Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ihsahn
Arktis.
Demo

Mastemey
Mastemey
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/07/16
ORACLES
Miserycorde

01/07/16
STORM OF PARTICLES
Storm of Particles

01/07/16
LANFEAR
The Code Inherited

01/07/16
INSANE VESPER
LayiL

01/07/16
EDWARD HELSING
All The Way Diabolic

01/07/16
ANAL BLASPHEMY
Western Decadence

01/07/16
CHELSEA GRIN
Self Inflicted

07/07/16
MIRRORMAZE
Break the Horizon

08/07/16
ILLDISPOSED
Grey Sky Over Black Town

08/07/16
VANNA
All Hell

CONCERTI

01/07/16
BAD RELIGION
MARKET SOUND - MILANO

02/07/16
DAVID GILMOUR
CIRCO MASSIMO - ROMA

02/07/16
VASTONHATE FEST (day 2)
PUB XXIII - CALTANISSETTA

03/07/16
BRUCE SPRINGSTEEN
STADIO SAN SIRO - MILANO

03/07/16
DAVID GILMOUR
CIRCO MASSIMO - ROMA

04/07/16
SLAYER + CARCASS + BEHEMOTH
MARKET SOUND - MILANO

07/07/16
DAVID GILMOUR
ANFITEATRO DEGLI SCAVI - POMPEI (NA)

08/07/16
DAVID GILMOUR
ANFITEATRO DEGLI SCAVI - POMPEI (NA)

08/07/16
DISSONANCE FESTIVAL
LAND OF FREEDOM - LEGNAGO (MI)

09/07/16
RUSSKAJA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

Fabio Gremo - La Mia Voce
( 1664 letture )
Fabio Gremo è un musicista genovese con un già valido e consistente background alle spalle; ci troviamo dinanzi a un compositore, arrangiatore, orchestratore, autore di testi, nonché bassista nei gruppi Il Tempio delle Clessidre, Daedalus, Thought Machine e chitarrista nei Ianva, formazioni con le quali ha, peraltro, già realizzato svariati dischi. Fabio ha ora pubblicato in regime di autoproduzione La Mia Voce, il suo primo album solista: chi si aspettava un platter ristagnante nel progressive sullo stile de Il Tempio delle Clessidre rimarrà alquanto perplesso poiché siamo, invece, al cospetto di composizioni interamente strumentali eseguite unicamente con la chitarra classica. È appunto questa la voce a cui l'artista ligure fa riferimento nel titolo, è la sua sei corde che ha la capacità di ammaliare e arrivare senza ostacoli fino in fondo al cuore per rasserenare l’animo dell’ascoltatore più attento. Intenso e immediato è il fascino profuso dalle suadenti armonie scaturite dal grande estro creativo di Fabio tanto da lasciare piacevoli sensazioni. La chitarra classica è stato il suo primo strumento musicale, suonata dai tempi in cui frequentava la scuola media; fu amore a prima vista al punto da indurlo ad intraprendere un percorso formativo di studi che successivamente venne coronato on il diploma in Conservatorio. Gustando le soffuse e delicate armonie contenute nel full length, frutto di anni di lavoro, non si può che rimanerne inebriati. Si tratta di pezzi dal piglio classicheggiante e magistralmente concepiti, nei quali si evidenzia palesemente una sopraffina perizia tecnica. Un sound di tale tipologia troverà di certo numerosi estimatori tra gli appassionati giovani che studiano con impegno questo difficile strumento (l’ho fatto anche io tanti anni fa, seppur con modesti risultati).

E’inutile in questo caso scendere nel dettaglio dei singoli brani, ognuno dei quali vibra di arpeggi dal sapore antico, da gustare in completa solitudine con la mente scevra da pregiudizi e libera dai tanti problemi che ci attanagliano quotidianamente: vi assicuro che questa è arte pura dall'efficacia terapeutica. Tengo a rimarcare, comunque, l’armonioso incedere dell’opener L'Uomo della Casa di Legno, l’andamento suggestivo dai contorni folkeggianti di Cerchio Antico e lo struggente tassello conclusivo affidato alla melodiosa Nella Luce del Bosco (i momenti da me maggiormente graditi), ma è tutta l’opera ad essere degna di configurarsi su elevati livelli.
Un cenno di menzione merita la cover in cui si staglia il volto sorridente di Fabio Gremo carico di positività e pacatezza alla stessa stregua della sua proposta artistica.
Qualcuno storcerà il naso perché su un sito che si occupa prettamente di metal, una perla di tale particolare fattura non dovrebbe essere contemplata, ma ciò che più conta è la qualità intrinseca che oltrepassa la mera questione legata al genere e, nella fattispecie, qui di qualità ne troverete a iosa. Fidatevi!

Il panorama musicale in Italia è asfittico da decenni. L’unica arma a disposizione di noi redattori dallo spirito libero, vere e proprie voci fuori dal coro contro il mercato discografico nazionale asservito bovinamente al mainstream, è quella di far percepire a voi lettori la piena consapevolezza che l'attuale underground musicale prolifera di talenti offuscati, purtroppo, dai soliti prodotti usa e getta di cui sono intrise le nostre classifica di vendita. Fortunatamente esistono realtà come il nostro Fabio Gremo che in questo vituperato Paese si impegnano indefessamente ad andare controcorrente nella ricerca di sonorità che evitino banalizzazioni di sorta. Un'impresa improba e frustrante al punto che sempre più spesso i nostri musicisti sono costretti a trasferirsi all’estero per trovare il giusto riconoscimento; già, perché la fuga dei cervelli riguarda anche il nostro beneamato mondo delle sette note.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
72.88 su 9 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2013
Autoprodotto
Rock
Tracklist
1. L’Uomo della Casa di Legno
2. Il Racconto del Mare
3. Cerchio Antico
4. Un Giorno Insieme
5. Pensieri Nascosti
6. Interminati Spazi
7. Frammenti di un Sogno
8. Alice Impara a Camminare
9. Ricordo di un Incontro
10. Nella Luce del Bosco
Line Up
Fabio Gremo (Chitarra classica)
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]