Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
BON JOVI
2020

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
SALTATIO MORTIS
Fur Immer Frei

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
COREY TAYLOR
CMFT

02/10/20
SHIBALBA
Nekrologie Sinistrae (Orchestral Noise Opus I)

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

CONCERTI

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

11/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM - MILANO

Anthrax - Vol. 8: The Threat Is Real
( 5055 letture )
Dopo aver sfornato nel 1995 il modesto Stomp 442, gli statunitensi Anthrax, con la medesima formazione, attesero tre anni per riuscire nell’impresa di far addirittura di peggio. L’ottava release della band statunitense intitolata Volume 8: The Threat Is Real viene, infatti, relegata tra i lavori più opachi e controversi realizzati da Scott Ian e compagni nella loro carriera. Contraddistinto da una cover ridicola (nemmeno in questo caso riuscirono a fare di meglio), il disco reitera in sostanza il medesimo songwriting del predecessore ampliandone gli errori. Preliminarmente va detto che in quel periodo storico (siamo nel 1998) l’heavy metal in tutte le sue espressioni viveva un periodo di grande difficoltà. I generi più in voga (grunge, groove e nu metal) finirono per contaminarlo con risultati in larga parte modesti. Anche i paladini del thrash provarono a virare su altre tipologie di sonorità con insuccessi talvolta clamorosi come Load e Reload dei Metallica, Risk dei Megadeth e Diabolus in Musica degli Slayer (in quest’ultimo caso, tuttavia, vi sono pareri contrastanti). Non ci si deve meravigliare, quindi, se i newyorkesi Anthrax finirono inopinatamente per intraprendere la medesima strada allontanandosi dal thrash per abbracciare decisamente groove, funky, rap e, come vedremo, addirittura il country!

Nella realizzazione di Volume 8: The Threat Is Real, prodotto in collaborazione con Paul Crook che suonò la chitarra in quattro brani, ci si avvalse del prezioso contributo di Phil Anselmo (Killing Box) e Dimebag Darrell (Inside Out e Born Again Idiot) e, difatti, la panterizzazione della musica è palese e presente, peraltro, in altri pezzi quali Hoh Tied e Big Fat. Il riffing propinatoci è, tuttavia, lontano anni luce dal micidiale groove di Vulgar Display of Power e risulta alla lunga stucchevole. Che dire, poi, dell’assurdità di virare al country (Toast to the Extras in maniera imbarazzante e per taluni versi Harms Way più incline al rock): ricordo ancora la cocente delusione quanto speranzoso misi il CD appena acquistato nel lettore rimanendo allibito da ciò che stavo ascoltando! Mi chiedevo dove fossero finiti i veri Anthrax che avevo amato alla follia in release fantastiche quali Spreading the Disease e Among the Living! Quelli per i quali mi ero sobbarcato chilometri di strada per andare a vederli a Modena nel 1988 all’epoca del tour a supporto di State of Euphoria !
Tutto il platter, fatta eccezione per l’opener Crush contraddistinta da un efficace drumming di Charlie Benante e da un trascinante tema portante, lascia a desiderare: Catharsis ha un andamento stucchevole e quasi irritante, P & V (Piss & Vinegar) è ripetitiva nel suo incedere (sembra una scopiazzatura di Locomotive Breath dei Jethro Tull!), Alpha Male è insipida come una minestra senza sale e la conclusiva, lenta, Stealing from a Thief/Pieces dispone di un refrain fastidioso; nemmeno le escursioni nell’hardcore/punk (604 e Cupajoe) tanto caro ai S.O.D. -Scott Ian e Charlie Benante ne facevano parte insieme a Dan Lilker e Billy Milano- bastano a far raggiungere la sufficienza a questo full length. Oltre a ciò soggiungo che il disco dura un’eternità (quasi 63 minuti) a fronte di una proposta scadente per gli standard qualitativi a cui eravamo stati abituati.

A causa del flop di Volume 8: The Threat Is Real il gruppo rischiò il definitivo scioglimento. Evito di parlare del singer che non ho mai apprezzato nemmeno ai tempi dell’ottimo Sound of a White Noise perché per me il cantante degli Anthrax resta e resterà sempre Joey Belladonna (Bush l’ho sempre reputato un corpo estraneo, ma è ovviamente una questione di meri gusti personali). La crisi in cui versa il metal negli ultimi anni ha riportato alla luce moltissimi lavori del passato che passarono inosservati quando furono pubblicati: nel caso in specie, tuttavia, permane addosso quella sensazione di rabbia per il declino di un combo che avrebbe avuto le potenzialità di scrivere altre pagine indelebili nella storia della musica e che si trovò invece impastoiato in scelte opinabili e confusionarie.
Non resta che esortarvi ad evitarlo qualora non lo conosciate.



VOTO RECENSORE
50
VOTO LETTORI
61.26 su 46 voti [ VOTA]
Andry Stark
Venerdì 18 Gennaio 2019, 5.06.26
36
Segue la linea dell'ottimo Stomp 442, una spanna sotto perché qualche brano l'ho trovato sottotono ma penso che il voto della recensione sia troppo severo, magari giusto per l'epoca ma ora rivalutandolo un 70 non glielo toglie nessuno.
gianmarco
Giovedì 19 Aprile 2018, 19.22.21
35
voto 70 mi piace un sacco .
stevejocker
Mercoledì 26 Febbraio 2014, 16.51.57
34
d'oro ovvio
stevejocker
Mercoledì 26 Febbraio 2014, 16.51.28
33
Risk è stato disco d'ora e che vuol dire che è stato un album di succeso? Mah
hm is the law
Mercoledì 26 Febbraio 2014, 16.48.54
32
Sono insuccessi dal profilo di chi ama ill thrash è palese e non c'è nemmeno da discutere. Che cosa c'entrano le vendite?
toni
Mercoledì 26 Febbraio 2014, 10.06.57
31
recensione condivisibile tranne nel passo in cui si dice che load e reload furono degli insuccessi per i metallica. Sono andati entrambi al primo posto delle classifiche americane, chiamali insuccessi.
Paskus
Venerdì 7 Febbraio 2014, 17.26.14
30
Mi verrebbe da dire che lo avete rispolverato a fare. Impiegavate il tempo per rispolverare uno che vale la pena di averlo.
Gyroscope
Lunedì 3 Febbraio 2014, 18.01.17
29
l'unica che passo è inside out..
Masterburner
Lunedì 3 Febbraio 2014, 12.20.07
28
Disco brutto, voto giusto, ma Bush ha una voce della madonna, grandissimo cantante, peccato abbia sprecato gran parte della sua carriera in un gruppo che non l'ha valorizzato (se non in SOWN).
Compagno di Merende
Lunedì 3 Febbraio 2014, 9.43.34
27
Su questo non c'è dubbio, purtroppo il punto più basso dei newyorkesi.
hm is the law
Domenica 2 Febbraio 2014, 19.01.44
26
@ Compagno di Merende: e vabbè dai, comunque siamo in accordio circa la qualità scarsa del disco Grazie per l'intervento!
Compagno di Merende
Domenica 2 Febbraio 2014, 18.53.59
25
Sarà, ma chiedersi nel 1998 dove fossero finiti gli Anthrax di Spreading the Disease sembra un po' anacronistico.
S.V.
Domenica 2 Febbraio 2014, 18.46.05
24
Disco un po' sottotono ma tutt'altro che insufficiente a mio avviso.
warrior63
Domenica 2 Febbraio 2014, 15.19.49
23
brutto. inutile dire altro.ma stomp lo ritengi tutt'altro che modesto...
Radamanthis
Domenica 2 Febbraio 2014, 11.34.39
22
Il pegiore degli Anthrax, un disco che ha ben poco a che fare con gli Anthrax (quelli veri!)
Hm is the law
Domenica 2 Febbraio 2014, 10.08.38
21
E ovviamente con il thrash di cui erano paladini.
Hm is the law
Domenica 2 Febbraio 2014, 10.07.36
20
@ Compagno di merende: buongiorno a te anche se non hai capito che la recensione la leggono anche ragazzi giovanissimi che magari non conoscono gli Anthrax e per loro vanno per forza. fatti i riferimenti con il passato.
Compagno di Merende
Domenica 2 Febbraio 2014, 9.19.05
19
Buongiorno, nonostante le premesse fuori tema della recensione (paragoni con passato remoto e thrash), concordo in pieno sul giudizio, per me unico vero disco inascoltabile dei grandi Anthrax
hm is the law
Sabato 1 Febbraio 2014, 18.29.27
18
@ Galilee: non mi risulta il diuco fu un flop perchè è scarso tutto qui.
Galilee
Sabato 1 Febbraio 2014, 18.22.58
17
Non sono d'accordo. A me è sempre piaciuto. Ci sono ottime song al suo interno. Bush per me è sempre grandioso quindi.. Gusti. Il disco comunque fu anche un flop perchè la casa discografica per la quale uscì fallì e la distribuzione fu pessima. Così lessi in un intervista fatta a Scott Ian. Qualcuno conferma? Voto: 70
Argo
Sabato 1 Febbraio 2014, 16.12.11
16
Disco che possiedo da anni, ma che avrò ascoltato al massimo 4 volte. A parte la prima canzone ricordo poco o nulla. Preferisco comunque Bush a Belladonna, e a parte il disco in questione, gli altri di Bush sono veramente ottimi, a partire da We've come 4Yall.
Er Trucido
Sabato 1 Febbraio 2014, 15.43.01
15
Ahahaah, c'hai pure ragione Ogni tanto una possibilità ad un disco che non mi è piaciuto la do, magari col tempo cambiano i gusti o i momenti per l'ascolto. Più in generale ho sempre provato una repulsione nel separarmi dai dischi, per cui me li tengo lì, anche se ad oggi evito di comprare tanta robaccia grazie agli streaming
lux chaos
Sabato 1 Febbraio 2014, 15.35.18
14
Penso Trucido che per rivalutarlo ti deve finire in custodia un altro cd per sbaglio!!!
Er Trucido
Sabato 1 Febbraio 2014, 14.43.00
13
La penso come il buon Fabio, anche per me è il loro peggiore, salvo un paio di brani, ma tutto troppo monotono e privo di mordente, per di più come fatto notare è veramente troppo lungo, arrivare in fondo è una via crucis. Io comunque ce l'ho ancora, non l'ho rivenduto, nel cuore covo la speranza di riuscire a rivalutarlo un giorno (sì lo so, è una speranza vana )
FABRYZ
Sabato 1 Febbraio 2014, 14.42.51
12
Dopo stomp 442 il nulla,cominciando da questo vol.8 :,the SHIT is real
gianmarco
Sabato 1 Febbraio 2014, 14.42.44
11
disco che riflette la crisi del thrash
anvil
Sabato 1 Febbraio 2014, 14.23.55
10
Neil Turbin se li mangiava a colazione entrambi.
valereds
Sabato 1 Febbraio 2014, 14.21.55
9
Bush è insopportabile, Belladonna tutta la vita|
Cynic
Sabato 1 Febbraio 2014, 13.51.44
8
Non la penso come il recensore per me John Bush è un grandissimo cantante appartenente a l'era anthrax, Sound of a White Noise 1993 & We've Come for You All 2003 sono due CAPOLAVORI ASSOLUTI del post thrash metal moderno.
lux chaos
Sabato 1 Febbraio 2014, 13.26.56
7
Il loro peggiore, una merda assoluta. Rivenduto anch'io come AL
xXx
Sabato 1 Febbraio 2014, 13.07.25
6
brutto, poco da aggiungere!
Flag Of Hate
Sabato 1 Febbraio 2014, 12.33.30
5
Al, il trucco sta nel romperlo in pezzettini piccoli piccoli
AL
Sabato 1 Febbraio 2014, 12.32.14
4
@Flag: io invece ho cercato di farlo cadere nel cesso solo che poi si stava otturando... rivenduto pochi mesi dopo l'acquisto.
Flag Of Hate
Sabato 1 Febbraio 2014, 12.24.07
3
Un disco caduto subito nel dimenticatoio, e che merita di restarci per sempre.
brainfucker
Sabato 1 Febbraio 2014, 12.04.23
2
boh, il disco è quello che è, ma per me johnu bush è un cantante davvero valido che ha permesso alla band di fare ottimi album(anche se ritengo belladonna perfetto per la prima fase degli anthrax)..alla fine so gusti, per esempio io avrei evitato la reunion con belladonna
Osvaldo
Sabato 1 Febbraio 2014, 11.59.50
1
Disco peggiore degli anthrax. Si salva pochissimo tra la confusione generale, tra qualche rimasuglio groove metal panteriano, vari pezzi hard rock piatto ed ordinario, sporadiche ed inutili incursioni nell'hardcore di SODiana memoria (era da poco in corso la reunion con Billy "lo smilzo" Milano), e un paio di pezzi country western (!?!). Passare oltre...
INFORMAZIONI
1998
Ignition Records
Heavy/Thrash
Tracklist
1. Crush
2. Catharsis
3. Inside Out
4. P & V (Piss & Vinegar)
5. 604
6. Toast to the Extras
7. Born Again Idiot
8. Killing Box
9. Harms Way
10. Hog Tied
11. Big Fat
12. Cupajoe
13. Alpha Male
14. Stealing from a Thief/Pieces
Line Up
John Bush (Voce)
Scott Ian (Chitarra)
Frank Bello (Basso)
Charlie Benante (Batteria)

Musicisti Ospiti
Paul Crook (Chitarra)
Phil Anselmo (Voce su traccia 8)
Dimebag Darrell (Chitarra su tracce 3 e 7)
 
RECENSIONI
68
58
50
55
84
85
75
90
87
80
ARTICOLI
25/11/2018
Live Report
SLAYER + LAMB OF GOD + ANTHRAX + OBITUARY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 20/11/2018
12/11/2015
Live Report
SLAYER + ANTHRAX + KVELERTAK
Alcatraz, Milano (MI) , 05/11/2015
26/06/2014
Live Report
ANTHRAX
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/06/2014
18/06/2014
Live Report
SLAYER + ANTHRAX
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 15/06/2014
17/07/2011
Articolo
ANTHRAX
Scott Ian, la biografia
09/07/2011
Live Report
THE BIG 4 - METALLICA - SLAYER - MEGADETH - ANTHRAX
Arena Fiera, Rho (MI), 06/07/2011
29/06/2011
Articolo
ANTHRAX
Joey Belladonna, la biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]