Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
ART OF DECEPTION
Path of Trees

22/06/18
THE RED COIL
Himalayan Demons

CONCERTI

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
RHAPSODY OF FIRE
PIAZZA MATTEOTTI - GENOVA

23/06/18
BELPHEGOR + MELECHESH + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

23/06/18
VIRGIN STEEL FEST
GASOLINE ROAD BAR - LENTIGIONE (RE)

23/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + DAEMUSINEM
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

23/06/18
LACHESIS
THE ROCKER PUB - BARZANA (BG)

Clive Nolan - Alchemy
( 2964 letture )
PREMESSA
Il sottoscritto segue da tempo questo progetto ad opera di Clive Nolan (Pendragon) assieme alla compagnia teatrale Caamora; She, il primo parto di questo connubio, era un disco ottimo e un musical sopraffino e di alta classe. Alchemy è la seconda opera e ruota su una storia ambientata in tempi vittoriani, scritta dal buon Clive. Si apre il booklet e sembra di essere a teatro: assisteremo a due atti divisi in ventisette canzoni per due ore di musica! Si precisa che, per avere un quadro completo del tutto, la rappresentazione andrebbe vista e non solo sentita; ci si soffermerà qui sulla descrizione della musica, poi sta a voi voler scoprire la storia: siete invitati a farlo, perché l’artista merita di essere supportato e Alchemy va vissuto coi testi alla mano, roba d’altri tempi.

PRIMO ATTO – PRIMO CD
Ogni buona opera che si rispetti inizia con un prologo, e anche qui non siamo da meno: Prologue/Overture alterna parti narrate a parti suonate e non potrebbe essere altrimenti. Poco lascia presagire quello che succederà ed è giustissimo così. Deception fa semplicemente paura: appena si scosta dalla narrazione si rivela un pezzo di prog rock coi fiocchi: epico, sognante, oscuro, cantato e arrangiato in maniera sublime; cos’altro si può chiedere di più? Eppure il di più arriva inaspettato e non richiesto: One For The Noose è semplicemente magnifica, ha un incedere marziale supportato da una marcia e linee vocali stratosferiche, è un sogno orchestrato nella maniera che solo i più grandi sono in grado di raggiungere. Dura quasi sei minuti senza scostarsi dal tema più di tanto, ma nessuno se ne può accorgere, chi ascolta è impegnato a figurarsi visioni di ogni tipo ed è ciò che la grande musica dovrebbe suscitare. The Warning non sposta di una virgola i livelli qualitativi vertiginosi raggiunti finora. Le prestazioni femminili al microfono sono riuscitissime e il pezzo entra in testa ancora prima che finisca, è impossibile non emozionarsi davanti a questa pura bellezza; chiude il pezzo un finale stupendo e in questi primi minuti dell’opera si rimane basiti. Amelia è una ballad meravigliosa, a questo punto non resta che scomodare la Disney e provare ad applicare il tutto ad uno qualsiasi dei suoi cartoni animati: ci può stare, assolutamente, in particolar modo se pensiamo a quanto abbia influenzato il musical la casa di produzione americana. Per adesso non c’è una nota fuori posto, un solo momento morto e non esistono stonature in un disco che è uscito fin troppo in sordina rispetto a ciò che contiene; misteri del marketing. La linea vocale posta all’inizio di King Explains si ripete molte volte all’interno dell’opera e giustamente, perché se non rasenta la perfezione ci manca davvero poco. Si alternano poi voci maschili e femminili e momenti più o meno cadenzati; manca solo un grandissimo ritornello che purtroppo non arriva e questa mancanza rende il pezzo più che discreto ma non ottimo. In Desperate Days si va sull’acustico con un ritorno ad un valore compositivo stellare; il sogno non si interrompe e qui si impartiscono lezioni sul come si possa suscitare emozioni, al di là del livello qualitativo che oggettivamente oggi solo in pochi sono in grado di raggiungere. La prestazione di Noel al microfono è toccante e lascia senza parole. Planning A Break-In consiste in un passaggio che dura poco più di un minuto ed è più funzionale alla narrazione che alle nostre orecchie, ma il capolavoro è in vista: Quaternary Plan fa semplicemente venire i brividi. Ora immaginatevi la scena di un qualsiasi cartone disneyano in cui il protagonista sta vivendo la solita catastrofe emotiva e arrivano i bonaccioni di turno a tirargli su il morale: questo brano calzerebbe alla perfezione in quel contesto. Non contento il buon Clive tira fuori dal cilindro un finale davvero eccezionale.
The Unwelcome Guest si sposta su lidi un pochino più oscuri, risulta orecchiabile ma assolutamente non ai livelli delle composizioni precedenti: si ascolta piacevolmente ma non offre molti picchi di particolare eccellenza. Waiting For News fa della teatralità la sua arma principale e si amalgama perfettamente con la storia che si sta raccontando; The Girl I Was torna prepotentemente a livelli di pura eccellenza con una melodia meravigliosa e azzeccata alla massima potenza. Il teatro si unisce col sogno. Il primo atto si conclude con la lunghissima Highgate, che alterna partiture da osteria piratesca a prog rock di alta classe; c’è qualche passaggio non molto felice ma siamo ben lungi dal tedio che può suscitare una partitura poco ispirata. Ora fate un bel respiro, sappiate che se ne vedranno delle belle anche nel secondo atto.

SECONDO ATTO – SECONDO CD
Ci siete? Pronti per la seconda parte? Andiamo!
The Labyrinth apre le danze in maniera prima oscura, poi allegra e sinfonica, poi ancora oscura con un cambi repentini e imprevedibili. Si procede con parti narrate e con un pezzo che nulla aggiunge e nulla toglie al complesso; è piacevole ma niente di trascendentale. I temi qua e là si riprendono e si rincorrono, il senso di omogeneità e continuità è reso benissimo, in particolare con la successiva Ambush, che è tanto stranissima quanto bella. Cori onirici, partiture prog, incedere quasi marziale con strumenti a fiato in sottofondo e un finale oscuro tessono la trama di un quadretto che non cessa di stupire l’ascoltatore e di bombardarlo di qualità da tutte le parti.

The century declared to us that
Alchemy was dead
The blend of art and science
Transforming gold from lead
But now I can reveal
Such discoveries were true
And I will make it happen here
Right now for all of you!
A man could travel far
Walk the Moon or stand on Mars
Take a sample from the sun
Use as fuel to fire a gun
Turn water into wine
Create fantasies divine
And all such things are possible
For those who have the
Heart and soul to try
This powder is the key
Through the years passed down to me
Moving molecules about
Takes impurities right out
The proof is unequivocal
The evidence empirical
I offer every one of you
A thousand golden miracles!
A man could learn to fly
Move the clouds that fill the sky
Calm a live volcano’s flow
Turn the lava into snow
Find medicine in mould
Even cure the common cold
And all such things are possible
For those who have the
Courage and conviction to try


The Tide Of Wealth inizia con questo discorso del re ed in fin dei conti racchiude anche tutto il senso dell’opera: l’alchimia. Il cantato su queste parole è da annali della melodia e il pezzo si rivela un altro vero e proprio capolavoro: l’incedere è scanzonato e festoso come in Quaternary Plan, qui ci si è proprio preso gusto e continua uno stato di grazia che ha quasi del miracoloso. C’è anche spazio per un coretto da canzone per bambini che ci si ritrova a cantare in tutta la sua semplicità e innocenza; è buono il finale in cui si cambia tonalità sul discorso del re e si riprendono i temi portanti del pezzo in un parossismo di fuochi d’artificio. Jagman Arrives è un breve intermezzo che apre le porte alla successiva The End Justifies The Means: qui si gioca con partiture già espresse ma cambiate di tonalità e cantate da una voce che sembra quasi da ubriaco. Purtroppo dura poco, o meglio il minutaggio è normalissimo, ma ci si prende presto gusto e si vorrebbe che durasse di più. Sanctuary è formata da orchestrazioni, pianoforti e perenni duetti tra voci femminili e maschili: ascoltandola non si può non provare emozioni, è impossibile. Clive Nolan sembra davvero possedere la pietra filosofale: qui dentro tutto ciò che tocca si trasforma in oro e noi prendiamo a piene mani con grande gioia. Street Fight prende letteralmente a pugni l’ascoltatore con un inizio che sembra addirittura influenzato dai Tool, lezioni canore e un ritornello in grado che risplende in tutta la sua magnificenza.
Amelia Dies non può essere altro che una ballad e infatti così è; si riprendono partiture precedenti e tutto fila come dovrebbe filare: perfettamente liscio e toccante. Con Burial At Sea si ritorna a un minutaggio più sostenuto, si continua ad ascoltare rapiti ed ammaliati in religioso silenzio; è sorprendente il fatto che non ci si annoi praticamente mai, dato che nel complesso si tratta di quasi due ore di musica. Share This Dream ha un’impronta drammatica e lirica, ma non risulta assolutamente fuori contesto, anzi, dà valore aggiunto a ciò che di ulteriori valori aggiunti non avrebbe proprio bisogno; ovviamente parliamo di una traccia cantata rigorosamente al femminile e sorretta da tastiere e orchestrazioni, l’ennesima ciliegina su una torta che sta diventando davvero troppo grossa per poterle contenere tutte. Treachery riprende temi che conoscete già e lo fa indorando la pillola con un duetto maschile/femminile sorretto da chitarra e violino che si evolve in un terzinato favoloso e in un coro che lo è ancor di più. The Ritual è un breve intermezzo al servizio della trama ma quella sequenza di accordi ormai dovrebbe essere scolpita nei vostri neuroni assieme al discorso del re. Si prosegue quindi con Anzeray Speaks che ci traghetta piacevolmente verso l’ormai prossimo finale dell’opera. È bellissimo il suono della chitarra, che ha un che di medievaleggiante e si rivela altamente evocativo; il pezzo non fa breccia nel cuore dell’ascoltatore ma poco ci manca, siamo un pelino sotto il livello a cui ci siamo fin qui abituati ma non importa, ormai siamo sazi. Aftermath chiude infine l’opera con voci, pianoforte e una breve narrazione.

CONCLUSIONI
Ci siete ancora? Bene, perché è giunta l’ora di adirarsi e in maniera neanche poco marcata. Perché un disco del genere è passato inosservato? Perché non è stato pubblicizzato? Perché se non si segue Clive Nolan, che non è di certo l’ultimo arrivato, è quasi impossibile sapere che questo progetto esista? Sono domande a cui converrebbe trovare una risposta, perché ignorare un’uscita come questa rischierebbe di farci concludere erroneamente che i grandi dischi non si fanno più. Detto questo, Alchemy è bello, incredibilmente bello: qui si torna bambini, si sogna e ci si emoziona in maniera sincera davanti a un disco che sa davvero di altri tempi.
Oggi spesso ci si dimentica di dare il giusto spazio alla musica, all’arte e a quell’emozione che è raro trovare in un marasma in cui è facilissimo perdersi. Allo stato attuale questo progetto probabilmente non verrà a suonare in Italia, forse perché da noi in fondo non a molti importa di questo cinquantatreenne che ha deciso di rimettersi in gioco nonostante una carriera di tutto rispetto in cui avrebbe potuto benissimo vivere di rendita. Invece costui si ritrova a organizzare sporadiche date in alcuni teatri in Europa con lo scopo di raccogliere fondi per continuare il suo progetto e mantenere la sua compagnia teatrale; sembra un racconto di Dickens, invece è la nuda e cruda verità.
Il consiglio per gli amanti del prog rock è di comprare Alchemy, mentre l’auspicio è che qualcuno in Italia renda disponibile un teatro per questo straordinario spettacolo.



VOTO RECENSORE
87
VOTO LETTORI
73 su 6 voti [ VOTA]
Lyke Wake
Sabato 15 Agosto 2015, 18.16.36
9
Mi sono piaciuti tantissimo i DVD sia di She che di Alchemy ed ho visto ad Amsterdam She in concerto. Grandissima musica, voci splendide. Classe immensa. Certo, bisogna essere appassionati di prog sinfonico per apprezzare queste cose pompose e barocche; ma questi musical sono la migliore espressione di questo tipo di prog.
HeroOfSand_14
Sabato 1 Febbraio 2014, 14.30.26
8
Ho ascoltato il primo cd e, pur essendo al primo musical prog che ascolto, e pur non sapendo classificarlo come genere, devo dire che mi ha colpito. Musica di classe, forse un pò di melodie ridonadanti, ma l'atmosfera che crea è grandiosa, grandi canzoni e ottime voci. E mi manca da seguire il booklet per i testi, e per capire di cosa diavolo parli!
videoklip
Mercoledì 1 Gennaio 2014, 16.47.25
7
A me Nolan non è mai piaciuto,il suo genere sarebbe prog rock,ammettiamo pure il prog, ma il rock dov'è?Diciamo che è theatrical company music all,il suogenere per me è questo,poi i gusti sono gusti.Vorrei sapere a quanti lo incensano e lodano,alla fine dello spettacolo:che cosa vi ha trasmesso?la sentite la vera anima prog rock scoorrere nelle vostre vene?A me no. Sono il solo eretico?
Osvaldo
Sabato 7 Dicembre 2013, 23.51.26
6
Una cosa è certa... in giro per la rete ci sono pochissime info e recensioni su clive nolan solista e sul progetto Caamora... grazie davvero Waste of Air, perchè sto disco è un gioiellino e meriterebbe molto di più!
waste of air
Sabato 7 Dicembre 2013, 14.09.13
5
@ayreon: confermo! A me però è piaciuto di più questo, ma come livello qualitativo siamo lì.
ayreon
Sabato 7 Dicembre 2013, 14.02.30
4
se vi è piaciuto, ascoltatevi anche la sua precedente opera She sotto il progetto Caamora,c'è anche in dvd,bellissima,registrata al solito teatro polacco dove fanno i dvd quelli della metalmind
Osvaldo
Sabato 7 Dicembre 2013, 13.09.46
3
Bello devo dire che mi sta prendendo parecchio, non sono un grande fan di opere teatrali o musical, ed in alcuni punti soprattutto all'inizio storcevo un pò il naso per le atmosfere un pò pompose e recitate... ma nel comlesso le canzoni sono davvero ottime, bravo Clive e complimenti per la recensione!
Ayreon
Domenica 1 Dicembre 2013, 8.34.13
2
Gia' con Caamora aveva colpito alla grande, chi conosce Nolan da 30 anni sa che è uno dei più grandi geni del prog , lo testimoniano tutti i suo iprogetti (arena pendragon shadowland ecc) grazie per esservi interessati a lui, merita tutto il rispetto
Ad astra
Sabato 30 Novembre 2013, 14.44.00
1
Splendido.... ottimo consiglio mi hai dato.... appassionante...e per un teatro qui in italia....beh siamo troppo indietro non c'è la mentalità
INFORMAZIONI
2013
Metal Mind Productions
Prog Rock
Tracklist
Act 1
1. Prologue/Overture
2. Deception
3. One For The Noose
4. The Warning
5. Amelia
6. King Explains
7. Desperate Days
8. Planning A Break-In
9. Quaternary Plan
10. The Unwelcome Guest
11. Waiting For News
12. The Girl I was
13. Highgate

Act 2
1. The Labyrinth
2. Ambush
3. Tide Of Wealth
4. Jagman Arrives
5. The End Justifies The Means
6. Sanctuary
7. Street Fight
8. Amelia Dies
9. Burial At Sea
10. Share This Dream
11. Treachery
12. The Ritual
13. Anzeray Speaks
14. Aftermath
Line Up
Cantanti/Personaggi:
Clive Nolan: Professor Samuel King
Agnieszka Swita: Amelia Darvas
David Clifford: William Gardelle
Victoria Bolley: Eva Bonaduce
Andy Sears: Lord Henry Jagman
Noel Calcaterra: Jessamine
Paul Manzi: Milosh
Paul Menel: Ben Greaves
Tracy Hitchings: Jane Muncey
Damian Wilson: Captain Joseph Farrell
Chris Lewis: Thomas Hizeray

Musicisti
Clive Nolan (Tastiere, Orchestrazioni)
Mark Westwood (Chitarra)
Claudio Momberg (Piano)
Ian Stott (Corno)
Penny Gee (Violino)
Kylan Amos (Basso)
Scott Higham (Batteria, Percussioni)

Il Coro:
Kate Aston-William
Jon Baily
Gillie Bower
Steve Bower
Noel Calcaterra
Soheila Clifford
Dorothy Frances
Matt Goodluck
Magdalena Grabias
Jolanta Grietnickaite
Scott Higham
Ron Milsom
Clive Nolan
Anoushka Reynolds
Verity Smith
Agnieszka Swita
Alexander White
Dorothy Frances (Direttrice del coro)

I Mercenari:
Graeme Bell
John Mitchell
Soheila Clifford
Steve Bower
Anoushka Reynolds
Matt Goodluck
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]