Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
GONE IS GONE
If Everything Happens for a Reason… Then Nothing Really Matters at All

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
AD INFINITUM
Chapter I: Revisited

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Untimely Demise - Systematic Eradication
( 1450 letture )
Ci avevano sorpresi con la forza e la freschezza del debut, City of Steel, ma il nuovo Systematic Eradication, per quanto valido, sembra rappresentare un piccolo passo indietro per i canadesi Untimely Demise, attivi dal 2007 e fautori di un thrash metal a metà tra passato e presente. Edito dalla Punishment 18 Records, l’album è giocato in gran misura sulla potenza del riffing e sulla velocità esecutiva, elementi risaltati da una produzione nitida e compatta. Eppure brani diretti ed efficaci come l’opener Spiritual Embezzlement non sembrano irresistibili, per quanto affilati e ben congegnati; l’utilizzo più consistente della melodia rende più personale ma anche meno elettrizzante il lavoro, anche se va detto che le composizioni restano energiche e dotate di una struttura interessante.

Non a caso molte canzoni spaziano attraverso metriche differenti, sfoderando improvvise accelerazioni: The Last Guildsman, Redemption e la compatta Revolution, con la sua infervorata coda iper-thrashy, rappresentano dei momenti di ottima ispirazione, bissati poi dagli episodi più violenti come Somali Pirates, Navigator’s Choice e A Warrior’s Blood. Questi ultimi brani riservano concitate scintille di forza che faranno piacere agli ascoltatori oltranzisti: rapide mitragliate ritmiche, riff feroci, un vocione potente e spietati assalti all’arma bianca. Nel corso del full length, linee vocali strozzate e graffianti si affiancano dunque a ritmiche urgenti e riff affilati, ma talvolta anche melodici, in composizioni generalmente dotate di pochi fronzoli (se non in concomitanza dei guitar-solos) ed intrise di un forte alone di decadenza. Talvolta vengono utilizzati anche passaggi vocali meno forzati e nel complesso emergono diversi spunti positivi; tuttavia è difficile definire il platter oltre la soglia del buono, anche paragonandolo a tanti prodotti migliori offerti dal mercato odierno. Ancora una volta vengono inseriti in tracklist solo otto pezzi, per poco più di mezz’ora di durata, un’idea che non guasta, dato che annacquare un prodotto con filler o canzoni prolisse è solo controproducente.

La band canadese ha cercato di evolvere il proprio stile innescando in alcuni episodi delle strutture più complesse, alternando alla rozzezza di fondo alcuni validi assoli e una manciata di brevi passaggi strumentali, ma alla lunga Systematic Eradication non appare così geniale ed anzi rischia di andare ad incastrarsi in un vicolo cieco a causa della non marcata varietà dei riff oltre che dell’assenza di chorus davvero trainanti o facilmente individuabili, come il genere esige. Nella conclusiva Escape from Supermax è persino rintracciabile qualche lontana eco death metal, ma a conti fatti l’album non fa gridare al miracolo: scorre veloce, piace, mette in mostra belle idee, ma non risulta trascendentale.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
88 su 3 voti [ VOTA]
Hermann 60
Martedì 2 Agosto 2016, 17.31.24
4
Bell'album veramente, originale e con molte variazioni sul tema. 80
DestructionThrash
Sabato 21 Dicembre 2013, 21.37.28
3
Prego. E ovviamente non ho nulla da dire, 68 è un ottimo voto, è solo che visto che avevi dato 75 al debutto pensavo un poco di più
the Thrasher
Giovedì 19 Dicembre 2013, 19.21.22
2
Grazie mille dei complimenti! beh, ma alla fine gli ho dato quasi 70, mica li ho bocciati!
DestructionThrash
Giovedì 19 Dicembre 2013, 19.16.54
1
Ottima recensione! come sempre da te rino, sei molto bravo sul serio. Però a me è piaciuto molto, molto più originale e pieno di idee rispetto al debutto.. una band molto interessante.
INFORMAZIONI
2013
Punishment 18 Records
Thrash
Tracklist
1. Spiritual Embezzlement
2. The Last Guildsman
3. Somali Pirates
4. Redemption
5. Navigator’s Choice
6. A Warrior’s Blood
7. Revolutions
8. Escape from Supermax
Line Up
Matt Cuthbertson (Voce, Chitarra)
Glen Drover (Chitarra)
Murray Cuthbertson (Basso)
Cory Thomas (Batteria)
 
RECENSIONI
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]