IN EVIDENZA
Album

Blue Oyster Cult
Ghost Stories
Autoprodotti

King Gizzard and The Lizard Wizard
PetroDragonic Apocalypse
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/04/24
FULL OF HELL
Coagulated Bliss

26/04/24
DEICIDE
Banished By Sin

26/04/24
BLACK TUSK
The Way Forward

26/04/24
DARKNESS
Blood On Canvas

26/04/24
EXHUMATION
Master`s Personae

26/04/24
SIX BY SIX
Beyond Shadowland

26/04/24
STORMBORN
Zenith

26/04/24
BEHOLDER
Dualisme

26/04/24
PESTILENCE
Levels of Perception

26/04/24
MORGUL BLADE
Heavy Metal Wraiths

CONCERTI

23/04/24
CRYPTA + NAKKEKNAEKKER + PLAGUEMACE
LEGEND CLUB - MILANO

23/04/24
WILL HUNT
TEATRO COMUNALE, PIAZZA CASTELLO - MEDOLE (MN)

23/04/24
ALAIN JOHANNES + THE DEVILS & ANANDA MIDA
ARCI BELLEZZA - MILANO

23/04/24
ALAIN JOHANNES + THE DEVILS + ANANDA MIDA feat. CONNY OCHS
ARCI BELLEZZA, VIA G. BELLEZZA 16/A - MILANO

24/04/24
MARDUK + ORIGIN + DOODSWENS
REVOLVER, SAN DONÀ DI PIAVE (VENEZIA)

24/04/24
MODENA CITY RAMBLERS
THE CAGE, VIA DEL VECCHIO LAZZERETTO 20 - LIVORNO

24/04/24
KARMA
CENTRALE ROCK PUB, VIA CASCINA CALIFORNIA - ERBA (CO)

24/04/24
PUNKREAS
BOLOGNA BUSKERS FESTIVAL, PARCO DELLA MONTAGNOLA - BOLOGNA

24/04/24
ALAIN JOHANNES + THE DEVILS + ANANDA MIDA feat. CONNY OCHS
RAINDOGS HOUSE, P.ZZA REBAGLIATI 1 - SAVONA

24/04/24
TRAUMA hc
HEADBANGERS PUB, VIA TITO LIVIO 33A - MILANO

L7 - Smell the Magic
24/02/2024
( 488 letture )
Proprio quando il boom del grunge è alle porte, nel 1990, la all-female band L7 rilascia l’EP Smell the Magic, che verrà ristampato l’anno successivo con l’aggiunta di tre tracce diventando a tutti gli effetti il secondo album in studio del progetto. Il gruppo, originario della California., riesce a inserirsi nel nascente filone che scoppierà a Seattle anche per via del contratto con la Sub Pop Records, storica casa discografica del genere, con cui pubblicò appunto Smell the Magic. Come spesso accade, però, nonostante un indiscutibile comunanza di elementi tra i tanti artisti coinvolti sotto la dicitura grunge, le L7 nascondono qualcosa di più che il semplice suono rock ruvido e sporco di inizio anni ’90. Si sentono sparse qui e là influenze che passano da qualche accenno più psichedelico a pezzi più aggressivi e punk.

L’opener Shove mostra tempi più lenti e qualche suono più ricercato e particolare, ma la maggior parte del lavoro è composta da pezzi più diretti e immediati composti con un songwriting semplice ed efficace. L’immediatezza della musica, che per il genere proposto e per la scelta dei suoni è orientata ad essere qualcosa capace di colpire l’ascoltatore senza soffermarsi troppo nella ricercatezza delle composizioni, è perfettamente funzionale alla durata del lavoro che è di appena mezz’ora. Per cui pezzi come Fast and Frightening, Packin’ a Rod e Just Like Me mostrano proprio la scelta artistica di suonare brevi, sciolti e aggressivi. Ovviamente il fatto che inizialmente il disco fosse nato come EP contribuisce a questo suo aspetto più grezzo, e la sua breve durata è probabilmente legata anche al fatto di essere una versione espansa di esso, ma in ogni caso il risultato finale è comunque quello di un lavoro che ha una sua forte identità e non di un qualcosa nato in modo forzato rimettendo mano a un’uscita precedente. Alle sei tracce originarie sono state aggiunte la cover di Packin’ a Rod del gruppo underground Fiends, tratta da un album di nome We’ve Come for Your Beer, un inedito dal nome Just Like Me e una cover del pezzo American Society di un progetto punk dal nome Eddie and the Subtitles In cui militò Mike Patton, amico della band, con il quale le L7 condivisero poi il palco aprendo gli show dei Faith No More. Un’altra band che incrociò la strada delle L7 furono i Nirvana, i quali nel 1990, quindi prima del botto di Nevermind, subito dopo la pubblicazione come EP di Smell the Magic suonarono in tour assieme alla all-female band.

Le L7 tuttavia non raggiunsero mai il successo di tanti altri artisti legati a loro, rimanendo sempre vicini allo spirito punk da cui nacquero. A detta dei critici il gruppo ebbe una grande influenza sulla scena musicale rock femminile e sul movimento “riot grrrl” e la qualità di un disco come Smell the Magic nella sua immediatezza e nel suo essere così genuino e diretto è lampante, sicuramente un lavoro influente e capace di ritagliarsi il suo pur piccolo spazio nella scena anni ‘90.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
82 su 1 voti [ VOTA]
Rob Fleming
Mercoledì 28 Febbraio 2024, 23.40.17
6
Esatto @Voivod. Per me è lo stesso. Le vidi di spalla ai FNM per la stessa tournée. E l\'infatuazione per Jennifer Finch da quel tour fu definitiva. Non posso parlare del disco perché di loro ho solo Bricks are heavy. Che resta u ottimo album
Voivod
Mercoledì 28 Febbraio 2024, 23.06.14
5
Sempre piaciute tanto! Le vidi di spalla ai Faith No More nel tour di \"Angel Dust\"...
DaveHC
Sabato 24 Febbraio 2024, 16.19.47
4
Bei ricordi delle medie...
Graziano
Sabato 24 Febbraio 2024, 15.20.55
3
@Epic: l\'hanno ristampato nel 2020 direi.
Epic
Sabato 24 Febbraio 2024, 14.29.48
2
Non riesco a trovare il cd
Galilee
Sabato 24 Febbraio 2024, 11.59.07
1
È una vita che cerco questo dischetto. Ho il precedente. Buona band, bella grezza.
INFORMAZIONI
1990
Sub Pop Records
Grunge
Tracklist
1. Shove
2. Fast and Frightening
3. (Right On) Thru
4. Deathwish
5. Till the Wheels Fall Off
6. Broomstick
7. Packin’ a Rod
8. Just Like Me
9. American Society
Line Up
Donita Sparks (Voce, Chitarra)
Suzi Gardner (Voce, Chitarra)
Jennifer Finch (Voce, Basso)
Demetra Plakas (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]