Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/12/19
EDGE OF FOREVER
Native Soul

06/12/19
DEEP PURPLE
Live in Rome 2013

06/12/19
GHOSTREAPER
Straight Out Of Hell

06/12/19
PRAYING MANTIS
Keep It Alive

06/12/19
HELLEBORUS
Saprophytic Divinations

06/12/19
HUMAN FORTRESS
Reign Of Gold

06/12/19
NIGHTWISH
Decades: Live in Buenos Aires

06/12/19
LUCA SELLITTO
The Voice Within

06/12/19
THE MURDER OF MY SWEET
Brave Tin World

06/12/19
ICED EARTH
Alive in Athens - 20th anniversary edition

CONCERTI

06/12/19
AGENT STEEL + MESSERSCHMITT + KINETIK
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FIRENZE)

06/12/19
BLASPHEMY + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/12/19
KADINJA + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

06/12/19
SCALA MERCALLI
TNT CLUB - MILANO

06/12/19
EDGE OF FOREVER + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

06/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
ALIBI - PALERMO

06/12/19
ROCK BRIGADE + SCOLOPENDRA
L'OLANDESE VOLANTE - TODI (PG)

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

Alice Cooper - Love It to Death
( 4459 letture )
Il terzo album degli Alice Cooper può essere considerato come l'inizio di una striscia fortunata di successi. I primi due album infatti (Pretties for You ed Easy Action) erano entrambi dei passabili lavori di stampo prevalentemente acid rock, lontani anni luce dalle sonorità glam/shock rock di questo Love It To Death. Questo repentino cambio di stile fu la conseguenza, oltre al trasferimento della band da Los Angeles a Detroit, dell'incontro con il famoso produttore Bob Erzin, che aiutò notevolmente i componenti a maturare il songwriting ed il sound in generale; al contempo però venne perfezionato il lato teatrale ed anthemico delle canzoni, da sempre marchio di fabbrica per Vincent e compagni. Ed è proprio da Love it to Death che inizia la leggenda: da "peggior band di L.A." (come vennero etichettati ingenuamente agli esordi) gli Alice Cooper si apprestano a diventare una delle figure di spicco della musica shock rock statunitense.

Il disco si apre con uno dei brani più famosi di sempre, ovvero I'm Eighteen: essa fu utilizzata come singolo assieme all'altrettanto scanzonata Is It My Body. Il disco va comunque ascoltato dall'inizio alla fine, poiché ogni canzone nasconde delle sorprese. Caught In A Dream ad esempio è un fantastico spaccato di garage rock, in piena sintonia con altri gruppi di Detroit (gli Stooges in primis). Long Way To Go è vero e proprio hard rock di maniera, con un sound curato alla perfezione dalle mani fatate di Erzin; la pesantezza e la melodia si amalgamano in maniera eccellente in questa canzone. Black Juju ricorda molto i primi Doors e Cream, nonostante le vocalità acide di Vincent diano quel tocco di grezzaggine che tanto si addice al gruppo. Hallowed Be Thy Name e Second Coming sono compatte e serrate, con un grande Buxton alla chitarra, capace di dare una marcia in più al tutto; molto interessanti i testi di entrambe le canzoni, che in barba agli stereotipi trattano di temi religiosi. Ballad of Dwight Fry è stupenda, grazie alle sue armonie decadenti ma al contempo studiatissime; qui si è in grado di percepire al meglio come il sound di questo Love It To Death fosse avanti di almeno dieci anni rispetto al suo tempo, sempre grazie alla produzione di Bob Erzin. L'album si chiude con Sun Arise, canzone piuttosto soft rispetto alle precedenti, portata avanti da una prestazione al microfono di Furnier di grande impatto.

Love It To Death fu un successo commerciale enorme ed il successivo passaggio del gruppo sotto la Warner Bros ne è la dimostrazione. Il bello doveva ancora arrivare: questo album non fu che il primo anello di una catena di grandi successi per Alice Cooper (inteso sia come band sia come artista solista, nel 1973 infatti il monicker verrà acquisito dal frontman Vincent che proseguirà come solista).

Love It To Death non può assolutamente mancare nella vostra collezione; la storia della musica d'altronde passa anche da qua.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
94 su 13 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 13.43.41
9
Black Juju è il capolavoro misconosciuto dell'album. Voto 80
venom
Mercoledì 2 Aprile 2014, 2.54.05
8
disco epocale!il genio di alice cooper in tutto il suo macabro splendore!
galilee
Lunedì 11 Novembre 2013, 10.51.06
7
Ottima recensione, disco epocale. Alice Cooper uber alles!
Lizard
Sabato 9 Novembre 2013, 23.38.27
6
Svolta clamorosa che ha segnato una nuova epoca per la musica dura. Fosse anche solo per I'm Eighteen sarebbe una pietra miliare, ma il resto del disco non è affatto inferiore. Band già pronta al grande salto, dopo un periodo di incubazione. Da avere, assolutamente.
*__*
Sabato 9 Novembre 2013, 17.54.54
5
si l'avevo notato non mi riferivo alla recensione che già c' è il mio era più un invito all'acquisto immediato, tutto qua.
Fenrir
Sabato 9 Novembre 2013, 17.06.37
4
C'è già la recensione di Trash Controlla bene
*__*
Sabato 9 Novembre 2013, 17.01.07
3
Alice Cooper -____ = GENIO.!!. attenzione fate anche vostro quel capolavoro degli anni ottanta che è trash (1989).
blackie
Sabato 9 Novembre 2013, 15.02.38
2
concordo sia col recensore che con cauldronborn.questo disco e una pietra migliare un capolavoro da non perdere assolutamente black julu e ballad of dwight fry spiccano tra le varie gemme che contiene.anche per me fino a from the inside un capolavoro dietro l altro!
CauldronBorn
Sabato 9 Novembre 2013, 13.32.37
1
Disco enorme. Concordo col recensore quando dice che il disco stava veramente avanti, Black Juju e Ballad of Dwight Fry ne furono la dimostrazione. Da quest'album fino a "From the Inside" comunque, un capolavoro dietro l'altro.
INFORMAZIONI
1971
Straight Records
Glam Rock
Tracklist
1. Caught In A Dream
2. I'm Eighteen
3. Long Way To Go
4. Black Juju
5. Is It My Body
6. Hallowed Be Thy Name
7. Second Coming
8. Ballad Of Dwight Fry
9. Sun Arise
Line Up
Alice Cooper (Voce)
Glen Buxton (Chitarra)
Michael Bruce (Chitarra, Pianoforte, Organo)
Bob Ezrin (Tastiere)
Dennis Dunaway (Basso)
Neal Smith (Batteria)
 
RECENSIONI
79
76
85
78
77
80
79
81
91
77
85
92
72
94
89
90
72
ARTICOLI
06/12/2017
Live Report
ALICE COOPER
Alcatraz, Milano, 30/11/2017
18/10/2011
Live Report
ALICE COOPER + THE TREATMENT
Gran Teatro Geox, Padova, 13/10/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]