Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Endstand - The Time Is Now
( 2184 letture )
Con tutta la mia buona volontà, non me la sento proprio di sprecare troppe parole sul nuovo album degli Endstand. La base strumentale in sostanza corrisponde alle coordinate tipiche del punk rock americano (e italiano), senza nessuno spunto originale, costruendo i brani su giri di chitarra scialbi e ripetitivi. Non esagero se dico che su MTV si sentono pezzi molto più ispirati di quelli del qui presente “The Time Is Now”. Ma la cosa che davvero risulta insopportabile è la voce. Il cantato degli Endstand risulta essere un flusso infinito di urla atonali, ritmicamente incolori, e talvolta addirittura fuori tempo. La produzione ricalca da vicino lo stile del rock americano, ma senza i suoni grassi e ricchi di bassi che vengono di solito ricercati dalle major. Soprattutto il rullante della batteria, dotato di un suono eccessivamente naturale e poco compresso, rasenta il fastidio. Le canzoni si avvicendano senza lasciare nessuna sensazione né ricordo (con l’eccezione di “To Feel Alive”), soprattutto a causa dell’estrema banalità della forma canzone e del suo contenuto melodico.
Mi spiace per la Lifeforce, ma questo è un album da dimenticare. Mi spiace per la lunga gavetta della band, ma di strada da fare ce n’è ancora tantissima. Probabilmente il peggiore gruppo finlandese che abbia mai sentito.



VOTO RECENSORE
45
VOTO LETTORI
18.51 su 27 voti [ VOTA]
Renaz
Lunedì 1 Maggio 2006, 11.48.41
2
Leggi la recensione dei Barcode: QUELLO per me è hardcore. Cmq sia...non chiedere a me che senso ha recensirlo, ma chiedi alla Lifeforce che senso ha distribuirlo! Riguardo all'anno di uscita, hai perfettamente ragione, è del 2006 (è stato solo registrato nel 2005), scusatemi.
mazinga z
Giovedì 27 Aprile 2006, 11.29.48
1
A parte il fatto che l'labum è uscito il 10 aprile 2006 e non è del 2005...in più ti comunico che fanno hardcore...ho capito che tu ascolti metal, metalcore ecc...ma che senso ha allora recensirlo...boh?
INFORMAZIONI
2005
Lifeforce
Rock
Tracklist
1. Way Out
2. Whatever It Takes
3. King Of Drama
4. Counting The Days
5. Right From The Start
6. To Feel Alive
7. Lost Balance
8. These Scars Won't Heal
9. Empty Promises
10. Sometimes Dreams Might Come True
Line Up
Janne: Vocals
Mika: Guitar
Joel: Bass
Juho: Guitar
Pekka: Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]