Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
OF MICE & MEN
Timeless (EP)

26/02/21
CULTED
Nous

26/02/21
EINHERJER
North Star

26/02/21
FORHIST
Forhist

26/02/21
AGE OF WOE
Envenom

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
IOTUNN
Access All Worlds

26/02/21
SUMMONING THE LICH
United in Chaos

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Mutation - Error 500
( 1051 letture )
Non è sempre scontato che un supergruppo si formi per dare alle stampe una corazzata di memoria fantozziana; i Mutation sono giusto qui per avvalorare la tesi! Avete già dato un’occhiata alla line up, giusto? Shane Embury, Ginger Wildheart e compagnia non sono di certo gli ultimi arrivati; oggi ascoltiamo un concentrato di musica a tratti innovativa, a tratti geniale e anche diagonalmente ostica. Error 500 è un composto organico e molto strano da definire; non è però nella maniera più assoluta un prodotto per puristi di qualsiasi genere. È un disco pregno di contaminazioni e divagazioni di ogni tipo, un concentrato di pura, faceta irrazionalità che si ritrova a funzionare nonostante sia palesemente senza pretese. Diciamo palesemente perché, nel momento in cui si preme il tasto play, la serietà viene buttata alle ortiche da composizioni deliranti e messe insieme con l’intento di divertire senza impegno. È uno scanzonato fare sul serio la proposta dei Mutation: parliamo di un conglomerato di grindcore, noise e punk amalgamati in maniera decisamente folle e mai scontata.

Immaginate che il genere dei Napalm Death abbia trangugiato un camion di funghetti allucinogeni per cena, ecco, il risultato è Error 500! Il disco è composto da dieci tracce, ed è veramente difficile descriverle una a una o prenderle singolarmente: ci sono 3650 sfumature, cambi di umore, trovate di ogni tipo e tante altre amenità. Un pezzo a caso potrebbe, ad esempio, partire in maniera violentissima con blast beat e voce in scream per poi approdare in momenti con alte dosi di elettronica; un altro potrebbe far scapocciare come degli ossessi per poi sfoggiare cori con allegre donnine e così via. Qui tutto è il contrario di tutto e in un certo senso va benissimo così: è apprezzabilissimo l’osare e il demolire gli stilemi imposti in favore di qualcosa di fresco e in un certo senso raro. La produzione è discreta: grezza al punto giusto ma carente nell’impatto, un ovvio compromesso che si sposa molto bene con la musica proposta. L’album ha dalla sua un concentrato altissimo di imprevedibilità e coniglietti che escono a frotte dal cilindro quando meno te l’aspetti; la controindicazione principale, però, è che si rischia di arrivare alla fine con un enorme mal di testa! La longevità non è di certo il forte dell’opera che, una volta scemato l’entusiasmo iniziale, inizia a non sorprendere più e a rivelarsi per quello che è: un gran bell’orgasmo ma senza ogni tipo di sentimento.

Ci troviamo quindi davanti ad un disco che è ovviamente destinato alla nicchia della nicchia e che, probabilmente, verrà osannato o catalogato in men che non si dica in sterco fumante: le mezze misure sono qui impossibili per tutta la serie di questioni già elencate. Consigliamo comunque un ascolto di Error 500 a tutti gli amanti della musica estrema fuori dagli schemi, qualche soddisfazione sicuramente qui la si trova. Gli altri passino pure oltre e senza alcun tipo di compromesso.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
enri sixx
Lunedì 9 Dicembre 2013, 9.58.00
1
concordo in pieno con il recensore mi aspettavo qualcosa di piu' da ginger visto che per me e' veramente un grande musicista .
INFORMAZIONI
2013
Ipecac Recordings
Grindcore
Tracklist
1. Bracken
2. Utopia Syndrome
3. White Leg
4. Protein
5. Mutations
6. Computer, This Is Not What I…
7. Sun Of White Leg
8. Relentless Confliction
9. Innocentes In Morte
10. Benzo Fury
Line Up
Denzil (Batteria, Cori)
Ginger (Chitarra, Voce, Cori)
Rob Stephens (Chitarra)
Paul Astick (Chitarra, Cori, Voce)

Musicisti Ospiti:
Jon Poole (Basso, Tastiera, Voce)
Shane Embury (Basso, Chitarra)
Merzbow (Noisecall)
Paul Mullen (Programming, Tastiera, Cori)
Tom Bellamy (Cori, Programming, Tastiera, Chitarra)
Dave “Catfish” Corbett (Hick Vocal)
Mark E. Smith (Voce)
John Mackenzie (Voce)
Luke Dunnell (Voce, Cori, Chitarra, Basso)
Rich Jones (Cori)
Kevin Vanbergen (Cori, Chitarra)
Craig Temple (Voce, Cori)
Simon Wright (Cori)
Givvi Flynn (Cori)
Jake Adams (Cori)
Daisy Vanbergen (Cori)
Harriet Bevan (Cori)
Dave Kerr (Cori)
The Boys From Black Moth! (Cori)
Chris Catalyst (Cori)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]