Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Candlemass
The Door to Doom
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/03/19
AORATOS
Gods Without Name

22/03/19
DOMINANZ
Let The Death Enter

22/03/19
PSYCHOPUNCH
We Are Just As Welcome As Holy Water In Satans Drink - 22nd anniversary special edition

22/03/19
DYING GORGEOUS LIES
The Hunter and the Prey

22/03/19
FROZEN CROWN
Crowned In Frost

22/03/19
THE TREATMENT
Power Crazy

22/03/19
TERROR OATH
Terror Oath

22/03/19
S91
Along The Sacred Path

22/03/19
ANGEL BLACK
Killing Demons

22/03/19
THE FLAYING
Angry, Undead

CONCERTI

22/03/19
PROSPECTIVE
SATYRICON - ALATRI (FR)

22/03/19
PINO SCOTTO + GUESTS
LA CLAQUE - GENOVA

22/03/19
PROFANAL + EKPYROSIS + CARRION SHREDS
EXENZIA - PRATO

23/03/19
FUROR GALLICO
DAGDA CLUB - RETORBIDO (PV)

23/03/19
IMAGO IMPERII + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/03/19
HELLUCINATION + GUESTS
EVOL LIVE CLUB - ROMA

23/03/19
NANOWAR OF STEEL
MEPHISTO - ALESSANDRIA

24/03/19
SEPTICFLESH + KRISIUN + DIABOLICAL + XAON
ALCHEMICA - BOLOGNA

24/03/19
INCANTATION + DEFEATED SANITY + GUEST
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

In Flames - Lunar Strain
( 3896 letture )
Ah, i casi della vita; ti danni l'anima per imparare a suonare la chitarra e poi ti ritrovi a cantare dietro un microfono. In entrambi i casi, raggiungi l'obiettivo e crei musica grandiosa. Non solo, apri la strada al successo di tanti altri, che poi assurgeranno a modelli per altri ancora, scolpendo indelebilmente il tuo nome nella storia della nostra musica.
I più attenti avranno già capito che stiamo parlando del buon vecchio Mikael Stanne, ex-cantante degli In Flames, che dopo questa breve esperienza abbandonò la sei corde dei suoi Dark Tranquillity per rilevare il microfono lasciato vacante da Andres Fridén, il quale a sua volta entrò in pianta stabile negli In Flames, in un veloce scambio di band. È noto poi a tutti come andarono le cose. Insomma, piccoli movimenti che porteranno ad un grande periodo di sonorità fiammeggianti e melodiose.

Lunar Strain è un embrione grezzo, anche per via della produzione imperfetta, viatico emblematico di quelli che saranno gli album futuri della band ed in questo risiede tutto il suo fascino, in concomitanza con la straripante melodia e la ferocia insita nelle dieci tracce del disco. Le chitarre del duo Ljungström/Naslund sono macigni ricoperti di velluto, pugni devastanti raccolti in dolcissime carezze, mentre la decantata voce di Stanne si inerpica acida e tagliente, come da divenuta tradizione, angosciata, oscura sebbene maestosa ed ariosa allo stesso tempo. Ma anche la sezione ritmica di Strömblad e Larsson non è da meno rispetto alla qualità espressa dai tre compagni di viaggio, creando un tappeto sonoro sul quale è possibile esprimere al meglio tutto il talento degli artisti.
Ma per il loro esordio gli In Flames vogliono di più ed inseriscono strumenti apparentemente lontani dal death metal, amalgamando violini, viola e tastiere, oltre ad una candida voce femminile, aumentando la viva unicità della loro neonata proposta.

Ecco quindi che sorgono capolavori quali Behind Space, potente opener che irride tutti gli ascoltatori con il suo geniale stacco finale, passando per la malinconica e granitica title-track e per i citati violini in Starforsaken, che aprono la strada alla devastante scarica di puro metallo seguente. Se Dreamscape mette in mostra le capacità di songwriting dei nostri, alle prese con una traccia strumentale travolgente, le due perle intitolate Everlost le risaltano ancor di più, con una struggente prima parte ed una seconda quasi romantica, con la presenza della bella melodia di Jennica Johansson e delle chitarre, spogliate della furiosa distorsione, ma non per questo meno vibranti ed emozionanti. L'aria di Hårgalåten fonde la sua dolce essenza folk alla malinconia che permea il disco degli svedesi, che ripartono con la feroce auto-intitolata In Flames, per poi lanciarsi nella furia da pogo di Upon an Oaken Throne e chiudendo il tutto con la cadenzata Clad In Shadow.

Stop, non c'è veramente più nulla da aggiungere. Se qualcuno si aspettava una disamina chilometrica ed esaustiva di ogni più piccola nota di questo incredibile album, evidentemente si sbagliava di grosso.
Qui non c'è nulla più da scrivere o esaminare; non resta che ascoltare questa pietra miliare.



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
92.03 su 28 voti [ VOTA]
urgrund
Sabato 27 Maggio 2017, 10.18.48
32
Un album, a parte un paio di pezzi molto belli, assolutamente mediocre. A quel tempo dalla Svezia ne uscivano a decine di album death/black melodico molto migliori di questo. Ovviamente viene incensato da molti solo perché è il primo della discografia e fa figo dirlo. Hanno fatto molto molto meglio dopo, già a partire da Subterranean.
metaller nel cuore
Sabato 19 Aprile 2014, 11.52.41
31
Bellissimo insieme a The Jester race e Whoracle il mio preferito degli in flames e pensare che quando lo ho ascoltato la prima volta non mi piaceva
Gyroscope
Venerdì 18 Aprile 2014, 1.33.38
30
@Ste: Lunar strain ha la grande capacità di poter essere ascoltato allo sfinimento senza mai stancare.. almeno una volta alla settimana mi capita nel lettore della macchina!
Ste
Domenica 23 Marzo 2014, 13.22.53
29
Ho passato le notti ad ascoltarlo da quasi un anno a questa parte, prima non conoscevo gli In Flames. Un disco che ha tutto e non ha da invidiare un bel niente ai suoi sucessori. E' estrememente vario si va dal più bei esempi di Swedish death metal ad inflessioni notture crepuscolari come in Everlost (Part II) a brani folk assolutamente ammalianti Hårgalåten. La presenza incredibile di riff così vari e originali rende il disco estremamente vario. In Flames è una delle canzone che preferisco del gruppo, ma -in definitiva- vogliamo parlare di Behind Space che è la canzone simbolo dello Swedish Death Metal?
uatu
Martedì 10 Dicembre 2013, 22.06.04
28
capolavoro del death di stampo svedese, forse addirittura migliore della successiva pietra miliare the jester race che li fece conoscere al grande pubblico
Hab666
Venerdì 18 Ottobre 2013, 17.41.54
27
Il migliore degli In Flames. Acerbi? No, non credo. Forse solo la produzione un po' al risparmio, ma i primi album di In Flames e Dark Tranq. sono stati i più innovativi in assoluto, e per questo capolavori. Tra i sequel il mio prefierito è The Gallery dei D.T.
Gyroscope
Mercoledì 16 Ottobre 2013, 14.42.05
26
@max sia lunar strain che skydancer e anche the red in sthe sky is ours son da considerare secondo me episodi a parte di tutti quanti i gruppi..da una parte troppo acerbi ma per quello ancor più innovativi..
Max
Mercoledì 16 Ottobre 2013, 12.24.58
25
Bel disco ma secondo me erano ancor aun filino acerbi, il loro top (mai superato...) è stata la coppia Subterranean-The Jester Race, per me il massimo in ambito death melodico, ancora meglio di The gallery dei loro soci Dark Tranquillity...
LAMBRUSCORE
Lunedì 14 Ottobre 2013, 13.07.00
24
Andrea, che disco è Whocale? ha ha....
ad astra
Lunedì 14 Ottobre 2013, 12.59.45
23
@gyroscope.. condivil... per me whocale sará sempre il loro capolavoro.. piccoli dettagli che a mio gusto(anche se non dovrei)lo mettono sopra sia colony che clayman...
Gyroscope
Lunedì 14 Ottobre 2013, 12.35.16
22
@luca..mi spiace ma secondo me whoracle resta tra i loro capolavori.. sostanzialmente finchè glenn e johan furono nel gruppo e bjorn ancora relegato alla batteria
Luca
Lunedì 14 Ottobre 2013, 12.15.36
21
Grandissimo disco... il primo tassello di 3 capolavori.. poi la morte degli In Flames
matteo37
Lunedì 14 Ottobre 2013, 11.34.37
20
concordo col voto dei lettori (93) ca-po-la-vo-ro!
Er Trucido
Domenica 13 Ottobre 2013, 20.13.22
19
Massì, se scherza
enry
Domenica 13 Ottobre 2013, 19.42.44
18
Mica era una 'protesta', solo una considerazione XD
Er Trucido
Domenica 13 Ottobre 2013, 18.58.22
17
Oh adesso abbiamo fatto questa, per il momento godetevela, il resto arriverà
Delirious Nomad
Domenica 13 Ottobre 2013, 18.37.18
16
Quotissimo enry, Subterranean per importanza storica e qualità merita assolutamentenuna recensione.
enry
Domenica 13 Ottobre 2013, 18.12.48
15
No, manca Subterranean che sarà anche un EP di 5 brani ma merita una rece a parte per me.
Fagocitoergosum
Domenica 13 Ottobre 2013, 16.42.55
14
Oh, finalmente tutti gli album degni di nota(leggasi "fino a Clayman") degli In Flames hanno avuto la loro recensione! (Devo dire però che la disamina chilometrica su quest'album non mi sarebbe affatto dispiaciuta, del resto se la merita assolutamente vista la sua bellezza...)
Bloody Karma
Domenica 13 Ottobre 2013, 11.29.24
13
io che ho tenuto duro fino a sense of purpose (che continua tuttora a piacermi molto), non posso che amare alla follia questo "Lunar Strain" ed il fratellino "Subterranean"...il melodic death passa anche da qui
Radamanthis
Domenica 13 Ottobre 2013, 11.15.49
12
Bel disco anche se gli ho sempre preferito altri 4/5 della band. Voto 80
Gyroscope
Domenica 13 Ottobre 2013, 9.37.04
11
il primo tassello di una discografia perfetta fino a Whoracle incluso.. perfette anche le vocals di Stanne e le melodie di violini come in starforsaken e hargalaten; forse l'unico calo è upon an oaken throne
VomitSelf
Domenica 13 Ottobre 2013, 0.01.39
10
ps. la cosiddetta "produzione grezza" è un valore aggiunto peace!
VomitSelf
Domenica 13 Ottobre 2013, 0.00.17
9
Capolavoro assoluto che ho letteralmente consumato ai tempi, forse in assoluto il loro lavoro più bello, assieme a The Jester Race. Questi erano gli In Flames, quelli veri.
LUCI DI FERRO
Sabato 12 Ottobre 2013, 19.45.56
8
non critichiamo gli in flames perchè whoracle non scherza mica anzi spacca di brutto ''bellissimo''
Delirious Nomad
Sabato 12 Ottobre 2013, 15.56.27
7
Bellissimo, null'altro da dire.
Undercover
Sabato 12 Ottobre 2013, 14.54.30
6
Stupendo e stop.
uatu
Sabato 12 Ottobre 2013, 13.35.00
5
fondamentale. giusto preludio al capolavoro jester race. bei tempi
Flag Of Hate
Sabato 12 Ottobre 2013, 12.56.32
4
Bei tempi andati... è triste leggere di questi capolavori - e ascoltarli - sapendo la monnezza che esce oggigiorno sotto questo moniker. Giusto il voto, per quello che insieme a JR e Sub. rimane il tritico perfetto degli In Flames, quelli VERI.
enry
Sabato 12 Ottobre 2013, 12.23.05
3
Grande disco, un pelo sotto solo alla coppia Subterranean/The Jester Race.
Doomale
Sabato 12 Ottobre 2013, 11.51.42
2
Pietra miliare, hai detto bene. Confermo il voto!
Povero Yorick
Sabato 12 Ottobre 2013, 11.37.20
1
Sono d’accordo su tutto. Ora però bisogna anche parlare di Subterranean...
INFORMAZIONI
1994
Wrong Again Records
Melodic Death
Tracklist
1. Behind Space
2. Lunar Strain
3. Starforsaken
4. Dreamscape
5. Everlost (Part I)
6. Everlost (Part II)
7. Hårgalåten
8. In Flames
9. Upon an Oaken Throne
10. Clad in Shadows
Line Up
Mikael Stanne (Voce)
Glenn Ljungström (Chitarra)
Carl Naslund (Chitarra)
Johan Larsson (Basso)
Jesper Strömblad (Batteria, Chitarra, Tastiere)

Musicisti Ospiti:
Jennica Johansson (Voce)
Oscar Dronjak (Cori)
Ylva Wåhlstedt (Viola, Violino)
 
RECENSIONI
50
50
86
84
65
80
80
88
96
88
97
91
84
ARTICOLI
24/11/2016
Intervista
IN FLAMES
Crediamo in quello che facciamo
30/09/2011
Live Report
IN FLAMES
Alcatraz, Milano, 27/09/2011
08/03/2008
Intervista
IN FLAMES
Parla Daniel Svensson
13/11/2006
Intervista
IN FLAMES
Parla Peter
16/09/2006
Live Report
SEPULTURA + IN FLAMES
New Age, Roncade, 09/04/2006
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]