Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Locandina dell'evento
Clicca per ingrandire
A Night In Texas
Clicca per ingrandire
A Night In Texas
Clicca per ingrandire
Carnifex
Clicca per ingrandire
Carnifex
Clicca per ingrandire
Carnifex
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

CONCERTI

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

WE ARE DEATHCORE 2018 – DAY 2: CARNIFEX + A NIGHT IN TEXAS + DROWN IN SULPHUR + GUEST - Circolo Svolta, Rozzano (MI) - 06/08/2018
13/08/2018 (517 letture)
È una torrida serata di agosto in quel di Rozzano, nell’hinterland di Milano: la location la conosciamo oramai bene –il Circolo Svolta- e non sarà la folta vegetazione circostante a risparmiarci dal caldo pressante dell’estate milanese. Ciò nonostante, al mio arrivo il posto è pieno dei molti avventori del We Are Deathcore fest 2018, una due giorni dedicata interamente al lato più estremo del metal moderno. I fautori dell’evento sono i ragazzi dell’organizzazione anch’essa chiamata We Are Deathcore, attiva dal 2008 nel portare in Italia band ed eventi del genere- con la collaborazione di Versus Music Project.

Per questioni logistiche giungo sul posto a metà serata e non riesco a seguire le performance di Awake The Secret, Dominance, Denhial e The Big Jazz Duo, ma l’atmosfera e gli animi sono più che infuocati al mio arrivo (e non mi riferisco solo al caldo incredibile all’interno del Circolo Svolta). I moshers hanno già gli occhi spiritati e nell’aria si percepisce quel fomento che solo certi generi musicali possono ispirare.

DROWN IN SULPHUR
Non è la prima volta che vedo suonare questi ragazzi, dunque ho già idea di cosa mi aspetta: i nostri propongono un deathcore oscuro e penetrante con forti momenti downtempo. Accordature basse, screaming e growl caustici e perfidi di un sempre più biondo frontman Mattia Maffioli, breakdown di quelli lenti e matematici che mandano in loop il cervello così come in visibilio i presenti sotto al palco. Poco importa del caldo sempre più pressante, il mosh si fa significativo tanto quanto la presenza scenica dei ragazzi che on stage assumono pose crabcore a tempo con gli stacchi alternati a momenti tiratissimi. I piccoli problemi tecnici iniziali, nonché la sostituzione di uno dei chitarristi con un turnista, non hanno di certo compromesso la performance. A un certo punto, sul palco sale un ragazzino con tanto di maglia della band e semplicemente ruba uno dei microfoni per cantare una parte: nessuno ha idea di chi sia, però questa scenetta dona quel qualcosa in più a questo set, perfetto per prepararsi ai piatti forti della serata. Ben fatto ragazzi!

A NIGHT IN TEXAS
Una fugace boccata d’aria è più che necessaria viste le altissime temperature raggiunte all’interno del Circolo Svolta: la mia preoccupazione, ma anche ammirazione e solidarietà, va tutta nei confronti dei musicisti che questa sera si avvicendano sul palco e devono garantire una buona performance nonostante il caldo decerebrante, così come verso organizzatori e staff.
Il cambio palco è breve ed è il turno degli australiani A Night In Texas, che fin dalla prima esplosiva canzone dimostreranno la loro classe e la loro preparazione: il loro è un deathcore evidentemente collaudato, con un muro di suono spesso e impenetrabile e suoni di una precisione strabiliante. Malefiche e implacabili le linee vocali del singer Ethan Lucas mentre le chitarre dai riff acidi e squisitamente dissonanti abbracciano un drumming senza tregua. La posizione di pre-headliner è più che guadagnata grazie a un set tecnico, devastante e mozzafiato coadiuvato dall’ennesimo show di braccia e mani dei moshers sempre più coreografici. Anche sul palco la presenza scenica è prestante, per una resa generale davvero d’impatto. Questi ragazzi sono da vedere! Intanto la scritta Carnifex si profila vanitosa e pungente sul banner dietro il palco e noi siamo finalmente pronti per il momento clou della serata.

CARNIFEX

"Hell chose us"

Ma non sarà solo il caldo torrido dell’agosto milanese ormai tutto concentrato dentro il Circolo Svolta a farci credere che l’inferno si sia davvero palesato in terra: basteranno le luci sanguigne calate sul palco e l’intro tratto dall’ultimo album Slow Death per catapultarci dritti negli inferi.
I Carnifex sono qui per ricordarci che la nuova scuola non è nient’altro che figlia della vecchia, quindi imprescindibile da essa: saranno lo pseudo facepainting del frontman Scott Lewis e il suo gilet di pelle borchiato (in stile Manowar!?), saranno le sonorità e l’attitudine dal retrogusto death metal classico -e persino gothic se consideriamo i pezzi dell’ultimo lavoro con le basi e inserti di piano-, ma quel che è certo è che i nostri con il loro deathcore fanno l’inchino alla vecchia scuola. Dopo l’intensa intro si parte a muso duro con Drow Me in Blood durante la quale alcuni problemi di volume vengono immediatamente risolti dal fonico, proseguendo poi con Slow Death: la carneficina è servita perché i Carnifex sono macchine da guerra. Sotto il palco si scatena il putiferio anche se la gente non sa se moshare o semplicemente contemplare i propri idoli on stage.
“Ci troviamo senza dubbio all’inferno, Gesù Cristo!” proferisce a un certo punto il cantante Scott riferendosi al caldo pressante e provocando l’ilarità di tutti i presenti: ciò nonostante la loro performance non sarà compromessa, anche se la sensazione all’interno del Circolo Svolta è davvero che ci siano dei diavoletti a punzecchiarci col forcone. Il frontman richiede continuamente i circle pits che non tardano ad arrivare, ipnotici e esaltanti come sempre, così come i salti sulle parti più groove e cadenzate, alternate a quelle più tirate, proseguendo su pezzi tratti dall’ultimo album come la title track Slow Death e Pale Ghost, con apice sulla tenebrosa e teatrale Dark Heart Ceremony. Grazie alle sonorità simil-gotiche accuratamente selezionate nel nuovo lavoro i nostri sono teatralmente melodrammatici, quasi nobili signori del deathcore, mentre i soli di chitarra riportano a un gusto heavy classico.
Ma è in arrivo il vero momento segnante della serata, quello che tutti stavamo aspettando: il pezzo storico della band Hell Chose Me, con culmine sul verso che cita le stesse parole urlate a gran voce da tutti i presenti quando la musica si ferma. Una sola parola rende l’idea: "epicità". I tempi d’oro della band vengono nuovamente onorati con il classico Die Without Hope che manda ancora una volta in visibilio la folla, mentre la conclusione del set è affidata a Lie to My Face: con questo caldo nessuno ha il coraggio di chiedere l’encore, ma siamo tutti più che soddisfatti da una performance d’azione e precisione nonché da una setlist davvero ricca che fa facilmente comprendere la posizione d’onore dei Carnifex fra le band più blasonate del deathcore. Per una volta stare all’Inferno non è così male!



IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Carnifex
Clicca per ingrandire
Carnifex
Clicca per ingrandire
Circle Pit
Clicca per ingrandire
Drown In Sulphur
Clicca per ingrandire
Drown In Sulphur
Clicca per ingrandire
Moshpit Carnifex
ARTICOLI
13/08/2018
Live Report
WE ARE DEATHCORE 2018 – DAY 2: CARNIFEX + A NIGHT IN TEXAS + DROWN IN SULPHUR + GUEST
Circolo Svolta, Rozzano (MI) - 06/08/2018
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]