Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Overkill - W.F.O.
( 5350 letture )
Ad un anno di distanza dal controverso I Hear Black, gli statunitensi Overkill si riproposero sul mercato discografico con la loro settima fatica in studio dal titolo W.F.O., acronimo che sta per Wide Fuckin' Open, prodotto dal fido Alex Perials. Il disco reitera, in buona sostanza, l’approccio grooveggiante tanto in voga in quell’epoca e già marcatamente profilato nel precedente platter, ma esibisce un songwriting sensibilmente migliorato grazie alla qualità superiore, all'aggressività di cui permeano alcuni brani, nonché al lavoro più accurato in sede di produzione. Non si tratta certo di un episodio particolarmente memorabile nella carriera di Bobby “Blitz” Ellsworth e compagni che, negli anni passati seppero produrre perle di ben altra fattura; ho, tuttavia, sempre reputato W.F.O. meritevole di stima riscontrandovi momenti di grande levatura tecnica specie per quanto concerne la prestazione al basso di D.D. Verni.

Il full length si apre con il riffing dirompente di Where It Hurts, una song trascinante ma lievemente inficiata da un refrain stucchevole. Si prosegue con la veloce Fast Junkie in cui risaltano l’ottimo drumming assicurato da Tim Mallare, un’eccellente prova vocale di Ellsworth e il valido contributo dei cori. L’adrenalinica The Wait/New High in Lows ha contorni più orientati al metal con sugli scudi un consistente apporto della sezione ritmica; anche in questo caso, però, il refrain convince poco (all’inizio di questa traccia troviamo un estratto dal famoso film di Brian De Palma Carlito’s Way del 1993). They Eat Their Young è il classico pezzo thrash, tirato al punto giusto, uno di quelli in grado di scatenare dal vivo un pogo infernale! What's Your Problem? sfodera un avvio travolgente offerto dall’abrasivo lavoro delle due chitarre, mentre Under One, dallo stile più groovy, appare strutturalmente un po’ scontata. Di gran lunga meglio la vigorosa irruenza di Supersonic Hate, sebbene cali leggermente di tono nella parte centrale. Nella strumentale R.I.P. (Undone), scritta in memoria di Criss Oliva -lead guitarist dei Savatage deceduto l’anno prima- è la chitarra acustica a dominare. Un riffing assassino contraddistingue Up The Zero fregiata da un esplosivo assolo alla sei corde; arpeggi ancora una volta acustici aprono Bastard Nation, composizione che si dipana su sonorità eccessivamente orecchiabili e che, per tale motivo, rappresenta il vertice basso di W.F.O.. Chiude dignitosamente l'opera la potente Gasoline Dream dotata di un incedere ossessivo ed accattivante. Da evidenziare la presenza di una ghost track con dei divertenti rifacimenti di Heaven and Hell dei Black Sabbath, The Ripper dei Judas Priest e Voodoo Child (Slight Return) di Jimi Hendrix.

Nonostante siano passati tanti anni dalla sua pubblicazione (cavolo ragazzi, come vola il tempo) continuo tuttora ad ascoltare W..F.O., dimostrazione pratica di come la musica che possiede determinate peculiarità acquisisce sempre il dono prezioso della longevità. Procuratevelo, quindi, se non lo avete ancora fatto, non credo che ve ne pentirete!



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
82.97 su 37 voti [ VOTA]
Vitadathrasher
Sabato 20 Luglio 2019, 20.49.54
41
Ci credo è uno dei migliori lavori che hanno fatto
Dead again
Sabato 20 Luglio 2019, 18.43.55
40
Ogni lo riascolto con piacere e lo trovo ancora un signor disco...
Lizard
Sabato 20 Luglio 2019, 14.47.31
39
Ma rispettare invece un'opinione diversa è cosi' difficile? Qual è il patentino di essere superiore che ti consente di guardare gli altri dall'alto del tuo podio autoeretto?
davidgilmour
Sabato 20 Luglio 2019, 14.36.14
38
ahahahahahaha ''Bastard Nation vertice basso'' minchia solo quel pezzo vale tutto l'album! Dai, posate il fiasco..
Daniele
Giovedì 5 Luglio 2018, 17.07.44
37
Bastard Nation vertice basso? .. ma che vi fumate voi recensori?
Daniele
Giovedì 5 Luglio 2018, 17.07.41
36
Bastard Nation vertice basso? .. ma che vi fumate voi recensori?
Bestial Invasion 98
Martedì 19 Giugno 2018, 20.03.58
35
Non un capolavoro ma... un gran disco! La produzione mi piace molto e il suono del basso è... perfetto! Dopo i primi 5 dischi leggendari, questo è quello che preferisco di più. Long live to the kill! Leggendari Overkill
fra
Giovedì 7 Dicembre 2017, 15.10.33
34
Sarò io, ma per me più riesco a sentire il basso in un disco e più mi piace. Infatti impazzisco per questo disco, 88 per me!
mic
Mercoledì 15 Febbraio 2017, 14.34.17
33
riascoltato di recente. lati negativi: la quasi totale assenza di assoli di chitarra e il suono del basso, protagonista sì, ma che sembra a tutti gli effetti una molla o una pallina di gomma che rimbalza. poco convincente
nonchalance
Venerdì 20 Gennaio 2017, 16.04.26
32
Sulla scia del precedente ma, con un parziale recupero di velocità e qualche accenno di "vecchia" melodia ("The Wait/New High in Lows"). Probabilmente, D.D. Verni voleva rispondere alle critiche del periodo con una "What's Your Problem"..?! Non lo sapremo mai..fatto sta che, è lui a monopolizzare il disco eccedendo col suo basso! Peggiorano le cose quando, invece di risultare personali, si cerca di seguire la corrente "groove" che, di fatto, offrirebbe buoni spunti ma, alla fine, penalizza l'ascolto dell'intero blocco di canzoni per una eccessiva pesantezza di fondo. Non invidio chi, per problemi di varia natura o per preferenza personale, opterà per le cuffie..
Therocker77
Giovedì 6 Marzo 2014, 16.19.02
31
Album schiacciasassi, tonnellate di Groove con di basso ipercompresso rullo comprossore!! 85/100
Cirith Ungol
Sabato 7 Dicembre 2013, 20.41.30
30
L'ho appena comprato usato! Ricordo che all'epoca della sua uscita fui dissuaso dall'acquisto da una recensione pessima di Metal Shock. Il recensore in questione non si limitò a demolire il disco, ma espresse giudizi negativi sull'intera carriera degli Overkill! Che dire? Era l'epoca dell'alternative e a commentare certi dischi mettevano gente evidentemente incompetente.
*__*
Venerdì 6 Dicembre 2013, 23.04.19
29
ma ciò che conta è che il valore del disco permane alto e li siamo d'accordo un po' tutti, (TUTTI) ci aggiungo io W.F.O. GRANDE album !!
S.V.
Venerdì 6 Dicembre 2013, 17.46.29
28
No ma nn tutti i pezzi, però ad esempio a me Under One piace!
hm is the law
Venerdì 6 Dicembre 2013, 17.43.35
27
@ S.V.: azz abbiamo gusti differenti! Comunque leggendo i vari commenti la scelta dei pezzi reputati migliori è varia, ma ciò che conta è che il valore del disco permane alto e li siamo d'accordo un po' tutti
S.V.
Venerdì 6 Dicembre 2013, 17.26.35
26
Al tempo non mi prese come i precedenti, ma comunque molto meglio di I hear black, ma con il passare degli anni posso dire che è un bel disco, forse con una produzione non all'altezza. Il suono è prettamente thrash ma un po' "amatoriale" per gli standard della band, ma comunque sempre di alto livello. Alcuni pezzi sono un po' scontati, altri decisamente belli. Facendo una somma il mio voto combacia più o meno con quello del recensore anche se a lui piacciono dei pezzi che a me piacciono meno e viceversa!
Diego
Mercoledì 4 Dicembre 2013, 9.45.28
25
Concordo con Gabriele, non si può vedere quel 80 a TYOD. A me questo disco piace ma non posso considerarlo alla stregua di TO, FTF, UTI e il sopracitato capolavoro. In questo disco il missaggio valorizza il lavoro di DD Verni, che si è sempre distinto, ma qui sembra che ti suoni accanto!
Lizard
Martedì 3 Dicembre 2013, 19.11.38
24
Ammetto che W.F.O. mi è sempre piaciuto... Lo trovo decisamente easy e scazzone come approccio e ha diversi pezzi che a distanza di anni continuano a fomentarmi. Non un disco imperdibile, ma assolutamente divertente e di spessore.
Carmine
Martedì 3 Dicembre 2013, 11.59.44
23
Concordo con il recensore, alla fine è un buon album fermo restando che i capolavori deglii Overkill sono brn altri.
Galilee
Lunedì 2 Dicembre 2013, 21.53.52
22
Horrorscope è il top.
Gabriele
Lunedì 2 Dicembre 2013, 20.17.26
21
Bah... a me è sempre strapiaciuto un casino...piuttosto a volte mi vengono gli occhi a palla a leggere che Horrorscope sia meglio di TYOD..... O-O
vakereds
Lunedì 2 Dicembre 2013, 19.23.00
20
A me piace a parte qualche traccia più debole come Under One e Bastard Nation
Painkiller
Lunedì 2 Dicembre 2013, 17.16.30
19
Mah, è quello che ascolto meno insieme ad Under the influence, da un certo punto di vista mi piace di più I hear black. In ogni caso un disco davvero brutto gli Overkill non l'hanno mai fatto. 70 per me e lunga vita a loro!!!
Painkiller
Lunedì 2 Dicembre 2013, 17.16.29
18
Mah, è quello che ascolto meno insieme ad Under the influence, da un certo punto di vista mi piace di più I hear black. In ogni caso un disco davvero brutto gli Overkill non l'hanno mai fatto. 70 per me e lunga vita a loro!!!
Lorin 2
Lunedì 2 Dicembre 2013, 16.02.49
17
They Eat Their Young e Gasoline Dream su tutte, Bastard Nation non l'ho mai sopportata
AL
Lunedì 2 Dicembre 2013, 10.34.55
16
Bastard nation e gasoline dream sono da pelle d'oca. Stupende!
Carlo
Lunedì 2 Dicembre 2013, 10.12.53
15
L'ho amato e ancora lo amo mi gasa quanto The Years of Decay, per quanto diversi. Bastard Nation vertice basso? Ad averne vertici del genere...
Galilee
Domenica 1 Dicembre 2013, 20.30.33
14
I hear Black a me piace molto.
AL
Domenica 1 Dicembre 2013, 18.55.21
13
peggiore di I hear black non ce ne sono secondo me... quoto Vakereds!!!
vakereds
Domenica 1 Dicembre 2013, 17.39.22
12
@ Galilee: peggio di I Hear Black? Non credo proprio!
Galilee
Domenica 1 Dicembre 2013, 16.28.11
11
Buon disco, ma il peggiore dal debutto. Comunque sto in linea col recensore ma abbassò di un pò il voto. 73. Gli ultimi due, soprattutto ironbound è dieci gradini sopra a questo. Da fan questo è tutto.
AL
Sabato 30 Novembre 2013, 22.12.53
10
Lo sto ascoltando proprio ora. per me vale 80. un bel lavoro. diversi pezzi mi piacciono di brutto. tra l'altro il primo cd degli Overkill che ho comprato!
Arrraya
Sabato 30 Novembre 2013, 21.03.17
9
Un disco che divide come tutti quelli fatti uscire all'epoca dai gruppi thrash. A me piacque e devo dire che loro ne uscirono meglio di altri gruppi, vedi Testament. Tralasciando il contesto storico musicale, sarebbe stata dura per chiunque sopravvivere a se stessi dopo Horrorscope, ma alla fine gli Overkill hanno vinto e resistito al tempo.
Vitadathrasher
Sabato 30 Novembre 2013, 19.06.49
8
A me piaque molto quando uscì, oltretutto dopo la ciofeca di IHB.
Masterburner
Sabato 30 Novembre 2013, 17.18.13
7
Un disco con alcune grandi canzoni che invecchiando è cresciuto... 80 ci sta
hm is the law
Sabato 30 Novembre 2013, 16.25.17
6
Vedo che il disco divide eh!
*__*
Sabato 30 Novembre 2013, 13.49.22
5
mi dispiace leggere i primi commenti perchè io la penso come SHRED, anche per me questo W.F.O. merita un 85 su 100 GRANDE disco
Shred
Sabato 30 Novembre 2013, 12.39.49
4
Certo, gli Overkill hanno fatto di meglio, ma è comunque un album più che buono (come dite voi, giustamente). Il mio voto è 85
Doomale
Sabato 30 Novembre 2013, 12.28.02
3
In Linea con i commenti qui sotto....qualcosa si salva...e qualcosa no...certo DD Verny stavolta esagerò con il basso..anche se spacca. Comunque devo dire che i brani di W.F.O dal vivo rendono di brutto....confermo il 74
Giovanni
Sabato 30 Novembre 2013, 10.33.11
2
Alla fin fine qualcosa si salva, ma gli Overkill hanno fatto di meglio. Comunque do 76
vecchio peccatore
Sabato 30 Novembre 2013, 10.15.09
1
Non mi piace minimamente la produzione di questo disco, basso sin troppo in evidenza, per il resto ci sono delle buone canzoni (la migliore per me è "Bastard Nation") ma sopra il 73 non riesco ad andare, gli Overkill hanno sfornato molto di meglio. Forse se fosse stato più corto mi sarebbe piaciuto di più.
INFORMAZIONI
1994
Atlantic Records
Thrash
Tracklist
1. Where It Hurts
2. Fast Junkie
3. The Wait/New High in Lows
4. They Eat Their Young
5. What's Your Problem?
6. Under One
7. Supersonic Hate
8. R.I.P. (Undone)
9. Up to Zero
10. Bastard Nation
11. Gasoline Dream
Line Up
Bobby Ellsworth (Voce)
Merrit Gant (Chitarra)
Rob Cannavino (Chitarra)
D.D. Verni (Basso)
Tim Mallare (Batteria)
 
RECENSIONI
84
72
80
65
68
76
79
77
79
75
90
80
88
90
90
ARTICOLI
16/03/2019
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + FLOTSAM AND JETSAM + CHRONOSPHERE - KILLFEST TOUR 2019
Phenomenon, Fontaneto D'Agogna (NO), 09/03/2019
16/01/2017
Intervista
OVERKILL
Grazie mille, Italia!
27/10/2012
Articolo
TESTAMENT VS OVERKILL
A colpi di Thrash!!!
06/11/2011
Articolo
OVERKILL
La biografia
13/03/2011
Live Report
OVERKILL + DESTRUCTION + HEATHEN + AFTER ALL - KILLFEST TOUR 2011
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 09/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]