Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/02/21
VEKTOR / CRYPTOSIS
Transmissions of Chaos

25/02/21
ABSTRAKT
Uncreation

26/02/21
BONFIRE
Roots

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
XEPER
Ad Numen Satanae

26/02/21
EPICA
Omega

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

26/02/21
EARTHSHINE
My Bones Shall Rest Upon the Mountain

26/02/21
FORHIST
Forhist

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Havok - Unnatural Selection
( 3999 letture )
Cosa ci si può attendere dagli Havok se non un thrash metal tradizionale e ottantiano, velenoso nel riffing e incalzante come un martello pneumatico? Unnatural Selection, il loro terzo full length, riprende la ricetta del precedente Time Is Up e rispetta dunque le attese, sciorinando una buona serie di mitragliate secche e senza orpelli, taglienti e nevrotiche tanto nel lavoro delle chitarre quanto nella tipica voce di David Sanchez, la quale ricorda quella al vetriolo di tante formazioni culto della decade d’oro. Inutile sottolineare come una spinta essenziale derivi dalla veemenza e dalla rapidità esecutiva che caratterizzano le varie tracce.

La produzione, bombastica e moderna, permette a tutti gli strumenti di distinguersi nitidamente ed esalta i suoni asciutti della batteria, ma forse appare troppo rifinita e curata per il filone proposto. Non irresistibili appaiono gli assoli di chitarra, mentre il drumming incessante e rapidissimo garantisce parecchi punti al disco in oggetto. Per il resto, l’adrenalina scorre a fiotti, anche se l’originalità o la personalità sono caratteristiche che passano in secondo piano al cospetto delle rasoiate ritmiche proposte dal quartetto di Denver: pazienza, dunque, se qualche riff suona banalotto (I Am the State o Give Me Liberty... Or Give Me Death, già sentita mille e mille volte) perché quel che conta è l’eccitazione scaturita dalle serrate rincorse ritmiche e dai cori da pugno al cielo, immancabili nel genere. La proposta, di per sé, è rivolta ai conservatori, ad una frangia di pubblico che non solo non avverte la necessità di innovazioni, ma addirittura le avversa: pertanto l’ascolto scorre più che esaltante, garantendo sprazzi di headbanging e suonando urticante dall’inizio alla fine. La stessa Give Me Liberty... Or Give Me Death, per quanto scontata, rappresenta uno degli episodi migliori del lotto assieme all’isterica Living Nightmare o alla tellurica titletrack, mentre più che ottimi appaiono anche brani leggermente meno tirati come Waste of Life, Chasing the Edge, Worse Than War e soprattutto Under the Gun, ricchi di groove accattivante. In realtà, questi brani rappresentano un timido tentativo di discostarsi da un canovaccio unicamente fast’n’furious, e la cosa è già di per sé elogiabile; qualche momento di noia, invece, coincide col refrain-cantilena di It Is True, ma è fisiologico concedersi almeno un calo nel corso di quasi cinquanta minuti di thrash riottoso.

Abbastanza inutile risulta la cover sabbathiana di Children of the Grave, resa con fin troppa fedeltà e priva di ogni qualsivoglia spunto personale che, invece, dovrebbe essere la scintilla capace di rendere più interessante e curiosa la riproposizione di un brano altrui. Al di là di queste considerazioni, la nuova zampata degli Havok è andata a buon segno: per quanto semplice, spigolosa e citazionistica, colpisce dritto in mezzo agli occhi e fomenta proprio come un disco del genere dovrebbe fare. Potremmo discutere per ore a proposito della genuinità della band, che sembra limitarsi alla ripetizione pedissequa di un determinato flavour ottantiano; ma, attenendoci all’impatto del disco in sé e per sé, non possiamo che constatare il gran “tiro” che lo pervade e che dunque lo rende una miccia esplosiva che merita un bel po’ di ascolti privi di eccessive pretese.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
83 su 14 voti [ VOTA]
duke
Lunedì 19 Marzo 2018, 17.42.14
8
evviva il thrash anni 80.....meglio rispolverare dalla propria collezione un vecchio lp di quegli anni....che acquistare cd di queste bands copia ed incolla!
AL
Giovedì 2 Febbraio 2017, 22.27.52
7
Bravi davvero anche se preferisco time is up e burn. Condivido il voto.
ElManjo
Mercoledì 7 Dicembre 2016, 9.02.30
6
Le prime 4 sono bombe a mano, poi è un po' alti e bassi fino alla title track ottima. Gli alti sono molto alti e i bassi si mantengono comunque sulla sufficienza. Fantastici.
Doomale
Giovedì 14 Aprile 2016, 21.24.04
5
Ci sta'...buon album che legna a dovere. Non posso fare confronti col precedente che conosco poco...ma recuperero' pure quello. Comunque molto validi tra le leve del thrash 2.0
jeffwaters
Domenica 29 Settembre 2013, 9.32.40
4
Gran album a mio parere,quando lo trovai,lo ascoltai per settimane e non mi stancava mai.Una delle migliori realtà thrash moderno assieme a Violator,Fueled By Fire,Bonded By Blood e Pessimist
The Preacher
Sabato 28 Settembre 2013, 15.00.43
3
Ho ascoltato un paio di anteprime e devo dire che mi sono piaciute molto, sano thrash bello incazzato e sempre adatto a sfasciare la stanza a spallate! Da quel che ho capito il disco é abbastanza omogeneo come qualità, quindi in barba all'assenza di novità e alla riproposizione dei cliché, il voto mi pare giusto, e anzi forse un quasi 8 grazie alla prova del batterista e del cantante ci scappa, ma prima lo ascolterò per bene! Bella la rece
jek
Venerdì 27 Settembre 2013, 20.09.47
2
La recensione mi ingolosisce, approfondirò.
stellabyblood
Giovedì 26 Settembre 2013, 23.32.07
1
Per me hanno fatto un mezzo passo falso... Insomma non è niente di che questo album, soprattutto se paragonato a Time is Up... La rece è fatta molto bene e la condivido, ma il voto è troppo alto a mio parere...
INFORMAZIONI
2013
Candlelight Records
Thrash
Tracklist
1. I Am the State
2. Give Me Liberty... Or Give Me Death
3. It Is True
4. Under the Gun
5. Waste of Life
6. Untitled
7. Chasing the Edge
8. Worse Than War
9. Children of the Grave
10. Unnatural Selection
Line Up
David Sanchez (Voce, Chitarra ritmica)
Reece Scruggs (Chitarra solista, Cori)
Michael Leon (Basso)
Pete Webber (Batteria)
 
RECENSIONI
68
75
79
85
ARTICOLI
10/06/2013
Live Report
SUFFOCATION + CEPHALIC CARNAGE + HAVOK + FALLUJAH + altri
Il Blogos, Casalecchio di Reno (BO), 05/06/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]