Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Possessed
Revelations of Oblivion
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/05/19
VADER
Thy Messenger (EP)

31/05/19
VANANIDR
Road North

31/05/19
CONSTANTINE
Aftermath

31/05/19
EVIL ANGEL
Unholy Evil Metal

31/05/19
DARKTHRONE
Old Star

31/05/19
VEUVE
Fathom

31/05/19
DEATH ANGEL
Humanicide

31/05/19
1914
The Blind Leading The Blind (ristampa)

31/05/19
FUNERAL STORM
Arcane Mysteries

31/05/19
FULCI
Tropical Sun

CONCERTI

30/05/19
MANTICORE + GUESTS
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

31/05/19
MORTADO
CRAZY BULL - GENOVA

01/06/19
ARCH ENEMY + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/06/19
KING DUDE + GUESTS
POSTWAR CINEMA CLUB - PARMA

02/06/19
GOTTHARD + GUESTS
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

04/06/19
ARKONA
Traffic Live Club - Roma

05/06/19
HALESTORM + GUEST TBA
ESTRAGON - BOLOGNA

05/06/19
ARKONA
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

06/06/19
DEIPHAGO + GUESTS
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

07/06/19
MORTADO
ISTANBUL CAFE' - LECCE

Ancient Dome - Ancient Dome
( 1435 letture )
Thrash nelle ritmiche e nelle vocals, ma con qualche elemento heavy a delineare il tutto: il risultato è discreto, anche se il cammino verso un buon livello qualitativo è ancora arduo per i nostrani Ancient Dome che, soprattutto a livello vocale, dimostrano notevoli carenze, tanto per quanto concerne la pronuncia della lingua inglese quanto per la forma e la qualità delle melodie.

Il punto forte della band lombarda (attiva dal 2000 e con già un demo ed un live album a precedere il qui presente dischetto self-titled) rimane la vigorosa sezione ritmica, molto coinvolgente nelle rasoiate rapide come My Own War o Total Command, arricchite da sezioni strumentali molto valide e concitate, rallentamenti minacciosi, ripartenze sferzanti e assoli al fulmicotone. Inoltre, la struttura dei vari pezzi è curata e ben imbastita, per niente piatta o scarna. La qualità in fase compositiva è dunque innegabile ed anche la produzione è più che degna, trattandosi di un semplice demo autoprodotto. Purtroppo le carenze vocali sono il tallone d'Achille, percepibili in diversi passaggi (soprattutto in Brainsucker, tanto per fare un esempio) e contribuiscono a far scivolare il voto complessivo. Malgrado ciò, i riff e le trame si fanno rispettare: la stessa Brainsucker offre una buona prova strumentale, così come Metalmaniacs, che genera pure qualche headbanging istintivo.

Le chitarre suonano robuste e ben affilate, anche se non vanno a cesellare nessun riff memorabile o particolarmente incisivo; se Ode to a Muse non è che un breve e impalpabile intermezzo strumentale, la stessa Total Command si candida a pezzo migliore del lotto con le sue velocissime fiondate thrashy. Per il resto si può dire che la tracklist è molto omogenea sia dal punto di vista stilistico sia da quello qualitativo, priva di picchi clamorosi e uniforme nel proporre canzoni veementi ma anche ben articolate. Un buon assaggio che funge da preludio per la carriera del combo di Saronno.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2005
Autoprodotto
Thrash
Tracklist
1. My Own War
2. Brainsucker
3. Metalmaniacs (k.t.m.f.a.)
4. Ode to a Muse
5. Total Command
6. Wounded Soul
Line Up
Paolo Porro (Voce, Chitarra)
Alessandro Fontana (Chitarra)
Matteo Cuzzolin (Basso)
Salvatore Siragusano (Batteria)
 
RECENSIONI
70
79
70
75
68
65
ARTICOLI
16/05/2018
Live Report
ANCIENT DOME + MANHUNT + DROMSIDE
Padiglione 14, Collegno (TO), 11/05/2018
15/12/2014
Intervista
ANCIENT DOME
Thrash Interstellare
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]