Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
SEPTEKH
Pilgrim

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

27/08/18
EMINENCE
Minds Apart

CONCERTI

21/08/18
ORIGIN + GUEST
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

22/08/18
DYING FETUS + TOXIC HOLOCAUST + GOATWHORE
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/08/18
ORIGIN + GUEST
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

23/08/18
PICTURE + SØNDAG
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
BLAZE BAYLEY + WHITE SKULL + I AM LETHE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
SEXPERIENCE + STONEDRIFT
I MERCENARI BIRRERIA - VIADANA (MN)

25/08/18
ANGEL WITCH + METHEDRAS + ANGUISH FORCE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

25/08/18
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - REGGIO CALABRIA

25/08/18
BEERAPOCALYPSE NIGHT
IL CHIRINGUITO 2.0 - PRATO

28/08/18
FLOGGING MOLLY + STREET DOGS
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

Dire Straits - Communiqué
( 4461 letture )
Communiqué, registrato presso i Compass Point Studios di Nassau e prodotto da Jerry Wexler e Barry Beckett, è il secondo lavoro in studio degli inglesi Dire Straits capitanati dal carismatico Mark Knopfler. Si tratta di un disco di elevato spessore compositivo, munito di brani affascinanti dal piglio suadente che però ha avuto la sventura di venire alla luce in un contesto storico infausto per il rutilante mondo del rock, ormai soppiantato dal minimalismo del punk e dall’emergente new wave. Come se non bastasse occorre tener presente che rispetto all’illustre predecessore Dire Straits non include hit dello spessore di Sultans Of Swing, mentre confrontandolo con il successivo, romantico Making Movies finisce inevitabilmente per passare in secondo piano. Utilizzando una metafora manzoniana si potrebbe affermare che Communiqué è paragonabile ad un vaso di coccio tra due vasi di ferro. Ad averlo penalizzato, dunque, è stata una sfortunata serie di coincidenze che ha inopinatamente sminuito il suo reale valore, inducendo a commettere un clamoroso errore di valutazione se riconosciamo l’eccellente qualità della musica proposta. A predominare, non poteva essere altrimenti, è Mark Knopfler, autore di tutte le musiche e testi, che ipnotizza come pochi con il suo tono di voce perennemente modulato verso il basso e le note cristalline scaturite dalla sua Stratocaster, le quali rammentano nettamente lo stile del conterraneo Eric Clapton, lo slowhand per antonomasia.

Si parte con l’accattivante Once Upon a Time in the West dalla seducente atmosfera country/western (per la sua oggettiva bellezza questa song sarà utilizzata dalla band in apertura dei loro concerti durante le tournée On Location World Tour e Dire Straits 1982/3). Si prosegue con uno degli apici della release, la soffusa e melodica News dedicata dopo la sua tragica morte a John Lennon. In Where Do You Think You're Going?, dal sapore vagamente country, risalta l'estasiante prova vocale e chitarristica del talentuoso Mark Knopfler. Il platter cala di tono con la poco efficace e, a dire il vero, banale title track, ma si risolleva immediatamente per merito dell'attraente singolo Lady Writer dall’incedere più movimentato. Piace il rock & blues leggero di cui è intrisa Angel of Mercy con i suoi affabili cori assicurati da David Knopfler e John Illsley. Piuttosto disincantato, invece, l’andamento di Portobello Belle e decisamente ammaliante Single Handed Sailor grazie al suo approccio solare contraddistinto da efficaci fraseggi di chitarra. Chiude il platter Follow Med Home, meno convincente in quanto stucchevolmente ripetitiva.

Nel complesso Communiqué può essere valutato sostanzialmente alla stregua di Dire Straits reiterandone, di fatto, le medesime caratteristiche, seppur con qualche lieve calo di tensione. Il platter vendette bene, in Germania raggiunse il primo posto in classifica, ed il mirabile artwork vinse il premio NME del 1979 come miglior cover dell'anno. Un’opera incantevolmente crepuscolare, malinconica e pacata da gustare seduti rilassati sul divano di casa.
Per concludere, ritengo meritevole di elogio incondizionato il coraggio dei Dire Straits nell’aver voluto perseverare nell’ambito del rock melodico in un’epoca così decadente e confusa per l’arte della musica. Per tale motivazione va tributato a loro un riconoscente ringraziamento.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
89.11 su 17 voti [ VOTA]
Silvia
Sabato 6 Maggio 2017, 16.57.12
24
@Rob Fleming, giustissimo, lo stesso Mark ha sempre citato J J Cale come sua grande influenza. Anche secondo me Mark e Clapton sono totalmente diversi, concordo con l'analisi di andreastark su questo. Però a differenza di lui/lei adoro questo album, è vero alcuni pezzi fanno venire il latte alle ginocchia ma che dire di Portobello Belle, Lady Writer, Single Handed Sailor? mi vengono i brividi, tanti sogni su quelle canzoni 😃. Bella la recensione
Rob Fleming
Mercoledì 20 Gennaio 2016, 10.44.44
23
Pur a distanza di anni dall'ultima considerazione sullo stile di KNOPFLER e CLAPTON. Ritengo che i due siano assimilabili per la "proprietà transitiva" avendo entrambi ben presente il mai troppo citato J.J. CALE. Ecco, se si vuole trovare qualcuno che per tocco, voce e stilesia riconducibile a MK è JJ Cale. Cioè, il primo è riconducibile al secondo
Rob Fleming
Mercoledì 20 Gennaio 2016, 10.40.04
22
In genere poco considerato, stritolato così com'è dal debutto e Making Movies è un album che non delude mai. 75
Hm is the law
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 11.52.36
21
Al di la di mere disquisizioni tecniche l assonanza tra i due musicisti e un fatto assodato da sempre negare cio e' sbagliato
Jimi The Ghost
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 10.47.12
20
andreastark: aggiungo che suonando con le dita Mark riesce ad ottenere quei suoni, accennie attacchi acustici particolari, ma è di fatto impossibile ottenere una progressione molto rapida. Clapton, suona aggiunge nel suo stile anche con la tecnica "Hyrbid picking" (plettro + finger) ma volutamente non riesce ad andare troppo in la. Bello spunto su cui ragionare. Bravo!. Jimi TG
Hm is the law
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 10.35.46
19
L'accostamento tra i due artisti soprattutto nella prima fase della carriera di Mark e' doverso e ci sta pienamente. Grazie per l interventoe
andreastark
Mercoledì 2 Ottobre 2013, 9.53.28
18
Non è ai livelli di Making Movies ma stiamo pur sempre parlando di una band incapace di fare dischi brutti e quindi si tratta comunque di un ottimo disco.... Un appunto sull'ottima recensione; ritengo Mark Knopfler il più grande chitarrista del pianeta(parere personale) e non assomiglia per niente a Clapton anzi è uno dei pochi chitarristi ad avere un personalissimo stile che puoi riconoscere tra mille ed oltretutto Knopfler è tutt'altro che uno slowhand ma con il suo caratteristico finger-picking è in grado di dare filo da torcere a moltissimi funamboli e velocisti della chitarra(naturalmente usando tecniche molto diverse); dire che il suo stile rammenta Clapton(il quale peraltro non usa il finger-picking) significa non rendere giustizia ad un chitarrista che ha fatto storia grazie alle sue canzoni ed al suo originalissimo modo di suonare....tutto questo senza voler discutere minimamente la grandezza di Clapton ma i due non si assomigliano per niente e forse proprio questo li ha resi due chitarristi immortali
Matocc
Sabato 28 Settembre 2013, 14.25.16
17
da comprare già solo per il nome in copertina, sinonimo di qualità eccelsa. album molto intimista così come Love Over Gold -che però reputo leggermente inferiore. la mia preferita è Where Do You Think You're Going?
Celtic Warrior
Sabato 28 Settembre 2013, 13.26.29
16
Secondo me i primi quattro album dei Dire Straits sono degli autentici capolavori da avere assolutamente per chi ama il rock , il mio preferito solo di qualche punto è Making Movies.
Er Trucido
Sabato 28 Settembre 2013, 10.56.33
15
Ciao Jimi, sempre un piacere leggerti
Galilee
Venerdì 27 Settembre 2013, 20.55.02
14
X Francesco Oh , a me non piace proprio e lo trovo anche scadente come disco. Non tutto ovviamente, ci sono 3/4 song ottime ma il resto.. Gusti per carità, so però di non essere l'unico a bistrattare quel disco.
Jimi The Ghost
Venerdì 27 Settembre 2013, 20.27.47
13
Ha detto tutto il bravissimo HMITL. Jeff Beck e Mark Knopfler: stesso "odio" per il plettro. Mark si avvicinò alla tecnica fingerstyle poichè abile sulla chitarra resofonica e dopo l'incontro con Steve Phillips. Due chitarristi senza plettro e con diversi suoni. Mark Knopfler tendeva la corde fino a farla frustrare sulla chitarra. (attacco più deciso), sfruttando le risonanze dell'unghia, ma riesce a cambiare metodo assolo dopo assolo. Jeff Beck le accarezzava creando suoni microtonali..Incredibili entrambi. Due grandi del chitarrismo. Ciao Er trucido! Un saluto Jimi TG
lux chaos
Venerdì 27 Settembre 2013, 18.45.47
12
Capolavoro come (chi più chi meno) tutti gli album di questo fenomenale gruppo. Apena visto Knopfler di recente a Milano e, pur avendo lasciato poco spazio ai classici, è sempre un artista eccezionale,e, confermo anch'io, di plettro tra le sue dita neanche l'ombra. Grandissimi
Delirious Nomad
Venerdì 27 Settembre 2013, 15.49.17
11
Bello, il più delicato dei primi tre, anche se i miei gusti si orientano di più verso il successivo e di conseguenza Lady Writer è la mia preferita del lotto .
ayreon
Venerdì 27 Settembre 2013, 15.39.24
10
disco da paura,comprato dopo il successo di "Making movies",per me lo supera già solo per il giro di chitarra di "lady writer" e "Single handed sailor",è un capolavoro ,come non applaudire il finale tiratissimo di "Where do you think you're going",le atmosfere quasi morriconiane di "Once upon a time...",spettacolo e basta
hm is the law
Venerdì 27 Settembre 2013, 14.03.48
9
Knopfler suona quasi sempre in stile fingerpicking. Il mignolo e l'anulare sono appoggiati alla chitarra, mentre il pollice, l'indice e il medio toccano le corde.
hm is the law
Venerdì 27 Settembre 2013, 13.21.15
8
@ Francesco: sono anni ormai che MatallizeD ha inteso allargare gli orizzonti rimanendo essenzialmente un sito metal, ma che si occupa anche di rock, punk, fusion, classica, progressive e molto altro. Grazie dell'intervento.
Er Trucido
Venerdì 27 Settembre 2013, 13.20.38
7
Da quel che so Knopfler NON usava il plettro ed infatti lo stile dovrebbe essere chiamato fingerpicking, ma aspetto conferma da parte di chi è più ferrato di me sullo strumento, tipo il buon Jimi.
Le Marquis de Fremont
Venerdì 27 Settembre 2013, 12.53.55
6
Bien sûr, tutti i dischi dei Dire Straits sono dei capolavori. Lo stile chitarristico di Mark Knopfler è assolutamente unico. All'epoca si diceva che suonasse con le corde della chitarra non tese per ottenere quegli effetti, altri dicevano che non usasse il plettro. Forse sono leggende metropolitane. Per dire del personaggio, li ho visti all'Arena di Verona dopo l'uscita di On Every Street, forse nel 1992: Knopfler in un'ora e mezza di concerto, ha detto "Thank you" due volte, dopo il primo pezzo e dopo l'ultimo. Poi nient'altro. Per lui, parlava la sua musica e i suoi testi.
Francesco
Venerdì 27 Settembre 2013, 12.32.18
5
Galilee: Brothers in arms è un album eccezionale, uno dei migliori dei Dire Straits, anche se ha uno stile diverso dagli altri lavori del gruppo. Anche se comunque non capisco cosa ci fanno i Dire Straits su un sito che si chiama 'Metallized', visto che non hanno nulla a che fare col metal...
galilee
Venerdì 27 Settembre 2013, 11.22.25
4
BIA non sembra nemmeno dei dire Straits, almeno secondo me. Se non fosse per la voce lo stile è totalmente diverso. Uno tra i più belli e forse sottovalutati è On every Street.
dario
Venerdì 27 Settembre 2013, 11.18.59
3
@galilee : hai ragione, io li ho tutti e son tutti belli. Brothers è un bel pò che non lo ascolto, ma potresti aver ragione : forse qualche song non piace neanche a me. Once Upon a Time in the West live su Alchemy è qualcosa di strepitoso.
galilee
Venerdì 27 Settembre 2013, 10.47.06
2
Gran disco, tra l'altro forse mi manca. Comunque dei Dire Straits son tutti belli, forse solo brothers in arms non mi piace un granchè esclusi i due singoloni.
Mr.Darcy
Venerdì 27 Settembre 2013, 7.36.33
1
Album Stupendo...
INFORMAZIONI
1979
Vertigo
Rock
Tracklist
1. Once Upon a Time in the West
2. News
3. Where Do You Think You're Going?
4. Communiqué
5. Lady Writer
6. Angel of Mercy
7. Portobello Belle
8. Single Handed Sailor
9. Follow Me Home
Line Up
Mark Knopfler (Voce, Chitarra Solista, Chitarra Ritmica)
David Knopfler (Chitarra Ritmica, Cori)
John Illsley (Basso, Cori)
Pick Withers (Batteria)
 
RECENSIONI
83
87
84
93
83
87
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]