Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Elvenking
Secrets of the Magick Grimoire
Demo

Millennium
Awakening
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/02/18
COLOSSO
Rebirth

26/02/18
ATRA VETOSUS
Apricity

26/02/18
VENOM PRISON
Animus Deluxe Edition

26/02/18
CODERED
Dominions of Our Deceitful Beliefs

02/03/18
DIVINE REALM
Nordicity

02/03/18
ANCST
Ghosts of the Timeless Void

02/03/18
DEFCTO
Nemesis

02/03/18
MICHAEL SCHENKER FEST
Resurrection

02/03/18
SAVAGE HANDS
Barely Alive

02/03/18
DISEASE ILLUSION
After the Storm

CONCERTI

25/02/18
NILE + TERRORIZER + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

25/02/18
DOOMSDAY SURVIVORS FESTIVAL
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

27/02/18
SEPULTURA + OBSCURA + GOATWHORE + FIT FOR AN AUTOPSY
ORION LIVE - CIAMPINO (RM)

28/02/18
SEPULTURA + OBSCURA + GOATWHORE + FIT FOR AN AUTOPSY
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

28/02/18
AMENRA + BORIS
LOCOMOTIV - BOLOGNA

28/02/18
CANNIBAL CORPSE + THE BLACK DAHLIA MURDER + IN ARKADIA
LIVE CLUB - TREZZO SULL ADDA (MI)

01/03/18
THERION + IMPERIAL AGE
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

01/03/18
AMENRA + BORIS
MONK - ROMA

01/03/18
THERION + IMPERIAL AGE + NULL POSITIV
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

02/03/18
THERION + IMPERIAL AGE
ORION - CIAMPINO (RM)

ELVENKING + TRICK OR TREAT - Live23, Bosco Marengo (AL), 21/02/2015
26/02/2015 (1501 letture)
Serata a base di metallo per il sottoscritto, quella di sabato 21 febbraio; nonostante il freddo e la pioggia percorro la quarantina di chilometri che mi separa dal Live23 a cuor leggero, conscio del fatto che non mancherà certo la qualità nello show a cui assisterò di lì a breve. Il polivalente locale alessandrino dedica un appuntamento, intitolato opportunamente Rock the Night, alle sonorità dure; di qui sono passati -e passeranno- nomi davvero interessanti e ciò non può che fare piacere a un cultore della buona musica quale io mi reputo (umiltà portami via!). Giunto nei pressi della venue noto che la pioggia si è trasformata in una vera e propria nevicata e man mano che avanzo è evidente che verso la zona del novese la situazione peggiora, ma ormai sono arrivato a destinazione. Una volta entrato, noto che purtroppo l’affluenza -forse anche a causa delle condizioni meteo- non è proporzionata all’importanza delle band in cartellone e questo è un peccato, anche perché l’ingresso di € 10 (comprensivo tra l’altro di una consumazione) è veramente un prezzo risibile per un evento simile. Specifico che non ci sono solo i proverbiali “quattro gatti”, però un numero maggiore di persone sarebbe stato senz’altro più consono; essendo stato tra l’altro organizzato un Carnival Party qualcuno si è presentato mascherato. Ma bando alle ciance, mentre sto sorseggiando una birra vedo salire sul palco il primo dei due gruppi...

TRICK OR TREAT
Un telone rappresentante la copertina di Rabbits’ Hill pt.1 fa da sfondo all’esibizione degli opener d’eccezione della serata, nientemeno che i Trick or Treat; i Nostri sembrano belli carichi fin dal loro ingresso e fortunatamente quest’impressione viene confermata dall’esecuzione della travolgente Prince with a 1000 Enemies, primo di una serie di brani suonati in maniera a dir poco impeccabile. Alessandro Conti è un trascinatore e oltre alle sue riconosciute doti vocali si distingue per la simpatia e la parlantina: prende in giro i compagni, fa battute e ironizza su se stesso, chiede al pubblico di avvicinarsi ulteriormente al proscenio; insomma, tiene il palco con grande capacità ed è autore di un’ottima prova dietro al microfono. L’act modenese pesca a piene mani nella propria discografia snocciolando un brano dopo l’altro ed eseguendo pure un paio di cover: molto coinvolgente Girls Just Want to Have Fun in salsa power, dove il singer spicca per un cantato particolarmente alto, mentre durante Robin Hood -sigla di un cartone animato- le risate sono assicurate in quanto Alessandro sale in groppa ad un bastone con testa di cavallo e galoppa sul piccolo palco del locale. Le asce affidate al duo Benedetti/Venturelli sono precise e incalzanti, ma rimango stupito dalla naturalezza con cui il giovane batterista Luca Setti batte sulle pelli, mentre rotea le bacchette e pesta la doppia cassa a dovere. A circa metà set Leone Villani Conti si prodiga in un assolo di basso che ad un certo punto attinge al famosissimo tema della sitcom animata The Simpsons; il singer si era raccomandato, scherzando, che Leo non si dilungasse troppo e così la band dopo pochi minuti riprende da Evil Needs Candy Too per passare a Take Your Chance (la quale, ci ricorda Alessandro, era stata originariamente cantata insieme a Michele Luppi, mentre oggi gli tocca farla tutta da solo!) e finire in bellezza con lo starnazzare della scanzonatissima Like Donald Duck. Terminato il concerto la band ci saluta ed ora, come anticipato dal cantante, si dedicherà al lavoro in studio in vista di un nuovo album; bene così, speriamo che il prossimo disco confermi la qualità delle composizioni a cui il quintetto ci ha abituati.

SETLIST TRICK OR TREAT
1. Prince with a 1000 Enemies
2. Premonition
3. Loser Song
4. Rabbits' Hill
5. Girls Just Want to Have Fun (Cyndi Lauper cover)
6. Bass Solo
7. Evil Needs Candy Too
8. Robin Hood (Cristina D’Avena cover)
9. Take Your Chance
10. Like Donald Duck


ELVENKING
Cambio di scenografia, viene azionata la macchina del fumo ed è il turno degli Elvenking, una delle maggiori realtà folk-power della scena internazionale; i musicisti si presentano con il tipico trucco di scena e dopo l’intro The Manifesto danno inizio alla propria esibizione con King of the Elves. Ovviamente la scaletta prevede una particolare attenzione ai pezzi compresi nell’ultima fatica della band, The Pagan Manifesto, ma com’è giusto che sia vengono eseguiti anche i classici del repertorio del gruppo proveniente da Pordenone. Damna ha un atteggiamento un po’ più “serio” rispetto al collega che lo ha preceduto, ma non manca di dialogare col pubblico tra un pezzo e l’altro, dedicando Elvenlegions ai propri fan (cosa abbastanza intuibile visto il titolo della canzone). Lethien fa volare l’archetto sul suo violino elettrico evocando atmosfere medievaleggianti, le due chitarre si prodigano in assoli e ritmiche sempre perfette e il drumming di Symohn è impeccabile; la gente apprezza e, spronata dal cantante, intona i vari ritornelli delle song con il giusto coinvolgimento. Tra gli intervenuti ci sono anche i membri dell’altra band di Damna, gli Hell in the Club e Gabriele Ciaccia, tastierista dei Secret Sphere, il quale ad un certo punto dell’esibizione sale sul palco affiancando il singer, ma evidentemente i diversi drink consumati non gli permettono una performance particolarmente degna di nota... Pazienza, l’importante è divertirsi tutti assieme. Spazio a brani di grande presa come The Wanderer, The Loser, The Divided Heart e The Winter Wake, con il gruppo che si ritira dietro le quinte prima del gran finale, nel quale tutte e due la band si ritrovano sul palco per eseguire -dopo una falsa partenza che obbliga ad un secondo tentativo- una versione corale di un grande classico del power metal, la celeberrima I Want Out dei maestri Helloween (personalmente mi sarei aspettato che eseguissero la cover di David Gnomo ma direi che ci si può tranquillamente accontentare di quest’altra): alla fine sono applausi per tutti, l’atmosfera è rilassata e gioiosa, tipica di una festa in musica com’è stata quella di stasera.

SETLIST ELVENKING
Intro - The Manifesto
1. King of the Elves
2. Poison Tears
3. The Wanderer
4. Pagan Revolution
5. Elvenlegions
6. Dawnmelting
7. Moonbeam Stone Circle
8. Through Wolf’s Eyes
9. Chronicle of a Frozen Era
10. The Solitaire
11. The Loser
12. The Divided Heart
13. Twilight of Magic
14. The Winter Wake
---ELVENKING + TRICK OR TREAT---
15. I Want Out (Helloween cover)


Il dj mette su dischi rock e metal, io e il mio amico commentiamo l’ottimo concerto mentre l’occhio ogni tanto -anzi, spesso- cade sulla coppia di ballerine che si stanno esibendo in un’interessantissima quanto succinta mise che contrasta col freddo all’esterno del locale e quindi, una volta che “s’è fatta un’ora” [cit.] decidiamo che è tempo di rincasare; la serata è stata davvero soddisfacente e vista la qualità della proposta la prossima volta che una delle due band si troverà a suonare in zona non mancherò di presenziare. Anche dovesse esserci -nuovamente- maltempo.

Foto a cura di Pafio



Radamanthis
Venerdì 27 Febbraio 2015, 18.56.41
6
@Matocc: nooooo, veramente?! Uff, il lavoro alle chitarre Benedetti/Cabri era spettacolare!
Matocc
Venerdì 27 Febbraio 2015, 18.24.17
5
@ Ad Astra : anch'io come sai sono più per il thrash ma i ToT da quel punto di vista mi hanno "accontentato" quando presentando il buon Conti, hanno accennato Raining Blood! caxxate a parte quando una band è valida il genere va un po' in secondo piano, nel senso che il divertimento è assicurato ed è un piacere sentir suonare gente così preparata tecnicamente. se poi i gruppi eccellenti sono 2 tanto meglio. @ Radamanthis : Cabri se n'è andato i primi di novembre
metallo
Venerdì 27 Febbraio 2015, 16.26.11
4
Mai visti e per me e' un gran peccato, se vengono a Roma non me li lascio sfuggire entrambi i gruppi, poi Alessandro conti ha una voce veramente bella, spero di vedermeli prima o poi.
Ad Astra
Venerdì 27 Febbraio 2015, 14.42.02
3
visti i trick or threat una settimana fa a modena e ammetto di essermi anche divertito pur non essendo il genere che preferisco, sanno intrattenere e i musicisti sono validi, per gli elvenking spero un giorno di aver la possibilità. Bel report MAX!
Radamanthis
Venerdì 27 Febbraio 2015, 14.35.26
2
Le asce affidate al duo Benedetti/Venturelli??? Mica sarà uscito dalla band Luca Cabri???
annie
Venerdì 27 Febbraio 2015, 12.50.35
1
Bel live report! Sono rimasta incuriosita dai Trick Or Treat, da quanto ho letto sono una valida realtà italiana. Penso proprio che non mi farò sfuggire quest'accoppiata al concerto di inizio maggio a Pordenone
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Flyer dell'evento
ARTICOLI
26/02/2015
Live Report
ELVENKING + TRICK OR TREAT
Live23, Bosco Marengo (AL), 21/02/2015
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]