Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Volbeat
Rewind, Replay, Rebound
Demo

Atlas Entity
Beneath the Cosmic Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/08/19
SORCERY
Necessary Excess of Violence

20/08/19
NOX ARCANA
The Haunted Symphony

23/08/19
CROBOT
Motherbrain

23/08/19
ISOLE
Dystopia

23/08/19
CEREMONY
In The Spirit Of The World

23/08/19
LAGERSTEIN
25/7

23/08/19
NEMESEA
White Flag

23/08/19
DEADTHRONE
Premonitions

23/08/19
ASTRALIUM
Land of Eternal Dreams

23/08/19
METH.
Mother of Red Light

CONCERTI

20/08/19
FRANK TURNER & THE SLEEPING SOULS
FESTA RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

21/08/19
FOR THE FALLEN DREAMS + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

22/08/19
RHAPSODY OF FIRE + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
NECRODEATH + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

23/08/19
POVOROCK (day 1)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
REZOPHONIC + GUESTS
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/19
BREAKING SOUND METAL FEST
SALENTO FUN PARK - MESAGNE (BR)

24/08/19
POVOROCK (day 2)
AREA FESTEGGIAMENTI - POVOLETTO (UD)

24/08/19
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - PENTIMELE (RC)

25/08/19
BEHEADED + HELION
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

Septic Christ - Guilty as We Were Born
( 567 letture )
Avanti un altro. L'ennesimo disco banale e piuttosto piatto, l'ennesima formazione che cerca di applicare i dogmi del thrash d'annata senza trasmetterne il giusto feeling, come se per riproporre un flavour leggendario bastasse suonare una manciata di riff uncinati a gran velocità e sbattere in prima pagina un artwork dagli sgargianti colori ottantiani. Ormai è risaputo di come oggi si prediliga la forma alla sostanza e si tenda a voler ingannare gli acquirenti più giovani con prodotti intrisi di fumo ma privati dell'arrosto, sbandierati come celebrazioni revivaliste ma, a conti fatti, sprovvisti del benché minimo spessore.

Certamente la musica del combo tedesco, attivo dal 2007, è adrenalinica e tesissima in questo Guilty as We Were Born, secondo full-length per l'act mitteleuropeo, tuttavia è appesantita da una prova vocale assolutamente monocorde, noiosa e priva di un qualsivoglia momento di vero coinvolgimento. Bobby Shortleg canta con una timbrica ruvida e senza alcuna inflessione, appesantendo ogni traccia e rendendo tutti i brani poco dissimili tra loro: un vero peccato, perché altrimenti certe sassaiole a rincorsa risulterebbero discrete e degne di un po’ di movimento cervicale. Stiamo parlando di brani costituiti da accelerazioni e rallentamenti ad hoc come Be a Men, sorretta da cori efficaci, The Legacy col suo riffing serratissimo, Welcome to the Championship of Corruption dalla foga quasi hardcore, G.D.L.B., uno degli episodi più elettrizzanti del lotto, Political Playground o Herd Instinct, episodi sostenuti dal medesimo canovaccio fast ’n' furious. Si dovrebbe però prestare maggiore attenzione alla qualità del riffing e delle vocals, piuttosto che alla produzione; invece eccoci alle prese col solito disco evitabile ma dotato di suoni perfetti, puliti, nitidi e decisamente godibili. L'unica chitarra è abbastanza velenosa nel suo operato, anche se non sferra nessun colpo davvero significativo e si limita a riff robusti e ad assoli semplici, scarni e squillanti; il drumming è roccioso e consistente, alle prese anche con qualche episodio meno tirato ma comunque dinamico (Starstruck e Screwed and Ill).

Il disco si fa ascoltare discretamente ma vive di alti e bassi troppo marcati, con un coinvolgimento ridotto ai minimi termini. A lungo andare la base ritmica si fa pedissequa e ripetitiva e ne consegue un'ulteriore perdita riguardante la longevità, considerata la già degradante prova vocale. Lineari, scarni, scolastici e diretti, i Septic Christ purtroppo non possiedono quella scintilla necessaria a scatenare l'eccitazione che, invece, nel thrash metal dovrebbe essere prioritaria.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Giovedì 1 Gennaio 2015, 11.02.58
1
Li stavo sentendo prima, non mi sembrano male, magari li ascolto meglio, alcune ritmiche mi gasano bene....belle mitragliate....
INFORMAZIONI
2012
Malevolence Records
Thrash
Tracklist
1. Guilty as We Were Born (Intro)
2. Starstruck
3. Screwed and Ill
4. Be a Man
5. The Legacy
6. Welcome to the Championship of Corruption
7. Bomb Monte Carlo
8. Exile the Leaders
9. G.D.L.B.
10. Political Playground
11. Yearning for Salvation
12. Herd Instinct
Line Up
Bobby Shortleg (Voce)
JxNothing (Chitarra)
Chris Septic (Basso)
Joey Collapse (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]