IN EVIDENZA
Album

Lucifer
Lucifer V
Autoprodotti

King Gizzard and The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/03/24
TURBULENCE
Binary Dream

08/03/24
ALTERIUM
Of War and Flames

08/03/24
KIM GORDON
The Collective

08/03/24
SLIMEFORD
Chytridiomycosis Relinquished

08/03/24
EXHORDER
Defectum Omnium

08/03/24
GOST
Prophecy

08/03/24
WADE BLACK`S ASTRONOMICA
The Awakening

08/03/24
ASTRONOMICA
The Awakening

08/03/24
PANTHEIST
Kings Must Die

08/03/24
MERRIMACK
Of Grace and Gravity

CONCERTI

04/03/24
SHAWN JAMES
LOCOMOTIV CLUB, VIA SEBASTIANO SERLIO 25/2 - BOLOGNA

04/03/24
ADAM BOMB + I GLAM?AM!
TEPEPA, VIA GORIZIA 2 - SACILE (PN)

05/03/24
IDLES
ALCATRAZ - MILANO

05/03/24
AVATAR
SANTERIA TOSCANA 31 VIALE TOSCANA, 31 - MILANO

06/03/24
ADAM BOMB + I GLAM?AM!
BLAH BLAH, VIA PO 21 - TORINO

06/03/24
PSYCHEDELIC PORN CRUMPETS
SANTERIA TOSCANA 31, VIALE TOSCANA, 31 - MILANO

07/03/24
CRYPTOPSY + ATHEIST
ALCHEMICA MUSIC CLUB, VIA DEI LAPIDARI 8/B - BOLOGNA

07/03/24
THE PINEAPPLE THIEF
ALCATRAZ VIA VALTELLINA, 25 - MILANO

07/03/24
N*O*Y*S*E
REVEL, VIA ROGGIA VIGNOLA 9 - TREVIGLIO (BG)

08/03/24
CRYPTOPSY + ATHEIST
Revolver, San Donà di Piave (Venezia)

Dead Congregation - Graves of the Archangel
17/03/2018
( 2106 letture )
Compie già dieci anni il debutto che indubitabilmente ha consacrato una delle band più apprezzate nel panorama death metal del nuovo millennio – e si sta parlando di death metal vero, suonato e composto con maestria, lontano dai trend che inconsapevolmente avrebbe settato, oscuro, che non dà tregua. I Dead Congregation con questo disco mettono d’accordo tutti, perché in questo Graves of the Archangels c’è tanto death metal anni ‘90, sublimato da un compositore che deve averne ascoltato ad oltranza e poi suonato con l’approccio tecnico del decennio successivo.

Se da una parte penso che il lavoro di Anastasis su questo disco, in termini di riff, sia tra i migliori nella storia del genere per l’efficacia delle idee e la puntualità di realizzazione dell’arrangiamento più funzionale, dall’altra sono praticamente certo che la sezione ritmica degli Inveracity abbia avuto il suo peso nel rendere questo disco il capolavoro che è. Prendete pure Diabolical Conquest ed Here In After (non sono due titoli scelti con leggerezza, ma confronti ben ponderati), direte che la lezione qui è stata appresa: avete tanto la tensione che accompagna i crescendo degli Incantation, quanto l’attenzione degli Immolation alla costruzione ritmica e melodica del riff e delle sue armonizzazioni, avete la loro stessa atmosfera cupa attraverso cui la luce non filtra. Ora però permettevi di aggiungere una batteria che non vi dia tregua per velocità, intensità, per il modo in cui ogni fill chiude magistralmente sia il discorso ritmico della chitarra che quello melodico e strutturale del pezzo.

Impossibile ascoltare un disco come Extermination of Millions, il secondo e ultimo, eccellente, full-length degli Inveracity (stilisticamente molto vicini a Deeds of Flesh e Suffocation), e non accorgersi del talento tecnico e del gusto del batterista Vangelis – mentre meno banale potrebbe essere considerare quanto forte è la sua impronta stilistica su Graves of the Archangels. Sull’EP di debutto dei Dead CongregationPurifying Consacreted Ground, di tre anni più vecchio, pare ancora più aggressivo e impietoso, ma la prestazione sul full è da premiarsi per la netta maturazione e per un contributo più omogeneo e meno invasivo: un tale apporto ritmico è magistralmente sfruttato a vantaggio di un disco che come ogni album death metal di matrice novantiana è chitarristico in primis, e tale vuole rimanere (basti anche sentirne il bilanciamento dei volumi).

Il punto di forza di questi pezzi sono e rimangono i riff, tanto accuratamente scelti da sbalordire. Lontano sia dalla semplicità che dalla facile fruibilità, il punto di equilibrio dei pezzi di questo album si sposta tra frequenti evoluzioni ritmiche senza mai accusare segni di cedimento, senza che l’incedere delle composizioni si affatichi, benché non riconoscerete troppe ricorrenze nella loro struttura. E sempre a proposito delle chitarre è da promuoversi a pieni voti la scelta di un taglio medio-basso molto arioso, che sacrifica parte della chiarezza delle frequenze più alte e parte della pesantezza delle frequenze più basse (che ritornano protagoniste sul successivo Promulgation of the Fall, anche in virtù di un rinnovato approccio stilistico). In entrambi i sensi Graves of the Archangels si distacca dal trend del tempo e inaugura la tendenza di quel filone di death metal odierno che privilegia la componente di “canto” (passatemi il termine) delle chitarre.

Il tutto è confezionato con l’estetica (in senso ampio) che concerne ad un disco death metal purosangue come questo. L’unica idea che ci si più fare è che sia stato pensato e realizzato da musicisti che respirino l’essenza di questo genere fino a dosi da assuefazione perché un’opera così ben architettata risulti un prolungamento a tal punto naturale ma puro, necessario ma nuovo, di un sentimento di morte allora ormai più che ventenne.



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
98.28 su 7 voti [ VOTA]
Hagen
Domenica 17 Febbraio 2019, 21.29.25
6
Senza dubbio uno dei migliori dischi di death metal usciti dopo il 2000
kroky78
Giovedì 22 Marzo 2018, 20.51.21
5
La Martyrdoom lo ha recentemente ristampato. Lo si trova da loro sia in digi che jewel. Bella bomba!
Galilee
Lunedì 19 Marzo 2018, 21.43.07
4
Di questa band ho solo un mini. Mi piacerebbe recuperare prima o poi anche i due album. Sono davvero bravi.
Pacino
Domenica 18 Marzo 2018, 19.15.03
3
Uno dei più bei dischi estremi da 10 anni a questa parte. Voto 94
lisablack
Sabato 17 Marzo 2018, 13.49.21
2
Davvero bello, mamma mia che mazzata sto disco! Giusto il voto.
enry
Sabato 17 Marzo 2018, 13.12.31
1
Grande band, grande disco...Ho faticato a trovarlo ma ne è valsa la pena. Death metal con i controcazzi, band da non perdere per chi ama il genere.
INFORMAZIONI
2008
Nuclear War Now!
Death
Tracklist
1. Martyrdoom
2. Hostis Humani Generis
3. Morbid Paroxysm
4. Vanishing Faith
5. Voices
6. Graves of the Archangels
7. Subjugation
8. Source of Fire
9. Teeth Into Red
Line Up
A.V. (Voce, Chitarra)
A.A. (Chitarra)
T.K. (Basso)
V.V. (Batteria)
 
RECENSIONI
92
ARTICOLI
22/07/2016
Live Report
INCANTATION + DEAD CONGREGATION
Elyon, Rozzano (MI) - 16/07/2016
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]