Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/10/20
JAKKO M JAKSZYK
Secrets & Lies

23/10/20
ZEAL & ARDOR
Wake of a Nation

23/10/20
LEAVES` EYES
The Last Viking

23/10/20
OLD MOTHER HELL
Lord of Demise

23/10/20
CEREMONIAL BLOODBATH
The Tides of Blood

23/10/20
MORK GRYNING
Hinsides Vrede

23/10/20
ANTHEA
Illusion

23/10/20
COEXISTENCE
Collateral Dimension

23/10/20
DEHUMAN REIGN
Descending upon the Oblivious

23/10/20
ARMORED SAINT
Punching the Sky

CONCERTI

20/10/20
STEF BURNS LEAGUE
BRAVO CAFFE' - BOLOGNA

22/10/20
STEF BURNS LEAGUE
KILL JOY - ROMA

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

Dismal - Giostra Di Vapore
( 2923 letture )
La destrutturazione consiste nel processo di trasgressione alle regole di un genere tradizionale di cui si va ad alterare o sconvolgere l’ordine degli elementi costitutivi per desumerne uno nuovo ed alternativo. È un’operazione che si compie in letteratura come nell’arte culinaria, nelle arti figurative come nella musica e della quale nei tempi recenti si è fatto frequente abuso.

I Dismal nella presentazione del loro ultimo album, questo Giostra di Vapore che nasce a ben sei anni di distanza dal precedente Miele dal Salice, utilizzano proprio il suddetto termine per descrivere il loro innovativo ed originale songwriting che andrebbe, a loro dire, a scardinare e ricomporre in modo originale, persino visionario “le vecchie strutture musicali”.
I nostri aggiungono che i fonemi di quest’idioma sperimentale sono desunti dalle più varie tradizioni: la musica classica e sinfonica ma anche generi specifici come il valzer ed il tango, la musica elettronica nonché tutta una serie di stilemi che compaiono più o meno sporadicamente come l’ambient (lo troviamo nel brano Giostra di Vapore), il dark cabaret (evidente nel finale di Eden ed in tutto Melisse, un brano completamente permeato dalle atmosfere steampunk/dark cabaret), la musica etnica (nello specifico indiana, in Vimana) e il rumorismo, ben udibile ma mai eccessivo in Microcosm&Macrocosm.
Ad unire ed armonizzare tutte queste componenti tra loro eterogenee vi è un mood, un’atmosfera sonora che possiamo definire steampunk per la sua matrice musicale essenzialmente gothic e soprattutto per la fantasiosa, varia e suggestiva operazione d’inserzione di elementi anacronistici (sonorità elettroniche in primis) in contesti musicali tradizionali, processo che caratterizza dal punto di vista concettuale proprio l’immaginario steampunk.
Dopo un attento e ripetuto ascolto mi sembra che in questa pregevole opera si evidenzi una situazione leggermente diversa da quella descritta dai suoi artefici: la melodia ha quasi sempre, con rare eccezioni, un ruolo fondante e si impone come perno e caposaldo del lavoro compositivo pur negli svariati modi in cui è declinata.
Non parlerei di destrutturazione, quindi, semmai di una contaminazione potente e minutamente diffusa. E’ pur vero che in alcuni brani maggiormente sperimentali la melodia è più anomala ed inconsueta (The Four Vibrations), mentre in alcuni passaggi di altre canzoni (nell’inquieta Eden e nei due brani più lunghi dell’album Microcosm&Macrocosm e Vimana, che peraltro reggono magnificamente la durata), essa viene addirittura interrotta per garantire uno spazio esclusivo e di massima libertà ai suoni elettronici (percussioni comprese), a quelli degli strumenti classici (pianoforte, violino, contrabbasso, chitarra acustica) e moderni (la sporadica comparsa delle chitarre elettriche che danno vita ad alchimie assolutamente calibrate (non si confonda libertà con anarchia!), e di mesmerica bellezza.
Ma si prova il medesimo, puro godimento anche laddove è la melodia a dominare e gli inserti si limitano a contrappuntarla elegantemente, mentre le nuance stilistiche la declinano e la variano in un sempre raffinato equilibrio che è dono d’innato estro. Persino i brani più diretti, strutturalmente semplici e schiettamente emozionali come One Step in The Dark, suonano mesmerici, ammalianti, lasciando ampio spazio alla mirabile interpretazione della singer, che peraltro si distingue in tutto l’album per versatilità ed espressività.
Concludendo, mi sembra di poter individuare tre componenti fondamentali nel sound di Giostra di Vapore: la misura rinascimentale che permea l’architettura dell’opera, la cura per la scelta e la collocazione dei particolari sonoro e le atmosfere goticamente oniriche, a tratti languidamente acquatili, a tratti più cupe ed inquiete. Ed è proprio l’impatto emotivo a non venir mai pregiudicato o sacrificato, semmai amplificato dalla struttura algebrica e dal rigore nella sperimentazione.
Una Città Ideale che non si staglia algida e vuota nella sua perfezione, ma prevede il gioco, lo scarto, la caduta, l’inquietudine. Il giro di giostra a vapore, metafora della fantasia regolata ma non irreggimentata.
Unico neo, ma assai modesto, è una certa propensione all’intellettualismo evidenziabile tanto nel concept dell’album, basato, a detta del master mind Bradac sul "valzer della mente", una non maggiormente specificabile filosofia autoprodotta che unirebbe alchimia e psicologia sociale, quanto nello specifico testo in italiano (lingua raramente utilizzata a favore dell’inglese e soprattutto del francese) de Il Ballo degli Obesi, dove si evince un certo gusto, una propensione per la poesia simbolista che con i suoi arditi ed a volte discutibili accostamenti lessicali commette l’errore di distrarre dalla splendida musica.
I Dismal emergono dal loro forzoso silenzio per donarci un album caleidoscopico ma perfettamente congegnato, una giostra, un carosello tanto meccanico e strutturato quanto mobile per espressività e poeticamente cangiante per l’immaginifica mutevolezza dei suoi contenuti emozionali.
Un ritorno in avanti, un passato dall’afflato futuristico, in perfetta chiave steampunk.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
97.16 su 6 voti [ VOTA]
roby melle
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 20.38.54
7
inizio dicembre .
xxx
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 16.18.50
6
wow non vedo l ora! ma quando esce ?
lally
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 14.17.14
5
100
lally
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 14.16.24
4
ho sentito una canzone, i dismal sono sempre i numeri uno! un inchino ai maestri
Aelfwine
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 11.47.20
3
Sembra interessantissimo, ma in rete non sono riuscito a trovare neanche un pezzo di quest'album per farmi un'idea,
RosaVelata
Mercoledì 30 Ottobre 2013, 11.44.17
2
Enry, facci sapere, ogni feedback è prezioso
enry
Martedì 29 Ottobre 2013, 18.24.09
1
Sono legatissimo al favoloso debut Fiaba Lacrimevole dove la componente metal era ben presente con growl e scream, un disco che ti trasportava in pieno medioevo. Piaciuto anche Miele dal Salice disco molto più dark e soft ma di ottima qualità. Questo sarà mio appena disponibile e lo piglio a scatola chiusa. Ripasso fra un paio di settimane...
INFORMAZIONI
2013
Dreamcell11/Aural Music
Dark/Gothic
Tracklist
1. The Four Vibrations
2. Giostra di Vapore
3. Il Ballo degli Obesi
4. Microcosm&Macrocosm
5. Eden
6. Vimana
7. Melisse (Part.2)
Line Up
Rossana Landi (Voce, Contrabbasso)
Daniel P. (Chitarra a otto corde)
Bradac (Pianoforte, Sintetizzatori, Orchestrazioni)
Valerio M. (Violino)
 
RECENSIONI
76
77
70
ARTICOLI
18/01/2014
Intervista
DISMAL
Il “Valzer della Mente” entra in una nuova epoca
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]