Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
La band tedesca
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/02/19
DOOMBRINGER
Walpurgis Fires

21/02/19
FM
The Italian Job

21/02/19
LARSEN
Tiles

22/02/19
LAST IN LINE
II

22/02/19
BLOOD RED SAINTS
Pulse

22/02/19
THE MOTH GATHERER
Esoteric Oppression

22/02/19
NASHEIM
Jord Och Aska

22/02/19
CONTINUUM
Designed Obsolescence

22/02/19
HORNDAL
Remains

22/02/19
RHAPSODY OF FIRE
The Eighth Mountain

CONCERTI

21/02/19
OPERATION MINDCRIME + GUEST
DRUSO - RANICA (BG)

22/02/19
MARK BOALS + THE HOLY DIVERS
SANTOMATO LIVE CLUB - PISTOIA

22/02/19
OPERATION MINDCRIME
BORDERLINE - PISA

22/02/19
DARKEND + SHADOWTHRONE + HERUKA
FUCKSIA - ROMA

22/02/19
STAGE OF REALITY + 17 CRASH
KILLJOY - ROMA

22/02/19
OPERA IX + ASHEN FIELDS
CIRCOLO ARCI ZIGGY - TORINO

22/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
ROCK OUT - BRESCIA

22/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
MK LIVE CLUB - CARPI (MO)

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

Voice - The Storm
18/01/2018
( 568 letture )
Giungono al traguardo del quinto album i tedeschi Voice, di cui si erano perse le tracce ormai da diversi anni. Sì, perché la band originaria della Sassonia non dava alle stampe materiale inedito addirittura dal 2003, anno di uscita di Soulhunter. Risale invece al 1999 il loro album d’esordio, Prediction, in cui erano presenti tre quarti dell’attuale formazione. Lo zoccolo duro dei Voice è infatti formato dal cantante Oliver Glas, il chitarrista Thommy Neuhierl e il bassista Sören Glas, presenti fin dagli albori, mentre il batterista Stephan Stockburger (The Four Chapters, Cytotoxin) è entrato a far parte del gruppo soltanto di recente. Negli anni i Nostri hanno potuto solcare la scena internazionale, aprendo i concerti a nomi del calibro di Edguy, Rage, Grave Digger, U.D.O., Sinner e Threshold, maturando così una buona dose di esperienza live. Durante gli oltre dieci anni di pausa -perché di scioglimento vero e proprio non si è mai trattato- che hanno preceduto la pubblicazione del nuovo album The Storm, i Voice e nella fattispecie Thommy Neuhierl, che del gruppo è il compositore principale, non hanno mai smesso di pensare al loro progetto, motivo per cui, una volta ristabiliti i contatti, il materiale da cui prendere spunto per ripartire era già molto.

The Storm potrebbe a prima vista sembrare il classico album heavy/power di matrice tedesca, con un sound potente e quadrato, una produzione pulita e canzoni tutte molto simili tra loro. Ma così non è. La sensazione è infatti quella di avere a che fare con una band che sa il fatto suo, quasi incapace di sbagliare, con dei singoli dalle notevoli qualità tecniche e con l’esperienza giusta per creare dei brani dal grande appeal. Una giusta dose di aggressività ritmica e melodie vocali coinvolgenti sono la ricetta principale di questo nuovo lavoro, che nella sua ora abbondante di durata propone dodici canzoni da cui vi sarà difficile staccarvi dopo un primo ascolto. L’anthemica Stronger Than Steel ne è l’esempio più concreto, grazie soprattutto a dei ritornelli trascinanti ed efficaci al massimo nella loro immediatezza e che inevitabilmente vi ritroverete a cantare anche senza volerlo. Ottime sono anche la titletrack posta in apertura (di cui potete trovare il video ufficiale su YouTube), la più cadenzata Go Down in Flames e le varie Business Roulette e Dance on the Razor Blade, che pur non presentando particolari picchi creativi riescono ad essere davvero ben eseguite. Arriviamo così a un breve momento di passaggio come The Golden Savior, sottotono rispetto a quanto sentito finora, prima di un pezzo di maideniana memoria come Your Number Is Up, che riporta in alto l’asticella dell’apprezzamento. Nonostante la sua lunghezza l’album continua a presentare brani di assoluto livello come Kingdom of Heaven e la più lenta When Night Falls, mentre meno interessante si rivela il trittico conclusivo formato da Into Darkness, Soldiers of Glory e Out in the Cold.

Ad ascolto concluso ciò che rimane è la convinzione di aver ascoltato un album di spessore, simile ma non uguale alla maggior parte delle produzioni di stampo heavy/power. I Voice hanno personalità, esperienza e capacità tecniche non da poco, seppur ancora non espresse al massimo delle loro potenzialità. Va elogiata in particolare la prova del cantante Oliver Glas, vero pezzo da novanta di questa formazione. The Storm è un ottimo punto di ripartenza per la band tedesca, un più che solido appiglio a cui aggrapparsi per continuare una carriera che sembra ancora avere qualcosa d'importante da dire.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
51 su 1 voti [ VOTA]
davide
Venerdì 26 Gennaio 2018, 12.03.01
1
tritum e ritritum
INFORMAZIONI
2017
Massacre Records
Heavy/Power
Tracklist
1. The Storm
2. Stronger Than Steel
3. Go Down in Flames
4. Business Roulette
5. Dance on the Razor Blade
6. The Golden Savior
7. Your Number Is Up
8. Kingdom of Heaven
9. When Night Falls
10. Into Darkness
11. Soldiers of Glory
12. Out in the Cold
Line Up
Oliver Glas (Voce)
Thommy Neuhierl (Chitarra, Tastiere)
Sören Glas (Basso)
Stephan Stockburger (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]