Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Progenie Terrestre Pura
starCross
Demo

Dead Like Juliet
Stranger Shores
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/07/18
ZOMBIEFICATION
Below the Grief

20/07/18
THE LIONS DAUGHTER
Future Cult

20/07/18
MUTILATION RITES
Chasm

20/07/18
SCARS ON BROADWAY
Dictator

20/07/18
CRYONIC TEMPLE
Deliverance

20/07/18
CEMETERY LUST
Rotting in Piss

20/07/18
SANDRIDER
Armada

20/07/18
KHÔRADA
Salt

20/07/18
BLACK ELEPHANT
Cosmic Blues

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

CONCERTI

15/07/18
STRANA OFFICINA + GENUS ORDINIS DEI + GUESTS
ROCK IN PARK OPEN AIR - CAVA DI ROSELLE (GR)

15/07/18
MADBALL
ROCK TOWN - CORDENONS (PN)

15/07/18
LUPPOLO IN ROCK (day 3)
PARCO EX COLONIE ROMANE - CREMONA

16/07/18
MESMERIZE + BLACK PHANTOM + ERUPTION
CENTRO SPORTIVO S. PERTINI - CORNAREDO (MI)

17/07/18
IRON MAIDEN + TREMONTI + RHAPSODY OF FIRE + THE RAVEN AGE
PIAZZA UNITA` D`ITALIA - TRIESTE

18/07/18
STEVEN TYLER
PIAZZA UNITA' D'ITALIA - TRIESTE

18/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO DAL VERME - MILANO

19/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO ROMANO - OSTIA ANTICA (ROMA)

20/07/18
PROTEST THE HERO + GUESTS
ROCK PLANET CLUB - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

Rage - Speak Of The Dead
( 6998 letture )
Vent’anni di metallo. Vent’anni di musica sincera, forte, potente ed energica: questo sono i Rage, creatura del “Soundchaser” Peavy Wagner; la storia di un gruppo che ha vissuto, come ogni buon libro che si rispetti, capitoli diversi, cambi di line-up, esperimenti più o meno riusciti, delusioni e trionfi. Una band da sempre prolifica nelle uscite (da vedere il bellissimo DVD live dell’anno passato), densa di canzoni onestamente metal, come pochi sanno fare ai giorni nostri. Arriva il 2006 e Peavy e la sua ultima ‘famiglia’ (i mostruosi Mike Terrana alla batteria e Victor Smolski alla chitarra) tirano fuori dal cilindro l’ennesimo coniglio metallico e stavolta, amici miei, abbiamo di che parlare.

Speak of the Dead è un lavoro multiforme, sfaccettato, non scontato e non prevedibile, in cui l’evidentissimo intento è quello di soddisfare tutti i fans: quelli della prima ora, amanti del sound più ruvido e veloce, quelli della ‘ricreazione’, ammaliati da sonorità orchestrali e melodiche (Ghosts, XIII, Lingua Mortis), e quelli dell’ultimo momento, affascinati da dischi come Unity e Soundchaser, dove il “power Rage metal” si era fuso a cantati orecchiabili ed ad atmosfere più intime e cupe, oltre che ad incredibili funambolismi sonori. Il risultato è un platter eterogeneo, dove sempre più spazio acquisisce la mano, in fase di stesura, di Victor Smolski, esperto di musica classica e da camera (figlio di un grande direttore d’orchestra, e lui stesso sin da bambino avviato allo studio della musica classica). È così che, per un calcolato disegno, il nuovo CD è idealmente divisibile in due parti: le prime otto tracce compongo la Suite Lingua Mortis, un viaggio dentro il periodo orchestrale della band affidato, negli arrangiamenti e nelle armonie, alle cure del virtuoso guitar hero russo: otto brani in cui il sound, oltre a gonfiarsi di elementi e supporti orchestrali, si sposta verso territori un po’ più prog-oriented, tanto da richiamare alla mia mente in più di un passaggio certi Symphony X, quelli di V: The New Mythology Suite, per intenderci. La suite riprende le tematiche del disco omonimo di qualche anno fa, arricchendole di testi e di performance personali veramente da capogiro. I nostri sembrano fare la gara con se stessi, quasi a volersi superare platter dopo platter, ma i fans ‘duri e puri’ potrebbero sentire troppo la mancanza della tradizionale ‘botta’ tipica del Rage style. Come rimediare? Semplice: dalla traccia numero nove, No Fear (primo singolo estratto dal disco, peraltro), si torna a pompare come dannati: cantato ai limiti del growl in certe parti, riff spaccaossa e un Mike Terrana devastante, come peraltro in Soul Survivor e nella terrificante Kill Your Gods. Per la gioia di tutti l’album si colora anche di perle più delicate (per quanto possa essere delicata una song dei Rage!) come Full Moon, o Beauty, la traccia conclusiva della lunga suite succitata.

Tiriamo le somme? Speak Of The Dead è un album coraggioso, composto con molta perizia, dove si esaltano in maniera definitiva le individualità di tre mostri sacri della musica metal degli ultimi anni. Le lyrics, come il buon Peavy ci ha abituato da tempo, sono veramente suggestive e intense, ed il sound complessivo è una summa di quanto proposto dalla band più multietnica del pianeta negli ultimi anni. A mio parere un disco molto bello, ma sono più che sicuro che farà molto discutere, soprattutto per la scelta di mettere la suite ‘prog’ ad apertura del platter. Il bello della musica, in fondo, sta nella possibilità di chi la crea di esprimersi secondo le proprie potenzialità ed i propri gusti, nella libertà di chi ne fruisce di assaporare o meno le intenzioni dell’autore. Questo, in sintesi, Speak Of The Dead, l’ultimo nato in casa Rage, un gruppo dal talento enorme, troppo spesso vittima proprio di quest’ultimo. Un consiglio? Da ascoltare, senza preconcetti.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
59.25 su 62 voti [ VOTA]
Poss
Sabato 19 Dicembre 2015, 11.06.58
8
Album solido e pensato nel dettaglio. Trovo stupenda SOUL SURVIVOR. Un pò blind guardian nel ritornello. SEMPRE BRAVI
AL
Giovedì 26 Marzo 2015, 11.34.48
7
un buon album. Kill your gods e la suite sinfonica i migliori pezzi. No fear non è un granchè e sfortunatamente mi è capitato pure di vedere il video! imbarazzante. cmq grande band sempre!
DIMMONIU73
Mercoledì 22 Febbraio 2012, 15.32.13
6
Disco eccezionale come tutti i nati in casa Rage, non vedo l'ora di possedere 21!!!
Master Killer
Mercoledì 22 Febbraio 2012, 15.16.03
5
Giusto la gente va a presso a quei gruppi che non garantiranno niente mentre I Rage sono quel gruppo che non ti deludono mai ma nessuno li conosce -.- I Rage si meritano MOLTO DI PIU' e vi assicuro che dopo Strings To a Web (che lo considero tra l'altro uno dei miei preferiti) questo 21 Sarà ancora migliore è più bello ASPETTO CON ANSIA IL 24 Febbraio D:
Radamanthis
Mercoledì 22 Febbraio 2012, 14.39.35
4
Questo disco è veramente bello, personalmente mi piace di più la parte "heavy" ovvero dalla traccia 9 all 15 con Full Moon su tutte (una delle più belle tracce mai composte dalla band teutonica). La prima parte con la LMO è però molto particolare, quasi una chicca! Victor Smolski si afferma definitvamente in questo album come uno dei chitarristi migliori della scena e il lavoro di Terrana è egregio. Peavy la solida garanzia di successo! Ho la versione con Full Moon in varie lingue e consiglio l'ascolto a tutti! Voto: 88
AL
Mercoledì 22 Febbraio 2012, 14.31.06
3
grande band! questo album lo ascolterò sicuro. dire che la gente non li conosce per niente è una forzatura... i rage sono una garanzia da anni e anni... forse meno pubblicizzati di gammaray e helloween perchè non sono proprio power al 100% (per fortuna..).
Master Killer
Mercoledì 22 Febbraio 2012, 14.22.27
2
Qualsiasi Album dei Rage è da Ascoltare anche quelli fatti insieme al Lingua Mortis Orchestra, perché se ci pensate: I Rage non hanno sbagliato un Album nella loro carriera da Power Metallari!!! peccato però che la gente non li conosca per niente infondo loro hanno un grande talento sopratutto Peavy in Assoluto!!! Power of Rage!!!!!!!
Maurizio
Mercoledì 14 Settembre 2011, 17.57.13
1
Neanche un commento...comunque promosso; è un pò la sintesi di lavori precedenti, e questo lo penalizza un poco. Tellurico nella seconda parte,Smolsky e Terrana pestano come maledetti, quasi sinfonico nella prima.
INFORMAZIONI
2006
Nuclear Blast
Power
Tracklist
Lingua Mortis Suite (tracks 1-8)
1. Morituri Te Salutant
2. Prelude Of Souls
3. Innocent
4. Depression
5. No Regrets
6. Confusion
7. Black
8. Beauty

9. No Fear
10. Soul Survivor
11. Full Moon
12. Kill Your Gods
13. Turn My World Around
14. Be With Me Or Be Gone
15. Speak Of The Dead
Line Up
Peter “Peavy” Wagner: Vocals, bass
Victor Smolski: guitars, orchestrations
Mike Terrana: drums

www.rage-on.de

 
RECENSIONI
79
81
80
69
76
80
90
78
89
85
77
70
70
ARTICOLI
04/08/2017
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + THEODASIA + FIST OF RAGE
Trieste Summer Rock Festival, Castel San Giusto (TS), 29/07/2017
29/06/2017
Live Report
SYSTEM OF A DOWN + PROPHETS OF RAGE
Visarno Arena, Firenze, 25/06/2017
09/02/2017
Live Report
DESTRAGE + WHATTAFUCK!? + THE BIG SOUTH MARKET + LOTUS HATERS
Bari, Demodé Club, 04/02/2017
10/11/2016
Live Report
VOLTUMNA + SUDDEN DEATH + TERRORAGE + EPISTHEME
Barbara Disco Lab, Catania, 05/11/2016
10/12/2014
Live Report
PROTEST THE HERO + THE SAFETY FIRE + THE CONTORTIONIST + DESTRAGE
Traffic Live, Roma (RM), 07/12/2014
08/03/2014
Intervista
RAGE OF SOUTH
Look for the Truth!
08/03/2012
Live Report
TEXTURES + SYLOSIS + DESTRAGE
Rock N' Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 02/03/2012
25/04/2011
Live Report
MASTER + SOUTHWICKED + DESTROY THE OPPOSITION + GARAGEDAYS
Traffic Live Club, Roma, 20/04/2011
06/02/2010
Intervista
RAGE
Meno parole, piu' azione!
07/11/2009
Intervista
NIGHTRAGE
Death melodico con furore
15/03/2006
Intervista
RAGE
Parla Mike Terrana
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]