Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness ľ Ultimate Edition

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Glittertind - Djevelsvart
( 1909 letture )
La Norvegia nasce come nazione solo nel 1905, con la separazione pacifica dal regno di Svezia, eppure in campo musicale e soprattutto metal, poche, se non nessuna, realtÓ statale Ŕ stata cosý ampiamente e fortemente celebrata. Per quanto riguarda appunto il nostro caro metal la glorificazione della terra norvegese Ŕ indissolubilmente legata alla scena black di inizio anni novanta. Mentre Mayhem e Darkthrone tessevano gloriosi inni all'occulto, band seminali e straordinarie pescavano a piene mani dalla tradizione mitica della propria terra e ne facevano il fondamento della propria musica. Rimanendo nel circuito affine al cosiddetto Inner Circle, tra i precursori si possono trovare gli Enslaved, che ispirandosi sia musicalmente che in fatto di tematiche al secondo corso -quello viking- dei Bathory, segnarono con i dischi di inizio carriera i primi fondamentali passi per quel forte patriottismo (i maligni diranno nazionalismo) che sarÓ un elemento costante in molte produzioni black, ma anche e soprattutto folk e viking, metal. Spostandoci su questi ultimi due filoni Ŕ fondamentale l'apporto dato da Fenriz con i suoi due grandiosi progetti folk metal, gli Storm (condivisi con Satyr dei Satyricon) e gli Isengard. In particolare i primi raggiunsero una buona diffusione, complici delle sonoritÓ meno estreme, e furono accusati di filo-nazismo, soprattutto a causa del testo della canzone Noresgard, accuse che in ogni caso i due hanno sempre smentito.

Come continuatori di questa gloriosa tradizione si propongono i Glittertind, nati nel 2001 come una one-man band del giovanissimo polistrumentista Torbj°rn Sandvik (classe 1985). Il ragazzo inizia a comporre seguendo solo il suo istinto e quello che ne esce Ŕ un piacevole miscuglio di punk e viking metal, impregnato fino al midollo da elementi folk, vera e propria colonna portante del progetto. GiÓ dall'ultimo lavoro in studio (nel 2009) il giovane Torbj°rn si avvale dell'aiuto di un'altro polistrumentista, Geirmund Simonsen, ma nonostante ci˛ il prodotto finale lascia l'amaro in bocca a molti amanti del metal, mentre riscuote un buon successo nelle classifiche norvegesi.
Si inquadra sulla stessa scia Djevelsvart, realizzato questa volta con il supporto di una formazione strumentale completa (giÓ attiva live dal 2010). La componente viking metal viene qui ulteriormente alleggerita, mentre Ŕ esaltata l'anima pi¨ punk/folk della band, complice la produzione ed il sound generale del disco. Inoltre gli sporadici momenti pi¨ legati al metal (estremo o meno) si rivelano quelli che recano pi¨ danno al cd, risultando banali ed estremamente scontati per un fruitore abituale di queste sonoritÓ. Le sezioni invece pi¨ ispirate al punk si rivelano quantomeno dirette e divertenti, riuscendo per un po' ad allontanare la noia. Difatti, dispiace dirlo, ma questo Ŕ un disco che stanca molto presto. GiÓ dal primo ascolto risulta pesante e scontato, incapace di offrire emozioni e la situazione peggiora via via che si procede con gli ascolti. Le parti pi¨ scanzonate e veloci offrono delle piccole boccate d'aria, ma per il resto il lavoro si rivela noioso e la tentazione di spegnere lo stereo Ŕ veramente forte. La prima coppia di canzoni non Ŕ malvagia, pur non facendo sobbalzare sulla sedia, grazie a ritmi serrati e a melodie folk azzeccate. Al contrario la terza Sprekk for Sol Ŕ uno dei punti pi¨ bassi che il disco riesce a toccare, spinta in fondo da un'effettistica di tastiera da serie C. La successiva Kvilelaus Ŕ una ballata acustica dal sapore commerciale che dopo il primo minuto costringe l'ascoltatore a munirsi di cuscino e copertina. Con la quinta, Trollbunden si migliora, ma di certo non al punto da andare bene. La canzone Ŕ leggera e dall'incedere decisamente folk e sul finale il lavoro del coro segna uno dei momenti pi¨ piacevoli. La successiva Ŕ una canzoncina sdolcinata -della quale non oso neanche pronunciare il nome- che sfocia in un ritornello che non stonerebbe in un film melenso anni ottanta. Si prosegue con Taaketanker che si sforza di ridare energia al platter muovendosi su coordinate pi¨ punk, ma non riesce comunque ad essere incisiva. Gli ultimi due pezzi sono l'inutilitÓ fatta musica e servono solo ad appesantire ulteriormente l'album (come se ce ne fosse bisogno). Il primo parte con una sezione melensa che risulta quasi fastidiosa per poi sfociare in un finale pi¨ estremo, mentre la seconda Ŕ un outro strumentale che ha l'unico pregio di essere l'ultima canzone del disco.

Se ci fosse ancora bisogno di ribadirlo: Djevelsvart merita di essere bocciato senza possibilitÓ d'appello.



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
65.66 su 3 voti [ VOTA]
lux chaos
Giovedý 26 Dicembre 2013, 18.12.15
2
Non li conoscevo, ho ascoltato qualche brano da questo disco e dal primo album...beh, mi sono liberato di tutti gli eccessi dei vari pranzi natalizi! un grazie particolare a Piero per la bella recensione e per avermi segnalato un gruppo da cui star˛ alla larghissima
Lord Ancalagon
Giovedý 26 Dicembre 2013, 16.00.44
1
Sempre considerati un gruppo di seconda ma forse anche terza scelta, nel grande calderone del "Pagan metal" a mio parere c'Ŕ di meglio, ma molto meglio. Vista la recensione questo lo salto a piŔ pari.
INFORMAZIONI
2013
Indie Recordings
Folk
Tracklist
1. Inngang
2. Djevelsvart
3. Sundriven
4. Sprekk for sol
5. Kvilelaus
6. Trollbunden
7. Nymaane
8. Taaketanker
9. Sterneslor
10. Utgang
Line Up
Torbj°rn Sandvik (voce, chitarra)
Geirmund Simonsen (cori, chitarra, tastiere)
Olav Aasb° (cori, chitarra)
Stefan Theofilakis (cori, flauto)
Bj°rn Nordstoga (basso)
Geir Holm (batteria)
 
RECENSIONI
55
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]