Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Iced Earth
Incorruptible
Demo

Ottobrenero
Mercurio
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/06/17
STONE SOUR
Hydrograd

30/06/17
HELFIR
The Human Defeat

30/06/17
KAYLETH
Space Muffin - Rusty Edition

07/07/17
INVOCATION SPELLS
The Flame of Hate

07/07/17
BLISS OF FLESH
Empyrean

07/07/17
SEER
Vol. III & IV: Cult of the Void

07/07/17
M.O.D.
Busted, Broke & American

07/07/17
BLIND GUARDIAN
Live Beyond The Spheres

07/07/17
ECNEPHIAS
The Sad Wonder Of The Sun

14/07/17
FREIGHT TRAIN
I

CONCERTI

28/06/17
QUEENSRYCHE + METHODICA + GUESTS TBA
ZONA ROVERI - BOLOGNA

29/06/17
QUEENSRYCHE + METHODICA + GUESTS TBA
PHENOMENON - FONTANETO D'AGOGNA (NO)

30/06/17
UNITED AS ONE FESTIVAL
KALEIDOS - POVIGLIO (RE)

30/06/17
SHAM 69 + ACID MUFFIN
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

01/07/17
JOHN MACALUSO & UNION RADIO + LAST FRONTIER + RED RIOT
THE DOME - BACOLI (NA)

01/07/17
SHAM 69 + ACID MUFFIN
BLUE ROSE SALOON - MILANO

01/07/17
DISSONANCE FESTIVAL (day 1)
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

01/07/17
TRICK OR TREAT + LIONSOUL + SKELETOON
RONCOLA (BG)

01/07/17
SAIL AWAY
LILLIANES BEACH - LILLIANES (AO)

02/07/17
BATTLEFIELD METAL FESTIVAL
MARKET SOUND - MILANO

Vulture Industries - The Tower
( 3961 letture )
Chi sono i Vulture Industries?
I Vulture Industries sono una band formatasi nel 1998 a Bergen, in Norvegia. Inizialmente sotto il nome di Dead Rose Garden, trovano una line-up stabile attorno al 2003 e, approfittando dell’occasione, decidono di cambiare definitivamente nome con quello attuale. Seppure il gruppo esista da una quindicina d’anni, il primo vero full-length della band, intitolato The Dystopia Journals, ha visto la luce solo nel 2007 ottenendo un discreto successo di critica e di pubblico, bissato ulteriormente dal secondo e ancora ottimo lavoro The Malefactor’s Bloody Register.

Ma cosa suonano i Vulture Industries?
È una domanda difficile. Stando alle definizioni, sempre più criptiche e sempre più prolisse, possiamo dire che i norvegesi fanno "avant-garde black metal", ma è ovviamente da intendersi in un ambiente molto più ampio, poiché essi incorporano al loro particolarissimo sound diverse realtà musicali di matrice jazz, blues e sinfonica accostando un certo gusto per certe composizioni da "cabaret d’altri tempi" e mostrando nelle liriche un vivo interesse per la distopia e per la decadenza.

E come è questo The Tower?
È davvero ottimo. All’apertura ci attende l’omonima traccia dell’album, che ci proietta subito all’interno dell’atmosfera schizzata dell’album, ora apocalittica, ora scanzonata e ora solenne. Seppure le influenze e i cambi d’atmosfera siano molti e apparentemente slegati tra loro praticamente per tutta la durata dell’album, in realtà ogni canzone possiede una propria omogeneità e una propria identità che incastra alla perfezione tutti gli elementi in gioco, senza fare attrito e senza ostacolare la riuscita melodica. E, di questi tempi, ciò non è poco.
A seguire, Divine-Appealing smorza un po’ i toni tipicamente black che caratterizzavano la precedente traccia per spostarsi su lidi meno epici e più marziali, se così si può dire. La base strumentale è notevole, seconda solo al cantato di Nilsen che, in qualche passaggio, richiama un po’ la lezione del grande Devin Townsend di Deconstruction (sempre sia lodato) dando grande spessore e un briciolo di follia al tutto.
The Hound è puro decadimento. Più che al black metal, ci si avvicina a qualcosa di prettamente doom che ricorda certi lavori dei My Dying Bride, o almeno in parte. Il risultato è una canzone davvero ispirata, ricca di pathos e con un intermezzo da pelle d’oca. Probabilmente è una delle migliori canzoni del disco, se non addirittura dell’intera carriera del gruppo, provare per credere!
Con Blood On The Trail si preme nuovamente sull’acceleratore ed è di nuovo un tripudio di allegria mista ad apocalisse. Una voce sommessa apre la strofa con un accompagnamento musicale che richiama a sè certe sonorità blues, per poi cadere su di un ritornello certamente più moderno e serrato. Ovviamente questa metrica non dura e verso metà canzone un pianoforte honky-tonky da saloon stravolge i ritmi articolandone ulteriormente lo sviluppo fino ad arrivare a un breve assolo molto valido e a un finale volutamente instabile lasciato un po’ in sospeso, quasi incerto.
La traccia successiva, The Dead Won’t Mind, condita da un’aura maligna e disperata, costituisce una sorta di tramite tra quanto di buono abbiamo visto nella prima e ciò che avverrà nella seconda parte dell’album. I ritmi si rifanno lenti e serpentini, quasi viscidi e perversi al punto giusto accompagnandoci verso la successiva traccia, A Knife Between Us, che si connota come una delle tracce più "black" dell’ intero album, almeno nei ritornelli, mentre le strofe sono affidate in larga misura al buon vecchio pianoforte scordato. Personalmente, seppure la canzone sia oggettivamente ben fatta, è una delle tracce del disco che meno preferisco, ma solo perché, confrontata con il resto, non riesce a brillare particolarmente di luce propria, cadendo nel dimenticatoio dopo poco. Non è un vero e proprio passo falso, ma quasi.
The Pulse of Bliss mette da parte il connubio tra generi e strumenti di varia estrazione preferendo un approccio più lineare e un po’ più moderno, specie se si guarda il lavoro che svolgono le chitarre con i riff iniziali e il breve assolo presente poco prima del finale. Il risultato, nella sua relativa semplicità, è di gran qualità. E il meglio non è ancora arrivato.
La numero otto, Sleepwalkers, risulta essere tra le più cattive dell’album. Assistiamo per la prima volta a un graffiante, seppur breve, screaming che sposa alla perfezione il contesto in cui si trova senza apparire fuorviante o eccessivo. Da segnalare è anche l’ottima prestazione alle pelli di Tor Helge, capace di sfoderare interessantissime e mai banali poliritmie alternate a tempi regolari, senza sfociare nel protagonismo assoluto o nel tecnicismo estremo.
La penultima traccia, Lost Among Liars, costituisce una piacevole sorpresa. Le atmosfere si fanno più solari, più ariose, strizzando l’occhio in certi passaggi alle melodie arabe e medio-orientali. La malinconia, ovviamente, non manca neanche in questo caso e la canzone scorre che-è-una-meraviglia accompagnandoci verso la fine del nostro viaggio in cima alla torre.
Troviamo, dunque, in chiusura Blood Don’t Eliogabalus che, con grande eleganza e con grande fervore, si presta da summa massima di questo album davvero ben suonato e davvero valido, da qualunque prospettiva lo si voglia guardare.

Con una produzione ottima, un songwriting eccellente e una tecnica esecutiva di tutto rispetto, The Tower si presenta come un prodotto onesto e molto valido, in cui nessuna canzone pare essere noiosa o fuori luogo, ma fondamentale al compimento dell’opera.
Con onestà e senza strafare a tutti i costi, i Vulture Industries continuano la scia di successo cui ci hanno abituati nel corso degli ultimi anni facendo di questo disco una delle uscite più interessanti di questo 2013.
Da procurarsi e ascoltare più volte.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
74.3 su 10 voti [ VOTA]
gamba.
Sabato 2 Maggio 2015, 15.15.31
16
album che avevo ascoltato alla sua uscita e avevo apprezzato senza però darci troppo peso.....oggi mi preparo per godermeli con gli arcturus tra due giorni e......blood don't eliogabalus....!! tributo ai devil doll. immenso stupore, immensi vulture.
enry
Venerdì 1 Novembre 2013, 19.19.41
15
Arrivato e ascoltato più volte, davvero molto bello, probabilmente il miglior disco avantgarde del 2013. Si sentono tantissimo gli Arcturus questo va detto, però tanta qualità e ottime intuizioni, oltre ad una produzione perfetta per questo tipo di proposta. Molto bravi.
Red Rainbow
Martedì 22 Ottobre 2013, 13.50.11
14
Mi erano ignoti ma la recensione (ottima davvero ) mi ha convinto a dargli una chance. Sarà stato l'approccio "spiazzante" di Lost Among Liars, la graniticità della title-track o le spire avvolgenti di The Pulse of Bliss (per me il vertice dell'album) ma non posso che inchinarmi davanti al risultato di questo frullatone di suoni & ispirazioni. Bravi, bravi davvero, prossimamente sul mio scaffale...
Giangianni
Lunedì 21 Ottobre 2013, 15.29.17
13
Devo comprarlo
Jimi The Ghost
Domenica 20 Ottobre 2013, 13.36.58
12
Una musica molto più aderente all'avanguardia culturale del "terzo periodo" incollate alla fase allegorica del post-modernnismo intellettuale. Manca molto, direi in tutta la nostra attuale società,quelle collane che andavano dal Menabò alle edizione Odradek al cinema e, infine, ai circoli letterari. Questo è certamente un buon disco, estesico nelle scelte sonore e decisamente molto interessante sotto ogni aspetto, come la tua recensione. Bravissimo. Benvenuto Carlo, anche da parte mia. Jimi TG
ad astra
Domenica 20 Ottobre 2013, 11.42.17
11
comprato venerdi....metto in autostradalay e vengo pervaso da una sensazione di arcuturus, fate no more e virus messi insieme....ebbi questa sensazione solamente con black flux del 2008.... no basta non mi dilungo , torno ad ascoltarmelo. Benvenuto carlo
Awake
Domenica 20 Ottobre 2013, 3.16.54
10
Video molto belli sul tubo...
Delirious Nomad
Domenica 20 Ottobre 2013, 1.19.44
9
Un esordio davvero ottimo su queste pagine, complimenti e benvenuto!
GioMasteR
Domenica 20 Ottobre 2013, 0.58.41
8
Benvenuto Carlo! Grande band e grande prova.
Hellowaaanno
Sabato 19 Ottobre 2013, 23.13.40
7
La recensione è fatta bene...per curiosità posso sapere con che strumentazione hai ascoltato il disco?
Metallum sum
Sabato 19 Ottobre 2013, 22.30.21
6
Complimenti a Carlo per la sua recensione. Il disco è fantastico e lo ringrazio il recensore per avermi fatto scoprire questo gruppo.
Aelfwine
Sabato 19 Ottobre 2013, 20.30.04
5
Benvenuto Carlo, e grazie di avermi fatto scoprire questo disco.
waste of air
Sabato 19 Ottobre 2013, 20.28.08
4
Comprato! Gran disco!
Povero Yorick
Sabato 19 Ottobre 2013, 19.32.18
3
Grazie, grazie ancora!
Nikolas
Sabato 19 Ottobre 2013, 19.30.04
2
Band strepitosa. Per me il debutto è un capolavoro fatto e finito, questo devo ancora ascoltarlo ma so che sarà ottimo! Benvenuto a Carlo
Metal3K
Sabato 19 Ottobre 2013, 19.14.22
1
Carlo, benvenuto tra noi
INFORMAZIONI
2013
Season of Mist
Avantgarde
Tracklist
1. The Tower
2. Divine-Appealing
3. The Hound
4. Blood On the Trail
5. The Dead Won’t Mind
6. A Knife Between Us
7. The Pulse of Bliss
8. Sleepwalker
9. Lost Among Liars
10. Blood Don’t Eliogabalus
Line Up
Bjørnar Nilsen (Voce, Programmazione)
Specter (Chitarra)
Eivind Huse (Chitarra)
Øyvind Madsen (Chitarra)
Kyrre Teigen (Basso)
Tor Helge Gjengdal (Batteria)
 
ARTICOLI
09/05/2015
Live Report
ARCTURUS + VULTURE INDUSTRIES + KRAKOW + SEVEN IMPALE
Locomotiv, Bologna - 03/05/15
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]