a livello compositivo per Cristiano Borchi e soci, sono cinque, segno che la band si è presa tutto il tempo necessario per poter sviluppare con calma le trame dei nuovi brani. Infatti, seppure lo stile della nuova uscita presenti diversi elementi di continuità con il passato, Hesperia è anche un lavoro che dimostra una volontà di proseguire sulla strada intrapresa con Mare Nostrum: la componente cinematografica diventa ancora più marcata, a scapito dell'aspetto estremo; le velocità si riducono ed i pattern ritmici si semplificano per lasciare spazio al groove e a fraseggi meno immediati; persino la produzione si gonfia e si ripulisce. Tradotto: del black sinfonico rimane poca traccia, sacrificando diversi elementi stilistici (blast-beat, tremolo picking, sonorità cupe) per esaltare l'aspetto epico e solenne delle composizioni, fino ad arrivare a quello che gli stessi Stormlord definiscono “extreme epic metal”.

Si comincia con un brano dedicato al protagonista della narrazione, Aeneas, per cui viene utilizzato il proemio del testo latino dell'Eneide (Arma virumque cano...), aperto da un'introduzione orchestrale, degna di far parte di una colonna sonora cinematografica. Il suono e gli umori sono molto vicini a quelli di Mare Nostrum e la scelta di collocarla nella stessa posizione nella tracklist non fa che acuire questa sensazione di déjà-entendu. Effettivamente nel corso degli ascolti, a più riprese l'impressione che il fantasma di Mare Nostrum aleggi costantemente si fa decisamente fondata, penalizzando Hesperia per la mancanza di quella sorprendente genuinità che caratterizzava il predecessore; le soluzioni adottate in qualche occasione sono molto simili e, pur risultando efficaci, perdono in freschezza. Tuttavia è pur vero che il duo Caprino/Bucci, autore di tutte le musiche, sa anche tirare fuori elementi di novità, come le percussioni tribali ed i suoni vicini alla tradizione orientale nella massiccia Motherland, traccia che gode di un break con le chitarre pulite in tremolo picking molto efficace, o come i cordofoni etnici della maestosa Onward To Roma, in cui interviene anche la potente ugola di Elisabetta Marchetti.
La titletrack rappresenta la traccia più efficace e particolare dell'intero lotto: grazie all'utilizzo dell'elettronica, di tappeti atmosferici soffusi e all'incedere lento e affannoso, rievoca la fatica dell'eroe, che per compiere il proprio destino, la missione affidatagli dagli dei, è costretto a sacrificare ciò che ha di più caro. Il cantato in italiano assume contorni quasi tragici:

Dei trionfi gli echi remoti
nel vento sussurrano il nome “Hesperia”
Il tuo lauro è il mio supplizio

Figlia del verbo divino
dilani ed infiammi quest’animo pio
Tu sei Hesperia


L'epos tocca il proprio apice con il linguaggio aulico del testo, l'utilizzo della strumentazione (in particolar modo le chitarre distorte) è sorprendente e l'effettistica compie il resto, elevando Hesperia al di sopra di tutti gli altri brani.
Una breve strumentale (Sic Volvere Parcas) precede My Lost Empire, il brano con più soluzione di continuità rispetto alle scorse uscite, giocato su ritmiche incalzanti e intuizioni melodiche azzeccate, con l'aggiunta di un drumming robusto da parte di David Folchitto, che sembra aver perso la briglia che lo vincolava per il resto dei brani. L'intera band sembra godere di un'energia ed uno slancio che spiccano rispetto alle altre composizioni.
A chiudere il cerchio, la lunga suite Those Among The Pyre, che unisce diversi umori e sensazioni nello stesso brano, alternando passaggi cadenzati, tastiere solenni e stacchi acustici; lasciando infine spazio al timbro tenebroso di Giampaolo Caprino verso la conclusione.
Il lavoro di produzione, ad opera di Giuseppe Orlando, come da diverse uscite degli Stormlord a questa parte, è una garanzia: si creano degli spazi per tutti gli strumenti, in particolare per il basso di Francesco Bucci, che non si limita a fare solo da rinforzo; i suoni sono vigorosi e nitidi, lasciando che i riff di chitarra non interferiscano con l'operato alle tastiere di Riccardo Studer, valorizzando in generale un'esecuzione melodica precisa ed espressiva e una sezione ritmica nerboruta. Il cantato di Borchi risulta più chiaro che in passato, perdendo la naturale aura di nebulosità di cui godeva un tempo, ma irrobustendosi nel growl, di cui viene fatto ampio uso in questa release.

Concludendo, Hesperia è certamente un lavoro meritevole di un ascolto, un'opera ambiziosa che racchiude molti ottimi intenti al proprio interno, tuttavia è come l'imbarcazione che lo stesso Enea ha utilizzato durante la propria epopea: difficile da governare ed incapace di arrivare a destinazione senza incappare in qualche ostacolo che ne appesantisce l'ascolto. Talvolta l'impressione è che, a lungo andare, gli Stormlord finiscano per standardizzare il proprio suono, in virtù di dover mantenere alta a tutti i costi la bandiera dell'epicità, trovandosi quasi le mani legate dal concept che hanno deciso di seguire.
Per contro, Hesperia possiede anche delle intuizioni davvero buone, segno che le capacità compositive del sestetto sono tutt'altro che indifferenti, anche se non sempre trovano una completa valorizzazione, come se la nuova imbarcazione con cui naviga la band necessitasse di un ulteriore rodaggio per mantenere saldo il timone, tanto nelle acque tranquille quanto nei momenti di mare mosso. Detto questo, è difficile non lasciarsi coinvolgere in questo percorso di riscoperta delle proprie origini, solcando le acque del mediterraneo, tra mille peripezie, in compagnia dell'eroico Enea.
Un viaggio che vale la pena di ripercorrere.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
81.85 su 35 voti [ VOTA]
Screamforme77
Giovedì 5 Febbraio 2015, 16.07.29
9
Non ho sentito gli altri album, solo qualche traccia. Perciò non so di cosa erano capaci prima. Ma questo album è davvero notevole. Secondo me non ha riempitivi, ogni canzone sembra una canzone madre. Merita decisamente un voto alto !
EPIC
Sabato 15 Marzo 2014, 17.43.35
8
Veramente bello, epico e molto potente belli anche i testi . Voto: 80
venom
Lunedì 23 Dicembre 2013, 13.23.30
7
Ascoltate solo alcune songs purtroppo ma già mi sembra una figata apocalittica
IO
Venerdì 25 Ottobre 2013, 15.44.37
6
figata assoluta! epico e potente! da avere
Djkelino
Lunedì 30 Settembre 2013, 22.06.32
5
Che poi non è proprio uguale, eh, le differenze ci sono... A me è piaciuto un botto! Finalmente, poi, qualcuno che tratta tematiche a noi vicine, non le solite robaccie esterofile (con tutto il rispetto per certi gruppi comunque molto validi...)
lux chaos
Mercoledì 25 Settembre 2013, 19.02.20
4
Dopo due ascolti in streaming, inizio a confermare l'impressione positiva del Marchese qua sotto al 100%, soprattutto "una cosa bella che somiglia ad un'altra cosa bella, non mi sembra sia un dato negativo". Gran gruppo, avanti cosi
Le Marquis de Fremont
Mercoledì 25 Settembre 2013, 13.55.16
3
A me è piaciuto molto. Il songwriting è eccellente con composizioni belle da sentire e ottima produzione ed esecuzione. Forse il genere non è nuovo e a volte è un po' troppo pomposo. Però altre band, con gli stessi ingredienti fanno spesso minestroni scadenti dove manca proprio la capacità di scrivere belle canzoni. Quindi, giudizio molto positivo. Somiglia a Mare Nostrum? Una cosa bella che somiglia ad un'altra cosa bella, non mi sembra sia un dato negativo. Il est vrai, Monsieur le critique?
Giangianni
Martedì 24 Settembre 2013, 13.37.14
2
Sì anche per me è un 85
enrico86
Martedì 24 Settembre 2013, 10.11.42
1
per me almeno 85...vario, scelte azzeccate in ogni pezzo, sorprendente sotto molti punti di vista
INFORMAZIONI
2013
Trollzorn Records
Extreme Metal
Tracklist
1. Aeneas
2. Motherland
3. Bearer Of Fate
4. Hesperia
5. Onward To Roma
6. Sic Volvere Parcas
7. My Lost Empire
8. Those Among The Pyre
Line Up
Cristiano Borchi (Voce)
Gianpaolo Caprino (Chitarre)
Andrea Angelini (Chitarre)
Riccardo Studer (Tastiere)
Francesco Bucci (Basso)
David Folchitto (Batteria)
 
RECENSIONI
74
78
80
86
77
ARTICOLI
03/06/2019
Intervista
STORMLORD
Solcando i mari del mito
15/07/2013
Articolo
STORMLORD
'Hesperia', lo studio report
06/06/2011
Live Report
STORMLORD + HOUR OF PENANCE + ROSAE CRUCIS + AIRLINES OF TERROR
Roma Delenda Est, Blackout Club, Roma, 04/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]