IN EVIDENZA
Album

Blue Oyster Cult
Ghost Stories
Autoprodotti

King Gizzard and The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/04/24
FULL OF HELL
Coagulated Bliss

26/04/24
DEICIDE
Banished By Sin

26/04/24
BLACK TUSK
The Way Forward

26/04/24
DARKNESS
Blood On Canvas

26/04/24
EXHUMATION
Master`s Personae

26/04/24
SIX BY SIX
Beyond Shadowland

26/04/24
STORMBORN
Zenith

26/04/24
BEHOLDER
Dualisme

26/04/24
PESTILENCE
Levels of Perception

26/04/24
MORGUL BLADE
Heavy Metal Wraiths

CONCERTI

23/04/24
CRYPTA + NAKKEKNAEKKER + PLAGUEMACE
LEGEND CLUB - MILANO

23/04/24
WILL HUNT
TEATRO COMUNALE, PIAZZA CASTELLO - MEDOLE (MN)

23/04/24
ALAIN JOHANNES + THE DEVILS & ANANDA MIDA
ARCI BELLEZZA - MILANO

23/04/24
ALAIN JOHANNES + THE DEVILS + ANANDA MIDA feat. CONNY OCHS
ARCI BELLEZZA, VIA G. BELLEZZA 16/A - MILANO

24/04/24
MARDUK + ORIGIN + DOODSWENS
REVOLVER, SAN DONÀ DI PIAVE (VENEZIA)

24/04/24
MODENA CITY RAMBLERS
THE CAGE, VIA DEL VECCHIO LAZZERETTO 20 - LIVORNO

24/04/24
KARMA
CENTRALE ROCK PUB, VIA CASCINA CALIFORNIA - ERBA (CO)

24/04/24
PUNKREAS
BOLOGNA BUSKERS FESTIVAL, PARCO DELLA MONTAGNOLA - BOLOGNA

24/04/24
ALAIN JOHANNES + THE DEVILS + ANANDA MIDA feat. CONNY OCHS
RAINDOGS HOUSE, P.ZZA REBAGLIATI 1 - SAVONA

24/04/24
TRAUMA hc
HEADBANGERS PUB, VIA TITO LIVIO 33A - MILANO

King Gizzard and The Lizard Wizard - PetroDragonic Apocalypse
31/12/2023
( 4000 letture )
I King Gizzard and The Lizard Wizard sono sicuramente tra le band più originali e folli apparse sulla scena negli ultimi anni. La band australiana ha infatti prodotto, dal 2012 ad oggi, la mostruosità di ben ventiquattro album in studio (compreso il qui presente PetroDragonic Apocalypse or, Dawn of Eternal Night: An Annihilation of Planet Earth and the Beginning of Merciless Damnation) una quindicina di album live ed un numero imprecisato di demo e compilation. Probabilmente, mentre sto scrivendo queste righe, la band sta già rilasciando qualche nuovo lavoro. Definire la musica dei King Gizzard and The Lizard Wizard è quantomeno arduo, visto che la band salta con sorprendente naturalezza da una forma di musica all'altra: psych rock, pop, garage, prog, r&b, jazz, heavy e thrash metal, nonché interi dischi composti con strumenti esotici microtonali. Tutti questi e altri sottogeneri sono entrati, in un modo o nell'altro, nei dischi della band australiana, spesso miscelati insieme. Di sicuro questo ultimo lavoro dal titolo chilometrico rientra in pieno nei confini dell'heavy e dell'hard rock. Come già detto non è la prima incursione della band nel campo del metallo pesante, l'album Infest the Rats' Nest, del 2019, proponeva del thrash metal grezzo, con sfumature stoner e doom.
Con PetroDragonic Apocalypse gli australiani tornano quindi alle sonorità pesanti, ma questa volta producendo un lavoro molto più bilanciato, rifinito, e assolutamente da ascoltare.


Stando alle dichiarazioni del frontman Stu Mackenzie, PetroDragonic Apocalypse dovrebbe essere il primo di due album musicalmente differenti, ma uniti da una sorta di concetto yin e yang, e quindi in qualche modo complementari. Il mondo post-apocalittico della saga di Mad Max tratteggiato da un altro illustre australiano, George Miller, viene evocato dai testi del platter, che può essere considerato un concept album dove le canzoni, legate l'una all'altra, producono una sorta di lungo racconto in cui un'umanità allo sbando si agita sullo sfondo di un mondo devastato da guerre, inquinamento, cambiamenti climatici e popolato da streghe, draghi e chi più ne ha più ne metta. Il classico calderone di tematiche heavy metal, insomma, tratteggiato in maniera esemplare da esaltanti composizioni sonore in cui le cavalcate a tutta velocità dei Motörhead flirtano con le atmosfere psichedeliche e alternative metal dei Tool. È questa l'impressione che si ha infatti all'ascolto di brani come Motor Spirit, Supercell e Dragon, in cui chitarre dal suono secco e tagliente inanellano riff su riff, supportate da un comparto ritmico che alterna corse a perdifiato a stacchi in cui si inseriscono ritmiche tribali e fraseggi di chitarra e basso che danno vita a parti strumentali molto evocative. I King Gizzard and The Lizard Wizard mescolano con autentica maestria e buon gusto le sonorità dell'hard rock e dell'heavy di stampo settantiano con quelle del metal moderno, un'operazione non priva di rischi, ma in questo caso perfettamente riuscita. Così è facile cogliere nitide vibrazioni prog nella splendida Witchcraft, e allo stesso tempo apprezzare il moderno crossover tra stoner, power e thrash di un brano come Gila Monster. Nella traccia finale Flamethrower, linee melodiche e parti di testo si riallacciano direttamente alla prima traccia, chiudendo il cerchio e terminando il folle viaggio all'interno del mondo multicolore di PetroDragonic Apocalypse.


I King Gizzard and The Lizard Wizard si confermano ancora una volta musicisti dal talento poliedrico e smisurato. Se è vero che uno dei punti di forza della band australiana è certamente il loro spirito goliardico e il non prendersi mai troppo sul serio, produrre un album del livello di PetroDragonic Apocalypse tra i numerosi lavori sfornati a distanza di pochi mesi gli uni dagli altri è altresì indice di una inesauribile vena creativa e di una sbalorditiva padronanza dei propri mezzi. Tra le tante forme che la musica dei King Gizzard and The Lizard Wizard ha assunto negli anni, quella dell'heavy metal sembra calzare a pennello a questi eccentrici musicisti. Speriamo che continuino su questa strada.

Non fatevi sfuggire questo disco.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
79.07 su 14 voti [ VOTA]
Enrico
Domenica 17 Marzo 2024, 0.33.57
26
Band folle. Ho avuto modo di ascoltare questo LP sul tubo e l\'ho trovato stupendo.
No Fun
Giovedì 7 Marzo 2024, 11.55.29
25
Difficile che sia quello. O è un gruppo inventato (in questo caso consiglio di ascoltare i Blood of Prometheus, fantastici) o è il soprannome di un gruppo più famoso.
Transcendence
Giovedì 7 Marzo 2024, 11.32.09
24
@No Fun: Sul web dà come risultato un gruppo indie/pop rock israeliano trasferitosi in Italia intorno al 2016, ma non più attivo.
No Fun
Giovedì 7 Marzo 2024, 10.53.46
23
#22 Chi sono i Crunchies?
Old Timer
Mercoledì 6 Marzo 2024, 22.56.47
22
Cazzo ragazzi che album! La chitarra spacca sempre un sacco, è assurdo che gruppi nuovi tirino fuori sti pezzi qua, mi ricordano tanto quando ascoltavo i Crunchies da giovane, con le cassette di mia mamma. P.S. Motor Spirit è un occhiolino a noi fan dei Crunchies no? È uguale a Feeling, stesso giro di chitarra.
Spiritualteppa
Mercoledì 6 Marzo 2024, 9.53.38
21
Tornando a Mike Patton, anche io penso spesso a Mister Bungle, Fantomas e Tomahawk quando ascolto la discografia dei King Gizzard. Con lui condividono la vena sempre ironica e dissacrante. Poi di certo Patton è unico. ma credo di poter salvare questi ragazzi dalla mediocrità generale, nonostante anche solo per ragioni anagrafiche sia più legato ai deliri del grande Mike. E di tutti i musicisti che lo hanno accompagnato.
Spiritualteppa
Mercoledì 6 Marzo 2024, 9.50.09
20
Gradirei una recensione di Infest the Rats\' Nest. I King Gizzard sono in queste pagine per caso, hanno fatto solo due album metal, in tutta la loro già enorme discografia. Poi ogni tanto inseriscono qualche pezzo più duro, ma allo stato attuale gli unici due album di metallo sono questi due. Il resto è un caleidoscopio di generi, musica microtonale, strumenti inusuali. Petrodragonic per me è 96. Una bomba. Recensori, ascoltatevi anche Infest, molto più ruvido e semplice ma molto interessante.
Killing Arimane & All His Evil Friends
Lunedì 19 Febbraio 2024, 17.27.27
19
Più che una band, un concentrato di esaltati dalle infinite doti musicali che sprecano il loro tempo a suonare senza prendere una direzione precisa. Così sono bravi tutti, il difficile è comunicare davvero qualcosa nel modo giusto senza ammorbare la platea con 10 uscite all\'anno che sembrano più dei divertissement che opere longeve. Della serie, se non sei mike patton, vola basso.
Michele Gesino
Martedì 13 Febbraio 2024, 12.10.25
18
Hanno rilasciato una nuova versione dell\'album dove hanno tagliato Gila Monster e ridotto la durata di Dragon ad un livello più umano. Ora tutto l\'album scorre molto meglio.
Zess
Sabato 10 Febbraio 2024, 20.09.00
17
Boh. Ascoltato, sanno suonare, ma veramente boh. Non so dire se mi lascia indifferente, mi faccia schifo o mi piaccia.
No Fun
Sabato 3 Febbraio 2024, 21.56.08
16
Ho ascoltato il disco prima di leggere la rece e poi l\'ho letta per vedere se c\'era il nome della band alla quale ho pensato subito anch\'io, e c\'è: i Tool. Sono dei Tool velocizzati, con la spirale del loro gorgo che viaggia il doppio e non va giù nel buio ma risuona bella fiammante. Mi piace, gran bel disco. Non avevo ascoltato quasi niente di loro e sinceramente non ricordo cosa ho ascoltato tra le decine di uscite che hanno fatto. Pensavo \"no non lo ascolto perché ne hanno fatti troppi e chi ha voglia di sentirli, alla larga\" ma poi i commenti positivi mi hanno incuriosito. Veramente bello.
Spiritualteppa
Lunedì 29 Gennaio 2024, 9.28.12
15
Quoto Jad, miglior album Metal del 2023 anche per me. Conosco molto bene tutta la loro discografia, psichedelici e atmosferici sempre, sorprendentemente violenti e a loro agio in veste metal.. sempre. Oltre a Infest, già in altri album avevano calcato maggiormente il piede sull\'acceleratore (ascoltare ad esempio il brano Gaia), sempre con risultati eccelsi e un sound veramente personale al netto di tutte le loro ispirazioni. Fenomenali.
Spiritualteppa
Lunedì 29 Gennaio 2024, 9.28.07
14
Quoto Jad, miglior album Metal del 2023 anche per me. Conosco molto bene tutta la loro discografia, psichedelici e atmosferici sempre, sorprendentemente violenti e a loro agio in veste metal.. sempre. Oltre a Infest, già in altri album avevano calcato maggiormente il piede sull\'acceleratore (ascoltare ad esempio il brano Gaia), sempre con risultati eccelsi e un sound veramente personale al netto di tutte le loro ispirazioni. Fenomenali.
Evil Never Dies
Mercoledì 10 Gennaio 2024, 13.16.30
13
li ascolterò
Pete over the World
Martedì 9 Gennaio 2024, 10.45.18
12
Band decisamente dall\'appeal unico. Io ho provato ad ascoltarlo varie volte e sebbene ne riconosca la capacità, non ha risuonato. Ma la qualità c\'è tutta. Oggettivamente sono notevoli.
Buried Alive
Mercoledì 3 Gennaio 2024, 21.08.15
11
Mai sentiti nominare in vita mia, ma dopo questa recensione e alcuni commenti sono proprio curioso di ascoltare qualcosa.
Transcendence
Lunedì 1 Gennaio 2024, 22.00.27
10
No, e nemmeno quelle degli album pubblicati dal 2022 in poi. Verranno dopo, presumo quando ci saranno previsioni di ritorno di investimento.
SimonFenix
Lunedì 1 Gennaio 2024, 21.43.14
9
Ma non c\'è la versione in CD?
Jad
Lunedì 1 Gennaio 2024, 8.04.38
8
Miglior album metal del 2023 per quanto mi riguarda.
Galilee
Domenica 31 Dicembre 2023, 22.09.21
7
Prolificità... Scusate.
Galilee
Domenica 31 Dicembre 2023, 22.07.12
6
Se molti avessero la loro prolissità probabilmente farebbero dischi di merda. È arte non una catena di montaggio. Loro si vede che funzionano così.
progster78
Domenica 31 Dicembre 2023, 19.33.45
5
Se i Tool avessero la loro prolificita\'...
Transcendence
Domenica 31 Dicembre 2023, 19.31.28
4
Possibilissimo, se è per questo Buckethead ne ha sformati 617 in quasi 13 anni (numero in aggiornamento), Reuben Christopher Jordan ne ha tirati fuori un centinaio dal 2007 con vari progetti (tra cui Benighted in Sodom), ogni anni Ville Pystynen di Horna/Sargeist se ne esce fuori con un nuovo side project e annessi 4-5 album a botta, Olmo Lipani aka Déhà ha superato quota 100 da qualche anno da quando iniziò nel 2006, ma pure in ambienti simili, ci sono altri gruppi che hanno buttato giù 30 o più album in studio (Osees, quei malati dei The Residents, non parliamo poi di Robert Pollard e i suoi Guided by Voices, siamo al trentanovesimo col suo gruppo e all\'ottantacinquesimo contando tutti gli altri progetti/solo project, credo), basta chiudersi in studio 20 ore su 24, registrare, produrre e masterizzare a catena di montaggio oppue a lavorare senza schemi fissi con 80 gruppi diversi (vedi i considdetti \"giganti\" del jazz fino agli anni 70) e lavorare con un produttore disposto a lavorare 6 giorni su 7 con un solo gruppo (non: con te faccio 2 ore perché poi mi deve arrivare uno che fa lezioni di chitarra con me, prima no perché con quell\'altro faccio ear training 2 ore, ecc.)... Oppure, come il buon Buckethead insegna, spendi 500.000 euro e rotti per costruirti uno studio di registrazione dentro casa o attrezzare una sala, metti su 10000 basi digitali con qualsiasi workstation che ti capita o fai lavorare l\'AI (l\'ultimo della serie è AIVA, tempo 3 mesi e già arrivano producer che scrivono/pubblicano fino a 1000 tracce al mese sempre con gli stessi prompt) et violà, il buffet è servito. Poi uno dice perché certe discografie non finiscono mai...
Galilee
Domenica 31 Dicembre 2023, 18.46.59
3
Scusate, ma stavo dando un\' occhiata su Wikipedia e ho visto che si sono formati attorno al 2010 e in 13 anni hanno sfornato 24 album? Ma come cazzo è possibile?
Galilee
Domenica 31 Dicembre 2023, 16.36.49
2
Stavo ascoltando qualcosa, davvero molto bravi.
Konradz
Domenica 31 Dicembre 2023, 13.01.09
1
Album molto divertente, sorprendente e suonato come al solito benissimo, secondo gli standard di questa super-eclettica band. Sono passati mesi dal primo ascolto e continua a tornare nelle mie cuffie. E nel frattempo gli australiani hanno pubblicato un altro album con l\'ennesima giravolta di stile.
INFORMAZIONI
2023
Autoprodotto
Heavy
Tracklist
1. Motor Spirit
2. Supercell
3. Converge
4. Witchcraft
5. Gila Monster
6. Dragon
7. Flamethrower
Line Up
Stu Mackenzie (Voce, Chitarra, Basso, Synth)
Joey Walker (Voce, Chitarra, Basso, Synth)
Cook Craig (Voce, Basso, Synth)
Ambrose Kenny-Smith (Voce, Synth)
Lucas Harwood (Synth)
Michael Cavanagh (Voce, Batteria, Percussioni, Drum Machine)
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]